Navigation – Plan du site
Fidéicommis. Procédés juridiques et pratiques sociales (Italie-Europe, Bas Moyen Âge-XVIIIe siècle)

La legge toscana sui fedecommessi (1747) : il processo di autorizzazione degli « scorpori »1 dei beni fedecommessi

Lara Marchi

Résumés

Il presente saggio prende le mosse dalla pubblicazione della legge toscana sui fedecommessi del 1747, promulgata dal governo del lorenese Francesco Stefano, e ne esamina alcuni aspetti meno noti, quali ad esempio quelli inerenti la concessione degli « scorpori » dei beni fedecommessi in palese violazione delle prohibitiones alienandi imposte dal fondatore del fedecommesso ai successori. Dalla ricostruzione della fase d’applicazione della disposizione sono emersi elementi che hanno permesso di riflettere l’immagine di uno stato-tutore particolarmente attento, che guida quasi come un padre le scelte patrimoniali dei privati.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Con il termine di scorporo si indica l’atto di liberazione dei beni fedecommessi.
  • 2 Cantini 1800-1808, vol. XXV, p. 362-366.
  • 3 Bonzo 2007.
  • 4 Cfr. Artcoli I-III.
  • 5 Articoli X-XIII.
  • 6 Articoli XXI-XXII.

1Nel 1747 venne pubblicata in Toscana, per ordine del governo lorenese, la legge sui fedecommessi2. Si trattava senza dubbio di un provvedimento estremamente innovatore che si affiancava all’esperienza riformatrice piemontese a cui il granduca toscano e i suoi ministri si erano largamente ispirati al momento della sua elaborazione3. Esso pur tendendo alla conservazione dell’istituto, cercava di riformarne ampiamente la struttura interna. Tra le disposizioni di maggior rilievo vi erano quelle che interdicevano l’istituzione di un fedecommesso ai nobili oltre la quarta generazione, da calcolare in capita, e ne imponevano il divieto assoluto per i non nobili4 ; quelle che decretavano la registrazione dei patrimoni fedecommessi già esistenti e a venire presso il tribunale del Magistrato Supremo al fine di garantire il credito dei terzi5 ; infine quelle che stabilivano la possibilità di liberare o « scorporare » dei beni fedecommessi6 per soddisfare determinate necessità dell’attuale possessore del fedecommesso e garantire cosí loro una maggior circolazione.

  • 7 Visceglia, 1988 ; Rossi 2009. Per una più ampia e dettagliata bibliografia sui fedecommessi si veda (...)

2Il nostro interesse si è concentrato su quest’ultima disposizione, che istituzionalizza ormai la possibilità di contravvenire alla volontà del testatore, che, tramite il blocco dei beni nel fedecommesso, manifestava, com’è noto, il desiderio di vincolarli spesso per l’eternità7.

  • 8 Calonaci 2005, p. 54 ; Marchi 2009.
  • 9 Piccialuti 1999, p. 70-77.
  • 10 Ivi, p. 64-70.

3Si trattava di uno tra i più importanti tentativi da parte del governo di regolare il blocco dei patrimoni imposto dalle famiglie nobili e non, visto che in Toscana istituire fedecommessi era permesso anche alle classi medio-borghesi, che ne facevano largo uso8. Ma se quello della Toscana settecentesca era, come abbiamo detto, uno dei primi tentativi di contravvenire alle prohibitiones alienandi imposte dal testatore, non si deve però dimenticare che già nella Roma del XVI secolo, secondo ciò che scrive Giovan Battista De Luca nel suo Theatrum9, il papa Clemente VIII per mezzo della pubblicazione, nel 1596, della Bolla Baronum aveva permesso a tutti i creditori dei fedecommissari di soddisfare i loro debiti direttamente sui capitali bloccati, mentre in passato questi non potevano essere rimborsati che sulle sole rendite e interessi dei frutti del capitale. Si trattava senza dubbio di una disposizione giuridica fortemente innovatrice, la cui applicazione era rimessa nelle mani di una congregazione detta Super baronibus status ecclesiastici, che aveva la facoltà di rendere esecutive le sentenze di condanna pronunciate dal giudice ordinario sia sui beni feudali che su quelli allodiali appartenenti ai nobili gravati da obbligazioni fedecommissarie di primogenitura e maggiorasco. La congregazione, su esibizione della sentenza, entrava in possesso dei beni baronali (in nome della Camera Apostolica) ed entro il termine di un mese procedeva alla vendita all’incanto di castelli, terre e altri beni come luoghi di monte di cui spesso quelli che li avevano comprati dai baroni non arrivavano a percepire gli interessi10.

  • 11 Archivio di Stato di Firenze (d’ora in poi ASFi), Consiglio di Reggenza, 219.
  • 12 Su Richecourt e la sua politica si vedano : Diaz 1988 ; Diaz 1980, p. 669-701 ; Diaz 1997 ; Verga, (...)
  • 13 Si trattava di un organo di cui Francesco Stefano, nei primi anni della sua nomina a granduca di To (...)

4Per quanto riguarda il nostro caso è importante ricordare come questa disposizione trovasse le proprie radici nell’episodio della successione del marchese Strozzi nel fedecommesso Ridolfi11. Questi intorno ai primi anni quaranta del ‘700 era stato chiamato a succedere nel suddetto fedecommesso e si era trovato nella condizione, per mancanza di soldi liquidi, di non poterne pagare la tassa di successione che, in quanto gravame reale, era dovuta alla Gabella dei Contratti. Era stato dunque in conseguenza di una tale inadempienza che il conte di Richecourt12, plenipotenziario del nuovo granduca lorenese in Toscana, da tempo impegnato nella progettazione di un piano di riforma finanziario globale, aveva colto la palla al balzo, facendo una prima proposizione che prevedeva che in tali casi si procedesse da parte del sovrano alla distrazione (o « scorporo ») ipso facto di una quantità di beni, il cui valore corrispondesse al debito con la Gabella. Fu sulla base di queste prime dissertazioni, che nel giro di qualche anno il progetto di legge era stato elaborato dal Consiglio di Vienna13, che lo aveva poi inviato direttamente in Toscana per la traduzione e pubblicazione. Una decisione – questa - che mostrava tutta la volontà da parte del nuovo governo di imporre la propria autorità dall’alto e che si era attirata pertanto le ire profonde dei toscani, i quali si erano sentiti completamente estromessi dalla vita politica del loro paese.

La liberalizzazione degli « scorpori » e la sua procedura d’applicazione

  • 14 Cantini 1800-1808, p. 365.
  • 15 La legge definiva col termine di trasversali i fedecommessi di tipo collaterale.

5Gli articoli che disponevano la liberalizzazione degli « scorpori » e la procedura d’applicazione di questo sistema erano due, il XXI e il XXII14. Nel primo erano previsti tutti i casi in cui era possibile fare richiesta di « scorporo » di beni fedecommessi ovvero la costituzione, la restituzione e l’aumento della dote. Per la prima volta, nel caso di costituzione di dote, si accordava la possibilità di « scorporare » fedecommessi ascendentali, ma anche quelli « trasversali »15, malgrado l’espressa interdizione del fidecommittente. Inoltre un’altra importante deroga, inammissibile rispetto al diritto comune, come facevano notare i ministri toscani, era la facoltà di costituire le doti per le figlie e le nipoti ex filio dell’erede fiduciario. Gli altri motivi di « scorporo » previsti dalla legge erano le necessità alimentari dell’attuale fedecommissario, i suoi eventuali debiti (e dei predecessori) e le necessità legate al fedecommesso stesso quali la difesa, le migliorie, gli indennizzi, l’aumento, lo scambio e la surrogazione.

6Il secondo articolo disponeva invece della procedura d’applicazione del sistema degli « scorpori ». Tuttavia le informazioni al riguardo non erano né numerose né dettagliate, poiché la norma si limitava a decretare che da quel momento in avanti tutte le persone desiderose di derogare alle disposizioni d’inalienabilità previste dal fedecommesso in loro possesso avrebbero dovuto inviare una richiesta precisa alle Consulte di Firenze e di Siena, secondo il loro luogo di residenza, e queste ultime avrebbero poi preso la risoluzione solamente dopo aver consultato il Consiglio di Reggenza, che restava il solo ed unico organo a prendere l’effettiva decisione.

7Come si è appena accennato, quest’articolo non forniva nessuna indicazione precisa circa il modo in cui il trattamento dei dossiers avrebbe dovuto realizzarsi. Ė stato, pertanto, partendo dallo studio dei documenti archivistici che si sono precisate le tre differenti tappe che caratterizzavano questo processo : quella della formulazione delle domande di « scorporo », quella dell’istruzione (o « informazione ») del processo e quella della decisione finale circa la liberazione dei beni stabilita dal Consiglio di Reggenza.

La formulazione della domanda

  • 16 Marchi 2009.
  • 17 Rosa, 1992, p. 87-102 ; Scaduto, 1875 ; Rodolico 1972 ; Büchi 1912 ; Büchi 1912.

8Lo studio dei dossiers inviati alla Consulta, che si è protratto su di un arco di tempo di 10 anni e i cui risultati sono confluiti in un lavoro di più ampie dimensioni16, ci ha permesso di ricostruire, nelle sue differenti fasi, la natura e il carattere di questa procedura, che era destinata a divenire lo strumento di base del controllo della legge sui fedecommessi, così come di altre leggi toscane, quali ad esempio quella coeva sulla manomorta17.

9In un primo tempo si è osservato che le domande di dispense erano realizzate in maniera libera e non sulla base di un formulario prefissato, anche se ben presto un modello si era definito e precisato in accordo con le esigenze dei supplicanti e delle istituzioni che dovevano accorglierle. Le domande, scritte di pugno dal richiedente, erano precedute da un breve riassunto che riportava le ragioni della richiesta e che, secondo la necessità, sottolineava l’urgenza assoluta dell’istanza.

10Nella maggior parte delle suppliche esaminate si può costatare con sorpresa che prevale uno stile asciutto. In primis, il postulante si presentava e forniva delle informazioni sul fedecommesso, annotando il nome della persona che l’aveva istituito, la data dell’atto e il nome del notaio. In seguito passava all’oggetto della propria richiesta, specificando il tipo di bene che desiderava « scorporare » e l’esatto ammontare del suo valore. In certe occasioni qualora si mostrasse necessario, si dichiarava anche il valore totale del fedecommesso.

  • 18 ASFi., Magistrato Supremo, f. 3125.
  • 19 ASFi., Consiglio di Reggenza, f. 448, ins. 46 (14 sett. 1756) : in effeti, come spiegherà in seguit (...)

11Generalmente in questa fase il postulante non dava giustificazioni particolari sulla ragione che l’aveva condotto a « scorporare » un bene piuttosto che un altro. Ma in certi casi particolari, come per esempio quello di un nuovo investimento o di un pagamento di debito, era necessario per lui farlo fin da ora, mettendo in evidenza il lato più vantaggioso dell’operazione per il fedecommesso. Al riguardo si può citare il caso del fiorentino Filippo Niccolini, che nel 1747 supplicava di poter « scorporare » e vendere la porzione di una casa fedecommessa alle suore del monastero di Santa Lucia, nella città di Firenze, alle quali apparteneva l’altra metà, poiché per lui e per il fedecommesso sarebbe stato più utile investire il ricavato tratto da questa vendita in terre da sottoporre di nuovo a fedecommesso18. Un altro caso simile è quello dei fratelli Barlotta di Livorno che nel 1756, dopo aver richiesto in un primo tempo di poter vendere l’appartamento situato al quarto piano di uno dei loro immobili fedecommessi per poter pagare alcuni dei loro creditori, avevano in seguito supplicato di sostituirlo con quello del terzo per arrecare minor pregiudizio all’intera casa e dunque al fedecommesso19.

  • 20 ASFi, Consiglio di Reggenza, 441, ins. 364.

12La supplica prevedeva, però, anche una parte in cui le ragioni di « scorporo » erano meglio giustificate, quella cioè riguardante la richiesta stessa. Ai fini, infatti, di ottenere un’accoglienza favorevole alla domanda era importante argomentare, sempre in maniera sintetica, il motivo per cui una tale operazione appariva necessaria al punto di esser obbligati a contravvenire alla volontà di un testatore. In questa fase il postulante cercava di mettere in evidenza la necessità assoluta dello « scorporo » dichiarando per esempio, allorché si trattava di alimenti o obbligazioni alimentari, che non aveva più di che vivere per se stesso e per la sua famiglia, poiché aveva perduto il proprio lavoro. Se doveva invece costituire la dote di una figlia, cercava di mettere in evidenza per esempio la buona occasione da cogliere. Spesso, infatti, per le famiglie meno agiate non era facile arrivare a maritare tutte le figlie : è il caso di Maria Domenica Cattani, residente a Pescia e terza di quattro sorelle, che grazie alla prontezza del padre era riuscita a sposarsi senza « tirar fuori » molte ricchezze ad un uomo agiato20. Il continuo assillo da parte dei creditori costituiva piuttosto uno degli argomenti privilegiati in caso di « scorporo » per debiti.

13Se in questa fase preliminare del processo d’istruzione della supplica si dava dunque meno importanza alla parte della giustificazione generale, è vero però che quest’aspetto diveniva molto più importante al momento in cui le autorità, una volta ricevuta l’istanza passavano all’istruzione vera e propria.

L’istruzione del processo di « scorporo »

14Una volta che la domanda di « scorporo » era stata inoltrata alla Consulta, le fasi che seguivano erano generalmente due : l’istruzione del processo di « scorporo » e l’elaborazione del rescritto in cui si riportava la decisione finale del Consiglio di Reggenza.

  • 21 Marchi 2009.

15Per quel che riguarda il primo di questi due momenti, si può dire che è difficile pervenire ad una ricostruzione appoggiandosi sulla semplice analisi di documenti, poiché non esistono fonti che ne diano una descrizione esatta. Di conseguenza il nostro studio si basa su di una revisione legislativa della procedura applicata, oltre che sull’esame dei casi pratici di « scorporo » di cui si è seguita l’evoluzione nel corso di dieci anni21.

16Una volta dunque che la domanda era pervenuta alla Consulta, questa cercava di attestarne la legittimità, fattore che avrebbe in seguito determinato e permesso la pronuncia del rescritto. Le analisi dei fatti che quest’ufficio conduceva, insieme con il Magistrato Supremo, si snodavano in diverse tappe.

17In primo luogo era necessario attestare la veridicità dei fatti descritti in ogni richiesta e per questo prove e giustificazioni erano necessarie al fine di far avanzare il processo di « scorporo ». Era poi compito del Magistrato Supremo d’investigare in maniera ancora più approfondita sui differenti casi, per permettere di reperire le informazioni necessarie ad una loro completa messa a punto.

18I tipi di prove e giustificazioni che si dovevano fornire differivano secondo le richieste presentate, che di norma si distinguevano in istanze di grazia e di giustizia. Le prime necessitavano solamente di una sentenza del Magistrato Supremo. Le seconde invece dovevano esser accompagnate dal consenso di tutti gli interessati alla successione e in caso di « fanciullo da nascere », il curatore doveva assicurare che l’atto di « scorporo » non arrecasse pregiudizio a questi. In questa categoria di suppliche erano compresi differenti atti, generalmente scambi, surroghe e reintegrazioni. Questi ultimi non avevano bisogno, al contrario, di particolari giustificazioni poiché non mettevano in pericolo il futuro del fedecommesso. C’erano invece delle alienazioni che, fatte per delle ragioni diverse quali per esempio la costituzione di dote, le obbligazioni alimentari e la retribuzione di debiti, richiedevano la presentazione d’ulteriore documentazione da parte dei supplicanti. Per le doti per esempio si esigeva l’esistenza del futuro marito, mentre per gli alimenti (o obbligazioni alimentari) l’attestazione degli eventuali debiti contratti per tale o tal'altra ragione ; per i debiti la conferma dei creditori che provasse il debito contratto e infine, per quanto riguardava le migliorie del fedecommesso, la presentazione di una fattura che attestasse i lavori effettuati.

  • 22 Cantini 1800-1808 vol. XXV, p. 38-40, Biglietto della Segreteria di Stato al Magistrato Supremo del (...)
  • 23 Cantini 1800-1808, vol. XXV, p. 38-40, Biglietto « […] nel rimettere un Memoriale il Consiglio di R (...)

19Le successive tappe del processo riguardavano l’elaborazione da parte della Consulta di un’informativa basata sui risultati delle ricerche del Magistrato Supremo. A partire da questa relazione il caso veniva trasmesso al Consiglio di Reggenza, che sulla base del documento stilato prendeva la sua decisione ed elaborava il rescritto. In tale fase d’istruzione del processo potevano tuttavia verificarsi due situazioni : la prima era che il Consiglio di Reggenza, trovando esaustiva l’informazione inviatagli dalla Consulta, pronunciasse direttamente la propria decisione, dando successivamente ordine al Magistrato Supremo di procedere alla sua esecuzione. Se al contrario riteneva che mancassero le prove, inviava il rapporto alla Consulta affinché questa potesse procedere per mezzo del Magistrato Supremo ad ulteriori approfondimenti. In realtà si verificava assai di frequente che le informazioni trasmesse al Consiglio di Reggenza non fossero veramente complete, e che fossero addirittura confuse e di conseguenza di difficile interpretazione. Del resto, come testimoniava un documento legislativo promulgato molti anni dopo la pubblicazione della nostra legge, uno dei principali problemi di questa procedura era proprio rappresentato dalla mancanza di distinzione al momento dell’elaborazione del rapporto tra istanze di giustizia e istanze di grazia22. Una mancanza di definizione che produceva due diversi tipi di problemi perché da un lato si avevano le istanze di giustizia, che erano spesso istruite ben prima della risoluzione che avveniva tramite regolare processo delle pendenze che le accompagnavano, di modo che l’informativa che doveva avere come principale sentenza quella del Magistrato Supremo, accompagnata dalle motivazioni del giudice, restava sempre incompleta ; dall’altro, invece vi erano le istanze di grazia, che avevano per oggetto delle alienazioni potenzialmente pregiudizievoli per i chiamati alla successione del fedecommesso, perché erano frequentemente prive dei documenti necessari a giustificare lo « scorporo »23.

20Una volta però che tutte le informazioni erano state accolte positivamente il Magistrato Supremo era incaricato di eseguire la sentenza.

21Il rescritto finale : un gioco d’influenze o l’espressione di una volontà unica e assoluta ?

  • 24 Logette 1993, p. 40.

22La decisione finale, che prendeva successivamente la forma di un rescritto, apparteneva sempre al Consiglio di Reggenza che rappresentava l’autorità e la volontà sovrana. Il rescritto che generalmente si trovava all’interno dei dossiers esaminati, aveva una struttura semplice, piuttosto informale e mai veramente standardizzata, a differenza di certe realtà in cui questo poteva tradursi in un documento ufficiale. Ė il caso per esempio delle “lettres patentes” francesi24 che, trasponendo la decisione del Principe in attestazione ufficiale da inviare ai postulanti, comportava lunghe attese e costi importanti per tutti coloro che le ricevevano. In Toscana, invece, l’assenza di certe formalità permetteva un’indubbia rapidità nel trattamento dell’affare oltre che un notevole risparmio di denaro.

23Il rescritto, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, si redigeva sulla base delle ricerche e dei riscontri effettuati dal tribunale della Consulta e dal Magistrato Supremo, in virtù dei quali il Consiglio di Reggenza prendeva le proprie determinazioni. Tali ricerche spesso erano accompagnate da proposte di risoluzione che potevano anche vertere su aspetti diversi della domanda di dispensa in relazione a quelle che si ritenevano essere le competenze giuridiche dei due tribuanali. In altri termini, la prima poteva per esempio disporre della concessione di « scorpori » per dote, mentre il secondo interessarsi del problema della reintegrazione della parte scorporata del fedecommesso, così come di alimenti.

24Il Consiglio di Reggenza, come abbiamo visto, era l’organo prescelto dal sovrano per controllare e dirigere il complesso processo di deroga alle prohibitiones alienandi imposte dall’istitutore del fedecommesso ; tuttavia, da un accurato e sistematico esame dei rescritti, è stato possibile osservare che esso spesso nel prendere le proprie risoluzioni teneva in gran considerazione i pareri delle antiche istituzioni fiorentine, quali appunto la Consulta e il Magistrato Supremo. Un comportamento sul quale veniva poi fornito un ulteriore chiarimento all’interno del dossier stesso da parte del Consiglio.

  • 25 Marchi 2009.
  • 26 Ivi, p. 100.

25Un più ampio studio dei processi di « scorporo » da noi condotto e sviluppato in un arco di tempo di dieci anni, a cui facciamo rinvio per una migliore comprensione del problema,25 ci ha permesso di valutare quale fosse la capacità delle due istituzioni d’influenzare l’elaborazione delle decisioni degli « scorpori » e cioè in percentuale di circa il 40 % quella del Magistrato Supremo e del 35 % quella della Consulta. Solo il 22 %, invece, di tutte le decisioni erano prese autonomamente dal Consiglio di Reggenza, ossia senza seguire il parere di nessuna delle due istituzioni26.

26Questi risultati c’inducono altresì ad avanzare una breve riflessione e cioè che il Consiglio benché godesse dell’esclusiva prerogativa di accordare gli « scorpori », contrariamente a quello che si puó immaginare, in un primo momento non sembra poter applicare una politica così nuova e autonoma come avrebbe voluto. Un problema - questo – determinato dal fatto che per il nuovo governo vi era una difficoltà sostanziale ed oggettiva nell’amministrare il paese senza servirsi delle istituzioni tradizionali, così come del personale di cui queste si componevano.

L’analisi empirica del processo di autorizzazione degli « scorpori » da parte del Consiglio di Reggenza

27Una volta presentata la domanda e avviato il processo di « scorporo » abbiamo cercato di ricostruirne uno dei punti fondamentali, oltre che più caratteristici ed originali, quello cioè del sistema di controllo per autorizzazione. Prima però di passare a questa fase dell’analisi, appare necessario specificare meglio, sulla base della documentazione archivistica studiata, quali erano effettivamente i motivi per i quali si richiedeva la liberazione dei beni soggetti a fedecommesso così come l’entità del fenomeno stesso, tentando di comprendere l’atteggiamento del Consiglio di Reggenza e i motivi delle sue risposte positive o negative.

28Le categorie di « scorpori » abitualmente reperite sulle fonti erano quelle per la costituzione, restituzione e aumento di dote, il risarcimento di debiti, le necessità alimentari e quelle proprie del fedecommesso quali la difesa, l’indennizzo, le migliorie, lo scambio e la surrogazione, infine i nuovi investimenti.

  • 27 Contini 1992, p. 239-331.

29Tra queste motivazioni, quella più frequente era rappresentata dalle costituzioni di dote che si presentavano in percentuale del 25 % rispetto alle altre domande. Era - questo - uno dei settori più sensibili per le famiglie così come per i ministri lorenesi. Questi ultimi, infatti, miravano a stimolare la crescita demografica, riducendo drasticamente l’ingresso delle donne nei monasteri27 ; le prime, invece, erano spinte dalla volontà di elaborare delle nuove strategie economiche che garantissero loro costante stabilità sociale ed economica, per esempio tramite nuove alleanze.

30Lo « scorporo » per il rimborso dei debiti seguiva alla categoria precedente con una percentuale del 24,4 %. La forte presenza di questo tipo di « scorpori » per risarcimento di debiti personali o del fedecommesso si spiega col fatto che questi avevano sempre trovato, in particolare a partire dal XVIII secolo, un forte sostegno da parte dello Stato, che da quel momento si era applicato sempre di più nel costituire garanzie per il credito ; basti ricordare che uno dei motivi fondamentali dell’elaborazione della legge era stato proprio il debito del marchese Strozzi, succeduto nel fedecommesso Ridolfi, con la Gabella dei Contratti. Le famiglie, per parte loro, spesso bloccate in tutte le loro azioni da un’endemica mancanza di denaro liquido, avevano risposto in maniera sempre più importante alla prescrizione della legge che imponeva di sanare i rapporti con i loro eventuali creditori.

31Le suppliche di « scorporo » per necessità o obbligazioni alimentari, in crescita a partire dalla pubblicazione della legge, si presentavano in percentuale del 19,8 % del totale. Il Consiglio di Reggenza ne era senza dubbio anche in questo caso uno dei principali sostenitori ; infatti, sia che i postulanti fossero d’origine nobile o cittadina, il Consiglio era portato a venire incontro alle famiglie che supplicavano di disporre dei propri beni fedecommessi per motivi di sopravvivenza. E benché al riguardo il suo controllo fosse sempre importante, sembrava dare la preferenza a questo sistema di sostentamento piuttosto che ad altri. In altri termini, si cercava di far in modo che la famiglia e i suoi componenti potessero, attraverso un’amministrazione controllata del loro patrimonio venire incontro alle proprie necessità piuttosto che essere indotti, per esempio, a chiedere soccorso alle istituzioni di credito o di manomorta. In una prospettiva larga si può peraltro avanzare l’ipotesi che lo Stato con le sue riforme cercasse di veicolare un’immagine di famiglia moderna sempre più libera nella gestione del proprio patrimonio e capace di stabilire così dei rapporti più indipendenti rispetto alle istituzioni ecclesiastiche di beneficenza o di credito.

32Le richieste di « scorporo » per provvedere al fedecommesso si presentavano infine in una percentuale più esigua (12 %), anche se nel corso del tempo si erano mostrate in aumento. Il loro sviluppo, soprattutto per quel che riguardava i nuovi investimenti (5,8 %), era seguito con interesse dallo Stato che però, in questa fase del riformismo privilegiava ancora la difesa delle pratiche sociali abituali per timore anche di creare un disequilibrio economico a cui le famiglie non avrebbero potuto far fronte.

Un « diverso » modo di controllare, per autorizzazione

33Ma cerchiamo ora di mettere in luce il comportamento del Consiglio di fronte alla richiesta di « scorporo ». Il compito di quest’ultimo era quello, come ben sappiamo, di vagliare e infine autorizzare o meno le richieste di liberazione dei beni fedecommessi. Da un sistematico studio e successiva analisi statistica dei rescritti spediti dalle autorità come risposta ai postulanti di « scorpori », è emerso un quadro alquanto singolare. Infatti, abbiamo potuto notare che in genere le richieste non venivano quasi mai negate : il numero delle autorizzazioni a procedere negli « scorpori » era di gran lunga superiore (64,1 %) a quello dei rifiuti (6,7 %), mentre una notevole percentuale (29,3 %) di autorizzazioni erano poste sotto condizione. In linea generale questo risultato si può spiegare col fatto che vi fosse ormai una vera e propria tendenza del Consiglio a favore dello smantellamento delle prohibitiones alienandi, sebbene con le debite precauzioni.

34Il fatto poi che vi fossero un gran numero di autorizzazioni sottoposte a condizione ne costituisce senza dubbio una conferma che merita però di esser meglio elucidata. La Reggenza, infatti, al momento di decidere se accordare o meno uno « scorporo », entrava nel dettaglio della richiesta e dell’affare e, ricostruita tutta la storia del fedecommesso che s’intendeva « scorporare », stabiliva se e a quali condizioni lo si potesse fare. Si può affermare senza esitazione che da questo momento in poi il Consiglio abbia assunto un ruolo simile a quello di un tutore, di un pater familias per i singoli postulanti e le famiglie, che cercava di guidare al meglio nelle loro scelte patrimoniali future. Delle scelte, che dovevano essere in genere, come vedremo, caratterizzate da una sorta d’equilibrio tra la conservazione delle ricchezze di cui il mantenimento del fedecommesso rappresentava la migliore manifestazione, e l’apertura ad altre forme d’investimento o utilizzazione del denaro (come le risorse umane della famiglia o l’estinzione di un debito per alimenti). Si trattava in fondo, in questo preciso momento storico, dell’istituzionalizzazione di un sistema che pareva venir incontro, in maniera singolare ma efficace, a due esigenze diverse : quella dello Stato di aumentare il proprio potere e di tutelare la propria posizione di fronte al problema del blocco dei patrimoni familiari ; e quella delle famiglie desiderose comunque in alcuni frangenti di liberarsi dal pesante vincolo delle prohibitiones alienandi imposte da un avo sui loro beni fedecommessi.

  • 28 Astuti, 2004, p. 947-950 ; Schiera 2004 ; Napoli 2003.

35Il singolare sistema di autorizzare del Consiglio di Reggenza altro non era dunque che un modo, proprio di uno stato di « polizia » d’Ancien Régime28, di controllare e scandire in ogni tappa l’applicazione di una propria legge. Del resto, non si trattava di un caso unico ed isolato in quanto, come abbiamo già accennato, la stessa legge sulla manomorta era applicata nella medesima maniera. Si sarebbe quasi tentati di pensare che attraverso la costruzione di questa complessa procedura giudiziaria, il governo volesse procedere ad una sorta di raccolta e schedatura d’informazioni circa i comportamenti patrimoniali dei propri sudditi in materia di « scorpori » dei loro beni. Un’operazione che andava in certo qual modo a completare la richiesta di depositare presso il Magistrato Supremo le « portate » dei fedecommessi, ovvero l’inventario esatto dell’entità e dei beni in essi compresi. Non si deve, infatti, dimenticare che con la Reggenza prenderà inizio quella sorta di ricognizione e conoscenza di gran parte delle strutture statali, sociali ed economiche, che troverà poi il suo naturale completamento nella politica accentratrice e riformatrice del granduca Pietro Leopoldo.

36Una serie d’esempi tratti dai differenti tipi di motivazioni di « scorporo » ci possono permettere di meglio comprendere quanto si è appena sostenuto circa il comportamento del Consiglio.

  • 29 Le nostre stesse indagini su richeste di « scorporo » presentate in anni precedenti all’applicazion (...)

37Come abbiamo già visto, l’interesse del governo per la costituzione di doti attraverso l’uso di beni fedecommessi appariva così forte da permettere di effettuare degli « scorpori », oltre che sui fedecommessi ascendentali, anche su quelli « trasversali » ; una concessione che, ricordavano i ministri toscani, non era mai stata fatta prima per la costituzione delle doti, soprattutto delle figlie ex filio, salvo dei rari casi29. Questa predisposizione del governo non ci deve però lasciar pensare che al riguardo tutto fosse ormai lecito : all’atto della decisione favorevole sull’istanza presentata, essa era sottoposta ad una particolare condizione che imponeva lo « scorporo » di un determinato fedecommesso piuttosto che di un altro.

  • 30 ASFi, Consiglio di Reggenza, 441, ins. 295.

38Ė il caso per esempio di Costanza Ximenes30 che avendo chiesto, nel 1748, di poter liberare dei beni da un proprio fedecommesso « trasversale » per costituire la dote di sua figlia, si era sentita rispondere che una tale operazione si sarebbe potuta effettuare solo sui beni del fedecommesso ascendentale del marito, al fine di non arrecare danno agli eredi di quello attualmente in suo possesso.

  • 31 ASFi, Consiglio di Reggenza, 443, ins. 49.

39In altre occasioni poteva verificarsi che la somma richiesta in « scorporo » per dote fosse considerata troppo elevata dal Consiglio di Reggenza, che consentiva lo svincolo dei beni a condizione di cambiarne la cifra. Ė ciò che accadde a Francesco Manfredi Macigni31 che, nel 1748, aveva chiesto di « scorporare » una somma di 8000 scudi per la dotazione di sua figlia, ma il Consiglio acconsentì per soli 3000, poiché sulla base del parere della Consulta questa era la somma considerata sufficiente per il matrimonio di una giovane borghese. Altri ancora sarebbero i casi simili in cui il Consiglio agiva come un vero e proprio tutore nei confronti dei propri sudditi.

40Gli « scorpori » per debito s’inquadravano in due differenti categorie : la prima riguardava i debiti propri del fedecommesso come quelli contratti per migliorie o indennizzi, la seconda, invece, comprendeva i debiti personali del fidecommissario, come per esempio quelli per le necessità alimentari (o le obbligazioni alimentari). Le richieste di « scorporo » per poter rimborsare i primi erano in percentuale minore rispetto alle seconde, nonostante l’estinzione dei primi fosse considerata prioritaria dalle autorità, trattandosi di un’azione riparatrice per ricostruire un equilibrio sociale ed economico, mentre la seconda era di più percepita come una minaccia gratuita per l’esistenza del fedecommesso stesso.

  • 32 ASFi, Consiglio di Reggenza, 442, ins. 540.

41A questo riguardo si può citare il complesso caso di Bernardo Pecori32 che nel 1748 inviava al Consiglio di Reggenza una supplica nella quale pregava di poter « scorporare » dei beni per una somma di 7800 scudi dai suoi tre fedecommessi « trasversali » al fine di poter far fronte a certi debiti inerenti il fedecommesso, pur sapendo che questa tipologia di fedecommesso non poteva esser usata per tali motivazioni ; la sua richiesta, tuttavia, andava oltre, poiché chiedeva anche di poter « scorporare » per reinvestire, con quello che restava dai sanati debiti, in nuovi beni « più vantaggiosi » da sottoporre al fedecommesso. Il Pecori, come spiegava nella supplica, aveva anche trovato dei potenziali acquirenti : le suore di San Donato fuori Porta a Prato, che erano disposte a versargli in cambio la somma di 7200 scudi, una cifra leggermente più bassa rispetto al valore dei beni del fedecommesso.

42Il Magistrato Supremo era stato dunque incaricato di svolgere le prime indagini per cercare di appurare l’esistenza dei debiti provocati dalle spese per il mantenimento di certe fabbriche annesse ai fedecommessi e che la rendita annuale di questo non arrivava a coprire. Una volta prese tutte le informazioni al riguardo, ciò che propose andò, tuttavia, in ben altra direzione rispetto alle aspettative del postulante. Il Magistrato Supremo avanzò l’idea, poi accolta dal Consiglio, che si autorizzasse lo « scorporo » per una cifra di 3700 scudi solamente, giustificando una simile decisione col fatto che una tale somma sarebbe stata sufficiente per estinguere una parte dei debiti, mentre per il resto si sarebbe potuto usufruire dei frutti derivanti dalle rendite del fedecommesso stesso ; infatti, trattandosi di fedecommessi « trasversali » si preferiva ancora una volta preservarli dallo « scorporo » per debiti. Inoltre con una piccola quota della somma scorporata si sarebbe anche potuto procedere ai nuovi investimenti. Completava il rescritto del Consiglio la determinazione delle modalità secondo cui si sarebbe proceduto all’operazione : la somma, una volta scorporata, non sarebbe stata consegnata in mano dei postulanti, ma sarebbe stato il Magistrato Supremo stesso a pagare i debiti, conservandone il resto fino al momento in cui stimava si fossero trovati i beni giusti su cui investire. Un comportamento - questo - che mostra ancora una volta tutta la volontà di controllo del Consiglio, oltre che la ricerca di un equilibrio tra esigenze dei chiamati al fedecommesso e tutela di questo stesso a vantaggio di quelli futuri.

43La seconda categoria di debiti, quelli cioè del fedecommissario, rappresentava una spesa che nella maggior parte dei casi avrebbe peggiorato la condizione economica, a volte già fragile, delle famiglie, contribuendo addirittura alla distruzione stessa del fedecommesso. In effetti, la maggior parte dei debiti personali per cui si chiedevano gli « scorpori » aveva come motivazione le necessità alimentari e la loro richiesta, giustificata dall’assoluta mancanza di denaro liquido, si presentava in maniera continua.

  • 33 Cantini 1800-1808 vol. XVI, pp. 303-304 : Rescritto sovrano col quale si determina che i Fedecommes (...)

44Il fatto che questa tendenza costituisse un problema per il Consiglio di Reggenza lo testimonia un rescritto dell’undici gennaio 175133 con il quale si mostrava la volontà del governo di regolamentare lo « scorporo » per questo tipo di necessità. I destinatari della decisione del governo erano i fiorentini Jacopo Maria e Giovanni Francesco Maraffi. Questi ultimi, il 17 aprile 1750, avevano presentato una supplica di « scorporo » per sanare due diversi tipi di debito e si erano visti accordare sulla base del parere del Magistrato Supremo, solamente una parte della loro domanda, mentre il resto era stato messo in attesa. A seguito di questa risoluzione, che i fratelli stimavano ingiusta, avevano inviato una nuova supplica al Consiglio di Reggenza al fine di ottenere l’accordo di tutte le loro richieste.

  • 34 Cantini, 1800-1808 vol. XVI, p. 303 : « In quanto poi ai debiti contratti avanti la publicazione de (...)

45Nelle loro suppliche i Maraffi chiedevano di poter « scorporare » più di 229.8.8.4 scudi per due differenti motivi. Il primo, per il quale l’avviso del Consiglio di Reggenza, sotto l’influenza del Magistrato Supremo, era già stato favorevole riguardava il pagamento dei debiti fatti per la ristrutturazione della loro dimora, il palazzo di Molenzano, sottoposta a primogenitura e ormai in completa rovina ; il secondo, invece, aveva come obiettivo quello di sanare certi debiti personali del fedecommissario contratti prima della pubblicazione della legge, per gli alimenti necessari al suo sostentamento. In effetti uno dei problemi che aveva condotto a questa risoluzione, sfociata poi anche in un dibattito, era il fatto che un certo numero di questi debiti erano personali del fedecommissario e contratti prima della pubblicazione della legge. Ora, come lo spiegava anche la Consulta nel suo memoriale di rappresentanza al Consiglio di Reggenza, se era ben nella disposizione della legge di poter utilizzare dei beni fedecommessi per far fronte a degli eventuali contrattempi legati alla mancanza di denaro liquido appariva però più difficile accordare una grazia per sanare una situazione di indebitamento passato, ricorrendo addirittura a dei fedecommessi « trasversali », col rischio di distruggerli completamente e di gettare gli stessi beneficiari nella miseria. Come ricordava la Consulta, l’accoglimento di questa domanda sarebbe andato contro il vero spirito della legge, che non tendeva ad abolire completamente i fedecommessi, ma semplicemente a limitarli (al quarto grado in linea diretta) e a mitigarne certe disposizioni34.

46La risoluzione di questo caso aveva condotto le autorità a prendere la decisione d’interdire in furturo ogni sorta di « scorporo » per debiti personali su fedecommessi « trasversali », in particolare per quelli che erano stati contratti prima della pubblicazione della legge, così come a limitare le autorizzazioni delle nuove suppliche. Al contempo, invece, era permesso ai fedecommissari indebitati di contrarre quelle obbligazioni sui frutti provenienti da questi beni, così come di chiedere che su questi stessi beni fosse loro accordata un’entrata per gli alimenti necessari.

47In generale abbiamo visto che erano piuttosto le autorizzazioni semplici ad essere maggioritarie benché quelle condizionali fossero anch'esse in buon numero. Per quanto riguardava gli « scorpori » per necessità alimentari, però, si è osservato che erano i permessi condizionati a detenere i valori più elevati, con una media annuale del 53.5 %, contro il 41,5 % per quelli semplici.

48Una tale disposizione sembra mostrare infatti un'esigenza di controllo maggiore da parte delle autorità in relazione ad altri tipi di « scorporo ». Un controllo di cui si è cercato di comprendere più a fondo il carattere e la tipologia analizzando le riserve a cui erano sottoposte le autorizzazioni per « scorpori ».

  • 35 ASFi, Consiglio di Reggenza, 445, ins. 478.

49In genere nella richiesta di « scorporo » per alimenti una delle condizioni principali per cui il Consiglio dava il suo accordo consisteva nell’obbligo di ottenere la distribuzione degli alimenti da parte del Magistrato Supremo con rate mensili, il cui ammontare era stabilito da quest’ultimo. Si può vedere al riguardo il caso del fiorentino Baggiani Toscanelli35, che nel 1749 aveva supplicato il Consiglio di poter « scorporare » dei beni, per un ammontare di 400 scudi da due fedecommessi, uno ascendentale e altro « trasversale », coll’obiettivo di provvedere agli alimenti per sè e la sua famiglia. La sua richiesta venne accettata, ma con condizioni ben precise : in primo luogo, lo « scorporo » non avrebbe potuto essere effettuato che sul fedecommesso ascendentale ; inoltre il supplicante non avrebbe potuto percepire direttamente tutta la somma per gli alimenti, perché questa depositata, presso il Magistrato Supremo, gli sarebbe stata versata in rate mensili, il cui ammontare era fissato da quest’ultimo ; infine, vi era l’obbligo di procedere alla reintegrazione del fedecommesso « scorporato », il cui un tasso d’interesse in genere si elevava al 10 %. Il Magistrato Supremo per parte sua, come abbiamo visto, invece di proporre in tali circostanze lo « scorporo » di beni fedecommessi suggeriva, piuttosto di usare i frutti evitando così la reintegrazione, un obbligo difficile da sostenere e che poteva a volte condurre il supplicante ad indebitarsi ulteriormente.

  • 36 ASFi, Consiglio di Reggenza, 444, ins. 342.

50L’altra condizione spesso imposta di fronte ad una richiesta di « scorporo », lo abbiamo visto anche nel caso della costituzione di dote, era il cambio della cifra che la famiglia chiedeva di liberare. Il Consiglio di Reggenza, sulla base di una valutazione generale del patrimonio della famiglia così come dei loro beni fedecommessi, decideva quella che poteva essere la vera somma per cui si poteva vendere. Così fu imposto a Filippo Geri e a sua madre36 che nel 1749, avendo chiesto di « scorporare » due luoghi di monte per gli alimenti avevano vista accolta la loro richiesta per la metà dell’ammontare richiesto. Il Consiglio in questo caso, infatti, stimava che la cifra scorporata aggiunta al reddito proveniente dal luogo di monte investito fosse sufficiente al loro mantenimento, preservando così in parte l’integrità del fedecommesso.

  • 37 ASFi, Consiglio di Reggenza, 444, ins. 255.

51Si hanno però esempi che testimoniano una diversa attitudine del Consiglio di Reggenza che, se da un lato possono apparire contraddittori, s’inquadrano nello sforzo del governo di controllare e di guidare le scelte dei sudditi verso quella che si stima la soluzione patrimoniale migliore. Ne costituisce un buon esempio il caso di Francesco Biancardi37, possessore di un piccolo fedecommesso « trasversale » e molto anziano, che non avendo alcun altro mezzo di sopravvivenza aveva chiesto di « scorporarlo » nella sua interezza. Il Consiglio di Reggenza, avendo constatato la condizione d’estrema povertà del supplicante, così come l’agiatezza dei sostituti nel fedecommesso, decise di dare il suo pieno consenso alla richiesta, evitando di osservare la disposizione secondo la quale un fedecommesso « trasversale » non poteva essere scorporato per alimenti.

52Un comportamento - questo - che dimostra una volta di più la tendenza al controllo tipica di uno stato di « polizia », che focalizzando la propria attenzione sulle ricchezze delle famiglie e sulla loro gestione, e prendendo sempre più informazioni al riguardo, propone differenti strategie o comportamenti di trasmissione inter-generazionale del patrimonio.

53A corroborare quest'idea contribuisce altresì il caso della legge di manomorta, attraverso la quale la Reggenza, in questo determinato momento storico, tendeva sempre di più a limitare le libertà dei propri sudditi, come quella ad esempio di poter disporre delle proprie ricchezze per testamento, interdicendo nello specifico la possibilità di trasmettere un fedecommesso ad istituzioni ecclesiastiche.

Conclusioni

  • 38 Diaz 1988.

54La storiografia classica che si è occupata di riforme illuministiche, allorché si è cimentata nello studio delle leggi sul fedecommesso promulgate a partire dalla prima metà del Settecento (si pensi all’esperienza piemontese di Vittorio Amedeo II), ha quasi esclusivamente messo in luce la volontà dello stato di abolire e sradicare l’istituto in favore di una fortificazione del diritto e del potere sovrano a vantaggio della libertà di circolazione dei beni. Al riguardo si possono citare i fondamentali studi di Furio Diaz38 (sulla Toscana lorenese) e quelli di Franco Venturi raccolti in Settecento Riformatore.

  • 39 Romano 1992.
  • 40 Rossi 2009.
  • 41 Calonaci 2005
  • 42 Monti 2003.
  • 43 Zorzoli 1989.
  • 44 Bonzo 2007.

55In anni più recenti, tale interpretazione è stata senza dubbio mitigata da nuovi studi tendenti, invece, a mostrare la permanenza di intenti di conservazione del fedecommesso, non solo da parte delle famiglie ma anche dello Stato, valorizzando l’idea che in questo preciso momento storico non si cercasse un’abolizione tout court, quanto piuttosto di attenuare gli effetti che il fedecommesso esplicava sui patrimoni. Un’importante testimonianza di questa tendenza è costituita, ad esempio, dai saggi di carattere giuridico di Andrea Romano39 e Giovanni Rossi40, così come dal volume di Stefano Calonaci41, mirante a ricostruire le strategie patrimoniali dei nobili casati toscani attraverso l’uso del fedecommesso. Accanto a questi studi ne sono fioriti altri il cui contributo teorico ci pare particolarmente innovativo : nei lavori di Annamaria Monti42 e Maria Carla Zorzoli43 sulle riforme del fedecommesso a Milano e di Caterina Bonzo44 nel Piemonte sabaudo, si dà rilievo ad un aspetto delle riforme sui fedecommessi finora sottovalutato, quello cioè dell’autorizzazione accordata dal sovrano alle famiglie al fine di liberare beni fedecommessi in ragione di loro varie occorrenze. A quest’ultimo filone storiografico il nostro contributo intende riallacciarsi.

  • 45 Mannori 1994.

56Fissando l’attenzione sulla legislazione lorenese in Toscana e sulla sua applicazione si può sicuramente affermare che il nuovo governo abbia voluto modificare alcuni caratteri dell’istituto del fedecommesso. Si pensi per esempio alle disposizioni che limitavano la sua estensione temporale e la sua utilizzazione a danno di importanti strati sociali ; ma si consideri altrettanto l’obbligo di registrarne e calcolarne la « portata » esatta, stilando degli appositi inventari, da depositare poi presso il Magistrato Supremo. Ma, volendo andar ancora più a fondo della nostra riflessione, ci sentiamo di affermare che una tale disposizione non fosse volta esclusivamente a limitare il fedecommesso e i suoi effetti, quanto piuttosto a monitorarlo ed indirizzarlo, nell’ottica di uno stato-tutore45. In effetti, dallo studio condotto sulla procedura d’autorizzazione allo « scorporo » emerge l’impressione di quanto lo stato voglia piuttosto intervenire per la prima volta nella sfera del privato, e nello specifico sulla gestione dei patrimoni, guidando le famiglie nella scelta di quelle che possono sembrare le migliori risoluzioni economiche, proprio alla stregua di un padre.

57Ne costituiscono senza dubbio un valido esempio i differenti casi riportati all’interno del saggio. Si pensi all’esperienza di Manfredi Macigni, che si vide accolta la propria richiesta di « scorporo » per dotazione della figlia per una somma notevolmente inferiore rispetto a quella richiesta, perché la Reggenza riteneva che le giovani borghesi non potessero usufruire di doti troppo elevate e per cui era stabilito che queste fossero versate direttamente nelle mani del marito dal Magistrato Supremo. Oppure a quella di Baggiani Toscanelli che, ottenuto l’accoglimento della sua richiesta di « scorporo » per necessità alimentari, si vide somministrare la corrispondente somma in rate mensili. La stessa autorizzazione di « scorporo » per alimenti accordata al Biancardi su fedecommesso « trasversale », di contro alla proibizione della legge, è espressione di questa forma di controllo, poiché il Consiglio concesse il nulla osta alla deroga solo dopo aver appurato la povertà assoluta del postulante e l’agiatezza degli altri eredi del fedecommesso.

  • 46 Napoli 2003.

58Questa della Reggenza era senza dubbio una linea politica nuova che, come già messo in evidenza, non mirava certo al radicale sovvertimento dell’ordine sociale ed economico, ma era piuttosto funzionale - attraverso la messa a punto di una normativa estremamente minuziosa e dettagliata, incarnante perfettamente il concetto di police ben espresso nelle pagine di Paolo Napoli46, e volta ad introdurre un ramificato sistema di controllo, di ricognizione e schedatura della società civile - a quella centralizzazione politico-giuridica che sarà propria del riformismo leopoldino.

  • 47 Bonzo 2007, p. 457.

59Al riguardo ci sembra che un’ulteriore delucidazione possa venire dal caso del ducato piemontese studiato da Caterina Bonzo47 che, come abbiamo detto all’inizio del nostro saggio, costituì un vero e proprio modello per la realizzazione della legge toscana. L’autrice ricorda, infatti, come

la disciplina organica e severa non avesse voluto superare l’oridine esistente – abolendo radicalmente l’istituto dalla scena giuridica – quanto piuttosto riportarlo ancor più entro i disegni politici del sovrano, rafforzando il controllo principesco sui sudditi. Attingendo ad uno strumentario giuridico non del tutto nuovo, Vittorio Amedeo II e Carlo Emanuele III, attuarono delle ‘riforme preilluministiche’ dirette a rafforzare l’organizzazione dello stato in vista di un’affermazione della volontà sovrana nel privato, ‘inusuale’ fin ad allora e sempre più decisa ed ‘ingombrante’.

60Per la prima volta, spiega l’autrice, nei territori sabaudi - ma era anche il caso della Toscana lorenese - si volevano imporre dall’alto forme nuove ed oggettivamente determinate a rapporti tradizionalmente modellati sulle esigenze dei singoli e profondamente radicati nella concezione unitaria del patrimonio della famiglia.

Haut de page

Bibliographie

Astuti 2004 = G. Astuti, La formazione dello stato moderno in Italia, Torino, 1967.

Bonzo 2007 = C. Bonzo, Dalla volontà privata alla volontà del principe. Aspetti del fedecommesso nel Piemonte sabaudo settecentesco, Torino, 2007.

Büchi 1912 = H. Büchi, Die toskanische Amortisationsgesetzgebung im Zeitalter der Aufklärung (1751-1769), Berlino, 1912.

Büchi 1912 = H. Büchi, Ein Menschenalter Reformen der toten Hand in Toskana (1751-1790), Berlino, 1912.

Calonaci 2005 = S. Calonaci, Dietro lo scudo incantato : i fedecommessi di famiglia e il trionfo della borghesia fiorentina (1400ca-1750), Firenze, 2005.

Cantini 2006 = L. Cantini, Legislazione toscana raccolta e illustrata dal dottor Lorenzo Cantini, Firenze, Fantosini, 1800-1808 (ed. digitale a cura di M. Montorzi, Pisa, 2006, vol. XXV, p. 362-366).

Chapron 2004 = E. Chapron, L’État des Habsbourg-Lorraine (1737-1799), in J. Boutier, S. Landi, O. Rouchon (a cura di), Florence et la Toscane, XIVe-XIXe siècles. Les dynamiques d’un État italien, Rennes, 2004, p. 105-125.

Contini 1992 = A. Contini, Pompeo Neri tra Vienna e Firenze (1757-1766), in Pompeo Neri. Atti di studio del colloquio di Castelfiorentino : 6-7 maggio 1988, Castelfiorentino, 1992 p. 239-331.

Contini 2002 = A. Contini, La reggenza lorenese fra Firenze e Vienna. Logiche dinastiche, uomini e governo (1737-1766), Firenze, 2002.

Diaz 1980 = F. Diaz, Agli inizi della dinastia lorenese in Toscana. I problemi della Reggenza, in Studi di storia medievale e moderna per Ernesto Sestan, t. II, Firenze, 1980, p. 669-70.

Diaz 1988 = F. Diaz, I Lorena in Toscana : la Reggenza, Torino, 1988.

Diaz - Mascilli Migliorini - Mangio 1997 = F. Diaz, L. Mascilli Migliorini, C. Mangio (a cura di), Il Granducato di Toscana : I Lorena dalla Reggenza agli anni rivoluzionari, Torino, 1997.

Logette 1993 = A. Logette, Le prince contre le juge. Grâce ducale et justice criminelle en Lorraine au début du XVIIIème siècle, Nancy, 1993

Mannori 1994 = L. Mannori, Il sovrano tutore. Pluralismo istituzionale e accentramento amministrativo nel principato dei Medici (secc. XVI-XVIII), Milano, 1994.

Marchi 2009 = L. Marchi, La Reggenza et les autorisations : l’application des lois sur les fidéicommis et la mainmorte dans la Toscane des Lorrains (1737-1760), Thèse de doctorat en « Histoire et Civilisations », EHESS, a.a. 2009, relatore Gérard Delille.

Monti 2001 = A. Monti, I formulari del Senato di Milano, secoli 16-18, Milano, 2001.

Monti 2003 = A. Monti, Iudicare tamquam deus : modi della giustizia senatoria nel ducato di Milano tra Cinque e Settecento, Milano, 2003.

Napoli 2003 = P. Napoli, Naissance de la police moderne. Pouvoir, normes, société, Parigi, 2003.

Piccialuti 1999 = M. Piccialuti, L’immortalità dei beni. Fedecommessi e primogeniture a Roma nei secoli XVII e XVIII, Roma, 1999.

Rodolico 1972 = N. Rodolico, Stato e Chiesa in Toscana durante la Reggenza lorenese, 1737-1765, Firenze, 1972 (rist. xerographica, la prima edizione risale al 1910).

Romano 1992 = A. Romano, Successioni e difesa del patrimonio familiare nel regno di Sicilia, in L. Bonfield, Marriage, Property and Succession, Berlino, 1992, p. 71-154.

Rosa 1992 = M. Rosa, La revisione della legge di ammortizzazione (1751) : il confronto fra pompeo Neri e Giulio Rucellai, in Pompeo Neri : Atti di studi del colloquio di Castelfiorentino : 6-7 maggio 1988, Castelfiorentino, 1992, p. 87-102.

Rossi 2009 = G. Rossi, La famiglia nell’economia europea secc. XIII-XVIII, Atti della « Quarantesima Settimana di studi », 6-10 aprile 2008, Firenze, 2009, p. 175-202.

Schiera 2004 = P. Schiera, voce Stato di polizia, in N. Bobbio, N. Matteucci, G. Pasquino (a cura di), Dizionario di politica, Torino, 2004, p. 947-950.

Verga 1990 = M. Verga, Da « cittadini » a « nobili ». Lotta politica e riforma delle istituzioni nella Toscana di Francesco Stefano, Milano, 1990.

Waquet 1990 = J.-C. Waquet, Le grand-duché de Toscane sous les derniers Médicis : essai sur le système de finances et la stabilité des institutions dans les anciens États italiens, Roma, 1990 (BEFAR, 276).

Waquet 1993 = J.-C. Waquet, Tra principato e lumi : lo spazio della Reggenza nella Toscana del Settecento, in Società e storia, 6, 1983, p. 37-48.

Zorzoli 1989 = M. C. Zorzoli, Della Famiglia e del suo patrimonio : riflessioni sull’uso del fedecommesso tra Cinque e Seicento, Milano, 1989.

Scaduto 1875 = F. Scaduto, Stato e Chiesa sotto Leopoldo I granduca di Toscana (1765-90), Firenze, 1875.

Visceglia 1988 = M. A. Visceglia, Il bisogno di eternità : i comportamenti aristocratici a Napoli in età moderna, Napoli, 1988.

Haut de page

Notes

1 Con il termine di scorporo si indica l’atto di liberazione dei beni fedecommessi.

2 Cantini 1800-1808, vol. XXV, p. 362-366.

3 Bonzo 2007.

4 Cfr. Artcoli I-III.

5 Articoli X-XIII.

6 Articoli XXI-XXII.

7 Visceglia, 1988 ; Rossi 2009. Per una più ampia e dettagliata bibliografia sui fedecommessi si veda il volume di Calonaci 2005.

8 Calonaci 2005, p. 54 ; Marchi 2009.

9 Piccialuti 1999, p. 70-77.

10 Ivi, p. 64-70.

11 Archivio di Stato di Firenze (d’ora in poi ASFi), Consiglio di Reggenza, 219.

12 Su Richecourt e la sua politica si vedano : Diaz 1988 ; Diaz 1980, p. 669-701 ; Diaz 1997 ; Verga, 1990 ; Waquet 1993 ; Waquet 1990 ; Contini 2002 ; Chapron 2004.

13 Si trattava di un organo di cui Francesco Stefano, nei primi anni della sua nomina a granduca di Toscana, si serviva per governare il suo regno a distanza. In un secondo momento il ruolo del Consiglio di Vienna divenne più di carattere consultivo, lasciando maggior potere al consiglio di Reggenza, guidato in un primo momento dal principe de Craon e successivamente dal fidato conte di Richecourt che vi rimase dal 1737 al 1757.

14 Cantini 1800-1808, p. 365.

15 La legge definiva col termine di trasversali i fedecommessi di tipo collaterale.

16 Marchi 2009.

17 Rosa, 1992, p. 87-102 ; Scaduto, 1875 ; Rodolico 1972 ; Büchi 1912 ; Büchi 1912.

18 ASFi., Magistrato Supremo, f. 3125.

19 ASFi., Consiglio di Reggenza, f. 448, ins. 46 (14 sett. 1756) : in effeti, come spiegherà in seguito il Magistrato Supremo nella sua relazione, poiché era stato stabilito in precedenza tramite scrittura privata tra i fratelli fedecommissari che l’appartamento del terzo piano doveva piuttosto essere affittato per rimborsare un debito interno al fedecommesso, era preferibile rispettare questo patto e vendere al contrario l’appartamento del quarto piano.

20 ASFi, Consiglio di Reggenza, 441, ins. 364.

21 Marchi 2009.

22 Cantini 1800-1808 vol. XXV, p. 38-40, Biglietto della Segreteria di Stato al Magistrato Supremo del 4 dicembre 1747.

23 Cantini 1800-1808, vol. XXV, p. 38-40, Biglietto « […] nel rimettere un Memoriale il Consiglio di Reggenza rende noto come vedendo moltiplicare le istanze di scorporo destituite talvolta di ogni fondamento è necessario mettere una regola alle informazioni, che si realizzano sopra dette istanze, che domandano tali scorpori per giustizia […] ».

24 Logette 1993, p. 40.

25 Marchi 2009.

26 Ivi, p. 100.

27 Contini 1992, p. 239-331.

28 Astuti, 2004, p. 947-950 ; Schiera 2004 ; Napoli 2003.

29 Le nostre stesse indagini su richeste di « scorporo » presentate in anni precedenti all’applicazione della legge hanno fornito un’ulteriore prova di questa tendenza.

30 ASFi, Consiglio di Reggenza, 441, ins. 295.

31 ASFi, Consiglio di Reggenza, 443, ins. 49.

32 ASFi, Consiglio di Reggenza, 442, ins. 540.

33 Cantini 1800-1808 vol. XVI, pp. 303-304 : Rescritto sovrano col quale si determina che i Fedecommessi Trasversali non debbono scorporarsi per pagare i debiti del Possessore dell’11 gennaio 1751. Estratto dal Libro delle Suppliche che si conserva nell’Archivio del Magistrato Supremo.

34 Cantini, 1800-1808 vol. XVI, p. 303 : « In quanto poi ai debiti contratti avanti la publicazione della nuova legge per qualunque causa la Consulta non crede che per il pagamento di questi possano, e debbano alienarsi i beni soggetti a Fidecommisso particolarmente se sia trasversale poiché avendo la Cesarea Maesta Vostra colla nuova Legge non già aboliti in tutto, e per tutto i Fidecommissi, ma ristretti a quattro gradi non può permettersi ai gravati che si distrugghino totalmente col crear diversi debiti, e obbligare i fondi, e la proprietà dei medesimi per il pagamento ai Creditori colla ragione che considera il Magistrato Supremo nella sua informazione, che altrimenti i Gravati debitori molestati dai creditori nella Persona possono ridursi in miserie, e bisognosi di alimenti pe’ quali potrà loro competere la facoltà di « scorporare » i beni del Fidecommisso ; poiché se i gravati col caricarsi di debiti si riducono in miseria, e per il pagamento sono convenuti personalmente tal sia di loro, e al più potranno dai Beni del Fidecommisso Trasversale obbligati in quanto ai frutti ai Creditori ottenere, o per Giustizia, o per Grazia che sia loro asseganta una tenue, e discreta porzione de’ frutti per gli alimenti puramente necessari in futuro secondo la diversità de’ casi che possono darsi, ed umilmante inchinati all’Augustissimo.... Di Consulta 11 gennaio 1750.

Umil. Servi e Sudditi. Pier Antonio Mormorai - Filippo Luci - Marcello Malaspina. ».

35 ASFi, Consiglio di Reggenza, 445, ins. 478.

36 ASFi, Consiglio di Reggenza, 444, ins. 342.

37 ASFi, Consiglio di Reggenza, 444, ins. 255.

38 Diaz 1988.

39 Romano 1992.

40 Rossi 2009.

41 Calonaci 2005

42 Monti 2003.

43 Zorzoli 1989.

44 Bonzo 2007.

45 Mannori 1994.

46 Napoli 2003.

47 Bonzo 2007, p. 457.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Lara Marchi, « La legge toscana sui fedecommessi (1747) : il processo di autorizzazione degli « scorpori » dei beni fedecommessi », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 11 juillet 2013, consulté le 19 août 2017. URL : http://mefrim.revues.org/834 ; DOI : 10.4000/mefrim.834

Haut de page

Auteur

Lara Marchi

École des hautes études en sciences sociales - Centre de recherches historiques - lara.marchi@ehess.fr

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org