Navigation – Plan du site
Fidéicommis. Procédés juridiques et pratiques sociales (Italie-Europe, Bas Moyen Âge-XVIIIe siècle)

Fedecommessi, doti, famiglia : la trasmissione della ricchezza nella Repubblica di Venezia (XV-XVIII secolo). Un approccio economico

Paola Lanaro

Résumés

L'articolo intende esaminare con riferimento al caso veneziano/veneto le interconnessioni tra doti e fedecommessi come elementi di mobilità o /e immobilità del patrimonio soprattutto fondiario delle famiglie patrizie e non solo. Se tradizionalmente si è pensato che i vincoli fedecommissari a Venezia immobilizzassero per sempre i beni nella trasmissione generazionale, la ricerca mette al contrario in luce come esistessero norme che ne favorivano la mobilità e come proprio la restituzione della dote potesse giocare un ruolo attivo nello svincolare i beni condizionati dalle rigidità normative. Il saggio è preludio a una ricerca più complessa relativa proprio a questo tema che si dovrebbe concludere a breve.

Haut de page

Notes de l’auteur

Ringrazio Simona Cerutti per avermi invitato a presentare nel marzo del 2011 un seminario introduttivo al tema qui analizzato all’interno del suo corso sulle pratiche riferite alla giustizia di antico regime tenuto a Parigi all’EHESS. Ringrazio per i molteplici stimoli pervenutimi in quell’occasione anche gli altri partecipanti al seminario : in particolare Robert Descimon, Élie Haddad, Michela Barbot, Pablo Luna.

Texte intégral

« Si ripete però per regola generale quello si è più volte […] accennato ; cioè che in questa materia oggi non vi è forse questione alcuna di legge ; attesochè tutte quelle, nelle quali i nostri maggiori si sono tanto affaticati, possono dirsi già spianate dai tribunali, i quali col ricevere una delle due opinioni stimate più probabili per regola, e l’altra meno probabile per limitazione, quando vi concorrano congetture in contrario, le quali mostrino un diversa volontà del disponente, hanno tolto quasi tutte le dispute […]. Per conseguenza si crede sia una specie di sciocchezza, o di pazzia manifesta il volere camminare in questa materia con le sole generalità, ovvero con le decisioni seguite in alcuni casi, e quelle applicare ad ogni altro, mentre la decisione deve dipendere dalle circostanze particolari, delle quali per la diversità de’ paesi e de’ loro stili, ed anco per la diversa qualità delle persone e delle robe, le congetture e gli argomenti non devono avere la stessa forza, sicché in un caso alcune basteranno ad indurre il fedecommesso, ed in un altro le stesse e altre molto maggiori, non saranno sufficienti »

  • 1 Lanaro 2004, p. 431-444.
  • 2 Piccialuti Caprioli 1999; Feci 2004.
  • 3 Cogné 2006-2007; Cogné 2012.
  • 4 Monti 2012b.
  • 5 Come scritto dal De Luca, la materia del fedecommesso è estremamente complicata non solo per la dis (...)
  • 6 Monti 2012a; Povolo 1997, p. 154-155; Lanaro 2000, p. 98-117.

1In una ricerca condotta alcuni anni or sono relativamente alla crisi della proprietà nobiliare veneziana e veneta nel diciottesimo secolo ipotizzavo una paralisi del mercato della terra in età moderna sottoposto da una parte ai dominanti vincoli fedecommisari che separavano il diritto di proprietà da quello del possesso rendendo i beni inalienabili e dall’altra parte dalla diffusione della manomorta1. In questo senso sottolineavo come a Venezia a differenza di altre realtà, si pensi al caso di Roma studiato da Maura Piccialuti e Simona Feci2, ma anche di Milano indagato più recentemente da Albane Cogné3 e da Anna Maria Monti4 dove le deroghe stabilite dal Senato erano piuttosto frequenti e dove anche spesso la durata presentava delle limitazioni temporali, il vincolo del fedecommesso era rigidissimo e non poteva essere cancellato se non in casi eccezionali riconosciuti e autorizzati da specifiche magistrature5. Merita sottolineare che con riferimento ai beni oggetto di confisca in caso di condanna per reato se i giuristi del tempo esprimono posizioni contrastanti, a Venezia, contro il diritto comune, e unicamente al fine di contrastare il potere straripante dei lignaggi locali si perviene ad approvare solo nel 1578 una legge che estendeva nella terraferma la confisca anche ai beni fedecommessi6.

  • 7 Grenier 1996, p. 420 e segg.

2Al contrario frequente era la dimostrazione ex post che beni venduti o dati in garanzia in particolari situazioni- come ad esempio le stesse transazioni economiche- fossero « condizionati » (vale a dire sottoposti al vincolo del fedecommesso) e quindi inalienabili con conseguente richiesta di cancellazione delle vendite o dei debiti nei confronti di mercanti creditori. In questo senso, come aveva già sottolineato Jean-Yves Grenier7, se l’universo della rendita limitava il rischio dell’incertezza, l’universo del commercio e della speculazione, proprio a Venezia centro commerciale per eccellenza, cardine tra oriente e occidente, nei secoli sedicesimo - diciottesimo era diventato soggetto a dinamiche caratterizzate da un alto tasso di incertezza che si risolvevano in un visibile ostacolo allo sviluppo di attività mercantili. Con l’estensione dell’investimento fondiario in terraferma e la perdita dell’interesse verso la grande mercatura, l’elite veneziana ancorò la conservazione dei propri patrimoni a strategie che trovavano in particolare nell’istituto del fedecommesso il suggello a una ideologia chiaramente orientata a privilegiare i redditi o le rendite agrarie, a scapito anche di quelli derivanti dalla mercatura e dall’imprenditoria.

  • 8 Piccialuti Caprioli 1999.
  • 9 Calonaci 2005; Calonaci 2012.
  • 10 La nobiltà veneziana aveva comunque tratto vantaggio anche dalla vendita dei beni comunali che avev (...)
  • 11 Lanaro 2004; Garino 1981; Garino 1985.

3Con l’avanzare di studi che hanno evidenziato come nel corso del diciottesimo secolo in altre realtà della penisola gli uomini di governo abbiano riflettuto sugli effetti negativi e drammatici del vincolo del fedecommesso e abbiano legiferato al fine di ridimensionare le successioni « condizionate », si pensi appunto al caso romano8 o a quello toscano ben sottolineato da Stefano Calonaci9, può essere interessante analizzare la società veneziana e verificare se almeno a livello di istituzioni l’elite lagunare si sia mossa nella stessa direzione, se non formalmente almeno informalmente. Di fronte ad un mercato sclerotizzato della terra, e questo sia per il dilagare dei vincoli fedecommissari, ma anche per la drammatica espansione della manomorta, che tendeva a deprimere le strategie di innovazione e di massimizzazione della produttività della terra, le riforme veneziane se passano attraverso la cancellazione della mano morta e ad una ridistribuzione, in parte pelosa, dei beni fondiari della Chiesa non toccano il privilegio dei beni condizionati di non potere mai essere attaccati dalle logiche di mercato10. In questo modo si continua ad alimentare un mercato ingessato delle terre e si oppone resistenza, almeno formalmente, alle nuove idee che proclamando la libera circolazione delle merci e dei beni e il prevalere della produzione e dello scambio sull’agricoltura portavano in molti paesi europei a nuovi interventi legislativi che riassumevano in uno il concetto di proprietà e possesso11.

Il Settecento e l’inalterabilità del vincolo : il quadro formale

  • 12 A Venezia di norma il fedecommesso era ad infinitum e dividuo, vale a dire tutti i figli maschi ere (...)

4E già stato evidenziato come a Venezia, a differenza di altre realtà della penisola, i testatori istituissero fedecommessi ad infinitum12 : se altrove nella penisola quindi i fedecommessi potevano avere una durata che veniva definita per legge, nella Repubblica, una volta vincolati, i beni rimanevano tali senza limite temporale, nel pieno rispetto della volontà del testatore. Ancora nel Settecento non si registra alcun movimento e tanto meno alcun provvedimento che metta in discussione o che ponga dei limiti alla volontà del de cuius. Stefano Calonaci ha sottolineato come nel granducato toscano, dove già nel corso del cinquecento si erano discussi gli effetti negativi della pratica, nel giugno del 1747 si passò decisamente all’azione : i Lorena nella figura del ministro francese Richecourt vietarono la perpetuità dei fedecommessi e primogeniture definendo al massimo una durata di quattro gradi limitandoli socialmente (cioè limitandoli ai soli nobili) e nella qualità dei beni. Negli stessi anni, forse anche prima nella Francia illuminista gli intellettuali, e non solo, discutevano in modo negativo la cultura del fedecommissario evidenziando nel desiderio dei testatori di definire un futuro anche lontano quasi una sorta di volontà di sostituzione allo stesso Dio.

  • 13 Si veda in questo senso il caso drammatico della famiglia Busenello, famiglia cittadinesca, che pur (...)
  • 14 Gullino 1984.

5La Repubblica non sembra andare nella medesima direzione, nonostante da più parti venisse denunciato il problema della progressiva carenza di capitali liquidi in famiglie che pure disponevano, grazie al principio del fedecommesso, di proprietà estese13 : molte famiglie quindi non si peritavano di essere nello stesso tempo povere (e quindi indebitate) ma ricche per l’enorme estensione dei loro patrimoni. L’immobilità che il ricorso al fedecommesso nello spirito della conservazione provocava nella gestione del patrimonio familiare sembra avere portato ad un isterilirsi dell’intraprendenza economica e culturale. Lo dimostra in modo chiaro il caso dei Pisani dal banco e moretta : il ramo moretta,a differenza del primo, caratterizzato dalla tendenza a ignorare il fedecommesso e nel tempo lungo proprio per questo animato da un maggiore dinamismo arriverà nel corso del Settecento a superare in ricchezza il ramo dal banco, in partenza di maggiori disponibilità economiche14.

  • 15 Archivio di Stato di Venezia (ora in avanti A.S.V.), Senato Rettori, reg. 143 ( 1766 marzo - 1767 f (...)

6Ancora, nella Venezia tardo settecentesca una maglia frammentaria di interventi se pone in alcuni casi delle deroghe al principio della inalienabilità dei beni condizionati, nello stesso tempo si sforza di ribadire la pienezza del vincolo. Così ad esempio il 20 settembre 1766 i Deputati e Aggionti e i Savi Cassier espongono lo stato del deposito Novissimo e il loro parere circa l’insieme del debito pubblico e informano il Senato che dopo il blocco di nuovi prestiti si sono accumulati 246.000 ducati di interessi relativi a capitali condizionati e sottoposti a fedecommesso che dovrebbero essere investiti. Il Senato consente il loro ingresso nei rispettivi depositi, ma ne sottolinea la proibizione per il futuro15. La questione dell’illecito storno di interessi e capitali vincolati da fedecommessi viene delegata al consiglio dei Dieci. Preso atto che il Deposito novissimo ammonta a 18.558.000 ducati, con un calo di 550.000 ducati sull’ammontare dei capitali instrumentati che vi sono confluiti, si osserva che « Simile dannato, e reo abuso della distrazione de capitali fideicommissi colla sostituzion di ratte da maturarsi a redintegro de medesimi […] assentite da ministri a quali appartiene il conoscimento di tali materie meritando serio e compenso, et adeguata correzione in vista della gravità, e delicatezza dell’affare, e delle perniciose conseguenze, che possono derivarne si rimette […] a Capi del Consiglio dei Dieci ». Da questa decisione però sono derivati due importanti vantaggi : l’affrancazione di ingenti capitali dovuti a forestieri e causa di uscita di moneta e un calo degli interessi di d. 100.852.

  • 16 Ivi, Senato Rettori, reg. 144 ( 1767 marzo - 1768 febbraio), cc. 37v-38r.

7Tuttavia il 10 giugno 1767 i medesimi Deputati riferiscono sullo stato dei depositi e sui modi della loro affrancazione e di nuovo il Senato disponendo che la cassa di affrancazione riceva altri 500.000 ducati dai Provveditori agli ori e argenti denuncia ancora una volta il ricorso strumentale alla affrancazione e conversione dei depositi per aggirare i vincoli fidecommissari e rimette le indagini in materia ai Dieci « Rilevandosi poi […] che alla industria di alcuni capitalisti secondata dalla facilità di qualche ministro de rispettivi magistrati […] riesce di liberare da vincoli fideicommissarii li capitali esistenti nelli due depositi in Zecca, e fuori di Zecca ; dal qual malizioso procedere acquistano li capitalisti la decretata facoltà di ricorrere ad ottenere dal provveditore agli ori la pronta affrancazione, il che altera con rifflessibile sconcerto le disposizioni fatte da testatori, e produce pregiudizio alle fortune delle famiglie […] »16.

  • 17 A.S.V., Compilazione Leggi, b. 209 : « beni fideicommissi », c. 45.
  • 18 A.S.V., Compilazione Leggi, b. 209 : « beni fideicommissi », c. 41.

8In realtà come era stato durante gli anni della corsa alle bonifiche solo un interesse specifico pubblico poteva formalmente permettere destinazioni diverse a beni condizionati. Nel Cinquecento per facilitare la corsa all’acqua e sostenere la politica statale di redenzione di numerose terre si era concesso in data 20 marzo 1549 a proprietari interessati alla bonifica di vendere beni condizionati se il ricavato serviva appunto per le opere di redenzione17. La dinamica della motivazione pubblica emerge anche dalla deroga concessa ai fratelli Lippomano nel 1577, ai quali si concede di vendere allo stato beni vincolati in una area della Giudecca, dove si intende erigere la chiesa del Redentore18. Anche nei centri urbani con riferimento a case ed edifici pericolanti si concedeva di vendere i beni condizionati.

  • 19 Su questo tema si ritornerà in un saggio di prossima pubblicazione.
  • 20 Lanaro 2004.
  • 21 Per la gestione dei documenti pubblici cfr. Galtarossa 2009, cap. IV.
  • 22 Davis 1980, p. 114.
  • 23 Williamson, 1987.

9Nel Settecento è il problema del debito pubblico a favorire il passaggio di determinati capitali da condizionati a liberi. Anche in questo esempio i documenti confermano come il disagio e la ricerca di scorciatoie onde sottrarre in questo caso capitali alla ingessatura fedecommissaria si scontrino con la pervicacia delle istituzioni nel volere fare rispettare il principio del vincolo19. In realtà i sotterfugi per potere riappropriarsi nel corso del secolo della piena proprietà di beni vincolati dovevano essere sempre più numerosi e questo, si può supporre, in sintonia con i movimenti verso una certezza nei diritti. L’incertezza di questi provocava una incertezza nelle stesse dinamiche economiche, nel caso specifico veneziano nemmeno di fronte a creditori si poteva in linea di massima rompere un vincolo e quindi poteva accadere che creditori rimanessero insoddisfatti laddove il debitore che disponeva di un patrimonio che poteva essere stato dato a garanzia non aveva reso noto che tali beni erano sotto vincolo. Sono rari i casi, come ho già dimostrato, di felice conclusione del ricorso dei creditori contro debitori così protetti patrimonialmente20. A Venezia, ma così era anche in Toscana, semplicemente si dovevano registrare gli atti presso il notaio che li depositava in Cancelleria inferiore e in questo modo si riteneva di rispondere al principio dell’ostensibilità e della loro reperibilità. In questo senso, se ancora tutto da ricostruire è il potere dei segretari e dei notai ducali ai quali si doveva il « rilascio », cioè la copia di documenti pubblici, tanto più risulta lacunoso - sul versante privato - il comportamento dei notai di fronte agli obblighi inerenti la trasparenza all’accesso alla documentazione alla base di un vincolo fedecommissario21. La dimostrazione che un determinato patrimonio fosse stato condizionato dipendeva dal testamento, con il quale il testatore istituiva il fedecommesso che poteva però in alcune sue aggiunte posteriori anche essere conservato solo nell’archivio famigliare. Inoltre non sempre il testatore istituiva in modo chiaro il principio della sostituzione, per cui anche su questo versante le dispute e i conflitti erano numerosissimi. Una legge del 21 maggio 1617 affermava che c’erano state diverse cause « da un certo tempo in poi » in relazione a testamenti che implicavano fedecommessi22. L’accesso quindi all’informazione risultava mediato dalla stessa famiglia i cui beni erano condizionati e non esisteva alcun documento pubblico a cui ricorrere per eventuali controlli : tra l’altro è questo che impedisce una analisi quantitativa del fenomeno. In questo senso applicando l’ipotesi di Williamson23, l’ostacolo ad uno sviluppo economico sembra incarnarsi più che nella mancata pienezza del diritto di proprietà alla non trasparenza dei processi informativi.

  • 24 In questo senso si è avviata una ricerca per meglio comprendere la relazione tra proprietà condizio (...)

10La diffusione di vincoli fedecommissari a Venezia, come ovunque, doveva di conseguenza creare una enorme confusione dal punto di vista dell’esercizio economico, in particolare del commercio. Parallelamente l’immobilismo acuiva l’impossibilità di disporre di denaro liquido e lo stato di indebitamento di molte famiglie : da qui quell’immiserimento economico di cui parla Gullino e la ricerca spasmodica di circolante. Il largo ricorso ad agenti nella gestione delle proprietà e nell’affitto e nel subaffitto degli edifici industriali si può ipotizzare fosse il risultato anche e proprio di questo immobilismo24.

  • 25 Il fatto che determinati beni fossero vincolati non deve comunque alimentare l’idea che fedecommess (...)
  • 26 Gullino 1985, p. 379-410, in particolare p. 402.
  • 27 Galtarossa 2009, p. 196.
  • 28 Galtarossa 2009, p. 196-197.

11Le proprietà, in particolare di edifici e terre, posti sotto fedecommesso, di frequente non godevano di grandi attenzioni da parte dei proprietari, in particolare nel caso fossero questi nobili poveri a corto di liquido25. Sono in questo senso numerose le testimonianze di patrimoni fondiari progressivamente soggetti al degrado. La loro numerosità troverebbe tra l’altro conferma in un decreto del 12 agosto 1789 che concedeva uno svincolo parziale dei beni sottoposti a fedecommesso ai quali fossero stati apportati lavori di miglioramento26. Questo è il caso del padre e dello zio dei fratelli Pagan i quali ricorrono appunto alla legge suddetta. Nel caso di questa famiglia l’investimento intrapreso riguardava la bonifica di 1.300 campi27. Atti testamentari fanno nel contempo supporre - in particolare nel XVIII secolo allorquando nuove e suggestive realtà si manifestarono nel mondo rurale veneto, pur nell’assenza di alcun diffuso progresso - che fossero state approvate varie leggi che agevolavano investimenti al fine di migliorare immobili condizionati. Così il segretario di Senato Vendramin Bianchi nel suo testamento del 25 dicembre 1729 dichiara di avere investito 8.000 ducati nel restauro e nel mantenimento della sua casa e della barchessa in terraferma perché egli si avvaleva di una non meglio precisata legge che favoriva investimenti tesi a migliorare lo stato di beni sottoposti a vincolo fedecommissario28. In un certo senso come era accaduto nel corso del cinquecento nella corsa all’acqua, anche due secoli più tardi il risveglio nel settore agricolo - guardato con particolare attenzione dal governo - si conciliava con politiche di liberazione da vincoli limitanti la piena disponibilità.

  • 29 Gullino 1984, p. 139-140.

12Il Settecento maturo se da una parte vedeva in alcuni gruppi dell’elite l’insofferenza degli eredi di patrimoni vincolati (e nello stesso tempo la dichiarata posizione di alcuni testatori patrizi e no di non volere deliberatamente vincolare le terre che loro avevano acquisito), dall’altro non mancava di vedere da parte delle istituzioni il ricorso a eccezioni che progressivamente minavano lo stesso principio del fedecommesso. Tutto questo procedeva in termini contrastanti e la stessa incertezza delle istituzioni rifletteva la contraddittorietà dell’atteggiamento della società. E’ in questa direzione che si può comprendere, forse anche nella mutata cultura dei rapporti genitori e figli/figlie, l’atteggiamento di alcuni patrizi nei confronti delle figlie femmine in relazione alla loro esclusione da patrimoni vincolati nella linea maschile. E’ questo il caso di Pietro Pisani moretta che nei primi decenni del Settecento espande con acquisti la proprietà fondiaria del suo ramo, anche al fine di assicurare alla figlia Chiara, sua unica erede, una proprietà libera, e cioè al riparo dalle prevedibili spoliazioni del fedecommesso, oltre che al fine di trarre vantaggio dall’andamento dei raccolti29.

  • 30 Storia di Verona 2005, p. 121.

13Non dimentichiamo che, dopo la soppressione napoleonica dei vincoli fedecommissari, il ritorno degli austriaci nelle terre venete spinse più di un nobile a richiedere il ritorno alla pratica della successione vincolata e della stessa primogenitura, in parallelo con la cancellazione del principio che equiparava uomini e donne nella successione ereditaria. Esemplificativo il caso del conte veronese Girolamo de Medici che nella sua cronaca in titolata « Vicende sofferte dalla provincia veronese nel finire del secolo XVIII e nel cominciamento del XIX » scriveva per l’appunto che la legge che aveva abolito fedecommessi primogeniture e maggioraschi e reso uguali maschi e femmine di fronte al tema dell’eredità « […] era sommamente desiderata da non pochi i quali, in brev’ora cumulate avendo grandi somme di denaro a costo della universale miseria e depauperazione, non vedevano il momento di impiegarle in acquisti di terre che a buon patto, già svincolate di fideicommisso, si sarebbero dovute vendere da gran parte delle famiglie nobili aggravate dalle imposizioni che superavano talora l’annuo reddito dei fondi. Così questa legge favorì alcune famiglie cui furono devoluti beni di altre che, estintesi, furon libere di lasciare piuttosto ad altri parenti ed amici che alla discendenza della propria famiglia ; ed altre poi rovinò col privarle di quella facoltà che legittimamente loro si competevano per antiche testamentarie disposizioni. Sommamente poi favorì i malcostumati, che così trovaron modo di contentare i capricci mettendo all’incanto ogni avere »30.

  • 31 Come si è visto precedentemente a Venezia come d’altra parte anche altrove nella penisola, i titoli (...)

14Nella Venezia settecentesca l’elite di governo, che nel corso dell’età moderna era andata trasformandosi da ceto di mercanti in ceto in larga misura di proprietari fondiari e in tale direzione aveva consolidato le proprie fonti di ricchezza anche con meccanismi giuridici, rimane formalmente ancorata alla fissità e alla certezza della rendita. L’incertezza che tale scelta, basata per l’appunto sul principio del fedecommesso, che congelando i beni diventava strumento di conservazione della stessa « famiglia », gettava sul mondo della scambio e della finanza31, deprimeva in modo significativo proprio quei settori che altrove già si stavano muovendo verso un dinamismo creativo. Mi sembra però di dovere osservare che se il sistema delle sostituzioni fedecommissarie aveva effetti drammatici sulle attività secondarie e terziarie, questo sembra più dovuto, come prima anticipato, allo stato di inefficienza che creava più che ad un humus di incertezza : questa piuttosto derivava dalla scarsa trasparenza dei processi informativi, la difficoltà a conoscere la reale condizione dei beni.

  • 32 Lanaro 2010.
  • 33 Lanaro 2000.

15Imboccata la via dell’investimento fondiario, in particolare a partire dal primo Cinquecento, l’identificazione terra e famiglia spinse anche la società veneziana, in particolare negli strati alti, come in molte altre società europee, a puntare con una politica conservatrice a mantenere intatto il più possibile il patrimonio fondiario familiare. Se è innegabile che da questo derivavano i redditi necessari all’economia domestica, talora però insufficienti, quindi con ripercussioni sull’indebitamento vieppiù aumentante e non solo quello nei confronti dello stato, doveva essere dominante l’idea che ad esso e solo ad esso era legata l’eternità della famiglia32 nella condivisione di quell’idea che i giuristi già nel Quattrocento avevano bene riassunto nella formula : familia, id est substantia33.

Fedecommessi e doti : i vincoli della famiglia sui processi economici

  • 34 Hainer 1983.
  • 35 Leverotti 2005, p. 162-167.
  • 36 Davis 1980, cap. V.

16Può essere a questo punto interessante - nell’onda appunto dell’identificazione proposta dai giuristi tra famiglia e patrimonio e quindi conservazione dello stesso - discutere sulla possibilità di applicare la tesi dell’economista Ronald A. Heiner al caso del fedecommesso, al fine di capire le cause della sua larga applicazione in Italia e in Europa della prima età moderna34. Sia ben chiaro non si vuole con questo dare una spiegazione esclusivamente in chiave economica a realtà che nascevano da sensibilità culturali e sociali complesse, si vuole solo complicare ulteriormente il quadro facendo muovere come agenti protagonisti le stesse istituzioni. D’altra parte nella tesi storiografica che vede il potere politico modellare in questo periodo le famiglie spingendole a incanalarsi verso due istituti quello del fedecommesso e della primogenitura, che in uso quantomeno il primo nell’età romana tornavano in questo modo a essere praticati, al fine di controllare le feudalità e favorire la devoluzione dei feudi, molti elementi sono conciliabili con la teoria di Heiner che nella sua applicazione va a privilegiare appunto le istituzioni politiche35. Nel caso specifico veneziano, non vi è dubbio, come già segnalato da James C. Davis, che il declino del commercio internazionale e l’interesse crescente per l’investimento fondiario e quindi la proprietà di terre abbiano premuto nella direzione di una adesione sempre più massiccia all’istituto del vincolo fedecommissario che andava nella direzione di una aspirazione alla conservazione senza rischi di quella sostanza nella quale si incarnava l’idea della famiglia : una sorta se vogliamo di sostituzione dell’uomo alla volontà divina36.

17Basandosi sull’economia comportamentale e in particolare sulle riflessioni teoriche sull’incertezza che deriva dall’incapacità dei soggetti di tener conto di tutte le informazioni disponibili, Heiner ha individuato come funzione principale delle istituzioni quella di limitare a priori la quantità di informazioni e il ventaglio delle scelte possibili, semplificando le decisioni e rendendo così maggiormente regolari e prevedibili i comportamenti. Nascondendo alcune informazioni e restringendo l’accesso ai mercati le istituzioni ne possono garantire il funzionamento regolare e l’efficienza istituzionale può essere misurata solo in rapporto alla competenza dei soggetti coinvolti e alla complessità dell’ambiente. Nel nostro caso l’assoluta imprevedibilità dell’atto testamentario potrebbe avere trovato proprio nell’istituzione del vincolo della sostituzione quella possibilità di limitare la gamma delle scelte possibili, rendendo più regolare e prevedibile il comportamento. A sua volta questa ipotesi interpretativa verrebbe a legare ulteriormente l’istituzione del fedecommesso con l’istituto della dote.

18Pur rifiutando il principio della primogenitura, la tradizione veneziana se riconosceva eredi tutti i figli maschi in eguale misura, escludeva però dall’eredità dei beni immobili le figlie femmine, alle quali si riconosceva il diritto alla dote. Per il principio dell’exclusio propter dotem le femmine venivano pertanto escluse dall’eredità paterna nel momento in cui venivano dotate. Dotare le figlie o le sorelle - dote richiesta sia se si sposavano sia se entravano in convento, anche se in questo caso si trattava di valori modesti - era comunque un obbligo per padri e fratelli. In mancanza però di figli maschi, in una successione intestata, le figlie femmine potevano subentrare, e questo tanto nei beni mobili quanto immobili, si intende liberi.

  • 37 A Venezia, come d’altra parte anche in altre realtà del tempo come Siena, gli statuti prevedevano c (...)

19Nel caso di testamenti femminili, ai quali viene riconosciuta una maggiore popolosità, eredi erano tendenzialmente in eguale misura i figli maschi come le femmine (in questo senso le tesi che sottolineano una preferenza per i maschi non sembrano poggiare su solidi puntelli documentari). Con l’atto testamentario e in particolare con il ricorso al vincolo del fedecommesso le scelte dei testatori, in larga misura a favore dei discendenti maschi sia diretti sia indiretti, vale a dire discendenti maschi di fratelli o zii, si incanalano nella direzione ben precisa della patrilinearità. Laddove si decideva per una sostituzione in linea femminile - nel caso di mancanza di eredi maschi - era di norma solo per poi passare alla linea maschile attraverso i figli dell’erede femmina37.

20Queste scelte diventano viepiù prevedibili, soprattutto con l’estensione della primogenitura. In gran parte degli antichi stati italiani, il ricorso alla sostituzione assume la forma della primogenitura : sulla base degli studi pubblicati fino ad oggi, a Venezia questo diritto risulta scarsamente praticato, forse con un balzo in avanti solo nel Sei e Settecento. Al contrario il fedecommesso, se appare istituto sporadico nel Tre-Quattrocento, assume dimensioni quasi generalizzate nella società di età moderna, la quale formalizza con parole ben precise l’atto del de cuius. Sembra però che già a partire dal Trecento e in qualche caso già nel Duecento, testatori veneziani usassero le più svariate formule per esprimere comunque la medesima volontà della conservazione.

21La scelta del vincolo sostitutivo permea sempre di più la società italiana del tempo e coinvolge anche le donne. Nei loro testamenti le donne non sono aliene dalla pratica del fedecommesso : recenti ricerche hanno però sottolineato che i testamenti femminili sia in seno alla nobiltà che alla « borghesia » dimostrano pur nella loro maggiore variabilità, non sono cioè esclusivamente indirizzati alla linea agnatizia, la tendenza a condizionare anche il capitale mobiliare. In questo senso si può supporre che almeno nel caso veneziano la proprietà femminile dei beni dotali, all’interno dei quali la quota dei beni mobili era consistente, favorisse un comportamento traslato, teso alla difesa in una strategia di conservazione dei beni di loro spettanza.

  • 38 Leverotti 2005; Leverotti 2007.
  • 39 Alfani - Kohn 2007.

22In conclusione, nella loro limitazione le istituzioni sarebbero state facilitate nel garantire l’efficienza delle scelte comportamentali. D’altra parte la stessa recente ipotesi che sottolinea come siano state le incertezze demografiche del Trecento a costituire terreno di crescita per il fedecommesso e la primogenitura all’interno delle strategie volute dalle elite al potere proposta da Franca Leverotti38 e in parte ripresa da Guido Alfani39 sembrano trovare una più complessa interpretazione e articolazione proprio alla luce della teoria di Hainer.

  • 40 Per tale riflessione si rimanda a Lanaro 2011. Per gli aspetti più prettamente sociali che tale cre (...)

23Piuttosto merita riflettere se la scelta prevedibile della patrilinearità esplicitata nell’adesione alla pratica fedecomesso si declinava dall’altro verso con la pratica della dote : in questo senso fedecommessi e assegnamenti dotali non avevano tra loro un rapporto di attrito o comunque un legame destabilizzante, tutt’altro. La loro congiunzione favoriva quell’equilibrio patrimoniale consapevolmente ricercato dalle istituzioni, e questo in modo esemplare proprio a Venezia. In questo senso è possibile ipotizzare che ci sia un nesso stretto tra ricorso all’istituto del fedecommesso e inflazione progressiva dell’ammontare delle doti, e questo in generale per tutta la penisola. Nel momento in cui i beni immobili cominciano e vanno viepiù paralizzandosi nell’ingessatura del fedecommesso, tende a crescere la quota dei capitali liquidi, mobili, che costituiva la parte preponderante delle doti e che come tale era fortemente ambita dalle famiglie40.

  • 41 Lanaro 2010.

24Va tuttavia ricordato che i beni dotali venivano assicurati sui beni dello sposo, beni che potevano essere tanto mobili quanto immobili. Nel caso di morte del marito, la sposa poteva chiedere la restituzione della sua dote e in questo caso chi aveva assicurato la dote era tenuto a restituirla se non nella stessa specificità dei beni quanto meno nel loro valore- che a tale fine si procedeva a valutare : era generalmente riconosciuta la possibilità che la dote restituita venisse decurtata di una somma normalmente concordata nell’atto matrimoniale41. Alcuni contratti matrimoniali cinquecenteschi - soprattutto in caso di seconde nozze - erano molto espliciti in materia e formalizzavano anche quali beni potevano essere restituiti nel caso il marito avesse venduto i beni oggetto della dote, con particolare riferimento alle proprietà e ai titoli di stato. Infine la legislazione riconosceva la possibilità di costituire una dote con beni definiti « fondi dotali », nel qual caso la restituzione non era per quantità, ma per qualità, non avendone il marito la piena disponibilità.

  • 42 Lanaro 2010.
  • 43 Lanaro - Varanini 2009.

25Se da una parte quindi il vincolo del fedecommesso scindeva tra proprietà e possesso congelando determinati beni, la dote era assegnata al marito, il quale pero non solo ne aveva il possesso al fine del suo « governo », vale a dire ne era solo l’usufruttuario, ma in caso di premorienza la sua famiglia poteva essere chiamata a restituirla. In questa evenienza se i beni « liberi » del patrimonio familiare non erano sufficienti si poteva procedere alla vendita degli stessi beni condizionati. Di conseguenza pure la dote contribuiva a ingessare il patrimonio così che i beni mobili generalmente utilizzati al fine dell’assicurazione si trovavano a loro volta per un verso paralizzati e difficilmente potevano entrare nel mercato. Di fronte ai beni assegnati in dote come « fondi dotali » la restituzione in qualità rendeva simili questi beni ai beni condizionati, e di norma infatti riguardavano i beni immobili : terre, case e palazzi, negozi e volte a Rialto etcetera42. Come scrivevano nei loro diari i mercanti toscani del Trecento, la dote di una moglie non costituiva un credito, piuttosto un debito43.

  • 44 A.S.V., Cassier Bolla Ducale, reg. n. 4.

26La scelta veneziana di straordinaria protezione della donna - che sembra non trovare pari riconoscimento nella legislazione e nella cultura di altre realtà della penisola - si configurava nello stesso tempo come scelta di equilibrio patrimoniale tra linee agnatizie e linee cognatizie. Il momento di attrito poteva verificarsi solo quando nella fase di restituzione di una dote alla vedova, mancando beni liberi, si era autorizzati a procedere sugli stessi beni condizionati della famiglia dello sposo : in questo senso le fonti parlano di « privilegio » della dote. Per il Settecento ci sono pervenuti per ora alcuni registri che testimoniano le permute di beni vincolati. Si tratta però di scambi tra beni parimenti condizionati e nulla ci dicono circa lo scambio beni vincolati/doti.44. Di conseguenza per ora non disponiamo di alcun documento che getti luce su questo possibile attrito.

  • 45 In questa direzione si sta procedendo attraverso lo spoglio del fondo A.S.V., Collegio, Suppliche, (...)

27Quello che al contrario appare certo è che tra Sei e Settecento i magistrati denunciano più volte nelle loro scritture conservate nel fondo Compilazioni Leggi il ricorso- nella fase della restituzione- a stime ambigue, nel senso di attribuzione di un valore superiore al reale, nella fase della restituzione della dote commissionate ad hoc a tecnici estimatori proni ai voleri di famiglie patrizie. L’obiettivo era riuscire ad erodere la quota ingessata di un patrimonio familiare, che in quella data si voleva rendere disponibile per il mercato. Solo nuove ricerche relative alla richiesta di scorporo di beni dal patrimonio ingessato, che deve inevitabilmente passare attraverso l’esame delle « suppliche » inoltrate al Senato, potranno confermare il fenomeno e le dimensioni dello stesso aiutandoci a capire i diversi comportamenti45. In questa direzione anche le biografie sottoposte alla lente della microstoria potranno illuminare quelle scansioni temporali che nuove fonti ci indicano agitassero la cultura del fedecommesso nel suo rapporto con le doti. Questo permetterebbe di verificare quanto nel tempo lungo linee maschili e femminili trovassero una identità di lessico familiare condiviso, anche nella pratica, del tutto fraudolenta, di un ricorso al privilegio della dote al fine di rendere « mobile » un patrimonio ingessato.

  • 46 Lanaro 2010.

28Il crescente e drammatico indebitamento delle grandi famiglie dell’elite lagunare nel corso del Settecento si può ipotizzare fosse il frutto di una progressiva carenza di quei beni mobili necessari non solo alla costituzione delle doti ma anche essenziali nella eventuale fase delle restituzione della stessa, nel rifiuto generale di intaccare beni immobili soprattutto se condizionati. Nello stesso tempo chi avvertiva, in una fase di risveglio dell’interesse economico per la terra, insofferenza verso vincoli limitanti i diritti della proprietà piena, sapeva e poteva abilmente giocare la carte del privilegio che consentiva alle doti nella fase della restituzione di avvalersi su beni condizionati, in una strategia che poteva avere come protagonisti membri sia delle linee agnatizie che cognatizie46.

La scivolosa definizione di bene immobile e bene mobile

  • 47 Secondo il Micheli la parola « stabili » abbraccia tutto quello che può denotarsi con il carattere (...)
  • 48 Ferro 1778-1782, ad vocem : dote e mobile.
  • 49 Lanaro 2010.

29Data la complessità della materia, può essere utile a questo punto soffermarsi sul gioco dei beni immobili e dei beni mobili all’interno dei patrimoni. Grosso modo se i beni immobili rimangono di consuetudine nella linea agnatizia e in questo senso sono gradualmente condizionati, i beni mobili costituivano la base per gli assegnamenti dotali. Il caso veneziano è del tutto anomalo nel definire i contorni di un bene « mobile » o « immobile » : senza dimenticare che il ricorso al termine bene « stabile » in non pochi documenti complica in modo visibile la tradizionale e più diffusa terminologia dei beni47. A Venezia - la Dominante -, e qui valga per tutti il nome del giurista veneziano Marco Ferro48, i beni immobili sono in larga misura le proprietà che insistono sulla città, nelle quali va a condensarsi l’anima della famiglia, mentre proprietà in terraferma come campi, terre edifici venivano considerate tra i beni mobili. Distinzione questa non condivisa nelle città suddite dove la divisione tra mobili e immobili segue la più consueta partizione tra una proprietà stabile oppure no. L’approccio all’investimento fondiario in terraferma che diventa significativo solo nella prima età moderna non condiziona l’antico valore dei beni e il loro significato relazionale e gerarchico con la familia e la substantia della famiglia. Nei bilanci tenuti dalle famiglie patrizie tra entrate e uscite legate alle doti, terre e proprietà non in Venezia venivano giocate come beni mobili che potevano transitare anche nei circuiti femminili49.

  • 50 Hunecke 1997.
  • 51 Micheli 1733; Ferro1778-1782, ad vocem : dote e mobile.

30La differenza tra il diritto veneto e quello consuetudinario praticato nelle città suddite porta costantemente a delle diversità tra pratiche veneziane e pratiche venete : lo stesso ricorso al fedecommesso sfocia nelle città dominate nella pratica largamente frequentata della primogenitura, e se il matrimonio limitato è diffuso a Venezia al fine di controbilanciare gli effetti di un uso testamentario che non distingueva tra i figli lasciandoli tutti eredi, al contrario in terraferma il ricorso al matrimonio limitato pur essendo serpeggiante non assume mai le dimensioni veneziane50. Sottolineo che non ci sono studi specifici in materia, ma la sensazione generale è comunque quella di un più frequentato ricorso alla primogenitura e di una più blanda scelta di limitazione dei matrimoni nella terraferma. Infine va tenuto presente, anche sulla base di quanto evidenziato in precedenza, che nell’iter che portava alla restituzione di una dote, il diritto veneziano - sempre largo nel riconoscere alle donne una azione di autonomia economica non riscontrabile in altre realtà del tempo almeno della penisola - permetteva che si potessero intaccare anche i beni condizionati della famiglia acquisita. Solo in terraferma si consentiva di avvalersi dei beni vincolati anche nel momento della costituzione di una dote, sempre che non esistessero beni liberi51 : in questa emergenza sembra però che le famiglie di rado e con fatica vi ricorressero.

31La differenza tra beni immobili e mobili è di estrema importanza in quella che era la trasmissione del patrimonio familiare : i primi che costituivano appunto l’essenza della famiglia e della cultura agnatizia si trasmettevano consapevolmente ai figli maschi e nello sforzo della conservazione nel passaggio intergenerazionale li si sottoponeva al vincolo fedecommissario. Al contrario i beni mobili per loro stessa natura considerati come periferici nell’asse patrimoniale della famiglia davano luogo attraverso la costituzione delle doti ad un circuito femminile che vedeva una minore rigidità e prevedibilità nei vari passaggi. Ovvero l’assegnazione di una dote era il punto fermo del circuito femminile dei beni, tanto che è stato riscontrato come testatrici toscane vincolassero al fedecommesso gli assegnamenti dotali. Il circuito femminile esprimeva comunque nei vari passaggi anche percorsi di beni che rispondevano in modo imprevedibile alle esigenze di una più visibile sensibilità affettiva.

  • 52 Lanaro 2000; Lanaro 2002.
  • 53 Lanaro 2000.
  • 54 Bettoni 2009.
  • 55 Cecchini 2000, p. 206.
  • 56 Ago 2011.

32I testatori potevano sottoporre a vincolo beni immobili come mobili, in particolare il capitale finanziario come ad esempio i titoli di stato come già abbiamo visto. Tuttavia non mancano nemmeno esempi di volontà che sottopongono a vincolo la trasmissione di collezioni di quadri, medaglie, sculture arredi di ville e palazzi, o di intere biblioteche. In questi casi sembra che il testatore individui la sostanza della famiglia in un bene che nella sua ottica diventa estremamente rappresentativo e che lui stesso ha fatto crescere come emblematico del prestigio della famiglia, un bene che si vuole perpetuare ad infinitum. Ho già avuto modo di notare che tra Cinque e Settecento sembrano farsi più acuti l’attenzione e il peso assunti dal palazzo urbano nella coscienza nobiliare52. Anche l’arredo strettamente legato al palazzo e sciolto dall’identità femminile diventa un tutto uno con l’ edificio, con il quale esalta nella ricchezza e nel lusso la magnificentia della famiglia. E’ questo il caso del veronese Uguccione Giusti che nel suo testamento del 1542 vincola con la primogenitura il palazzo e i beni di Santa Maria in Stelle a Vendri e in un secondo testamento del 1544 specifica che le stesse tappezzerie da lui poste nel palazzo siano anch’esse del primogenito e mai possano essere allontanate o divise53. Ma è anche il caso nel Settecento del bresciano Leopoldo Martinengo da Barco che vincola la sua biblioteca alla primogenitura con divieto assoluto di asportarvi libri e medaglie né per sé né per gli altri54. O ancora del veneziano Marco Ruzzini, procuratore di S. Marco che dispone nel testamento la primogenitura per i lasciti di « medaglie d’ogni sorte, cosse di natura, zogie, pietre, camei con li suoi scrittori […] et medesimamente li quadri stimatissimi et antichi di pittori più celebri.. ad ogetto che resti custodito, e conservato à decoro della casa, non potendo mai esser niente venduto, se non nel caso infrascritto (vale a dire per pagamento di debiti contratti per la ambasciata del secondogenito), ne pure appreso per dotte, in qualunque tempo da chi si sia, e così in perpetuo »55. Tuttavia queste disposizioni che fedecommettono beni mobili confermano nella loro sporadicità e nel contenuto invisibile del bene56, di norma un bene che identificava comunque la scelta culturale del testatore, l’esigenza di fondo di disporre in modo tale che il patrimonio familiare venga conservato e difeso nella sua integrità nei vari passaggi successori al fine di assicurare la continuità del ramo familiare. Non per nulla i giuristi avevano coniato l’espressione familia, id est substantia.

Haut de page

Bibliographie

Ago 2011 = R. Ago, L’eredità mobile, in P. Lanaro (a cura di), Microstoria. A venticinque anni da L’eredità immateriale, Milano, 2011, p. 89-106.

Alfani - Kohn 2007 = G. Alfani e S.K. Kohn, Households and Plague in Early Modern Italy, in Journal of Interdisciplinary History, 2007, 38, p. 177-205.

Amalric 2004 = J.-P. Amalric, La proprieté de la terre dans l’Europe du sud (Italie, Midi de la France, Espagne) : typologie, utilisation, marché, in S. Cavaciocchi (a cura di), Il mercato della terra secc XIII- XVIII, Firenze, 2004, p. 97-117

Bettoni 2009 = B. Bettoni, I Martinengo da Barco tra Brescia e Venezia. Stili di vita, modelli di consumo e politica matrimoniale, in P. Lanzoni, S. Onger (a cura di), Una famiglia nobiliare di terraferma : i Martinengo da Barco, Roccafranca, Brescia, 2009, p. 15-66.

Calonaci 2005 = S. Calonaci, Dietro lo scudo incantato. I fedecommessi di famiglia e il trionfo della borghesia fiorentina (1400ca-1750), Firenze, 2005.

Calonaci 2009 = S. Calonaci, Gli angeli del testamento. Donne fedecommissarie e fedecommittenti nella toscana moderna, in M. Aglietti (a cura di), Nobildonne, monache e cavaliere dell’ordine di Santo Stefano. Modelli e strategie femminili nella vita pubblica della Toscana granducale, Pisa, 2009, p. 79-96.

Calonaci 2012 = S. Calonaci, Terre promesse. I fedecommessi nello « Stato Nuovo » di Siena, (secc. XVI-XVIII), in MEFRIM, 124-2, 2012 (in questo numero).

Cecchini 2000 = I. Cecchini, Quadri e commercio a Venezia durante il Seicento. Uno studio sul mercato dell’arte, Venezia, 2000.

Choynacki 2000 = S. Choynacki, Women and Men in Renaissance Venice, Baltimora-Londra, 2000.

Cogné 2006-2007 = A. Cogné, Patriciat et propriétés urbaines à Milan (XVIe-XVIIIe siècle), Doctorat en Histoire Moderne, Université de Grenoble II, Università degli studi di Milano, 2006-2007.

Cogné 2012 = A. Cogné, Le fidéicommis, un instrument d’immobilisation des patrimoines ? Le cas de la Lombardie durant la période moderne, in MEFRIM,124-2, 2012, 2 (in questo numero).

Davis 1980 = C. Davis, Una famiglia veneziana e la conservazione della ricchezza. I Donà dal ‘500 al’900, Roma 1980 (ed. or. 1975).

Di Tullio 2012 = M. Di Tullio, L’economia del fidecommesso : la gestione delle aziende agricole dei Visconti di Brignano (secc. XVI-XVIII), in MEFRIM, 124-2, 2012, 2 (in questo numero).

Feci 2004 = S. Feci, Pesci fuor d'acqua. Donne a Roma in età moderna : diritti e patrimoni, Roma, 2004.

Ferro 1778-1782 = M. Ferro, Dizionario del diritto comune, e veneto, Venezia, 1778-1782.

Galtarossa 2009 = M. Galtarossa, Mandarini veneziani. La cancelleria ducale nel Settecento, Roma, 2009.

Garino 1981 = E. Garino, Aspetti della successione testamentaria in Venezia al cadere del XVIII secolo, in Studi Veneziani, 1981, 5, p. 227-279.

Garino 1985 = E. Garino, Insidie familiari. Il retroscena della successione testamentaria a Venezia alla fine del XVIII secolo, in G. Cozzi (a cura di), Stato Società e Giustizia nella Repubblica Veneta (sec. XV- XVIII), vol. II, Roma, 1985, p. 301-378.

Grenier 1996 = J.-Y. Grenier, L’économie d’Ancien Régime. Un monde de l’échange et de l’incertitude, Parigi, 1996.

Gullino 1984 = G. Gullino, I Pisani dal banco e moretta. Storia di due famiglie veneziane in età moderna e delle loro vicende patrimoniali tra 1705 e 1836, Roma, 1984.

Gullino 1985 = G. Gullino, Le dottrine degli agronomi e i loro influssi sulla pratica agricola, in Storia della cutura veneta. Dalla controriforma alla fine della Repubblica. Il Settecento, 5/II, Vicenza, 1985, p. 379-410.

Heiner 1983= R. A. Hainer, The Origin of Predictable Behaviour, in The American Economic Review, 1983, 73, 4, p. 560-595.

Hunecke 1997 = V. Hunecke, Il patriziato veneziano alla fine della Repubblica, Roma 1997 (ed. or. 1995).

Lanaro 2000 = P. Lanaro, « Familia est substantia » : la trasmissione dei beni nella famiglia patrizia in P. Lanaro, P. Marini, G. M. Varanini (a cura di), Edilizia privata nella Verona rinascimentale, Milano, 2000, p. 98-117.

Lanaro 2002 = P. Lanaro, Da grande nobiltà a nobiltà di provincia : i Da Lisca a Verona nella prima età moderna tra ascesa politica e interessi fondiari, in Stefano, Lodi (a cura di), Domus Illorum De Lischa. Una famiglia e un palazzo del Rinascimento a Verona, Vicenza, 2002, p. 43-61.

Lanaro 2004 = P. Lanaro, La crisi della proprietà nobiliare veneziana e veneta nel XVIII secolo, in S. Cavaciocchi (a cura di), Il mercato della terra secc XIII- XVIII, Firenze, 2004, p. 431-444.

Lanaro 2010 = P. Lanaro, La restituzione della dote. Il gioco ambiguo della stima tra beni immobili e beni mobili (Venezia tra Cinque e Settecento), in Quaderni Storici, 2010, 135, 3, p. 752-778.

Lanaro 2011 = P. Lanaro, Consumi e crisi in età moderna, in E. Sori e R. Giulianelli (a cura di), Consumi e dinamiche economiche in età moderna e contemporanea, Napoli, 2011, p. 70-88.

Lanaro - Varanini 2009 = P. Lanaro, G. M. Varanini, Funzioni economiche della dote nell’Italia centro-settentrionale (tardo medioevo/ inizi età moderna), in S. Cavaciocchi (a cura di), La famiglia nell’economia europea, secc. XIII-XVIII, Firenze, 2009, p. 81-102.

Leverotti 2005 = F. Leverotti, Famiglia e istituzioni nel medioevo italiano. Dal tardo antico al Rinascimento, Roma, 2005.

Leverotti 2007 = F. Leverotti, Uomini e donne di fronte all’eredità. Il caso italiano, in Aragòn en la Edad Media, Saragozza, 2007, p. 39-52.

Livingstone 1913 = A. Livingstone, La vita veneziana nelle opere di Gian Francesco Busenello, Venezia, 1913.

Micheli 1733 = D. Micheli, Delli fidecommessi. Trattato del sig. dottor Domenico Micheli avvocato veronese, Verona, 1733.

Monti 2012a = A. M. Monti, Illegitimate Appropriation or just Punishment ? The Confiscation of Property in ancien régime Criminal Law and Doctrine, in L. Lorenzetti, M. Barbot, L. Mocarelli (a cura di), Property rights and their violations. Expropriations and confiscations, 16th-20th= La propriété violée. Expropriations et confiscations, XVIe-XXe siècles, BernA, 2012, p. 15-35.

Monti 2012b = A. M. Monti, Fedecommessi lombardi : profili giuridici e riflessi privati delle dispense senatorie, in MEFRIM, 124-2, 2012 (in questo numero).

Piccialuti Caprioli 1999 = M. Piccialuti Caprioli, L’immortalità dei beni. fedecommessi e primogeniture a Roma nei secoli XVII e XVIII, Roma, 1999.

Povolo 1997 = C. Povolo, L’intrigo dell’onore. Poteri e istituzioni nella Repubblica di Venezia tra Cinque e Seicento, Verona, 1997.

Rossi 2009 = G. Rossi, I fedecommessi nella dottrina e nella prassi giuridica di ius comune tra XVI e XVII secolo, in S. Cavaciocchi (a cura di), La famiglia nell’economia europea, secc. XIII-XVIII, Firenze, 2009, p. 175-202.

Storia di Verona 2005 = F. Bertoli (a cura di), Una storia di Verona tra Sette e Ottocento. La cronaca di Girolamo de’ Medici, nobile veronese, Verona, 2005.

Williamson 1987 = O. E., Williamson, Le istituzioni economiche del capitalismo. Imprese, mercati, rapporti contrattuali, Milano,1987.

Haut de page

Notes

1 Lanaro 2004, p. 431-444.

2 Piccialuti Caprioli 1999; Feci 2004.

3 Cogné 2006-2007; Cogné 2012.

4 Monti 2012b.

5 Come scritto dal De Luca, la materia del fedecommesso è estremamente complicata non solo per la discrezionalità con cui poteva essere applicato, ma per la varietà della applicazione nelle diverse realtà politiche italiane e europee. Cfr. Rossi 2009, p. 175-202.

6 Monti 2012a; Povolo 1997, p. 154-155; Lanaro 2000, p. 98-117.

7 Grenier 1996, p. 420 e segg.

8 Piccialuti Caprioli 1999.

9 Calonaci 2005; Calonaci 2012.

10 La nobiltà veneziana aveva comunque tratto vantaggio anche dalla vendita dei beni comunali che aveva avuto luogo nel corso del Seicento (Lanaro 2004).

11 Lanaro 2004; Garino 1981; Garino 1985.

12 A Venezia di norma il fedecommesso era ad infinitum e dividuo, vale a dire tutti i figli maschi ereditavano il patrimonio familiare condizionato. E questo a differenza di quello che si registrava nell’Europa del sud, dove la tendenza era privilegiare nella successione vincolata un unico erede (Amalric 2004).

13 Si veda in questo senso il caso drammatico della famiglia Busenello, famiglia cittadinesca, che pur disponendo di un patrimonio consistente, è impossibilitata con grande sofferenza per i vincoli a cui esso è sottoposto a comperare il titolo di patrizio veneto allorquando nel 1646, a seguito della guerra di Candia, Venezia mette in vendita per 100.000 ducati il titolo. Così il poeta Francesco Busenello descrive la situazione :

Quanto al metter insieme i cento mille,

Me bisogna stentar, chè i testamenti

Dei vecchi traversali ed ascendenti

Case ha condizionae botteghe e ville.

Tior a livello a cambio a stocco averto

No pol un cavedal fideicommisso,

No posso vender el boccal da pisso

Perché l’item dei mii me l’ha coverto.

Cfr. Livingstone 1913, p. 38 e segg, p. 47. Ringrazio Massimo Galtarossa per la segnalazione.

14 Gullino 1984.

15 Archivio di Stato di Venezia (ora in avanti A.S.V.), Senato Rettori, reg. 143 ( 1766 marzo - 1767 febbraio), c.67v-69v.

16 Ivi, Senato Rettori, reg. 144 ( 1767 marzo - 1768 febbraio), cc. 37v-38r.

17 A.S.V., Compilazione Leggi, b. 209 : « beni fideicommissi », c. 45.

18 A.S.V., Compilazione Leggi, b. 209 : « beni fideicommissi », c. 41.

19 Su questo tema si ritornerà in un saggio di prossima pubblicazione.

20 Lanaro 2004.

21 Per la gestione dei documenti pubblici cfr. Galtarossa 2009, cap. IV.

22 Davis 1980, p. 114.

23 Williamson, 1987.

24 In questo senso si è avviata una ricerca per meglio comprendere la relazione tra proprietà condizionate e ruolo degli agenti, come sull’altro versante della finanza si vuole approfondire il legame tra titoli condizionati e ricorso agli appaltatori per la gestione delle imposte.

25 Il fatto che determinati beni fossero vincolati non deve comunque alimentare l’idea che fedecommesso fosse sempre e inequivocabilmente sinonimo di gestione arretrata. Il caso qui esaminato da Matteo Di Tullio relativo alla gestione delle aziende agricole dei Visconti di Brignano Gera d’Adda collocate all’interno di patrimoni condizionati si inserisce in una nuova corrente di studio che porta a superare il tradizionale paradigma che lega i processi di sviluppo economico alla piena proprietà. Cfr. Di Tullio 2012.

26 Gullino 1985, p. 379-410, in particolare p. 402.

27 Galtarossa 2009, p. 196.

28 Galtarossa 2009, p. 196-197.

29 Gullino 1984, p. 139-140.

30 Storia di Verona 2005, p. 121.

31 Come si è visto precedentemente a Venezia come d’altra parte anche altrove nella penisola, i titoli di stato potevano essere sottoposti al vincolo del fedecommesso.

32 Lanaro 2010.

33 Lanaro 2000.

34 Hainer 1983.

35 Leverotti 2005, p. 162-167.

36 Davis 1980, cap. V.

37 A Venezia, come d’altra parte anche in altre realtà del tempo come Siena, gli statuti prevedevano che anche le donne potessero istituire con il testamento fedecommessi : in questo caso non era infrequente il ricorso a fedecommessi a tutto favore di figlie o nipoti femmine (sulla realtà toscana si veda Calonaci 2009).

38 Leverotti 2005; Leverotti 2007.

39 Alfani - Kohn 2007.

40 Per tale riflessione si rimanda a Lanaro 2011. Per gli aspetti più prettamente sociali che tale crescita delle doti provocava nella società del Tre e Quattrocento si rimanda agli studi di Stanley Choynacki (Choynacki 2000).

41 Lanaro 2010.

42 Lanaro 2010.

43 Lanaro - Varanini 2009.

44 A.S.V., Cassier Bolla Ducale, reg. n. 4.

45 In questa direzione si sta procedendo attraverso lo spoglio del fondo A.S.V., Collegio, Suppliche, Risposte di dentro (anche se per ora ben poche riguardano i fedecommessi)

46 Lanaro 2010.

47 Secondo il Micheli la parola « stabili » abbraccia tutto quello che può denotarsi con il carattere delle perpetuità come campi, case, mulini, livelli, giurisdizioni capitali affrancabili servitù sedie nelle chiese sepolture etcetera (Micheli 1733, cap. IV)

48 Ferro 1778-1782, ad vocem : dote e mobile.

49 Lanaro 2010.

50 Hunecke 1997.

51 Micheli 1733; Ferro1778-1782, ad vocem : dote e mobile.

52 Lanaro 2000; Lanaro 2002.

53 Lanaro 2000.

54 Bettoni 2009.

55 Cecchini 2000, p. 206.

56 Ago 2011.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Paola Lanaro, « Fedecommessi, doti, famiglia : la trasmissione della ricchezza nella Repubblica di Venezia (XV-XVIII secolo). Un approccio economico », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 11 juillet 2013, consulté le 22 mars 2017. URL : http://mefrim.revues.org/801 ; DOI : 10.4000/mefrim.801

Haut de page

Auteur

Paola Lanaro

Università Ca’ Foscari - lanaro@unive.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org