Navigation – Plan du site
Fidéicommis. Procédés juridiques et pratiques sociales (Italie-Europe, Bas Moyen Âge-XVIIIe siècle)

La disciplina giuridica del fedecommesso in Piemonte nel XVIII secolo

Caterina Bonzo

Résumés

Il contributo tende a evidenziare le linee essenziali della disciplina giuridica del fedecommesso nel Settecento, con particolare riferimento all'area piemontese. I diversi interventi normativi, avviati in modo risoluto fin dalla prima edizione delle Regie Costituzioni di Vittorio Amedeo II, hanno conferito all'istituto una struttura giuridica sempre più precisa, in funzione di un chiaro progetto assolutistico di controllo e di contenimento di certi meccanismi di gestione patrimoniale tradizionalmente diffusi nella società d'ancien régime. Lo studio si propone di far emergere gli strumenti principali adottati dalla monarchia sabauda per arginare il ricorso all'istituto fedecommessario, sia su base soggettiva che oggettiva, imponendo precisi limiti all'estensione temporale del vincolo, predisponendo una serie di adempimenti pratici strumentali ad un sempre più capillare controllo delle ricchezze. I tempi non erano ancora maturi per una radicale abolizione dei fedecommessi, ma per certi versi la politica assolutistica sabauda pur non ancora sensibile alle istanze eguallitarie si sarebbe almeno formalmente ben saldata con i provvedimenti abolitivi di matrice francese di fine secolo, certamente diversi nei presupposti ideologici, ma destinati ad incidere in modo definitivo sul destino dell'istituto.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Codice civile 1942, art 692.
  • 2 Per un quadro sintetico cfr. Durante 1989, p. 2 ; Carbone 1998, p. 635. Da ultimo cfr. Trattato di (...)

1Com’è noto, nell’ordinamento giuridico italiano delineato in campo civilistico dal codice del 1942, così come modificato dalla successiva riforma del diritto di famiglia del 1975, la sostituzione fedecommissaria è attualmente ammessa solo nelle forme del cosiddetto « fedecommesso assistenziale », nell’ipotesi cioè in cui in famiglia vi sia un interdetto : in tal caso, i genitori o altri ascendenti in linea retta o il coniuge della medesima persona incapace possono « istituire [erede] rispettivamente il figlio, il discendente o il coniuge con l’obbligo di conservare e restituire alla sua morte i beni anche costituenti la legittima, a favore della persona o degli enti che, sotto la vigilanza del tutore, hanno avuto cura dell’interdetto medesimo… In ogni altro caso la sostituzione è nulla »1. È di tutta evidenza come in questo caso il disvalore connesso dall’ordinamento vigente ai limiti posti in via successoria al libero godimento della proprietà si attenui : una delle caratteristiche tipiche della sostituzione fedecommissaria classica, e cioè la nomina di un erede al discendente (in questo caso infermo di mente) per il caso che muoia in una certa condizione (qui, cioè, nello stato di infermità), assume essenzialmente uno scopo appunto assistenziale2. La tutela di un soggetto debole prevale così sulle aspettative di conservazione patrimoniale, rendendo la disposizione sostanzialmente conciliabile con i fondamentali princìpi adottati dal legislatore italiano.

2Una ben diversa rilevanza ebbe invece l’istituto in età moderna, identificandosi come lo strumento privilegiato di conservazione del patrimonio secondo un determinato assetto familiare. Sebbene in astratto possa sembrare più ragionevole una linea metodologica che, muovendo dalla prima diffusione dell’istituto, giunga solo successivamente ai provvedimenti legislativi restrittivi del XVIII secolo, in concreto – considerando le peculiarità specifiche del caso sabaudo – è parso tuttavia più utile e realistico in questa sede soffermarsi innanzitutto proprio su questi ultimi interventi. Tale scelta, in astratto forse anche opinabile, è imposta dalla stessa documentazione archivistica : come si cercherà di evidenziare in seguito, gli obblighi legislativi prescritti dalla disciplina sabauda settecentesca hanno infatti portato all’emersione di una consistente raccolta di atti e carte di diversa natura, relativi a fedecommessi anche di molti decenni precedenti, che ragionevolmente possono costituire proprio un primo punto di partenza per ulteriori approfondimenti.

  • 3 Anche per il Piemonte, sia pur con gli opportuni adattamenti, rimangono valide – anche se un po’ da (...)
  • 4 Viora 1928 [1986].
  • 5 Viora 1927.
  • 6 Tali erano i quesiti in materia fedecommissaria : "I. Se il Sovrano ha potestà di regolare e limita (...)
  • 7 Il riferimento va appunto ad Antonio Schulting, a P.R. Vitrarius ed a Gherardo Noodt, tutti profess (...)

3Prima di procedere a illustrare le principali novità legislative intervenute nel corso del Settecento in ambiente sabaudo, mi pare opportuna una preliminare quanto sintetica esposizione del quadro storiografico locale sull’argomento3. In proposito, pur non mancando diversi riferimenti interessanti e puntuali alla materia in oggetto, si deve rilevare come il tema specifico dei fedecommessi non abbia assunto nella dottrina giuridica piemontese la forma di una trattazione istituzionale, senza con ciò implicitamente indicare una ridotta diffusione dell’istituto in queste terre. I principali nodi tematici relativi al ruolo ed alla configurazione giuridica dell’istituto in età moderna sono stati prospettati in modo chiaro per la prima volta, sia pur soltanto in forma problematica ed in via per lo più incidentale, dagli studi di Mario Viora. Nel volume pubblicato nel 19284, ma ancor più incisivamente nel lavoro dedicato al parere elaborato da tre giuristi olandesi5, esponenti della prestigiosa ‘giurisprudenza elegante’, l’illustre maestro dell’ateneo torinese richiamava i quesiti più spinosi che il legislatore sabaudo dovette affrontare e risolvere6, interpellando pure la dottrina straniera7, in grado di conferire una particolare autorevolezza alle scelte normative eventualmente condivise dal legislatore sabaudo. Anche in questo caso, peraltro, Viora non poté fare un’analisi approfondita dell’istituto, soltanto tangenzialmente toccato : il lavoro, del resto, mirava piuttosto a valutare complessivamente il contributo della scienza giuridica d’oltralpe in ordine alla raccolta legislativa piemontese nel suo insieme, giungendo ad affrontare questioni anche molto lontane da quelle specificatamente patrimoniali.

  • 8 Pene Vidari 1988.
  • 9 Pene Vidari 1978.
  • 10 Genta 1990.
  • 11 Soffietti 1976, 1998, 1994. Si tratta di sentenze della Corte d’Appello di Torino, competente per i (...)
  • 12 Mongiano 1998, 1999.

4La generazione successiva, facendo tesoro di quella prima significativa messa a fuoco elaborata da Viora sull’istituto fedecommissario, rivolse l’attenzione ad alcuni aspetti specifici della relativa disciplina legislativa settecentesca8, con qualche incursione pure nelle pieghe dell’applicazione pratica della stessa. Uno studio di Gian Savino Pene Vidari, per esempio, rileva l’utilizzo del fedecommesso in età moderna anche nei ceti economicamente meno agiati, per conservare a vantaggio dei discendenti anche solo qualche misero appezzamento di terra9. Sono note, del resto, le parole del Muratori che, tra i tanti motivi di critica all’istituto, menziona proprio l’uso (ridicolo in qualche caso, ma soprattutto estremamente penalizzante) dello strumento fedecommissario da parte dei ceti meno agiati : per questi il vincolo patrimoniale sarebbe stato ben più rischioso e potenzialmente lesivo rispetto alle famiglie economicamente più solide. È da ricordare poi la pregevole ricerca di Enrico Genta sui ‘consegnamenti’ conservati in un fondo settecentesco di un piccolo archivio comunale del cuneese (Cavallermaggiore), secondo quanto disponevano le nuove Regie Costituzioni in ordine all’inventario dei beni vincolati a fedecommesso10, sul quale si tornerà in seguito ; significative sono pure le osservazioni fatte da Isidoro Soffietti su alcuni casi giudiziari dei primi anni dell’Ottocento, in materia di successione testamentaria, con attenzione particolare in qualche caso anche alle questioni sollevate circa la validità delle stesse disposizioni fedecommissarie11. È pure fondamentale, sebbene non direttamente orientata ai vincoli patrimoniali in oggetto, la ricostruzione storica condotta da Elisa Mongiano sul più ampio tema successorio nel tardo diritto comune e nell’età dei codici12.

  • 13 Genta 2008.

5Il tema ha suscitato interesse, in tempi più recenti, anche per le sue naturali connessioni con la materia nobiliare : i delicati interrogativi che la politica del primo Ottocento ha posto, soprattutto nelle incertezze fra le conquiste egualitarie della Rivoluzione, l’introduzione della cosiddetta ‘nobiltà napoleonica’ e la contestuale valorizzazione legislativa del maggiorascato, hanno trovato una stimolante trattazione in alcuni recenti contributi di Enrico Genta13, il quale ha giustamente messo in luce la trasformazione che il maggiorasco ha subìto in quel periodo da istituto giuridico a strumento di politica nobiliare.

  • 14 Viora, 1928, p. 81.
  • 15 L’istituto fedecommissario era stato oggetto di una regolamentazione complessiva solo nella Francia (...)
  • 16 Grossi 1998, 2007.
  • 17 Genta 1990, p. 358.
  • 18 Per esempio, la norma contenuta nelle Coutumes générales del Ducato d’Aosta del 1598 (finalizzata a (...)

6Passando al merito della disciplina giuridica sabauda nel XVIII secolo, si può rilevare che, sebbene l’istituto in area subalpina non sembri aver avuto la diffusione propria di altre realtà italiane14 (come la Lombardia, la Roma pontificia o l’Italia meridionale), fu tuttavia in grado di suscitare nella dinastia sabauda l’interesse ad una regolamentazione precisa, nell’ottica di contenimento di un fenomeno evidentemente non del tutto irrilevante per la solidità della stessa corona. La corposa disciplina normativa che, in pieno Settecento, il legislatore sabaudo approntò per il fedecommesso fu già di per sé dunque un fatto peculiare per l’epoca15 : essa può essere indicativa di alcune specificità della più generale politica sabauda attuata nei confronti dei particolarismi e di tutte quelle prassi provenienti dal basso difficilmente controllabili. Come noto, sebbene in età moderna abbia assunto progressivamente sempre più rilievo, l’attività legislativa sovrana aveva nutrito una tendenziale ritrosia per la materia prettamente privatistica, lasciando ancora un quasi generale monopolio al diritto comune in ordine alla regolamentazione di interessi legati così direttamente alla vita privata dei sudditi e più intimamente parte della dimensione soggettiva16. Nel complesso prevaleva piuttosto la complessa e secolare elaborazione giuridica della dottrina che, a partire dai glossatori, aveva piegato il dettato romanistico a esigenze progressivamente nuove e diverse, configurando un istituto che rispetto alla tradizione classica mutava sostanzialmente struttura e finalità. I pochi interventi legislativi sabaudi che dal Cinquecento iniziarono ad affacciarsi in materia fedecommissaria furono del tutto residuali anche per la specificità degli aspetti considerati, ben lungi dal tratteggiare una disciplina di cornice all’istituto, e comunque, almeno fino al Seicento, ispirati semmai ad una « tendenza nell’insieme più espansiva che riduttiva »17. La circoscritta efficacia territoriale ne avrebbe ulteriormente limitato l’incisività18.

  • 19 È nota, per esempio, la filiazione della legge toscana del 1747, ma anche – sull’argomento in modo (...)

7Soltanto con le Regie Costituzioni settecentesche l’istituto ricevette finalmente un’attenzione specifica da parte del legislatore, ponendosi come modello anche per altre esperienze, quanto meno della penisola19 : salvo qualche minima eccezione, si giunse ad una disciplina tendenzialmente uniforme in tutti i territori soggetti alla corona sabauda. Le finalità perseguite in tema di fedecommessi da Vittorio Amedeo II furono di stretto contenimento dell’istituto : la politica assolutistica avviata già da qualche secolo, ma decisamente più esplicita e robusta nel Settecento, non poteva prescindere da un attacco secco e diretto agli strumenti di conservazione del patrimonio familiare tradizionalmente usati soprattutto da una nobiltà sempre più lacerata tra il sostegno della corona ed il potenziamento dei propri interessi. Ad un principe ormai decisamente orientato a rafforzare le basi del potere monarchico, anche attraverso la limitazione della volontà privata tradizionalmente lasciata ai margini degli interventi legislativi regi, il terreno dei fedecommessi offriva certamente un ambito privilegiato per manifestare chiaramente la nuova impostazione perseguita.

  • 20 Pene Vidari 1988, p. 438 ; Genta 1990, p. 358.
  • 21 Genta 1990, p. 366.
  • 22 Genta 1990, p. 360. Si fa riferimento a quella procedura attuata da Vittorio Amedeo II per fondare (...)

8Bisogna tuttavia chiarire il senso ed il tenore della politica restrittiva perseguita dalla corona sabauda. Da più parti è stato notato come si sia trattato di un’impostazione ispirata al più genuino assolutismo, ben poco curante di antesignani princìpi illuministici, ancora molto lontani, e che peraltro a stento avrebbero fatto breccia, pure in anni più maturi, in terra piemontese20. Il motore delle riforme amedeane e caroline non fu certo « l’ideologia dell’uguaglianza » applicata alle vicende patrimoniali successorie : il fedecommesso diventò strumento efficace al servizio di una politica nobiliare ben calibrata, che lungi dallo sferrare un attacco indistinto alla nobiltà tutta, volle soffocare le velleità aristocratiche della nobilitas minor (cioè quella non tecnicamente titolata, ma neppure riducibile al ceto borghese, poiché comunque avvezza alla conduzione di una vita more nobilium, elemento notoriamente tutt’altro che irrilevante nella valutazione dello status di nobile)21, e mantenere in stato di soggezione alla corona la parte più autentica di quel ceto nobiliare depurato e ridisegnato anche attraverso la delicata ‘avocazione dei feudi’ del ’2222.

  • 23 Genta 2008, p. 385-402.
  • 24 Genta 2008, p. 394.
  • 25 Infatti, anche dopo il crollo dell’esperienza napoleonica, la nobiltà imperiale fu riconosciuta pur (...)

9Il fedecommesso, quale strumento usato in età moderna per lo più dal ceto nobiliare per assicurare la trasmissione dei patrimoni di generazione in generazione all’interno della medesima famiglia, assunse dunque specifico rilievo proprio nella politica nobiliare adottata dalla monarchia. Tale centralità non sarebbe venuta meno neppure dopo il frastuono rivoluzionario, a seguito del quale anche in Piemonte si giunse all’abolizione dell’istituto ed allo scioglimento dei vincoli esistenti23 : ancora agli inizi del nuovo secolo Napoleone – che pure, quando ancora era stato Primo Console, si era dichiarato contrario ai vincoli patrimoniali successori perché lesivi della libertà dei successori del testatore –, una volta divenuto Imperatore, con decreto del 1808 creò i presupposti per la nascita di una nuova nobiltà. Furono infatti resi ereditari i titoli da lui concessi a condizione che venisse costituito proprio un maggiorasco. In tal modo le istanze egualitarie della Rivoluzione venivano radicalmente contraddette, riconoscendo invece espressamente precisi privilegi al ceto nobiliare, bersaglio della critica illuministica, soppiantato dai fuochi rivoluzionari e ora, inaspettatamente, rinato a nuova vita. Tuttavia, com’è stato recentemente sottolineato, non solo « la diffusione dei maggioraschi fu sostanzialmente modesta », ma pure l’idea napoleonica di « creare un nuovo ceto dirigente accanto al trono » si rivelò debole e non fu certo in grado di evitare « la rapida eclissi del sogno imperiale »24. In Italia, in particolare, i titoli di nobiltà legati all’astro napoleonico furono mantenuti unicamente se dotati di maggiorasco, a differenza di quelli francesi per i quali sembra esserci stata maggiore comprensione25.

  • 26 Rossi 2009.
  • 27 Ciccaglione 1889-1897, p. 374.

10L’intento restrittivo assunto dalla legislazione sabauda settecentesca fu dunque dettato da una specifica reazione alla situazione esistente ancora all’inizio del XVIII secolo, caratterizzata da una estrema incertezza e confusione, nella quale dilagava una molteplicità di prassi e di consuetudini diverse, tutte progressivamente orientate ormai nella sostanza alla conservazione dei beni in ambito familiare. La dottrina giuridica italiana per buona parte aveva contribuito a delineare la struttura del fedecommesso moderno26, coniugando le regole della successione feudale con alcuni aspetti propri delle sostituzioni fedecommissarie di diritto romano, improntando ai beni fedecommissari « quel carattere d’inalienabilità, che era una delle caratteristiche del feudo »27. Il bisogno di unitarietà patrimoniale aveva rafforzato l’istituto fedecommissario, realizzando quella concentrazione di beni tanto ricercata in età moderna, anche grazie all’apporto fecondo del maggiorasco e della primogenitura, per lo più di derivazione spagnola. I lineamenti del fedecommesso nella prima età moderna erano stati dunque progressivamente tracciati proprio dalla dottrina che tuttavia – nei consilia, nei tractatus o nelle raccolte di sentenze – guardava soprattutto alla prassi quotidiana, in assenza di coevi interventi normativi precisi, se non in minima parte e per aspetti specifici. Su molti nodi spinosi della disciplina fedecommissaria (come per esempio l’ammissibilità, e in quale misura, dei fedecommessi ricavabili sulla base delle mere ‘congetture’ o di alcune ipotesi eccezionali di deroga al divieto di alienazione) non si erano tuttavia col tempo raggiunte soluzioni certe ed uniformi ; si era, al contrario, ulteriormente arricchita la gamma dei punti controversi, con l’inevitabile aleatorietà delle decisioni giudiziali, orientate sulla base di parametri non sempre oggettivi, e sulla quale un enorme ruolo giocava la specifica preparazione del singolo giurista coinvolto.

11Nei primi anni del Settecento, dopo le conquiste militari e lo stabilirsi di un relativo clima di pace e di rinnovamento istituzionale, si pose per la prima volta, in una prospettiva de iure condendo, l’opportunità di sanzionare legislativamente (e dunque riconducendo ad una volontà ‘politica’ proveniente dall’alto) alcune regole dotate fino a quel momento della forza esclusiva della tradizione o, al contrario, di dettare decisamente nuove disposizioni più rispondenti – nell’ottica dei governanti – alle esigenze del tempo e più in linea con le aspirazioni della stessa politica monarchica.

12Questa volontà di regolamentare, e probabilmente anche di scoraggiare, il fenomeno fedecommissario trovò concreta manifestazione in alcuni meccanismi di controllo e di compressione della libertà dispositiva adottati in seno alle nuove Regie Costituzioni del ’23, poi ulteriormente raffinati ed ampliati nelle due edizioni successive. Può essere interessante rilevare anche l’adozione di alcuni accorgimenti – potremmo dire di diritto transitorio – soprattutto da parte del legislatore del ’23, dettati dalla consapevolezza degli oneri che improvvisamente i sudditi avrebbero dovuto affrontare in adeguamento alla nuova normativa.

  • 28 Regie Costituzioni 1723, libro V, tit. 2, §. 13.

13Innanzitutto a partire dal 1723 assunse rilievo la consistenza qualitativa dei beni suscettibili di fedecommesso o primogenitura, ammessi ormai esclusivamente « sopra i beni immobili » : nessun vincolo avrebbe potuto costituirsi su beni diversi da quelli immobili ed a questi si sarebbero ristretti quelli eretti in forma universale, cioè senza determinazione ulteriore. La normativa del ’23 continuò tuttavia ad ammettere ancora una deroga alla regola generale : nel caso in cui il testatore avesse voluto, infatti, sottoporre a fedecommesso « denari, crediti e mobili », avrebbe dovuto indicarne precisamente « la quantità, ed il luogo dove si trovino », stabilendo un « congruo termine per impiegarne il valore in acquisto di beni » immobili sopra ai quali estendere il vincolo fedecommissario28. Questa ipotesi non sarebbe più stata confermata nelle edizioni successive.

  • 29 Op. cit., § 14.
  • 30 Ibid.

14La novità che spicca maggiormente in linea con quella politica di controllo dell’istituto è senz’altro la previsione di un obbligo di denuncia dei vincoli. Le Regie Costituzioni del ’23 subordinarono infatti la sottrazione dei beni fedecommissari alla garanzia patrimoniale dell’erede o dei sostituiti alla redazione di un « inventario legittimo » dei beni : diversamente, in mancanza dell’inventario, nessun « fedecommesso o primogenitura in qualsivoglia modo concepito » (cioè sia per contratto che per ultima volontà) avrebbe potuto impedire ai creditori degli eredi o dei sostituiti l’aggressione dei beni fedecommissari per realizzare i propri crediti sopra i beni medesimi « come se non fossero stati vincolati »29. Nel caso di inadempimento dell’obbligo inventariale, il vincolo non avrebbe potuto dunque costituire un efficace ‘scudo’ per la tutela del patrimonio fedecommissario dalle pretese di terzi creditori. È curioso che la legge ponga l’obbligo di redazione dell’inventario non solo a carico dell’erede o dei sostituiti (cioè di quanti si presumono viventi al momento dell’apertura della successione), ma anche allo stesso fedecommittente come se egli stesso, al momento stesso dell’erezione del vincolo, dovesse pure preoccuparsi di fare un elenco preciso dei beni da lui stesso vincolati o comunque « prendere le dovute precauzioni »30 (indicazione peraltro un po’ vaga per un testo legislativo) affinché i beni non passassero ai successori designati prima della redazione dell’inventario da parte di essi.

  • 31 Op. cit., § 15.

15Sulle modalità concrete di redazione dell’inventario, la legge non impose particolari formalismi, se non in ordine alla tempistica (l’inventario doveva, infatti, essere redatto entro lo stesso termine previsto per relationem dalla legge per gli inventari legali, cioè tre mesi), all’individuazione del soggetto abilitato a redigere la denuncia (cioè un notaio), e relativamente al contenuto essenziale dell’atto (si sarebbe cioè dovuto trattare di una « chiara e fedel descrizione della quantità, situazione e coerenza [cioè dei confini] de’ beni » per gli immobili, e « della designazione degli instrumenti quanto ai censi, crediti ed annualità e della quantità di denari che dovessero impiegarsi in essi » e, una volta effettuato il reinvestimento, si sarebbero dovuti indicare i beni acquistati con quel denaro)31. Queste pur minime formalità subivano un’ulteriore semplificazione nel caso si trattasse di fedecommessi ‘passati’, cioè istituiti anteriormente all’entrata in vigore del nuovo complesso legislativo : in quel caso il termine per il deposito del suddetto inventario si allungava ad un anno a decorrere dalla pubblicazione delle medesime Regie Costituzioni, e sembrava essere ammessa anche la descrizione dei beni in forma autografa, mancando in questa ipotesi alcun cenno alla figura notarile. Il che avrebbe semplificato non poco la procedura per chi si trovasse chiamato ad adempiere ad un obbligo relativo ad un vincolo creato anteriormente alla previsione legislativa dello stesso onere di pubblicizzazione. Anche la sanzione nel caso di mancato deposito sarebbe stata del tutto diversa : la severità della sottoposizione dei beni non denunciati alla garanzia patrimoniale di terzi (prevista nel caso di inadempimento degli obblighi di denuncia per i fedecommessi di nuovo conio) si attenuava per l’ipotesi di fedecommessi ‘antichi’, la cui mancata denuncia avrebbe comportato soltanto la privazione dei frutti per tutto il tempo dell’inadempienza (e di questi frutti la quarta parte sarebbe andata a beneficio di chiunque avesse denunciato la manchevolezza ; il rimanente, pagati i debiti, sarebbe andato a remunerare lo stesso fedecommesso o primogenitura).

  • 32 ASTo, Insinuazione di Torino, Consegnamenti di beni e primogeniture, registri 5874/109-5874/118. An (...)

16Di questa procedura è ancor oggi disponibile la ricca documentazione del fondo archivistico del Senato di Piemonte, conservata presso l’Archivio di Stato di Torino32, ed i corrispondenti fondi custoditi nelle singole comunità locali distribuite sul territorio piemontese. Dallo spoglio degli atti di consegna è possibile farsi un’idea piuttosto precisa della consistenza patrimoniale dei vincoli settecenteschi (od anche precedenti quando risalenti ad atti costitutivi più antichi) : si tratta di descrizioni di varia lunghezza, in cui vengono elencati più o meno dettagliatamente i beni sottoposti a vincolo, in relazione ai quali sono generalmente individuati i titoli giuridici che ne giustificano la disponibilità da parte dell’erettore, i precisi confini quando si tratti di beni immobili e la ricostruzione della storia giuridica del bene che ne assicuri la legittima appartenenza al possessore. Spesso le denunce fanno riferimento a fedecommessi costituiti anteriormente all’entrata in vigore delle Regie Costituzioni e ciò spiega, oltre alla prevalenza della forma autografa rispetto a quella notarile, la comparsa nel corso della denuncia di molteplici riferimenti a fedecommessi antichi che vengono ‘rinnovati’ ed arricchiti da nuove disposizioni. In questi casi può essere che venga fatta menzione di beni, circostanze o condizioni non più ammesse secondo il regime dettato dalla nuova legislazione, ma legittime in quanto riferibili ad un periodo precedente. La varietà dei beni è assai curiosa : si va da quelli più consistenti, di carattere immobiliare (feudi, giurisdizioni, diritti di nomina di giudici, diritti di pesca, pascoli, campi coltivati, ville e castelli con i relativi arredi, mulini, pozzi, torri, forni, decime, ma anche cascine rustiche, o piccole pezze di campo), fino ad arrivare agli utensili, alle attrezzature di lavoro così come pure a beni di minimo valore economico, ma evidentemente di un certo significato nell’ottica del testatore. Spesso la lunghezza della consegna è dovuta all’entità cospicua del patrimonio vincolato, anche se non mancano casi curiosi di emulazione dei costumi nobiliari in cui beni piuttosto miseri vengono minuziosamente snocciolati e, al contrario, consegne di importanti e vasti feudi di solo poche righe : nel primo caso si tratta per lo più di beni produttivi, di botteghe, di vigne, campi, orti, pezze di prato… ; nelle consegne nobiliari, invece, viene generalmente alla luce un patrimonio assai rilevante, frutto di un processo di accumulazione secolare che ha avuto come unico fine il godimento delle relative fortune.

17Il carattere stesso della consegna è comunque legato a doppio filo con la tutela del patrimonio vincolato : l’eventuale dimenticanza di qualche bene ne avrebbe infatti comportato l’esposizione all’aggressione dei terzi creditori. Per questo in molti casi i consegnanti procedono ad una lungimirante ‘riserva’, che avrebbe consentito loro di integrare in un secondo momento, preso anche meglio atto del patrimonio ereditato, l’esatta consistenza dei beni fedecommissari. L’enorme numero degli atti di consegna si distribuisce nei primissimi anni successivi all’entrata in vigore della compilazione sabauda, che per la prima volta prevedeva i nuovi obblighi. La presenza di fedecommessi ‘non nobili’ si riduce progressivamente a seguito del divieto contenuto nella disposizione del ’29 che vietava ai borghesi l’accesso all’istituto.

  • 33 Op. cit., §§ 16-17.
  • 34 Solo in via assolutamente residuale la norma prevedeva l’attivazione ex officio dell’iniziativa da (...)

18Una volta redatti, gli inventari dovevano poi essere depositati presso un pubblico ufficio per poter pubblicizzare il vincolo e renderlo adeguatamente conoscibile da chiunque volesse ricostruire lo status del bene interessato33. Due sarebbero stati gli uffici competenti : da un lato, quello dell’insinuazione del luogo di abitazione del fedecommittente, dall’altro l’archivio della comunità dove fossero situati i beni34.

  • 35 Op. cit., § 19.

19Vi fu un’altra novità nella disciplina dell’istituto nelle Regie Costituzioni del ’23 concernente il momento costitutivo dello stesso vincolo : la sicurezza che la dottrina giuridica tradizionale sembrava aver avuto nel decifrare la volontà del disponente, anche in assenza di espressioni chiare ed inequivocabili, parve sgretolarsi di fronte all’esigenza di agganciare la sussistenza di vincoli patrimoniali a criteri più certi delle mere « congetture »35. Queste, secondo la nuova legislazione, non furono più ritenute assolutamente sufficienti a dedurre la volontà del testatore di sottoporre a vincolo fedecommissario la propria eredità o parte di essa, risultando di qualche utilità esclusivamente nell’ipotesi in cui, data per certa l’esistenza del fedecommesso sulla base delle stesse espressioni usate dall’erettore, si discutesse soltanto della sua durata o della sua « pertinenza » (cioè della sua estensione) e quando fosse incerto chi comprendere nella sostituzione fedecommissaria. In tal modo venne a perdere di significato tutta l’impalcatura che la dottrina giuridica medievale aveva costruito per la distinzione di fedecommessi taciti o espressi e per graduare le diverse forme di congettura a seconda delle varie opportunità interpretative.

20Si può dire che la disciplina restrittiva fin qui descritta incidesse, soprattutto per i fedecommessi di nuovo conio, nella fase iniziale del vincolo, quando cioè dalla volontà (per lo più) testamentaria – o comunque ancora racchiusa in una sfera esclusivamente privatistica – si passava ad un dato conoscibile da chiunque vi avesse interesse. Vi furono altre disposizioni che invece andarono a regolamentare diversi aspetti, senz’altro più attinenti alle fasi successive del percorso che il fedecommesso tracciava nel corso del tempo, quando cioè si presentavano motivi di conflitto tra soggetti (familiari e non), ma soprattutto tra esigenze radicalmente contrapposte (sostanzialmente economiche, e che pur non si risolvevano tout court in questioni puramente finanziarie. A scontrarsi erano infatti più profondamente logiche di vita, aspirazioni confliggenti, che non potevano non subire le conseguenze di una concezione immobilistica, o piuttosto dinamica, della ricchezza). È il caso per esempio del cosiddetto « scorporo », cioè della possibilità di aggredire la consistenza del patrimonio vincolato per far fronte a problemi contingenti sorti medio tempore.

  • 36 Op. cit., § 20.
  • 37 Op. cit., § 23.

21Una delle cause sulle quali il legislatore non ebbe dubbi ad ammettere la possibilità di smembrare dal fedecommesso alcuni beni fu la costituzione (o restituzione) di dote36. In mancanza di altri beni, si sarebbero potuti ‘scorporare’ non solo i fedecommessi ascendentali ma anche quelli trasversali (purché progressivi nella famiglia) per la restituzione della dote della moglie (purché ‘congrua’, cioè non eccessiva e parametrata all’uso di quella specifica famiglia ed alle circostanze proprie del singolo matrimonio in oggetto), dote da regolarsi secondo la quantità effettivamente pagata al marito. Tale aggressione al patrimonio vincolato avrebbe tuttavia dovuto trattenersi entro i limiti precisati nella normativa : la dote infatti non avrebbe potuto assorbire più della metà del fedecommesso ascendentale o del quarto del valore di quello trasversale od estraneo (in questo ultimo caso lo scorporo non avrebbe potuto neppure avere luogo se l’erede gravato, passato a nuove nozze, avesse già prole abile alla successione ed al mantenimento della famiglia). Analogamente i fedecommessi ascendentali e trasversali sarebbero stati scorporabili a maggior ragione per la costituzione di dote per le figlie o nipoti dell’erede gravato o del fedecommissario possessore, limitatamente tuttavia alla costituzione di una sola dote, salva espressa e specifica proibizione dell’erettore del vincolo (irrilevante nel caso in cui l’erettore stesso - se ancora in vita – fosse rientrato tra i soggetti obbligati a dotare in sussidio). È di tutta evidenza come queste possibilità fossero concesse per permettere la celebrazione di matrimoni, nell’ottica di una politica che ancora vedeva nella famiglia legittima e nell’aumento demografico un punto di forza dello sviluppo sociale. A riprova, poi, del fatto che la nuova legislazione era tutta tesa a contemperare opposti interessi (la soddisfazione cioè di temporanee ed improvvise esigenze, senza voler per questo negare un’adeguata tutela pure ai fedecommessi legittimamente esistenti), la compilazione impose al marito, al padre o all’avo che avessero beneficiato del suddetto scorporo, l’onere di reintegrare, qualora incorsi in « miglior fortuna »37, il patrimonio fedecommissario, a favore del quale si sarebbero intesi ipso iure et facto surrogati ed ipotecati i beni acquistati dal medesimo obbligato.

  • 38 Duboin 1818-1868, t. III, p. 355.

22Salta all’occhio, tuttavia, come la suddetta disciplina sostanziale, diretta a regolamentare il profilo soggettivo delle pretese (precisando chi e nei confronti di chi fossero azionabili), mancasse poi di alcuna indicazione circa la competenza dell’organo deputato a vagliare le diverse circostanze e a dare concretezza alle aspettative dei singoli. Tale vuoto normativo sarebbe stato colmato già a distanza di pochi mesi con un editto (del 25 luglio 1724)38, e la stessa disciplina della edizione successiva del ’29 ne avrebbe fatto tesoro. Su questo punto ritornerò tra breve.

  • 39 Op. cit., § 24.

23Senza dilungarmi su alcuni ulteriori aspetti della disciplina fedecommissaria troppo specifici e minuziosi, intendo ancora rilevare due disposizioni dalle quali emerge la costante attenzione del legislatore al contemperamento degli opposti interessi in gioco. Cosa sarebbe infatti successo se l’erede gravato o il possessore fedecommissario, in qualità di banchiere o nell’esercizio della mercatura, fossero dolosamente incorsi in una procedura fallimentare ? Anche a questo interrogativo la legislazione amedeana cercò di dare una risposta adeguata39 : i frutti del fedecommesso (anche trasversale e pur se costituito in passato) sarebbero stati devoluti automaticamente – ma soltanto per la durata della vita del fallito – a favore dei creditori coinvolti nelle disavventure economiche del proprio dante causa. I vincoli fedecommissari, così come i divieti di alienazione o le clausole esclusive, sarebbero stati ritenuti pertanto radicalmente nulli e valutati come non apposti. Se inoltre un padre avesse, non solo acconsentito, ma anche incoraggiato economicamente il figlio nell’intraprendere l’attività di banchiere o l’esercizio della mercatura, poi rivelatisi fallimentari, e avesse istituito a favore di questi un fedecommesso, nel caso di successivo fallimento – questa volta non solo doloso, ma anche colposo – la quota ereditaria di legittima (cioè la quota di eredità spettante al figlio ab intestato dalla successione paterna) sarebbe andata a favore dei creditori. In quel caso infatti la disposizione fedecommissaria sarebbe risultata intaccata da un intento fraudolento di cui non avrebbero potuto patire i creditori.

  • 40 Il problema dell’opponibilità a terzi del vincolo fedecommissario era già stato affrontato da papa (...)
  • 41 Piccialuti 1999, p. 63ss.

24Infine, ad integrazione della disciplina suddetta, le Costituzioni piemontesi, risolvendo una delicata questione sorta durante i lunghi lavori preparatori, stabilirono che qualunque proibizione di alienazione né qualunque sostituzione avrebbe potuto impedire al Fisco di soddisfare le proprie ragioni di credito sul patrimonio del delinquente, anche quando si trovasse vincolato appunto a fedecommesso o primogenitura40. Se poi, in un caso più specifico, fosse stato commesso il delitto di lesa maestà, l’aggredibilità dei beni del delinquente avrebbe avuto un’ulteriore estensione : in questa ipotesi, infatti, l’esecuzione della condanna avrebbe potuto danneggiare pure i discendenti e gli agnati, anche in linea trasversale41.

25Dal quadro che ho tentato di fare della disciplina dettata dalla prima edizione delle Regie Costituzioni del ’23 credo possa emergere con una certa immediatezza l’intento della monarchia sabauda di dettare leggi chiare e precise in una materia piuttosto intricata, e in cui potevano manifestarsi – più che altrove – interessi tutti ugualmente degni di tutela, ma invocabili da fronti contrapposti. Il tentativo di mediazione, particolarmente evidente in alcune norme, mi pare nel complesso delineato con una certa fermezza, conformemente alla più generale politica perseguita dalla monarchia nei primi decenni del Settecento.

  • 42 Regie Costituzioni 1729, libro V, tit. 2, § 1.
  • 43 Bonzo 2007, p. 91, 113 e passim.
  • 44 Regie Costituzioni 1729…cit., § 2.

26L’impalcatura normativa che il fedecommesso aveva ricevuto nella compilazione del ’23 non fece che arricchirsi di nuovi elementi nella seconda edizione del ’29. Il programma politico sabaudo di irrigidimento della disciplina fedecommissaria e di contenimento del ricorso all’istituto emerse ancor più chiaramente nella disposizione che limitò – sia pur soltanto per i fedecommessi costituiti posteriormente all’entrata in vigore delle Regie costituzioni e soltanto per quelli eretti « ne’ beni allodiali » – la progressività del vincolo a soli quattro gradi, « dopo i quali s’avrà per risolto ogni vincolo e gravame »42. Tale limitazione, sulla quale si era a lungo discusso già durante i lavori preparatori della prima edizione senza tuttavia giungere ad inserirla nella versione definitiva43, avrebbe rappresentato uno dei colpi più duri all’appetibilità dell’istituto, naturalmente proiettato verso la perpetuità. Non solo, ma l’attacco che la monarchia sferrò alla tradizione fedecommissaria si servì pure di un altro strumento decisivo : il divieto di istituire fedecommessi o primogeniture – a pena di nullità dei medesimi - ai borghesi e a quanti non avessero altri titoli di nobiltà se non « la laurea solamente di legge o di medicina, come pure ai banchieri, mercanti ed altri di condizione inferiore »44. Questa disposizione, a contrario, se da un lato conferma l’idea che il fedecommesso fosse effettivamente diffuso pure negli strati inferiori della società, dall’altro rafforza l’immagine della monarchia sabauda – di cui si parlava in apertura – tutta tesa a cogliere le potenzialità del fedecommesso quale istituto strumentale per un’oculata politica nobiliare ; e sembra dimostrare altresì come la disciplina amedeana non fosse ancora il frutto della matura percezione degli aspetti negativi connessi all’istituto in quanto tale, essendo piuttosto orientata a riservare il ricorso ad esso soltanto in una certa direzione e nell’ambito di precisi argini che ne garantissero un uso controllato, eppure utilmente efficace per quel ceto che avrebbe dovuto sostenere la monarchia ancora per diverso tempo.

27Per il resto, permaneva il divieto di vincolare, mediante fedecommesso, beni diversi da quelli immobili, venendo pure meno la possibilità – offerta ancora nell’edizione precedente – per investire entro un congruo termine la somma di denaro che il testatore avesse voluto sottoporre a fedecommesso. Sulla disciplina dell’inventario non compariva alcuna significativa novità, se non per l’accorciamento dei termini temporali entro il quale provvedere alla denuncia (da un anno a tre mesi in via generale) e per quanto riguardava l’apparato sanzionatorio : per il caso di mancata denuncia, le Regie Costituzioni del ’29 prevedevano infatti, in luogo della più tenue privazione dei soli frutti, la più grave perdita del possesso dei beni medesimi. Emergeva dunque la sempre minor tolleranza del sovrano per le situazioni di fatto non ancora attratte nell’orbita del controllo monarchico : la più severa sanzione avrebbe dovuto – nell’ottica del legislatore – indurre con maggiore efficacia al rispetto della disciplina normativa.

  • 45 Ivi,, § 20.

28Un ulteriore passo nell’affermazione del programma amedeano di controllo dell’istituto fu rappresentato dalla previsione (mancante nella precedente edizione) della competenza senatoria in tema di scorporo. Se nel ’23 il legislatore aveva indugiato nel dettagliare le diverse ipotesi sostanziali nelle quali potessero farsi valere le pretese allo scioglimento parziale del vincolo per recuperare denaro liquido (sostanzialmente, limitate ai fini del pagamento o restituzione di doti), nella nuova edizione quella parte venne drasticamente ridotta, limitando la trattazione della materia alla più scarna, ma essenziale determinazione della competenza al Senato nel « permettere l’alienazione ed obbligazione de’ beni fedecommissari o primogeniali, non solamente per la costituzione restituzione ed augumento delle doti, ma anche per gli alimenti puramente necessari o per le spese che si richiedessero per la riparazione o vantaggio de’ beni, e per la difesa o aumento del fideicommisso o per una permuta o surrogazione de fondi »45. Il fatto di prevedere in tema di scorporo la competenza del Senato (cioè al supremo tribunale regio) agganciava ancora più strettamente la materia fedecommissaria agli apparati di governo, e garantiva almeno astrattamente alla monarchia la possibilità di entrare nel merito delle diverse controversie per mano dell’organo senatorio. Non fu banale neppure l’ampliamento che la disciplina dello scorporo dovette prevedere a vantaggio di nuove ipotesi non contemplate dall’edizione precedente (che sostanzialmente riduceva al caso di costituzione o restituzione di dote le uniche necessità in grado di giustificare lo smembramento dei beni vincolati). La maggiore coscienza di certe difficoltà concretamente legate alla protrazione nel tempo del vincolo fedecommissario ed un certo opportunismo monarchico portarono il legislatore ad accogliere le istanze dei sudditi nella soddisfazione di esigenze contingenti diverse da quelle strettamente legate al fenomeno dotale, cogliendo altresì l’occasione per indebolire ulteriormente i vincoli patrimoniali successori, rendendoli sempre meno sordi alle necessità dei singoli familiari e meno monolitici nella loro progressiva affermazione di fronte all’evoluzione delle circostanze.

  • 46 ASTo, Senato di Piemonte, Serie I, categoria 11a (Licenze a liberare beni da vincoli di fedecommess (...)

29Anche in relazione a questa procedura è possibile la consultazione di numerosi volumi in cui sono raccolte centinaia di suppliche promosse dai sudditi innanzi al Senato in riferimento a beni fedecommissari o primogeniali. Per dare un’idea del fermento in materia basti pensare che la consistenza del fondo archivistico relativo è di 78 registri, di almeno duecento fogli ciascuno, contenenti suppliche a partire dal 1725 fino al 1851 (con un’interruzione tra il 1801 ed il 1814, periodo di massima repressione dell’istituto con le leggi francesi)46. Gli atti raccolti possono essere anche molto semplici (come nei primi anni successivi all’entrata in vigore delle Regie Costituzioni del ‘23), limitati a poche righe nelle quali vengono esposti sinteticamente i motivi a sostegno della supplica : analogamente scarna è la risposta pronunciata dall’autorità senatoria. Col passare del tempo, invece, sembra che gli atti si rendano più complessi, perché in effetti lo stesso vincolo può subire nel corso degli anni diverse vicende, in relazione alle quali deve potersi giustificare ogni passaggio davanti all’autorità statale nell’ottica del controllo serrato avviato da Vittorio Amedeo II sui patrimoni vincolati : può essere per esempio che, se il Senato aveva già concesso in precedenza lo scorporo di altri beni soggetti allo stesso fedecommesso, il supplicante abbia interesse a riportare parte del relativo provvedimento, sperando forse di suscitare un analogo orientamento nella decisione del Senato sul nuovo caso proposto.

30La supplica, in generale, contiene innanzitutto la dettagliata descrizione dell’iter giuridico che il fedecommesso ha compiuto prima di giungere in capo al supplicante, attraverso la citazione di testamenti, atti notarili, contratti o convenzioni a riprova dei diversi passaggi di proprietà dei beni lungo i diversi gradi di successione. Segue poi l’esposizione dei fatti concreti che hanno spinto il singolo a proporre la supplica : si tratta per lo più di esigenze finanziarie, come la costituzione di dote, il pagamento di qualche debito cospicuo, l’insufficienza delle risorse nel mantenimento della famiglia o difficoltà lavorative. Nel complesso i documenti riportati nei registri menzionati sono piuttosto scarni, per lo più rispondenti a dei formulari dei quali tuttavia non si hanno i testi originali ; mancano, se non in qualche rarissimo caso, i fascicoli integrativi del procedimento che pure dovevano essere formati nei numerosi casi in cui il Senato, non convinto delle deduzioni del supplicante, ordinava ulteriori accertamenti da parte degli organi competenti per una valutazione più consona delle circostanze concrete riportate nella supplica, limitandosi dunque ad un provvedimento interlocutorio (cioè intermedio) e rinviando la decisione definitiva soltanto dopo l’acquisizione di ulteriori dati. Cosa che inevitabilmente poteva portare anche a delle incursioni piuttosto antipatiche nella gestione economica della famiglia.

  • 47 Regie Costituzioni 1770, libro V, tit. II, § 3.
  • 48 Ivi, § 5.

31L’ultima edizione delle Regie Costituzioni del 1770, sebbene cronologicamente più vicina alla definitiva abolizione dell’istituto sotto le armate rivoluzionarie francesi, in effetti fu ancora tutta legata nello spirito e negli intenti politici al clima assolutistico. Senza poter affrontare approfonditamente in questa sede la più diffusa problematica del clima culturale e politico esistente in Piemonte negli stessi anni nei quali, in altre realtà italiane, sembravano fiorire i primi segni della corrente illuministica e del cosiddetto dispotismo illuminato, e limitandomi a considerare l’evoluzione della normativa amedeana in tema di fedecommessi nella compilazione del figlio di Vittorio Amedeo II, Carlo Emanuele III, le novità sostanziali non sembrano in effetti molte : la terza edizione si presenta come conferma del progetto politico del padre nel controllo e nella compressione dell’istituto, riproponendo il quadro normativo complessivamente disegnato nelle edizioni precedenti, arricchite soltanto di alcuni accorgimenti formali e di poche disposizioni per lo più legate alla ‘vita vissuta’ dell’istituto nel corso del quarantennio che separa la seconda e la terza edizione. Il legislatore del ’70, per esempio, consapevole di alcune dinamiche escogitate dai sudditi nell’aggirare fraudolentemente i divieti normativi precedentemente introdotti, ritenne opportuno sanzionare espressamente con la nullità (« in quanto ordinate in frode alla legge ») tutte le disposizioni che fossero fatte sia per atto tra vivi che mortis causa, « a favore di chicchessia col peso perpetuo o a tempo, come per una o più generazioni, di dare o l’intero usufrutto dell’eredità o una porzione di esso, o altra annualità, ai discendenti o successori, congiunti od altri »47. Queste disposizioni, infatti, pur non avendo formalmente l’apparenza di fedecommessi o di primogeniture, ne raggiungevano comunque effetti analoghi, in violazione dunque della normativa vincolistica appena pubblicata. La norma, dimostrando l’esistenza di una prassi evidentemente abbastanza diffusa per indurre il legislatore ad intervenire, cercò di porre fine alle pratiche elusive dei divieti sovrani, sanzionando espressamente con la nullità le disposizioni viziate e impedendo che istituti, originariamente concepiti per altri scopi, venissero ulteriormente forzati alle esigenze fedecommissarie. L’usufrutto dell’eredità avrebbe pertanto potuto essere legittimamente oggetto di disposizione testamentaria, purché non « successivamente »48.

  • 49 Ivi, § 18.
  • 50 Ibid.

32L’ultima edizione della compilazione sabauda settecentesca si rivelò inoltre attenta a cogliere quel difficile equilibrio tra opposte esigenze che aveva motivato molte delle disposizioni anche delle precedenti edizioni. Nell’ambito della disciplina relativa alla pubblicizzazione del vincolo, le Regie Costituzioni del ’70 confermarono, per il caso di omissione della denuncia, l’esposizione del patrimonio vincolato all’aggressione dei terzi creditori « come se non fossero stati vincolati »49, prevedendo specificatamente anche l’ipotesi degli acquirenti di beni fedecommissari in esecuzione di un legittimo contratto, ma contemplando pure in capo « alli chiamati la ragione della reintegrazione verso quello che avrà contratto debiti od alienato »50. Il contemperamento di opposti interessi, che abbiamo visto essere una costante nella formulazione della nuova disciplina, sembrò trovare qui il suo punto di massima espansione : nel caso in cui l’inadempienza agli obblighi legislativi in tema di inventario comportasse l’esposizione del patrimonio vincolato all’aggressione dei terzi, sarebbe stato onere di chi si fosse reso colpevole - sottraendosi agli obblighi di denuncia - reintegrare la consistenza patrimoniale a vantaggio delle generazioni successive. Ciò peraltro, pur denotando la sensibilità nutrita nei confronti delle aspirazioni degli aventi causa dell’inadempiente, indicò pure un’attenzione altrettanto sentita nella tutela di un vincolo che era ancora molto lontano, almeno sotto il profilo ideale (meno forse sotto quello cronologico), dall’essere definitivamente soppiantato.

33La precisa regolamentazione che il sistema legislativo sabaudo seppe offrire dell’istituto a partire dai primi decenni del XVIII secolo costituisce, a mio avviso, una delle principali spiegazioni dell’atteggiamento non troppo avvelenato che gli intellettuali piemontesi assunsero nella seconda metà del Settecento nei confronti dei vincoli patrimoniali, così al centro della critica illuministica scatenatasi in altre parti d’Italia, come nella vicina Lombardia di Maria Teresa e di Giuseppe II. Sull’onda di quella polemica ostile ad ogni forma di limitazione della libertà (dunque anche quella successoria), di fedecommessi avrebbero discusso in modo piuttosto animato anche alcuni intellettuali piemontesi, come Francesco Dalmazzo Vasco e Ugo Botton di Castellamonte : questi tuttavia, che pure a dire il vero non riuscirono ad inserirsi a pieno titolo nel più ampio movimento illuministico (rispetto al quale rimasero un po’ ai margini), risultarono altresì ‘in ritardo’ anche rispetto alle critiche – di tono del tutto diverso – mosse già dal cardinal De Luca nel Seicento o da Ludovico Antonio Muratori nella prima metà del Settecento. Ciò appunto perché, da un lato, il fenomeno fedecommissario non assunse probabilmente mai in Piemonte livelli di diffusione paragonabili a quelli di altre realtà italiane, come quella romana per esempio, tali da suscitare in tempi anche remoti riflessioni critiche ; d’altro canto, è pur vero che quando gli intellettuali piemontesi vollero in qualche modo cavalcare l’onda illuministica volta alla demolizione dei vincoli patrimoniali successori si trovarono di fronte ad una legislazione restrittiva che, regolamentando puntualmente l’istituto, aveva già contribuito in modo piuttosto determinante a farne scemare l’antica propensione, in Piemonte peraltro neppure così esasperata.

  • 51 Della legislazione civile. Discorsi del conte Federigo Sclopis, Torino, 1835, p. 36 e Sclopis 1864 (...)

34Dopo l’estensione al Piemonte della legislazione francese abolitrice di ogni vincolo successorio (che sembrò portare a termine una politica di smantellamento dell’istituto che, pur perseguita dall’esterno senza troppe discontinuità, era stata in effetti motivata da princìpi anche molto diversi nel tempo), l’istituto avrebbe nuovamente sollevato un certo dibattito interno in occasione della codificazione Albertina, quando si sarebbe dovuto decidere se introdurre o meno l’istituto in quello che voleva essere il primo codice civile Piemontese : alcuni momenti di tensione tra lo stesso Carlo Alberto ed il suo ministro, il conte Giuseppe Barbaroux, sarebbero stati superati nel codice del 1837 con il divieto espresso per le sostituzioni (art. 879), salva la disciplina riservata al maggiorasco dal successivo editto del 14 ottobre dello stesso anno : i delicati problemi che avrebbero potuto presentarsi davanti a disposizioni legislative per certi versi molto aperte, ma probabilmente inadeguate a regolare il fenomeno in modo organico, di fatto non si verificarono per la mancata attrattiva che l’istituto ormai esercitava sui singoli (furono infatti una misera manciata i fedecommessi di nuovo conio). Del resto lo stesso Sclopis, giurista fra i maggiori fautori della codificazione civile piemontese, vedeva nell’istituto un forte limite al progresso della società civile e guardava con favore all’interevento amedeano51. Dalla seconda metà del secolo XIX (dal codice civile Pisanelli del 1865) l’istituto sarebbe stato eliminato dall’ordinamento giuridico italiano, salvo poi rientrarci – pur se in ipotesi abbastanza contenute - nella codificazione del 1942 che, pur ispirata ad un liberalismo di fondo, non era neppure timorosa di riconoscere tutela giuridica a interessi più complessi rispetto a quelli del singolo individuo, che tenessero conto anche di delicati equilibri all’interno della famiglia. Con la riforma del diritto di famiglia del 1975, tuttavia, come già anticipato in apertura, la portata dell’istituto sarebbe stata sensibilmente ridimensionata.

35Si può concludere questo quadro rivolto al passato con una provocazione : sebbene nel nostro attuale ordinamento normativo non ci sia più quasi formalmente spazio per la sostituzione fedecommissaria, ci si può chiedere se nel complesso siano cambiate radicalmente le abitudini dei singoli, le propensioni interiori nei confronti dei propri beni e del patrimonio familiare, oppure se ancor oggi non vi siano (ed in quale misura) delle analoghe manifestazioni di alcune delle tensioni che hanno alimentato la diffusione del fedecommesso in età moderna e che oggi potrebbero trovare in strumenti alternativi, magari anche cercati nelle ‘pieghe’ del sistema positivo, forma concreta ed effettiva realizzazione. Questo interrogativo apre senz’altro ulteriori prospettive di ricerca che non possono essere tuttavia ulteriormente considerate in questo contributo e che spingono verso l’analisi di istituti e dinamiche patrimoniali diversi per struttura e disciplina (tratti talvolta anche da ordinamenti stranieri) ma non troppo lontani dalla logica fedecommissaria proprio per gli obiettivi perseguiti.

Haut de page

Bibliographie

Bonzo 2007 = C. Bonzo, Dalla volontà privata alla volontà del principe. Aspetti del fedecommesso nel Piemonte sabaudo settecentesco, Torino, 2007.

Brugi 1895 = B. Brugi, Fedecommesso, in Digesto italiano, XI, Milano-Roma-Napoli, 1895, p. 588s.

Cantini 1806 = L. Cantini, Legislazione toscana, Firenze, 1806, XXV, p. 362-393.

Caravale 1968 = M. Caravale, Fedecommesso (diritto intermedio), s.v., in Enciclopedia del diritto, XVII, Milano, 1968, p. 109-114.

Carbone 1998 = V. Carbone, Sostituzione ordinaria e fedecommissaria, s.v., in Digesto Discipline Privatistiche, Sezione civile, XVIII, 1998, p. 628-638.

Ciccaglione 1889-1897 = F. Ciccaglione, Successione (diritto intermedio), s.v., in Digesto italiano, XXII, parte III, Torino, 1889-1897, p. 268-382.

Ciccaglione 1894 = La feudalità studiata nelle sue origini, nel suo sviluppo e della sua decadenza, parte III-VII, Milano, 1894, p. 218-220.

Duboin 1818-1868 = F. A. Duboin, Raccolta per ordine di Materia delle leggi, cioè editti, patenti, manifesti, Torino, 1818-1868.

Durante 1989 = V. Durante, Fedecommesso, s.v., in Enciclopedia giuridica Treccani, XIV, Roma, 1989.

Genta 1990 = E. Genta, Fedecommessi e primogeniture in Piemonte : dal diritto comune al diritto del principe, in G. Carità, E. Genta (a cura di), Percorsi storici. Studi sulla città di Cavallermaggiore, Cavallermaggiore, 1990, p. 355-384.

Genta 2008 = E. Genta, Codici della (piccola) borghesia ? Note su proprietà, successione e maggioraschi (codice Napoleone e albertino), in Études d’histoire du droit privé en souvenir de Maryse Carlin, Parigi, 2008, p. 385-402.

Grossi 1998 = P. Grossi, Assolutismo giuridico e diritto privato, Milano, 1998.

Grossi 2007 = P. Grossi, L’Europa del diritto, Roma-Bari, 2007.

Mongiano 1998 = E. Mongiano, Ricerche sulla successione intestata nei secoli XVI-XVIII. Il caso degli Stati sabaudi, Torino, 1998.

Mongiano 1999 = E. Mongiano, Patrimonio e affetti. La successione legittima nell’età dei codici, Torino, 1999.

Padoa Schioppa 1982 = A. Padoa Schioppa, Sul fedecommesso nella Lombardia teresiana, in Economia, istituzioni, cultura in Lombardia, III, Bologna, 1982, p. 807-826 (ora anche in Italia ed Europa nella storia del diritto, Bologna, 2003, p. 439-459).

Pene Vidari 1978 = G. S. Pene Vidari, Una famiglia canavesana contadina e popolare nel sec. XVIII, Savigliano, 1978.

Pene Vidari 1988 = G. S. Pene Vidari, Rapporti patrimoniali fra coniugi e successioni nel Piemonte prerivoluzionario, in Studi piemontesi, XVII, 1988, fasc. 2, p. 433-438.

Piccialuti 1999 = M. Piccialuti, L’immortalità dei beni. Fedecommessi e primogeniture a Roma nei secoli XVII e XVIII, Roma, 1999.

Romano 1992 = A. Romano, Successioni e difesa del patrimonio familiare nel Regno di Sicilia, in Marriage, property, and succession, Berlino, 1992, p. 71-154.

Romano 1994 = A. Romano, Famiglia, successioni e patrimonio familiare nell’Italia medievale e moderna, Torino, 1994.

Rossi 2009 = G. Rossi, I fedecommessi nella dottrina e nella prassi giuridica di ius commune tra XVI e XVII secolo, in La famiglia nell’economia europea. Secc. XIII-XVIII, Atti della « Quarantesima Settimana di Studi », Prato, 6-10 aprile 2008, Firenze, 2009, p. 175-202.

Sclopis 1864 [1972] = F. Sclopis, Storia della legislazione italiana, III/1, Torino, 1864 (rist. anast. Milano 1972).

Viora 1927 = M. E. Viora, Un parere inedito dello Schulting, del Van Noodt e del Vitrarius, in Rivista italiana per le Scienze Giuridiche, anno II, 1927, p. 439-485.

Viora 1928 = M. E. Viora, Le costituzioni piemontesi (Leggi e Costituzioni di S.M. il Re di Sardegna) 1723-1729-1770. I. Storia esterna della compilazione, Milano-Torino-Roma, 1928 (rist. anastatica a cura della Società Reale Mutua di assicurazioni, Torino, 1986.

Haut de page

Notes

1 Codice civile 1942, art 692.

2 Per un quadro sintetico cfr. Durante 1989, p. 2 ; Carbone 1998, p. 635. Da ultimo cfr. Trattato di diritto delle successioni 2009, vol. II, cap. XIII, sez. II, p. 1788 ss.

3 Anche per il Piemonte, sia pur con gli opportuni adattamenti, rimangono valide – anche se un po’ datate – le riflessioni fatte in una prospettiva istituzionale del fedecommesso da Federico Ciccaglione, Biagio Brugi e Romualdo Trifone e, più recentemente, da Mario Caravale. Cfr. F. Ciccaglione 1889-1897, in partic. da p. 373 ; Ciccaglione 1894 ; B. Brugi 1895, p. 588 ss ; Trifone 1914, 1938, 1961 ; Caravale 1968. Stimolanti spunti storico-giuridici provengono poi senz’altro dai noti lavori condotti sul tema con attenzione a specifiche aree geografiche (per l’area lombarda cfr. Padoa Schioppa 1982 ; Zorzoli 1989, 1993, in partic. p. 623-628; Zorzoli 1996, in partic. p. 649-655. Per i domini pontifici, cfr. Piccialuti 1999. Per l’area meridionale, cfr. Romano 1992, 1994.

4 Viora 1928 [1986].

5 Viora 1927.

6 Tali erano i quesiti in materia fedecommissaria : "I. Se il Sovrano ha potestà di regolare e limitare colle sue leggi le disposizioni testamentarie, colle quali si stabiliscono fidecommessi o primogeniture; II Se il Sovrano possa annullare li fidecommissi puramente congetturali; III. Se il medesimo possa permettere una legge d’alienazione dei beni astretti a fidecommissi o primogeniture in soccorso del possessore ne suoi urgenti bisogni e per pagare i debiti del defunto; IV. Se il detto Sovrano possa stabilire una legge con cui s’obblighino i possessori dei fideicommissi collaterali a pagare i debiti dell’erede gravato, et al soddisfacimento delle doti, o restituzioni d’esse per mezzo dei frutti delle facoltà vincolate di fidecommisso, deducendosi il conveniente e necessario trattenimento del fidecommissario possessore, ove non abbia con che supplire per altra via; […] VI. Se possasi con legge dichiarare che li beni vincolati da fideicommissi o primogeniture come pure i feudali saranno ipotecati per li debiti, che dagli ufficiali si saranno contrattati verso li rispettivi reggimenti, anche relativamente al Fisco, e che doppo la morte degli ufficiali possa il reggimento venir pagato sopra detti beni, come pure gli Ufficiali e soldati creditori de loro ufficiali superiori quanto a quegli sino la somma di 50 doppie". Cfr. Archivio di Stato di Torino (di seguito Asto), Corte, Materie Giuridiche, Regie Costituzioni, m. 8, ff. 88r-90v.

7 Il riferimento va appunto ad Antonio Schulting, a P.R. Vitrarius ed a Gherardo Noodt, tutti professori presso l’Università di Leyda nei Paesi Bassi. Le loro risposte risalgono al 1717, nella fase ancora iniziale dei lavori preparatori.

8 Pene Vidari 1988.

9 Pene Vidari 1978.

10 Genta 1990.

11 Soffietti 1976, 1998, 1994. Si tratta di sentenze della Corte d’Appello di Torino, competente per i dipartimenti del Piemonte annessi alla Francia, nelle quali, sebbene venisse per lo più fatta valere la nullità del testamento per vizio di forma (cioè per l’inosservanza delle forme prescritte dalla legislazione vigente), poteva anche darsi qualche caso di impugnativa del testamento per vizi di sostanza. È proprio in questi casi che furono impugnati quei testamenti contenenti disposizioni ammesse secondo l’antico regime e vietate dal nuovo codice civile, cioè quelle fedecommissarie.

12 Mongiano 1998, 1999.

13 Genta 2008.

14 Viora, 1928, p. 81.

15 L’istituto fedecommissario era stato oggetto di una regolamentazione complessiva solo nella Francia di Luigi XV con la celebre Ordonnance di Daguessau del 1747; altrove, gli interventi normativi, anche se anteriori, mancavano della stessa organicità, diretti a disciplinare aspetti più specifici.

16 Grossi 1998, 2007.

17 Genta 1990, p. 358.

18 Per esempio, la norma contenuta nelle Coutumes générales del Ducato d’Aosta del 1598 (finalizzata a limitare l’obbligatorietà dell’istituto, subordinando l’esecuzione della volontà testamentaria - e del relativo onere fedecommissario - al consenso dell’erede e dei successori) sarebbe comunque valsa solo per la Valle d’Aosta, così come il successivo editto di Carlo Emanuele I del 4 ottobre dello stesso anno (1598) avrebbe sì imposto una limitazione piuttosto forte (cioè quella della non progressività del vincolo oltre i quattro gradi), ma per il solo territorio della Savoia.

19 È nota, per esempio, la filiazione della legge toscana del 1747, ma anche – sull’argomento in modo specifico – delle Costituzioni modenesi del 1771 rispetto al modello sabaudo. Cfr. rispettivamente Cantini 1806 e Codice di Leggi e Costituzioni per gli Stati di Sua Altezza Serenissima, Modena, 1771, lib. II, tit. XXXIII.

20 Pene Vidari 1988, p. 438 ; Genta 1990, p. 358.

21 Genta 1990, p. 366.

22 Genta 1990, p. 360. Si fa riferimento a quella procedura attuata da Vittorio Amedeo II per fondare una ‘nuova’ nobiltà (tendenzialmente più fedele in quanto a lui direttamente legata) e comunque per affermare, anche di fronte alle pretese nobiliari, come anche certi privilegi dovessero trovare solo nella volontà regia la propria esclusiva fonte di legittimazione : Vittorio Amedeo II impose la restituzione dei feudi a tutti quanti non fossero in grado di provare con adeguata documentazione la titolarità del proprio feudo, salva poi la possibilità per chiunque di riacquistarlo dietro versamento di una cospicua somma di denaro. I frutti di tale politica si manifestarono non tanto sul piano della finanza pubblica, quanto nei rapporti della corona con la componente nobiliare sabauda più antica, favorendo l’ascesa di una ‘nuova’ nobiltà – con disprezzo qualificata dalla prima ‘nobiltà del ’22’ – non legata da tempo immemorabile al trono, ma giunta agli stessi onori con il più immediato esborso di denaro.

23 Genta 2008, p. 385-402.

24 Genta 2008, p. 394.

25 Infatti, anche dopo il crollo dell’esperienza napoleonica, la nobiltà imperiale fu riconosciuta pur in mancanza di un maggiorasco, che peraltro sarebbe stato invece indispensabile per la trasmissione della parìa. Genta 2008, p. 394.

26 Rossi 2009.

27 Ciccaglione 1889-1897, p. 374.

28 Regie Costituzioni 1723, libro V, tit. 2, §. 13.

29 Op. cit., § 14.

30 Ibid.

31 Op. cit., § 15.

32 ASTo, Insinuazione di Torino, Consegnamenti di beni e primogeniture, registri 5874/109-5874/118. Analogamente si può dire che l’Archivio Urbano, presso l’Archivio Capitolino, sia strettamente dipendente dalla disposizione di papa Urbano VIII Barberini che già nel 1632 richiese, a tutela dei creditori, la registrazione degli inventari dei beni sottoposti a fedecommesso. L’analisi di questo fondo è stata ampiamente elaborata da Maura Piccialuti 1999, p. 78 ss.

33 Op. cit., §§ 16-17.

34 Solo in via assolutamente residuale la norma prevedeva l’attivazione ex officio dell’iniziativa da parte del giudice, nel caso di inadempienza della parte : di questi casi tuttavia non è facile individuarne concrete applicazioni nella documentazione disponibile.

35 Op. cit., § 19.

36 Op. cit., § 20.

37 Op. cit., § 23.

38 Duboin 1818-1868, t. III, p. 355.

39 Op. cit., § 24.

40 Il problema dell’opponibilità a terzi del vincolo fedecommissario era già stato affrontato da papa Clemente VIII nella Justitiae ratio del 1596, ammettendo la soddisfazione dei crediti anche sui beni fedecommissari. La cosiddetta Bolla Baronum è stata ampiamente studiata in tempi recenti da Piccialuti 1999, p. 63ss.

41 Piccialuti 1999, p. 63ss.

42 Regie Costituzioni 1729, libro V, tit. 2, § 1.

43 Bonzo 2007, p. 91, 113 e passim.

44 Regie Costituzioni 1729…cit., § 2.

45 Ivi,, § 20.

46 ASTo, Senato di Piemonte, Serie I, categoria 11a (Licenze a liberare beni da vincoli di fedecommesso e primogenitura), registri 1-78.

47 Regie Costituzioni 1770, libro V, tit. II, § 3.

48 Ivi, § 5.

49 Ivi, § 18.

50 Ibid.

51 Della legislazione civile. Discorsi del conte Federigo Sclopis, Torino, 1835, p. 36 e Sclopis 1864 [1972], p. 288.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Caterina Bonzo, « La disciplina giuridica del fedecommesso in Piemonte nel XVIII secolo », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-2 | 2012, mis en ligne le 08 juillet 2013, consulté le 23 octobre 2017. URL : http://mefrim.revues.org/754 ; DOI : 10.4000/mefrim.754

Haut de page

Auteur

Caterina Bonzo

Università di Torino - caterina.bonzo@unito.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org