Navigation – Plan du site
Fidéicommis. Procédés juridiques et pratiques sociales (Italie-Europe, Bas Moyen Âge-XVIIIe siècle)

L’economia del fedecommesso : la gestione delle « aziende » agricole dei Visconti di Brignano (secc. XVI-XVIII)

Matteo Di Tullio

Résumés

Il saggio si propone di analizzare in chiave economica l’istituto del fedecommesso, nel contesto dell’avanzata pianura lombarda dei secoli XVI-XVIII, per comprendere il rapporto tra vincoli proprietari e performance di conduzione aziendale. Per fare ciò, l’autore si dedica a ricostruire la gestione dei poderi della famiglia Visconti di Brignano, in un territorio alle frontiere dello Stato di Milano e della Repubblica di Venezia, rapportandoli all’evoluzione del contesto agrario lombardo in età moderna. Grazie alla ricchezza d’informazioni offerta dalle molte relazioni camerali sui beni dei Visconti di Brignano - redatte per diverse cause e conservate all’Archivio di Stato di Milano - è stato possibile superare la penuria d’informazioni dovuta all’attuale dispersione dell’archivio di famiglia. Tutto ciò ha premesso di far emergere le linee di successione famigliari e le intricate vicende di « proprietà » tra beni feudali, allodiali, espropri, eredità e fedecommesso. Il saggio dimostra che la forma di possesso non influì sul risultato di gestione economica dei poderi e che anzi la proprietà in « condominio » inalienabile favorì l’interesse della famiglia per la rendita, delegando la gestione dei poderi a facoltosi intermediari che stimolarono gli investimenti in migliorie, come nel resto della pianura lombarda.

Haut de page

Texte intégral

« Ogni sforzo d’arte e di denaro sarebbe sempre infruttuoso, se anzi tutto non si rendesse meno illusorio il possesso, raccogliendo in una sola mano quei diritti, che, scissi e dispersi, impedivano ai promiscui possessori la coltivazione »
C. Cattaneo,
Sulla bonificazione del piano di Magadino. Secondo Rapporto, Lugano 1853, p. 5

  • 1 Per un inquadramento sul tema, tra i molti, si vedano almeno Grossi 1977, Cerutti 2003 e Barbot 200 (...)
  • 2 Tra l’ampia produzione, si vedano almeno Bailey 1989, Moreno - Raggio 1992, De Moor - Shaw-Taylor - (...)
  • 3 Calonaci 2005, p. 9-10, 24-30 e 178-185. All’autore si rimanda anche per l’esaustivo quadro storiog (...)
  • 4 Simili analisi, anche se ottenute partendo da domande di ricerca non propriamente identiche, si tro (...)
  • 5 Tra l’amplissima produzione in merito si rimanda, per il XV-XVII secolo, alle sintesi di De Maddale (...)

1Tra gli storici dell’economia, il dibattito attorno ai temi della proprietà in età preindustriale è sicuramente ancora molto fervente. È anzi proprio negli ultimi decenni che la storiografia ha contribuito a superare il tradizionale paradigma che lega i processi di sviluppo economico alla piena proprietà, in specifico « borghese ». Molti studi hanno evidenziato al contrario come i diversi modi di possedere non fossero per forza d’ostacolo allo sviluppo economico e che anzi fosse molto spesso la possibilità di una stratificazione dei diritti a favorire processi d’innovazione altrimenti fortemente limitati1. Si pensi in particolare alla rinnovata attenzione alle diverse forme di gestione dei commons e al loro ruolo economico nelle società antiche e contemporanee2. Come accadde per molti altri istituti d’antico regime, l’idea che il fedecommesso sia stato un elemento di freno allo sviluppo economico ha una lunga tradizione che risale agli scrittori riformati settecenteschi, tra i quali Ludovico Antonio Muratori3. Senza entrare nel dettaglio di questioni già approfondite da altri, riprese e ampliate in molti saggi di questo volume e che esulano dalla competenza specifica di chi scrive, questo saggio si propone di analizzare in chiave economica un caso di fedecommesso : quello cui furono sottoposte le proprietà terriere della famiglia Visconti di Brignano. Per fare ciò si valutano le performance di gestione economica di questi poderi, rapportandole all’evoluzione del contesto agrario lombardo tra XVI e XVIII secolo4. In buona sostanza ci si domanda se i vincoli proprietari del fedecommesso abbiano in qualche modo influito sulla gestione dei poderi e come queste terre furono organizzate in rapporto ai vari processi d’innovazione che coinvolsero le campagne lombarde, soprattutto della bassa pianura5.

  • 6 Le descrizioni, soprattutto quelle conservate nel Fondo Feudi Camerali, non sono nuove alla storiog (...)

2Brignano e le altre località in cui si collocavano i poderi considerati, si trovano nella media pianura lombarda, a cavallo della linea delle risorgive, prossima alla fertile pianura milanese e lodigiana, tradizionalmente considerate il cuore dell’avanguardia agricola lombarda. I Visconti di Brignano furono una delle agnazioni feudali lombarde più longeve, originata a fine Trecento da un ramo cadetto della famiglia ducale milanese e pressoché ininterrottamente titolare del feudo fino al tramonto dell’antico regime. Si tratta di un gruppo parentale molto ricco, come dimostra tra l’altro l’imponenza dei loro palazzi, che ai possessi feudali affiancò fin dal Quattrocento estesi beni allodiali, sottoposti a fedecommesso ad inizio Cinquecento, continuamente incrementati e controllati fino a tempi relativamente recenti. L’attuale dispersione dell’archivio di famiglia ha fatto sì che gli storici vi abbiano dedicato un’attenzione piuttosto modesta, tuttavia i beni dei Visconti di Brignano sono descritti in molte relazioni che coprono pressoché tutta l’età moderna. Queste ricognizioni, redatte per cause relative al feudo, ad eredità o a processi di confisca, sono conservate perlopiù presso l’Archivio di Stato di Milano, nei fondi Feudi Camerali, Finanza Confische, Finanza Apprensioni, Finanza Eredità Vacanti e Notarile6. Grazie allo studio di queste preziose fonti è possibile analizzare nel lungo periodo – pur con alcune lacune, soprattutto per la mancanza dei bilanci di locazione – le linee generali di gestione delle proprietà terriere, considerando l’adesione o meno di queste aziende ai processi d’innovazione che coinvolsero le campagne lombarde fra Cinquecento e Settecento e comprendere l’influenza dell’istituto del fedecommesso in tal senso.

3Per rispondere alle domande di ricerca, il saggio è stato strutturato in due parti, tra loro distinte ma assolutamente complementari : nella prima si ripercorrono le linee di successione della famiglia e le loro vicende proprietarie nell’ambito dei mutamenti politico-istituzionali dello Stato di Milano e a seguito dell’istituzione del fedecommesso. Questione necessaria, non solo per definire i « proprietari » dei fondi studiati, ma anche per riconsiderare quanto fin qui prodotto dalla storiografia. Nella seconda si analizza invece la gestione economica dei loro beni, soffermandosi sugli aspetti più tipici per la formazione dell’avanguardia agricola lombarda, quali lo sviluppo della rete irrigua e delle cassine, le innovazioni agronomiche e le rotazioni agrarie, i patti di conduzione e i rapporti tra proprietà, intermediari e coloni.

La famiglia

  • 7 I lavori classici sul feudo di Brignano sono tutti opera di Donini 1921, 1936, 1944, poi ripresi da (...)

4Le vicende relative al feudo di Brignano ed al ramo della famiglia Visconti che ne fu titolare sono relativamente note, anche se alcune imprecisioni sulle linee di successione si sono ripetute nella storiografia7.

  • 8 Sulle vicende della discendenza dei Visconti di Brignano, dal duca Bernabò al XVII secolo, tra gli (...)
  • 9 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 2 maggio 1442.
  • 10 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 16 febbraio 1449.
  • 11 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 3 febbraio 1454. Dopo la concessione di Francesco I, i Viscon (...)
  • 12 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 20 marzo 1470. L’investitura feudale comprendeva il possesso (...)

5La prima concessione del feudo di Brignano alla famiglia può essere fatta risalire al 1378, quando il duca Bernabò, signore di Bergamo, Brescia, Crema e Cremona, e marito di Regina Della Scala, concesse la terra al figlio Sagramoro8. I Visconti godettero ininterrottamente del feudo fino al 1442, quando il duca Filippo Maria concesse Pagazzano – e probabilmente anche Brignano – al nobile Francesco Isacchi di Treviglio9. La morte di Filippo Maria senza eredi, la crisi dello Stato visconteo e il passaggio della Geradadda sotto il dominio della Serenissima, favorì il ritorno dei Visconti nel feudo, che videro confermata la concessione anche dopo la nuova inclusione di Brignano nel dominio milanese10. Nel 1454, infatti, Francesco I Sforza investì del feudo e di alcuni fondi i nipoti di Sagramoro, i fratelli Sagramoro e Pietro Francesco, figli di Leonardo11 ; proprietà che furono confermate e ampliate dalla nuova concessione feudale di Galeazzo Maria Sforza, nel 147012.

  • 13 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 20 aprile 1498.

6Dalle investiture sforzesche – confermate in ultimo da Ludovico il Moro13 – si avviarono le due linee della famiglia Visconti feudataria di Brignano e Pagazzano, che condivisero la dignità per molti secoli.

Il ramo di Sagramoro

  • 14 ASMi, Notarile, filza 3666, 3 settembre 1500, notaio Evangelista Baruffi. Elenco dei beni mobili es (...)
  • 15 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, 28 aprile 1728. Copia del testamento in ASMi, Feudi Camerali (...)

7Sagramoro morì nel 1498, anno nel quale Ludovico il Moro confermò il feudo al figlio Francesco Bernardino, consigliere ducale, al comando delle operazioni militari in Geradadda al tempo dell’invasione franco-veneziana nello Stato di Milano ed espropriato all’avvento della dominazione veneziana14. Per quanto si tratta in questa sede, quest’ultimo è il ramo della famiglia che interessa seguire, giacché possidente di terre a Brignano e perché fu proprio Francesco Bernardino a porre nel 1504 per testamento il fedecommesso « tanto restitutorio, quanto conservatorio, specialmente in capo al delitto »15.

Fig. 1 - Famiglia Visconti di Brignano (sec. XIV -XVI)

Fig. 1 - Famiglia Visconti di Brignano (sec. XIV -XVI)
  • 16 Dal testamento di Francesco Bernardino si evince che ebbe una figlia di nome Cassandra, da Margheri (...)
  • 17 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 19 novembre 1504.
  • 18 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 17 aprile 1517, atto del notaio Stefano de Sermo.
  • 19 ASMi, Finanza Confische, cart. 3248. A conferma della fedeltà dei Visconti di Brignano a Luigi XII, (...)
  • 20 ASMi, Feudi camerali p.a., cart. 115, 10 novembre 1513

8Francesco Bernardino ebbe molti figli, 5 maschi e 3 femmine - legittimi e non16 - dotati di qualche sostanza nel testamento. Alle figlie, furono concessi 4.000 scudi d’oro a testa, mentre i maschi furono nominati eredi in parti uguali17. In seguito i fratelli Sagramoro, Ottone, Ettore, Pallavicino e Bernabò fecero comune atto di divisione dei beni, senza che ciò fosse in conflitto con il fedecommesso istituito dal padre, e le possessioni di Brignano spettarono a Bernabò18. I figli di Francesco Bernardino seguirono le sorti già toccate al padre nel complicato quadro e nell’alternanza di dominazioni che segnò la Lombardia durante le guerre d’Italia del XVI secolo. Questo ramo della famiglia Visconti, infatti, dopo essere stato fedelissimo agli Sforza, confiscato dai Veneziani, fu riabilitato da Luigi XII di Francia, duca di Milano, dopo che con la battaglia di Agnadello (1509) si mise fine all’avanzata Veneta in terraferma e la Geradadda tornò sotto il dominio milanese. La prima restaurazione sforzesca (1512) creò però nuovi problemi ai Visconti di Brignano, che si videro confiscati dei propri beni, perché fedeli e servitori dei francesi19. All’atto della confisca fu eseguita una ricognizione dei beni di Sagramoro e fratelli da parte di Giovanni Fermo di Pietrasanta, dalla quale si deduce che l’affitto dei beni di Brignano rendeva annualmente 2.515 lire e 4 soldi, mentre le acque, i mulini e l'imbottato 900 lire l’anno. Altre terre tra Brignano e Treviglio fruttavano 152 lire e 4 soldi l'anno, mentre quelle di S. Giorgio in Lomellina ben 1.100 lire annue. Su queste ultime gravava un affitto livellario goduto dall’Abbazia di S. Pietro, ammontante a 1.020 lire annue20.

  • 21 ASMi, Feudi camerali p.a., cart. 116, 16 ottobre 1551.
  • 22 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 8 luglio 1525.
  • 23 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 12 dicembre 1533.
  • 24 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 21 settembre 1533.
  • 25 ASMi, Notarile, filza 7288, 16 ottobre 1551, notaio Aloisio Della Croce. Copia dell’atto di divisio (...)
  • 26 ASMi, Finanza Confische, cart. 3248, 18 agosto 1520.
  • 27 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 9 febbraio 1557.

9Per lo stesso motivo, nel 1515, all’avvio della seconda dominazione francese sullo Stato di Milano, i beni furono restituiti ai fratelli Visconti. L’anno successivo, Pallavicino donò i propri beni a Bernabò e nel 1517 i quattro fratelli rimasti divisero di comune accordo l’eredità del padre21. La seconda restaurazione sforzesca favorì nuove confische, nel 1523 contro Pallavicino e Ottone e l’anno successivo a sfavore di Bernabò. Il feudo di Brignano fu allora concesso, anche se per pochissimo tempo, a Sforzino Sforza, a cui, il 20 luglio 1525, giurarono fedeltà le comunità di Brignano e Pagazzano22. Già nel 1526, però Bernabò, graziato dal duca Francesco II Sforza, riottene beni e feudo. I figli di Bernabò, di fatto unici eredi della linea di Sagramoro, si trovarono, però, nuovamente confiscati, in questo caso tuttavia giacché rei del tentato omicidio al duca Francesco II. Nel 1533, Francesco Bernardino, primogenito di Bernabò, fu graziato dal duca che gli restituì anche i beni confiscati allo zio Pallavicino, già donati in precedenza al fratello Bernabò, e quelli dello zio Ottone23. I beni concessi nuovamente dal duca ammontavano a circa 6.000 pertiche di terre tra Brignano, Pagazano e Castel Rozzone, lavorate « da massari a metà del tutto »24. Le continue confische e riacquisizioni portarono i figli di Bernabò a ricompattare le proprietà del ramo Visconti di Sagramoro. Nel 1551 i fratelli di Francesco Bernadino – nel frattempo deceduto – Galeazzo, Gaspare, Ottone e Giovanni Battista si divisero i beni del padre : i beni di Brignano toccarono a Giovanni Battista, mentre ad Ottone e Galeazzo furono concessi i beni di Pagazzano, ed a quest’ultimo anche quelli di S. Giorgio in Lomellina e Castel Seprio nel varesotto25. Sempre a favore di Galeazzo era già stata emessa una sentenza per godere dei beni di Pagazzano, confiscati in precedenza allo zio Ettore26. Ottone poté comunque ampliare le possessioni qualche anno più tardi, grazie all’acquisto di varie terre a Castel Rozzone dal fratello Gaspare27.

Figura 2 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Sagramoro (sec. XVI - XVIII)

Figura 2 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Sagramoro (sec. XVI - XVIII)
  • 28 Le ragioni di Ottone su Pagazzano e non su Brignano sono confermate dal suo testamento del 29 maggi (...)

10Negli anni ’70 del Cinquecento a godere dei beni e della dignità feudale di Bernabò erano ormai solo Ottone, Galeazzo e Giovanni Battista. A quest’ultimo competeva Brignano, sempre in « condominio » con l’altro ramo discendente dall’investitura di metà Quattrocento (gli eredi di Francesco Bernardino) mentre al fratello Ottone spettava Pagazzano28.

  • 29 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 31 agosto 1601.
  • 30 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 18 febbraio 1603.
  • 31 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 117, 5 febbraio 1605.

11Nel 1601, già defunti Giovanni Battista e Ottone, morì anche Galeazzo, senza eredi però. Si avviò allora una causa per la successione che oppose la Camera fiscale, che pretendeva i beni in quanto feudali, e i nipoti Galeazzo Maria e Francesco Bernardino, figli di Giovanni Battista, e Bartolomeo e Ottaviano, figli di Ottone. Questi ultimi reclamavano i beni in virtù del fedecommesso dello zio Francesco Bernardino, per il quale tutti i beni del padre Bernabò dovevano tornare sempre alla linea primogeniale29. Al termine della causa per la discendenza a Galeazzo, nel 1603, ci fu un nuovo contenzioso con la Camera feudale, per la condanna capitale occorsa a Francesco Bernardino, che interessò parte dei feudi di Brignano, Castano, Pagazzano e S. Giorgio30. La vicenda si concluse solo nel 1605 con la consegna dei beni confiscati, da parte del Magistrato delle regie entrate, a Galeazzo Maria, fratello di Francesco Bernardino31.

  • 32 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 117.

12A metà Seicento, la linea di Sagramoro era ancora titolare dei beni e del feudo. Ne erano beneficiari Gerolamo, primogenito di Bartolomeo, cui erano conferiti anche i beni dello zio Ottaviano, e Nicolò, nipote di Galeazzo Maria32. Nel corso del secolo il beneficiò passò però al fratello di Gerolamo, Alberto, e in particolare ai figli di quest’ultimo, Bartolomeo Maria e Marc’Antonio, che ereditarono anche i beni del cugino in terzo grado Bernabò Maria (1680). Alla morte di Bartolomeo Maria (1695), i beni della linea di Sagramoro furono riaccorpati nelle mani di Marc’Antonio, ultimo discendente della famiglia, morto senza eredi nel 1716. I beni e il feudo furono allora devoluti ai discendenti del ramo di Pietro Francesco e dunque, per la prima volta dalla concessione di metà Quattrocento, il feudo e le proprietà tornarono ad essere gestiti da un’unica famiglia.

Il ramo di Pietro Francesco

  • 33 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116. Atto di transazione rogato dal notaio Antonio Zunico, alla da (...)
  • 34 Per le vicende della successione al ramo si rimanda a ASMi, Archivio Litta-Modigliani, cart. 23, 16 (...)
  • 35 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 119.

13Così come per Sagramoro, anche a Pietro Francesco era successo nel feudo il primogenito, il cavalier Alfonso, cui, il 13 agosto 1489, furono trasferiti i beni di famiglia da parte della madre e tutrice Eufronia Barbavara33. Al contrario di Francesco Bernardino, che nominò eredi tutti i figli, Alfonso destinò la dignità feudale e i beni di Brignano e Pagazzano al solo primogenito Pietro Francesco34. L’altro figlio, Annibale, diede così avvio ad un altro ramo della famiglia, che non ebbe mai dignità su Brignano e Pagazzano, pur disponendo di molti beni in Lombardia e facendo parte dell’alta nobiltà e finanza milanese, cui si legò anche per matrimonio. Annibale, ad esempio, sposò Lucia Saoli, figlia di Domenico, uno dei più importanti uomini di finanza della Milano cinquecentesca, primo finanziatore della corte spagnola, che dotò la figlia con 50.000 lire35.

Fig. 3 - Famiglia Visconti, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)

Fig. 3 - Famiglia Visconti, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)

14Fu solo ad inizio Settecento, in occasione della morte del già citato Marc’Antonio, che da questo ramo della famiglia, ed esattamente dal conte Antonio, furono avanzate pretese di discendenza nel feudo ; una causa, però, mai presa in considerazione dalla Camera feudale, giacché presentata oltre i termini prescritti e dunque nemmeno andata in giudicato.

  • 36 ASMi, Finanza Confische, cart. 3246, 6 maggio 1566.
  • 37 ASMi, Finanza Confische, cart. 3246, 28 marzo 1564, atto rogato dal notaio trevigliese Bartolomeo C (...)

15Duraturo fu invece il ramo primogeniale. Al cavalier Alfonso, come scritto, successe Pietro Francesco, primo membro ad avere problemi con la Camera regia e a rischiare l’espropriazione dei beni. In questo caso l’occasione non fu però una successione o un reato di lesa maestà, ma i detestabilium facinorum sodomie per eum commisse in presenti civitate mediolani36, per il quale fu condannato al pagamento di 2.000 scudi d’oro ed eventualmente all’esproprio dei beni. Pietro Francesco si salvò solo grazie alla donazione fatta a favore dei figli (Pirro, Alfonso e Luigi) qualche anno prima, che di fatto impedì alla Camera di rifarsi sui beni di Brignano, pur provocando l’avvio di un contenzioso che tuttavia si risolse a favore dei tre fratelli37.

  • 38 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 8 maggio 1706, testamento in copia del 31 agosto 1623.

16Ad inizio Seicento, i beni dei discendenti di Pietro Francesco erano posseduti dai figli di Alfonso, Annibale e Pirro. Il primo, pur avendo tre figli, decretò erede per testamento il nipote Alfonso, che a metà secolo, morto il padre Pirro, deteneva nelle proprie mani tutti i beni della famiglia38.

Fig. 4 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)

Fig. 4 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)
  • 39 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 10 agosto 1690.
  • 40 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 119, 29 dicembre 1711. Dal testamento emerge che Marc’Antonio, fig (...)
  • 41 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 28 ottobre 1702. Con loro furono condannati, nella medesima da (...)
  • 42 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, 17 marzo 1717.
  • 43 Claudia Erba, vedova Litta, nipote di papa Innocenzo IX, andò in sposa al Gran Maresciallo, marches (...)
  • 44 ASMi, Notarile, filza 47717, 18 ottobre 1779, notaio Bartolomeo Guerrini.
  • 45 Bergamaschi et al. 1989-90, vol. I, fonte originale Archivio di Stato di Bergamo, Catasto di Trevig (...)

17Alfonso morì nel 1690 e i suoi beni, per testamento, passarono ai figli maschi, Annibale e Pirro e solo parzialmente all’abate Luigi e al prete Francesco39. Furono proprio i figli di Alfonso ad avviare la causa e ottenere l’eredità dei beni del già citato Marc’Antonio, da lui concessi per testamento, riunendo i beni dei due primordiali rami della famiglia40. Per ottenere piena legittimità in tal senso, i fratelli dovettero superare un’altra causa, intentata nel 1702 dalla Camera regia per reato di lesa maestà, considerata l’azione dei Visconti nelle milizie imperiali durante la cosiddetta guerra di successione spagnola contro l’alleanza franco-spagnola41. Superato il periodo di guerra, arrivata la dominazione austriaca a Milano e riottenuto il feudo, Annibale, Pirro e Luigi avviarono la causa per farsi riconoscere i beni concessigli per testamento da Marc’Antonio, contro le pretese di Giovanni Battista e Guido Antonio Arcimboldi, nipoti del defunto. Nel 1716 la Camera feudale sentenziò a favore dei Visconti, pur rimanendo aperta ancora per alcuni anni la disputa per la possessione del Colerto, ereditata dagli Arcimboldi ma recriminata dai Visconti giacché bene feudale e non allodiale42. Da metà del Settecento, l’eredità dei figli d’Alfonso si concentrò nelle mani di Alberto, figlio di Annibale e Claudia Erba43. Da quest’ultimo l’eredità principale passo al primogenito Alfonso, con il quale terminò la vicenda del feudo di Brignano e Pagazzano definitivamente cancellato con il tramonto dell’antico regime44. La famiglia Visconti tuttavia mantenne buona parte delle proprietà immobiliari, ereditate nel 1812 dai figli di Alfonso : Antonio, Giacomo e Cristina. Nel 1827, per donazione dei fratelli, le proprietà passarono ad Antonio, che ebbe solo una figlia, Antonia, che ereditò i beni paterni nel 1866. Sposa Sauli, Antonia lasciò in eredità i beni al figlio nel 1892, il conte Antonio Sauli Visconti45.

La gestione dei poderi

  • 46 Le terre del Lago Gerundo 1996.
  • 47 Pagani 1997, Pagani - Tosi 2005, Gambi 1984 e Di Tullio 2012.
  • 48 Roveda 1984, Bigatti 1995.
  • 49 Di Tullio 2011b.
  • 50 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 01 luglio 1603.
  • 51 Sulle professioni agrarie in Lombardia e il loro status contrattuale, si vedano Giorgetti 1974, Sel (...)

18Brignano si colloca in un distretto storicamente denominato « Geradadda », caratterizzato dall’abbondanza d’acque, scaricate dai fiumi che lo circondano, che qui hanno letti più ampi e argini più bassi, e dalle abbondanti risorgive. Per tali ragioni si è ripetutamente sostenuto che questo lembo di pianura fosse ricoperto in passato dal lago Gerundo e pur non esistendo prove inconfutabili è verosimile ritenere che, se non in una vera e propria formazione lacustre, la Geradadda fosse caratterizzata dalla presenza d’estese paludi che la ricoprivano per gran parte dell’anno46. Tutto ciò rende esplicito l’assunto che qui, come in altre parti della pianura Padana, la relazione uomo-ambiente fosse essenzialmente incentrata sul rapporto uomo-acque e che proprio tale necessità d’equilibrio ecologico abbia stimolato l’azione di bonifica, derivando le acque dei fiumi per governarne il naturale defluire o irreggimentando in fontanili e rogge l’affiorare delle risorgive47. In estrema sintesi tali azioni sono state caratteristiche di almeno due fasi storiche, il periodo della centuriazione romana e quel processo medievale che ha preso avvio dalla cosiddetta « nuova cultura dell’acqua » del Duecento48. Così in Geradadda, soprattutto a partire dal XIV secolo, i vari attori presenti, con un ruolo particolarmente significativo delle comunità locali, avviarono un intenso processo di bonifica che mosse in due direzioni : da una lato la derivazione di rogge a canali dai fiumi che permettesse di ridurne la portata e condurre le acque nelle terre a settentrione della linea delle risorgive e dall’altro sfruttare il patrimonio di acque sorgenti, per mezzo dei fontanili49. A Brignano, Pagazzano e Castel Rozzone, terre dei Visconti, quest’opera fu promossa soprattutto dai feudatari, che erano, tra l’altro, i principali proprietari terrieri. Ciò fu possibile da un lato ottenendo il possesso della roggia Brambilla, derivata dal fiume Brembo, già patrimonio della famiglia Torriani (a cui era stato concesso il diritto di derivazione dal comune di Begamo) e dall’altro costruendo la roggia Canzarolo, originata in territorio di Spirano, nel bergamasco, da circa 60 teste di fontanile50. La messa a disposizione dell’acqua per mezzo di questi due cavi principali, così come la scelta di affittare le possessioni accorpate a fittabili, stimolò la diffusione della rete secondaria, terziaria e colatizzia, soprattutto dalla seconda metà del Quattrocento51.

  • 52 Sulle vicende dell’Estimo generale e sul dibattito sorto in seno alla società lombarda, si rimanda (...)

19Questa corsa alla bonifica produsse risultati notevoli, tanto che a metà Cinquecento – quando cioè si dispone delle prime sistematiche ricognizioni e descrizioni della situazione agraria lombarda per la misura generale voluta da Carlo V52 – in Geradadda oltre il 70 % della superficie agraria censita disponeva d’irrigazione, con una situazione simile ma estremamente più sviluppata che nel resto della bassa pianura lombarda (fig. 5). Nelle tre località interessate dalla presenza della famiglia Visconti, i valori tendevano a crescere oltre la media del distretto, tanto che a Pagazzano l’irriguo si estendeva al 78 % dei fondi, a Brignano saliva al 90 % e addirittura nella piccola Castel Rozzone la totalità delle terre disponeva di acqua.

Fig. 5 - L’estensione dell’irriguo nella bassa pianura lombarda (1550 ca. valori in % sul totale della superficie censita)

Fig. 5 - L’estensione dell’irriguo nella bassa pianura lombarda (1550 ca. valori in % sul totale della superficie censita)

Fonte : Di Tullio 2011b, p. 48, tab. 4.

  • 53 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, descrizioni degli anni 1717-20 e 1726.

20Il dato aggregato è del resto confermato dall’analisi di singole possessioni, tra le quali ad esempio quella del Colerto, a confini settentrionali di Brignano, di circa 800 pertiche milanesi, della quale si dispone di una serie di descrizioni per la già citata disputa tra la famiglia e le autorità milanesi per la definizione della natura giuridica di questa possessione (allodiale o feudale). Purtroppo non vi sono ricognizioni sistematiche al nostro scopo se non ad inizio Settecento, quando la possessione era composta per ¼ da prati, solo una piccola porzione era destinata ai pascoli, mentre la gran parte era coltivata a cereali, soprattutto in monocoltura, e oltre l’86 % dei fondi era irrigato53 (fig. 6).

Fig. 6 - La possessione del Colerto nel 1725

Fig. 6 - La possessione del Colerto nel 1725
  • 54 ASMi, Notarile, filza 33707, 6 ottobre 1687, notaio Giuseppe Posterla.
  • 55 L’atto rogato da Bartolomeo Pagani è conservato in copia in ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 8 (...)
  • 56 Roveda 1987.
  • 57 Chittolini 1978, Roveda 1979.
  • 58 Simili patti di locazione si trovano, ad esempio, nell’investitura di Pallavicino e Ottone Visconti (...)
  • 59 ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688, notaio Giuseppe Posterla.

21Le possessioni dei Visconti tuttavia erano dotate d’importanti « innovazioni » già da molto tempo, tanto che si trattava di strutture complesse, sottoposte ad un continuo incentivo per mezzo di contratti di locazione di lungo periodo ad meliorandum. A fine Seicento la cassina del Colerto era composta da « una cucina abbasso, altra camera per riponer li grani dell’ara, cantina con suoi superiori sino al tetto, luogo del bergamino col casello, stalla, corte portico et sue cassine col luogo delle tinne »54. Ma il processo di miglioria e specializzazione degli edifici rurali e dei fondi aveva radici più lontane ed era già molto avanzato all’alba dell’età moderna. Nel giugno del 1503, ad esempio, si stipulò il contatto di locazione novennale di tutte le terre possedute da Francesco Bernardino Visconti a Castel Rozzone, al Colerto e alla Viscontina a favore di Giovanni Giacomo de Capitanei e Bartolomeo Facini, residenti a Romanengo, nel Cremonese55. I patti d’incanto permettono di ottenere diverse informazioni sulla situazione dei poderi e sui modi di gestione delle terre, composte di « aratori, avidati e prati ». I fondi erano affiancati da diverse strutture d’abitazione e lavoro, adibite alle varie figure professionali che vi operavano. Si trovavano così « casamenti » da fittabile e da massaro, con proprie camere, sovrastate da solai per il ricovero dei grani e affiancate da « colombare » e varie strutture per l’allevamento, tra cui spazi per ospitare i « bergamini »56. Alla transumanza di questi ultimi era riservata una certa importanza, non solo mediante la predisposizione di strutture per ospitarli, ma anche vietando ai conduttori la « rottura » dei prati per un certo numero di anni e anzi incentivandone la formazione di altri « con propri incastri », stimolando così forme stabili di integrazione dell’allevamento, come avveniva ad esempio nelle grandi possessioni del lodigiano57. Piuttosto complessa era del resto anche la rete irrigua, comprendente fossi, canali, colatori, incastri e ponti, che i locatori erano incentivati a migliorare con appositi rimborsi sul canone d’affitto. Altrettanto erano previsti sconti per il miglioramento delle abitazioni dei massari e per l’introduzione di nuove essenze arboree. Soprattutto, però, per privilegio familiare, le possessioni erano concesse esenti da ogni tributo, le acque erano garantite ai conduttori gratuitamente e le biade raccolte potevano essere trasportate liberamente « extra dominio secondo il solito »58. Agli immobili dispersi nel territorio si affiancavano varie case da pigionante situate nei centri abitati, tra le quali quindici a Brignano, tutte composte da qualche stanza, un cortile, una stalletta e un pollaio, alle volte con qualche gelso59.

22In generale dunque la tendenza fu di preferire l’incanto accorpato delle possessioni a fittabili (che a loro volta le cedevano suddivise a massari) con contratti fissi in denaro. Ciò garantì il continuo miglioramento dei poderi, ma soprattutto una gestione accentrata a fronte di una « proprietà » frammentata e soggetta al continuo rischio degli espropri nel turbolento e instabile passaggio di dominazioni del XVI secolo. Dalla seconda metà del Seicento e ancor di più nel Settecento, quando i fondi erano ormai in gran parte dotati delle infrastrutture necessarie e il possesso tendeva a concentrarsi in pochi « condomini », si favorì la gestione diretta della « proprietà », che si avvalse più sporadicamente dei facoltosi intermediari fittabili, per concedere direttamente ai massari poderi d’estensione non superiore alle 500-600 pertiche e con contratti di vario tipo (fisso in natura, massarizio in natura riservata la foglia del gelso, fisso in denaro).

  • 60 Sulle rotazioni biennali e triennali il riferimento classico rimane Bloch 1977, in specifico pp. 35 (...)
  • 61 Zappa 1986, p. 66.
  • 62 Cafagna 1989.

23Ciò, tuttavia, non interruppe il processo d’innovazione, soprattutto colturale, che coinvolse la Lombardia tra XVII e XVIII secolo, con l’introduzione del mais, la progressiva specializzazione monocolturale (mais-frumento) e la diffusione della gelsicoltura. Del resto, ma questa fu una tendenza di tutto il distretto, qui si era sperimentata piuttosto precocemente la rotazione a ciclo continuo60, così come riscontrabile dalla già citata misura generale dell’estimo di Carlo V. I censori, in questo caso, indicarono con il termine « prati » i fondi destinati esclusivamente alle foraggere irrigue, « rotti » solo dopo molti anni (come previsto dagli stessi contratti d’affitto analizzati) mentre i fondi su cui si sperimentava la rotazione continua tra cerealicoltura e foraggio furono definiti « aratori e avidati irrigui »61 : pratica che fu alla base della cosiddetta « rivoluzione agraria » lombarda del Sette e Ottocento62. Tuttavia simili estensioni della cerealicoltura irrigua a metà Cinquecento furono una prerogativa di poche aree della bassa lombarda, dove l’integrazione tra agricoltura e allevamento era ancora di là dall’essere compiuta (fig. 7).

Fig. 7 - Qualità delle colture irrigue nella bassa pianura lombarda (1550 ca.)

Fig. 7 - Qualità delle colture irrigue nella bassa pianura lombarda (1550 ca.)

Fonte : Di Tullio 2011b, p. 49.

24Un processo di specializzazione e d’innovazione che fu incentivato nella seconda metà del Cinquecento, anche in conseguenza del positivo trend demografico che stimolò il sacrificio delle foraggiere a favore della cerealicoltura. Tra le rilevazioni di metà Cinquecento e quelle del primo Seicento, infatti, si denota una contrazione dei prati stabili a favore della cerealicoltura, anche in promiscuità con la vite ; fondi sui quali, considerata l’estensione dell’irriguo a Brignano, si praticava il ciclo continuo (fig. 8).

  • 63 Archivio di Stato di Cremona, Fondo comune di Cremona, Sezione antico regime, Estimo di Carlo V, bu (...)

Fig. 8 - Il paesaggio agrario a Brignano (1550 e 1603)63

Fig. 8 - Il paesaggio agrario a Brignano (1550 e 1603)63
  • 64 Coppola 1979.

25Questo trend generale della Geradadda e di Brignano è riscontrabile anche fra le possessioni dei Visconti, allodiali o feudali che furono, e sottoposte o meno a fedecommesso. Oltre allo sviluppo dell’irriguo sui fondi cerealicoli e alla pratica del ciclo continuo, tuttavia, dalla seconda metà del Seicento i Visconti promossero ulteriori innovazioni agronomiche, in linea con il contesto lombardo, tra cui la diffusione del mais e la gelsicoltura. Riguardo alla prima, il nuovo cereale, come noto, ebbe un’introduzione a fasi alterne, ma dalla metà del XVII secolo iniziò ad affermarsi come prodotto importante anche tra le quote dominicali di raccolto, segno evidente di un suo utilizzo per l’alimentazione locale ma altresì per il commercio64. In particolare la diffusione del mais, cereale primaverile, che aveva, tra l’altro, importanti funzioni rigenerative per il fondo, portò ad una specializzazione colturale, con la progressiva scomparsa della segale, del miglio e degli altri cereali primaverili tradizionalmente alla base della dieta contadina. Ciò permise una razionalizzazione delle produzioni e soprattutto, considerata l’alta resa del mais, di destinare sempre una minore quota del raccolto all’alimentazione locale. Questo fenomeno è ricostruibile considerando le qualità delle scorte dominicali, tra metà Seicento e inizio Ottocento, proponendo un confronto tra quanto avvenne sulle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda e in quelle prossime della Misericordia Maggiore di Bergamo nel piano bergamasco (figg. 9 e 10).

  • 65 I dati utili all’elaborazione del grafico si trovano in ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688 (...)

Fig. 9 - Qualità delle scorte dominicali nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda ( % sul totale dei prodotti)65.

Fig. 9 - Qualità delle scorte dominicali nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda ( % sul totale dei prodotti)65.
  • 66 Nostra rielaborazione dei valori sui raccolti pubblicati in Moioli 1983 (dati originali relativi al (...)

Fig. 10 - Qualità della quota dominicale di raccolto nelle possessioni della MIA a Fara Olivana (indici in base mobile sul valore medio del periodo 1600-1800)66

Fig. 10 - Qualità della quota dominicale di raccolto nelle possessioni della MIA a Fara Olivana (indici in base mobile sul valore medio del periodo 1600-1800)66
  • 67 Moioli 1981.
  • 68 ASMi, Notarile, filza 48834, 04 febbraio 1812, notaio Girolamo Croce.
  • 69 ASMi, Notarile, filza 48834, 04 febbraio 1812, tavole catastali allegate, notaio Girolamo Croce.

26Altrettanto importante è la specializzazione verso settori extra agricoli, con una diffusione sulle possessioni dei « moroni », che iniziavano a essere minuziosamente registrati nelle descrizioni, e il paesaggio agrario si caratterizzò per la presenza di filari di gelsi ai bordi dei fondi67. Negli stessi patti di conduzione, la foglia di gelso divenne una voce importante della « cavata » dominicale e negli inventari della famiglia iniziarono a figurare utensili da filanda68. Un continuo processo d’investimento in questi luoghi che può essere più genericamente riscontrato nella ininterrotta acquisizione di terre, tanto che dalle circa 6.000 pertiche possedute a metà Cinquecento, i Visconti arrivarono a concentrare oltre 13.000 pertiche ad inizio del XIX secolo69.

  • 70 ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688, notaio Giuseppe Posterla e filza 35727, 15 marzo 1717, (...)

Fig. 11 - Il paesaggio agrario nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda70

Fig. 11 - Il paesaggio agrario nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda70

Conclusioni

27La ricostruzione delle linee di successione dei Visconti di Brignano ha permesso di seguire la « proprietà » delle terre e di definire l’intricata vicenda tra beni feudali, allodiali, espropri, eredità e fedecommesso. L’elemento di maggiore interesse per la nostra analisi è la constatazione che molto spesso i fondi furono gestiti in « condominio » e che era piuttosto usuale suddividere i beni tra i figli, seppur sempre ricompattati alla loro morte al ramo primogeniale.

  • 71 Cfr. la nota 4.
  • 72 Calonaci 2005, p. 40-45.

28Dall’analisi della gestione del patrimonio fondiario appare in modo inconfutabile che la forma di possesso non influì sul risultato economico, né tanto meno limitò i processi d’innovazione o l’investimento per l’acquisto di nuove terre. In tal senso l’analisi dei poderi dei Visconti di Brignano è in linea con quanto fin qui rilevato dalla storiografia71. Appare, anzi piuttosto pertinente l’assunto per il quale i poderi erano condotti secondo il contesto ambientale e socioeconomico dominante : nel caso Toscano, ad esempio, la mezzadria, in quello della bassa lombarda, il grande affitto72.

  • 73 Chittolini 1973.
  • 74 Per un inquadramento sul tema si vedano i saggi in Tra rendita e investimenti 1998 e Cavaciocchi 20 (...)

29Questo caso studio suggerisce piuttosto alcune riflessioni che, pur occorrendo ulteriori indagini comparative per esser confermate, sono qui proposte in modo quasi provocatorio. La proprietà in « condominio », infatti, sembra aver favorito, soprattutto nelle fasi politicamente concitate del primo Cinquecento, un interesse della famiglia alla rendita e la delega della gestione dei poderi a facoltosi intermediari. Senza che vi sia stata una coscienza economica in tal senso, è come se si fosse praticata una separazione tra proprietà e gestione, che ha favorito il continuo investimento in innovazione. In pratica, gli intermediari che affittavano in denaro i poderi accorpati, per poi subaffittarli ai massari, avevano necessità di incentivare il profitto sulle terre per rientrare del capitale investito. La tipica forma contrattuale ad meliorandum, che rendeva redditizi gli investimenti sui fondi per il locatore, favorì questo processo, che del resto fu tipico della Lombardia tra tardo medioevo ed età moderna. In questo caso il fedecommesso permise la continua innovazione garantendo la proprietà sia della rendita, sia del possesso dei fondi, che in ogni caso non potevano essere alienati, al contrario di ciò che avvenne per le proprietà ecclesiastiche73. In effetti, il ricorso all’affitto accorpato fu più sporadico dalla seconda metà del Seicento, quando le innovazioni più onerose (irriguo e cassine) erano perlopiù completate e la « proprietà » tese a concentrarsi nelle mani di pochi, se non addirittura di uno solo, come nel Settecento dopo l’estinzione del ramo di Sagramoro. In questo caso vi fu una maggiore volontà di partecipazione della « proprietà » alla gestione, tanto che i poderi furono affittati separatamente (al massimo 500 o 600 pertiche) con contratti a massarizio, in natura o in denaro74.

  • 75 Tra i più recenti sul tema, si vedano i saggi in Cavaciocchi 2004.

30Tutto ciò considerato, dunque, il fedecommesso ebbe un’influenza solo parziale sulla gestione delle terre, che fu determinata anche da altre questioni. Diverso potrebbe essere chiedersi se e in che modo il fedecommesso abbia influito sul mercato della terra e di rimando sulla circolazione di capitale. Questione che richiederebbe certamente un’analisi più approfondita, ma che tuttavia deve tener conto sia di quella, più volte sottolineata, elasticità dell’istituto dei fedecommessi, molto spesso derogato per questioni strutturali o contingenti alla singola famiglia, sia del contesto generale della compravendita di terra nelle società di antico regime. In altri termini, anzitutto, ci si dovrebbe chiedere se, di là dalle diverse forme di possesso, sia esistito o no un « mercato » della terra in età preindustriale75.

Haut de page

Bibliographie

Alfani - Rao 2011 = G. Alfani, R. Rao (a cura di), La gestione delle risorse collettive. Italia settentrionale, secoli XII-XVIII, Milano, 2011.

Bailey 1989 = M. Bailey, A Marginal Economy ? East Anglian Breckland in the Later Middle Ages, Cambridge, 1989.

Barbot 2008 = M. Barbot, Per una storia economica della proprietà dissociata. Efficacia e scomparsa di un altro modo di possedere, in Materiali per una storia della cultura giuridica, I/2008, p. 33-62.

Beonio-Brocchieri 2000 = V. Beonio-Brocchieri, « Piazza universale di tutte le professioni del mondo ». Famiglie e mestieri nel Ducato di Milano in età spagnola, Milano, 2000.

Bergamaschi et al. 1989-90 = P. Bergamaschi, E. Galimberti, S. Gibelli, M. Juvara, Progetto di conservazione e proposta di riuso di Palazzo Visconti – Brignano Gera d’Adda, Tesi di Laurea, Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, AA 1989-90.

Bigatti 1995 = G. Bigatti, La provincia delle acque. Ambiente, istituzioni e tecnici in Lombardia tra Sette e Ottocento, Milano, 1995.

Bloch 1977 = M. Bloch, I caratteri originali della storia rurale francese, Torino, 1977.

Cafagna 1989 = L. Cafagna, La « rivoluzione agraria » in Lombardia, in Id., Dualismo e sviluppo nella storia d’Italia, Venezia, 1989, p. 31-112.

Calonaci 2005 = S. Calonaci, Dietro lo scudo incantato. I fedecommessi di famiglia e il trionfo della borghesia fiorentina (1400 ca-1750), Firenze, 2005.

Cattaneo - Galli 1999-2000 = L. Cattaneo e T. Galli, Il palazzo visconteo di Brignano Gera d’Adda (vicende dal 1470 al 1994), Tesi di Laurea, Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, AA 1999-2000.

Cavaciocchi 2004 = S. Cavaciocchi (a cura di), Il mercato della terra. Secc. XIII-XVIII, Firenze 2004.

Cavaciocchi 2009 = S. Cavaciocchi (a cura di), La famiglia nell’economia europea. Secc. XIII-XVIII, Firenze, 2009.

Cengarle - Chittolini - Varanini 2005 = F. Cengarle, G. Chittolini, G. M. Varanini (a cura di), Poteri signorili e feudali nelle campagne dell’Italia settentrionale fra Tre e Quattrocento : fondamenti di legittimità e forme di esercizio, Firenze, 2005.

Cerutti 2003 = S. Cerutti, Giustizia sommaria. Pratiche e ideali di giustizia in una società di Ancien Régime (Torino XVIII secolo), Milano, 2003.

Chittolini 1973 = G. Chittolini, Un problema aperto : la crisi della proprietà ecclesiastica fra Quattro e Cinquecento : locazioni novennali, spese di migliorie ed investiture perpetue nella pianura lombarda, in Rivista storica italiana, LXXXV, 1973, p. 353-393

Chittolini 1978 = G. Chittolini, Alle origini delle « grandi aziende » della bassa lombarda, in Quaderni storici, 39, 1978, p. 828-844.

Chittolini 1989 = G. Chittolini, La pianura irrigua lombarda fra Quattrocento e Cinquecento, in Annali dell’Istituto Alcide Cervi, n. 10/1989, p. 207-221.

Chittolini 1996 = G. Chittolini, Feudatari e comunità rurali (secoli XV-XVIII), in Id., Città, comunità e feudi negli stati dell’Italia centro-settentrionale (secoli XIV-XVI), Milano, 1996, p. 227-244.

Colombo 2008 = E. Colombo, Giochi di luoghi. Il territorio lombardo nel seicento, Milano, 2008.

Coppola 1973 = G. Coppola, L’agricoltura di alcune pievi della pianura irrigua Milanese nei dati catastali della metà del secolo XVI, in M. Romani (a cura di), Aspetti di vita agricola lombarda (sec. XVI-XIX), vol. I, Milano 1973 (Contributi dell’Istituto di Storia economica e sociale), p. 185-286.

Coppola 1979 = G. Coppola, Il mais nell’economia agricola lombarda (dal secolo XVII all’unità), Bologna, 1979.

De Maddalena 1959 = A. De Maddalena, I bilanci dal 1600 al 1647 di un’azienda fondiaria lombarda, in C.M. Cipolla (a cura di), Storia dell’economia italiana (sec. VII-XVII), Torino, 1959, p. 578-582.

De Maddalena 1964 = A. De Maddalena, Il mondo rurale italiano nel Cinque e nel Seicento, in Rivista storica italiana, LXXVI, 1964, p. 549-626.

De Moor - Shaw-Taylor - Warde 2002 = M. De Moor, L. Shaw-Taylor, P. Warde (a cura di), The management of common land in north west Europe, c. 1500-1850, Turnhout, 2002.

Di Tullio 2009 = M. Di Tullio, La famiglia contadina nella Lombardia del Cinquecento : dinamiche del lavoro e sistemi demografici, in Popolazione e Storia, 1/2009, p. 19-37.

Di Tullio 2011a = M. Di Tullio, L’estimo di Carlo V (1543-1599) e il perticato del 1558. Per un riesame delle riforme fiscali nello stato di Milano del secondo Cinquecento, in Società e Storia, 131, 2011, p. 1-35.

Di Tullio 2011b = M. Di Tullio, La ricchezza delle comunità. Guerra, risorse e cooperazione nella Geradadda del Cinquecento, Venezia, 2011.

Di Tullio 2012 = M. Di Tullio, Tra ecologia ed economia : uomo e acqua nella pianura lombarda d’età moderna, in G. Alfani, M. Di Tullio e L. Mocarelli (a cura di), Storia economica e ambiente italiano (ca. 1400-1850), Milano, 2012, p. 283-299

Donini 1921 = C. Donini, Il palazzo Visconti (ora Carminati) di Brignano d’Adda, Treviglio, 1921.

Donini 1936 = C. Donini, L’innominato, Treviglio, 1936.

Donini 1944 = C. Donini, Brignanadda. Scampoli di storia, Milano, 1944.

Faccini 1988 = L. Faccini, La Lombardia fra ‘600 e ‘700. Riconversione economica e mutamenti sociali, Milano, 1988.

Gallo 1572 = A. Gallo, Le vinti giornate dell’agricoltura et de’ piaceri della villa, Venezia, 1572.

Gambi 1984 = L. Gambi, Acqua ed ecologia, in A. Guarducci (a cura di), Agricoltura e trasformazione dell’ambiente. Secc. XIII-XVIII, Firenze, 1984, p. 662-664.

Giogetti 1974 = G. Giorgetti, Contadini e proprietari nell’Italia moderna. Rapporti di produzione e contratti agrari dal secolo XVI a oggi, Torino, 1974.

Grossi 1977 = P. Grossi, « Un altro modo di possedere ». L’emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria, Milano, 1977.

Gullino 1984 = G. Gullino, I Pisani dal Banco e Moretta. Storia di due famiglie veneziane in età moderna e delle loro vicende patrimoniali tra 1705 e 1836, Roma, 1984.

Le terre del Lago Gerundo 1996 = Le terre del Lago Gerundo, Roma, 1996.

Magni 1937 = C. Magni, Il tramonto del feudo lombardo, Milano, 1937.

Maifreda 2006 = G. Maifreda, Culture popolari e culture dello scambio in età preindustriale. Idee per una ricerca, in Studi storici Luigi Simeoni, 56, 2006, p. 295-332.

Merzario 1989 = R. Merzario, Il capitalismo nelle montagne. Strategie famigliari nella prima fase di industrializzazione del comasco, Bologna 1989.

Moioli 1981 = A. Moioli, La gelsibachicoltura nelle campagne lombarde dal Seicento alla prima metà dell’Ottocento. Parte prima. La diffusione del gelso e la crescita produttiva della sericoltura, Trento, 1981.

Moioli 1983 = A. Moioli, Una grade azienda del Bergamasco durante i secoli XVII e XVIII, in G. Coppola (a cura di), Agricoltura e aziende agrarie nell’Italia centro-settentrionale (XVI-XIX), Milano, 1983, p. 599-724.

Moreno - Raggio 1992 = D. Moreno, O. Raggio, Premessa, in Quaderni Storici, 81/1992, p. 613-623.

Ostrom 1990 = E. Ostrom, Governing the Commons. The Evolution of Istitutions for Collective Action, Cambridge, 1990.

Pagani – Tosi 2005 = L. Pagani e A. Tosi (a cura di), Acqua e Paesaggio, Bergamo (Quaderni del Centro Studi sul Territorio), 2005.

Pagani 1997 = L. Pagani (a cura di), Acqua e Territorio, atti del Seminario, Università degli studi di Bergamo, aprile 1995, Bergamo, 1997.

Pugliese 1924 = S. Pugliese, Condizioni economiche e finanziarie della Lombardia nella prima metà del secolo XVIII, in Miscellanea di storia italiana, tomo XXI, 1924, p. 30 e ss.

Roveda 1979 = E. Roveda, Una grande possessione lodigiana dei Trivulzio fra Cinquecento e Settecento, in M. Mirri (a cura di), Ricerche di storia moderna, II, Pisa, 1979, p. 25-140.

Roveda 1984 = E. Roveda, Il beneficio delle acque. Problemi di storia dell’irrigazione in Lombardia tra XV e XVII secolo, in Società e Storia, 24, 1984, p. 269-287.

Roveda 1987 = E. Roveda, Allevamento e transumanza nella pianura lombarda : i bergamaschi nel Pavese tra ‘400 e ‘500, in Nuova rivista storica, LXXI, f. I-II, 1987, p. 49-70.

Sella 1982 = D. Sella, L’economia lombarda durante la dominazione spagnola, Bologna, 1982.

Sella 1987 = D. Sella, Household, Land Tenure, and Occupation in North Italy in the Late Sixteenth Century, in The Journal of European Economic History, XVI, 3, 1987, p. 487-511.

Sereni 1958 = E. Sereni, Spunti della rivoluzione agronomica europea nella scuola bresciana cinquecentesca di Agostino Gallo e di Camillo Tarello, in Miscellanea in onore di Roberto Cessi, Roma, 1958, p. 113-128.

Tra rendita e investimenti 1998 = Tra rendita e investimenti : formazione e gestione dei grandi patrimoni in Italia in età moderna e contemporanea, Bari, 1998.

Zappa 1986 = A. Zappa, Il paesaggio pavese. Campagne, lomellina e Oltrepò, attraverso le fonti catastali della metà del ‘500, in Nuova rivista storica, LXX, fasc. I-II, 1986, p. 33-106.

Zappa 1991 = A. Zappa, L’avvio dell’estimo generale dello Stato di Milano nell’età di Carlo V, in Società e Storia, 53, 1991, Milano, p. 545-577.

Zappa 1995 = A. Zappa, Le lotte e i contrasti per la realizzazione dell’estimo generale dello Stato di Milano, in P. Pissavino, G. Signorotto (a cura di), Lombardia Borromaica. Lombardia Spagnola. 1554-1659, Roma, 1995, p. 383-403.

Haut de page

Notes

1 Per un inquadramento sul tema, tra i molti, si vedano almeno Grossi 1977, Cerutti 2003 e Barbot 2008.

2 Tra l’ampia produzione, si vedano almeno Bailey 1989, Moreno - Raggio 1992, De Moor - Shaw-Taylor - Warde 2002, Alfani - Rao 2011. Tra gli economisti, il riferimento principale rimane Ostrom 1990.

3 Calonaci 2005, p. 9-10, 24-30 e 178-185. All’autore si rimanda anche per l’esaustivo quadro storiografico sul tema.

4 Simili analisi, anche se ottenute partendo da domande di ricerca non propriamente identiche, si trovano per la Lombardia in De Maddalena 1959, p. 578-582, per la Contea di Bagnolo in Gullino 1984 e per la Toscana in Calonaci 2005.

5 Tra l’amplissima produzione in merito si rimanda, per il XV-XVII secolo, alle sintesi di De Maddalena 1964, Chittolini 1989 e al recente Colombo 2008. Per il periodo successivo si vedano i classici : Pugliese 1924 e Faccini 1988.

6 Le descrizioni, soprattutto quelle conservate nel Fondo Feudi Camerali, non sono nuove alla storiografia economica lombarda. Su tali fonti è basato, ad esempio, il classico lavoro di Sella 1982 e più di recente quello di Colombo 2008. Minore attenzione è stata dedicata alla documentazione del Fondo Finanze, con la parziale eccezione di Maifreda 2006.

7 I lavori classici sul feudo di Brignano sono tutti opera di Donini 1921, 1936, 1944, poi ripresi dalla poca storiografia successiva, in particolare relativa alla storia del palazzo di Brignano. Il tema dei feudi non è tra i più affrontati dalla storiografia. Tra le poche pubblicazioni si vedano almeno: Magni 1937, Chittolini 1996, Sella 1982 e il più recente Cengarle - Chittolini - Varanini 2005.

8 Sulle vicende della discendenza dei Visconti di Brignano, dal duca Bernabò al XVII secolo, tra gli altri documenti che ripercorrono la genealogia della famiglia, si veda Archivio di Stato di Milano (d’ora in poi ASMi), Famiglie, cart. 208, 22 luglio 1692.

9 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 2 maggio 1442.

10 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 16 febbraio 1449.

11 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 3 febbraio 1454. Dopo la concessione di Francesco I, i Visconti, per evitare problemi di legittimazione, fecero un atto di transazione con Francesco Isacchi, pagando 480 fiorini per tutti i beni e le giurisdizioni a lui spettanti a Pagazzano, in base all’originaria concessione del duca Filippo Maria. ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 5 ottobre 1454.

12 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 20 marzo 1470. L’investitura feudale comprendeva il possesso dei dazi dell’imbottato e della dovana, seppure solo in favore di Sagramoro e della sua discendenza, con la specifica che non furono invece oggetto d’investitura, giacché in possesso della famiglia, i dazi di pane, vino e carne, le ragioni d’acqua e altri beni terrieri. L’investitura prevedeva inoltre la facoltà di nominare un podestà con mero e mixto imperio su Brignano e Pagazzano.

13 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 20 aprile 1498.

14 ASMi, Notarile, filza 3666, 3 settembre 1500, notaio Evangelista Baruffi. Elenco dei beni mobili espropriati e poi restituiti a Francesco Bernardino Visconti, in Brignano, Pagazzano e Castel Rozzone. Sul ruolo di Francesco Bernardino Visconti nelle vicende belliche del 1499 si vedano le molte missive conservate in ASMi, Sforzesco, cart. 1165.

15 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, 28 aprile 1728. Copia del testamento in ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 11 novembre 1504.

16 Dal testamento di Francesco Bernardino si evince che ebbe una figlia di nome Cassandra, da Margherita Pallandis, alla quale lasciò 1.000 lire imperiali per il mantenimento fino al matrimonio o ai voti religiosi. All’amante Margherita, invece, andarono 1.000 lire (ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 19 novembre 1504).

17 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 19 novembre 1504.

18 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 17 aprile 1517, atto del notaio Stefano de Sermo.

19 ASMi, Finanza Confische, cart. 3248. A conferma della fedeltà dei Visconti di Brignano a Luigi XII, basti citare che esecutori testamentari di Francesco Bernardino furono Gian Giacomo Trivulzio e lo Chaumont, comandanti generali al servizio del re di Francia (ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 19 novembre 1504). Nel libro dell’ufficio dei banditi dell’anno 1513, alla data del 4 novembre, i deputati contro i ribelli annotarono che il domino Sagramoro Visconti, con il fratello e altri nobili milanesi, furono condannati per lesa maestà e ribellione al duca Massimiliano Sforza, alla decapitazione e confisca di tutti i beni (ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 119, 4 novembre 1513).

20 ASMi, Feudi camerali p.a., cart. 115, 10 novembre 1513

21 ASMi, Feudi camerali p.a., cart. 116, 16 ottobre 1551.

22 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 8 luglio 1525.

23 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 12 dicembre 1533.

24 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 21 settembre 1533.

25 ASMi, Notarile, filza 7288, 16 ottobre 1551, notaio Aloisio Della Croce. Copia dell’atto di divisione anche in ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, alla data.

26 ASMi, Finanza Confische, cart. 3248, 18 agosto 1520.

27 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 115, 9 febbraio 1557.

28 Le ragioni di Ottone su Pagazzano e non su Brignano sono confermate dal suo testamento del 29 maggio 1589, con il quale decreta eredi i quattro figli. ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116.

29 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 31 agosto 1601.

30 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 18 febbraio 1603.

31 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 117, 5 febbraio 1605.

32 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 117.

33 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116. Atto di transazione rogato dal notaio Antonio Zunico, alla data.

34 Per le vicende della successione al ramo si rimanda a ASMi, Archivio Litta-Modigliani, cart. 23, 16 marzo 1678.

35 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 119.

36 ASMi, Finanza Confische, cart. 3246, 6 maggio 1566.

37 ASMi, Finanza Confische, cart. 3246, 28 marzo 1564, atto rogato dal notaio trevigliese Bartolomeo Cremaschi.

38 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 8 maggio 1706, testamento in copia del 31 agosto 1623.

39 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 10 agosto 1690.

40 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 119, 29 dicembre 1711. Dal testamento emerge che Marc’Antonio, figlio d’Alberto, regio feudatario, membro del consiglio dei Decurioni e del consiglio segreto, nel 1695 aveva ereditato dal fratello Bartolomeo Maria i beni che furono del padre Alberto. Con il testamento lasciò ai quattro fratelli figli di Alfonso i beni a Brignano e in Geradadda. Le disposizioni testamentarie informano inoltre dell’eredità ricevuta qualche anno prima dal fratello, per lascito del cugino di terzo grado Bernabò Visconti, che pur avendo figli, nominò erede Bartolomeo Maria, probabilmente per un fedecommesso. Oltre a vari altri lasciti a diverse persone, nominò infine erede universale il conte Giovanni Benedetto Borromeo Arese, figlio del conte Carlo e della contessa Giovanna Odescalchi.

41 ASMi, Finanza Confische, cart. 3214, 28 ottobre 1702. Con loro furono condannati, nella medesima data, il marchese Vercellino Visconti, il conte Giulio Simonetta e Camillo Litta.

42 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, 17 marzo 1717.

43 Claudia Erba, vedova Litta, nipote di papa Innocenzo IX, andò in sposa al Gran Maresciallo, marchese Annibale Visconti, nel 1716. Cattaneo - Galli 1999-2000.

44 ASMi, Notarile, filza 47717, 18 ottobre 1779, notaio Bartolomeo Guerrini.

45 Bergamaschi et al. 1989-90, vol. I, fonte originale Archivio di Stato di Bergamo, Catasto di Treviglio, cartt. 20, 22 e 24.

46 Le terre del Lago Gerundo 1996.

47 Pagani 1997, Pagani - Tosi 2005, Gambi 1984 e Di Tullio 2012.

48 Roveda 1984, Bigatti 1995.

49 Di Tullio 2011b.

50 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 01 luglio 1603.

51 Sulle professioni agrarie in Lombardia e il loro status contrattuale, si vedano Giorgetti 1974, Sella 1987, Merzario 1989, Beonio - Brocchieri 2000, Colombo 2008 e Di Tullio 2009.

52 Sulle vicende dell’Estimo generale e sul dibattito sorto in seno alla società lombarda, si rimanda a Coppola 1973, Zappa 1986, 1991, 1995, Di Tullio 2011a.

53 ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 118, descrizioni degli anni 1717-20 e 1726.

54 ASMi, Notarile, filza 33707, 6 ottobre 1687, notaio Giuseppe Posterla.

55 L’atto rogato da Bartolomeo Pagani è conservato in copia in ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, 8 giugno 1503.

56 Roveda 1987.

57 Chittolini 1978, Roveda 1979.

58 Simili patti di locazione si trovano, ad esempio, nell’investitura di Pallavicino e Ottone Visconti delle possessioni a Brignano, Pagazzano, Castel Rozzone, Viscontina e Culerto del 11 marzo 1523 (ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116).

59 ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688, notaio Giuseppe Posterla.

60 Sulle rotazioni biennali e triennali il riferimento classico rimane Bloch 1977, in specifico pp. 35-41. Sul ciclo continuo tra foraggiere e cerali si vedano Gallo 1572, Sereni 1958.

61 Zappa 1986, p. 66.

62 Cafagna 1989.

63 Archivio di Stato di Cremona, Fondo comune di Cremona, Sezione antico regime, Estimo di Carlo V, busta 11, « Copia delle misure della prima squadra di ducato de Milano fatte per li infracsripti misuratori sotto Messer Bartolomeo Vitale Cesareo Commissario alla qual squadra coherentia da un parte il naviglio di martesana, de l’altra la strada maestra che va da Milano a Lode ed de l’altra lo confine lodigiano, cremascho, cremonese et bergamasco » e ASMi, Feudi Camerali p.a., cart. 116, descrizione del paesaggio agrario allegata al fascicolo del 18 febbraio 1603 compilata da Bernardino de Santogallo cancelliere del borgo.

64 Coppola 1979.

65 I dati utili all’elaborazione del grafico si trovano in ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688, notaio Giuseppe Posterla, ASMi, Finanza Apprensioni, cart. 561, 15 settembre 1734 e ASMi, Notarile, filza 48834, 04 febbraio 1812, notaio Girolamo Croce.

66 Nostra rielaborazione dei valori sui raccolti pubblicati in Moioli 1983 (dati originali relativi alla possessione di Fara Olivana).

67 Moioli 1981.

68 ASMi, Notarile, filza 48834, 04 febbraio 1812, notaio Girolamo Croce.

69 ASMi, Notarile, filza 48834, 04 febbraio 1812, tavole catastali allegate, notaio Girolamo Croce.

70 ASMi, Notarile, filza 33707, 11 agosto 1688, notaio Giuseppe Posterla e filza 35727, 15 marzo 1717, notaio Giovanni Giacomo Moretti.

71 Cfr. la nota 4.

72 Calonaci 2005, p. 40-45.

73 Chittolini 1973.

74 Per un inquadramento sul tema si vedano i saggi in Tra rendita e investimenti 1998 e Cavaciocchi 2009.

75 Tra i più recenti sul tema, si vedano i saggi in Cavaciocchi 2004.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Famiglia Visconti di Brignano (sec. XIV -XVI)
Titre Figura 2 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Sagramoro (sec. XVI - XVIII)
Titre Fig. 3 - Famiglia Visconti, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)
Titre Fig. 4 - Famiglia Visconti di Brignano, ramo di Pietro Francesco (sec. XV - XVIII)
Titre Fig. 5 - L’estensione dell’irriguo nella bassa pianura lombarda (1550 ca. valori in % sul totale della superficie censita)
Légende Fonte : Di Tullio 2011b, p. 48, tab. 4.
Titre Fig. 6 - La possessione del Colerto nel 1725
Titre Fig. 7 - Qualità delle colture irrigue nella bassa pianura lombarda (1550 ca.)
Légende Fonte : Di Tullio 2011b, p. 49.
Titre Fig. 8 - Il paesaggio agrario a Brignano (1550 e 1603)63
Titre Fig. 9 - Qualità delle scorte dominicali nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda ( % sul totale dei prodotti)65.
Titre Fig. 10 - Qualità della quota dominicale di raccolto nelle possessioni della MIA a Fara Olivana (indici in base mobile sul valore medio del periodo 1600-1800)66
Titre Fig. 11 - Il paesaggio agrario nelle possessioni dei Visconti di Brignano in Geradadda70
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Matteo Di Tullio, « L’economia del fedecommesso : la gestione delle « aziende » agricole dei Visconti di Brignano (secc. XVI-XVIII) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 13 mars 2014, consulté le 23 octobre 2017. URL : http://mefrim.revues.org/776 ; DOI : 10.4000/mefrim.776

Haut de page

Auteur

Matteo Di Tullio

Università Bocconi, Milano - matteo.ditullio@unibocconi.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org