Navigation – Plan du site
Varia

Storia economica, ambiente e modo di produzione. L’affermazione della gelsibachicoltura nella Lombardia della prima età moderna

Renzo P. Corritore

Résumés

Il lavoro offre una ricostruzione dell’avvento e della diffusione della gelsibachicoltura nello Stato di Milano fra i secoli XV e XVIII. Il percorso è cruciale per comprendere come la regione diventerà nell’Ottocento la principale area esportatrice in Europa di seta greggia. Il saggio sottolinea in particolare il carattere di crescita tumultuosa di tale segmento della filiera serica negli anni Settanta e Ottanta del ’500. La liberalizzazione delle esportazioni di seta greggia dal Milanesado decisa nel 1595, e mai più rinnegata, scaturisce da questa cambio di passo. La svolta ha i tratti di una « crisi strutturale » : lo Stato di Milano passa dalla condizione di paese importatore di materia prima per le manifatture cittadine, a quella di bacino di esportazione di semilavorato. Il cambiamento investe sia la struttura del suo settore secondario sia la composizione e la dislocazione delle produzioni seriche nelle campagne e nei centri rurali. Il lavoro ha l’ambizione di offrire nuovi strumenti di indagine per la ricostruzione della transizione dall’economia pre-industriale a quella industriale in un orizzonte di lungo periodo e in un contesto regionale.

Haut de page

Notes de l’auteur

Una versione (ridotta e inedita) di questo lavoro è stata presentata al convegno « Storia economica e ambiente italiano (ca. 1400-1850) », organizzato dal Dipartimento di analisi istituzionale e management pubblico e dal Centro « Carlo F. Dondena » per la ricerca sulle dinamiche sociali dell’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano presso la stessa Università, il 29-30 gennaio 2010.

Texte intégral

Les développements de l’humanité se lient de la manière la plus intime avec la nature environnante. Une harmonie secrète s’établit entre la terre et les peuples qu’elle nourrit, et quand les sociétés imprudentes se permettent de porter la main sur ce qui fait la beauté de leur domaine, elles finissent toujours par s’en repentir. Là où le sol s’est enlaidi, là où toute poésie a disparu du paysage, les imaginations s’éteignent, les esprits s’appauvrissent, la routine et la servilité s’emparent des âmes et les disposent à la torpeur et à la mort.

Elisée Reclus, Du sentiment de la nature dans les sociétés modernes (1866).

Storia economica, ambiente e modo di produzione

L’ambiente è un attributo dell’uomo, mediato dai rapporti di produzione

1La storia naturale, assente l’uomo, appartiene alla storia economica ? Evidentemente no. L’ambiente – così come la storia in una prospettiva non escatologica – è un attributo dell’uomo. Dunque non si dà ambiente senza l’uomo – anzi, blochianamente, senza gli uomini.

2Ma uomini che trasformano la natura – l’uomo da Lei ritrasformato – non si dànno, in una prospettiva economica, fuori dai rapporti di produzione. Natura e ambiente assumono, in caso contrario, la veste di oggetti reificati – idealizzati e perciò antistorici –, non importa se mascherati da vocazione territoriale o fattore di produzione.

L’ambiente è l’esito dell’interazione tra forze produttive e istituzioni sociali

3L’ambiente è quindi l’esito dell’interazione tra forze produttive e istituzioni sociali, rappresentabile nella configurazione che chiamiamo modo di produzione.

4Un modo di produzione è la combinazione delle forze produttive (i produttori, la tecnica, le risorse) e delle relazioni tecniche e sociali (la camicia istituzionale, formale non meno che sostanziale) che dettano le regole del gioco dello scambio sociale ed economico.

5Natura, suolo, terra – qualunque siano l’imprinting geologico e la latitudine – sono modificati, plasmati, rimodellati dall’azione delle forze produttive in incessante dialettica con le condizioni istituzionali del loro stesso esplicarsi.

Le forme della divisione del lavoro

6Il modo di produzione è però anche una totalità storicamente determinata, che permette di isolare e mettere in relazione lo spazio, il tempo e gli uomini ; le risorse, le tecniche e le istituzioni. Esso può essere concepito come intreccio delle diverse forme di divisione del lavoro fra gli uomini, cioè fra :

  • divisione sociale del lavoro (donna/uomo, individuo/comunità, servo/padrone) ;

  • divisione territoriale del lavoro (città/campagna, centro/periferia ecc.) ;

  • divisione del lavoro di tipo manifatturiero (nel senso smithiano) ;

  • divisione internazionale del lavoro.

La filiera di prodotto

7Sul piano della ricerca empirica, un’esemplificazione della dimensione storica, sociale, spaziale, territoriale del modo di produzione la fornisce l’analisi per filiere di prodotto.

  • 1 Malassis 1973.

8La filiera di prodotto è l’insieme degli agenti o degli attori e delle operazioni (di produzione, ripartizione, finanziamento) che concorrono alla formazione o al trasferimento di un prodotto (o di un gruppo di prodotti) fino al suo stadio finale di utilizzo, come pure i meccanismi di adeguamento (regolazione) del flusso dei fattori e dei prodotti lungo la filiera e nel suo stadio finale1.

  • 2 Menger 1996, p. 133-167.

9Si tratta di uno strumento logico che ha un sapore antico (si pensi alla sua gestazione e alla sua messa a punto nell’ambito della regolazione annonaria delle città o nel governo dell’economia urbana delle professioni, delle arti e dei mestieri), utile a scomporre il processo produttivo e a contestualizzarlo nell’insieme dei nessi economici (più latamente sociali), per finalità tanto analitiche quanto operative. È dunque un concetto che nasce, direbbe Carl Menger, per via « organica » e non « pragmatica »2.

10È un concetto, poi, che ha forti capacità esplicative ed euristiche perché

a) permette di costruire modelli complessi che associano :

- istituzioni ed economia ;

- sussistenza e mercato ;

- produzione e consumo ;

- forme di mercato, organizzazioni e imprese (differenti funzioni di produzione / trasformazione / distribuzione / consumo) ;

- tecnologia, organizzazione e ambiente (imprese con gradi e modalità differenti di integrazione produttiva, verticale od orizzontale) ;

- comparti economici diversi (agricoltura / industria / servizi), così come differenti branche di attività nell’ambito dello stesso settore ;

- forme organizzative diverse : lavoro domestico / artigianato / manifattura (sistema di fabbrica incluso) ;

- agenti di taglia e natura differenti, anche caratterizzati da eteronomia dei fini ;

- gradi diversi di associazione tra capitale e lavoro ;

b) ha la capacità di far parlare informazioni e fonti disperse rendendole significative in un contesto di interdipendenze legate da precisi vincoli e rapporti tecnici ;

c) rende confrontabili i singoli casi di studio, permettendo di confrontare le analisi non solo di singoli casi locali, ma anche di differenti filiere di prodotto, che possono includere tutte quelle « forme miste » o « spurie » che si riscontrano nella realtà storica (o perché a cavaliere tra un comparto e l’altro – tra agricoltura e manifattura, per esempio – ; o perché trasversali a settori produttivi diversi ; o perché includenti forme organizzative diverse, in conseguenza del loro stato e della loro evoluzione sul breve o lungo periodo).

Per una nuova interpretazione, per un nuovo metodo

11Il saggio che segue vuole proporsi quindi non solo come una nuova interpretazione dell’avvento della gelsibachicoltura in terra lombarda, ma più ancora come la messa a punto di nuovi strumenti di indagine per la ricostruzione della transizione dall’economia pre-industriale a quella industriale, in un orizzonte di lungo periodo e in un contesto regionale, partendo dai modi di produzione nell’accezione lata a cui ho accennato.

L’affermazione dell’« economia della seta » in Lombardia fra Cinque e Seicento

  • 3 Cfr. Sella 1979, p. 141-142.

12La decisione del Governatore dello Stato di Milano del 6 luglio 1595 di liberalizzare, dopo un anno di sperimentazione, l’esportazione delle sete (crude, gregge, lavorate) rappresenta una svolta per l’economia lombarda3. Una delle più ricche e potenti lobbies dell’Italia del tempo, la corporazione dei mercanti auroserici di Milano, vede sacrificati sull’altare dell’economia nazionale e della difesa dell’interesse della Camera regia due principi base del protezionismo cittadino : assicurare alla città il monopolio delle materie prime ; orientare e calmierare i prezzi delle stesse ponendo vincoli o il divieto assoluto alla loro estrazione, a tutto vantaggio degli imprenditori, dei manifattori, dei mercanti cittadini.

Fig. 1 - Lo Stato di Milano alla fine del ’500 (Sella 1979, p. II).

Fig. 1 - Lo Stato di Milano alla fine del ’500 (Sella 1979, p. II).
  • 4 « Da molti anni a questa parte scarseggia […] il raccolto delle sete » attesta una grida del 29 giu (...)
  • 5 Moioli 1981, p. 54-65 ; Trezzi 1986.

13Tale indirizzo resterà l’architrave della politica economica dell’amministrazione centrale dello Stato di Milano fino alla guerra di successione spagnola. Ma il verificarsi di una grave caduta della produzione negli allevamenti bacologici fra l’ultimo decennio del ’600 e il primo del ’700 (se non fra il 1688 e il 1715), per l’insorgere di una grave malattia dei vermi da seta – che è all’origine di una significativa contrazione della gelsicoltura a cavaliere dei due secoli, oltre che, naturalmente, della crisi nera del setificio, non solo lombardi4 – scompaginerà gli equilibri sedimentati fra metropoli, ducato e resto dello Stato, così come fra mercanti, produttori urbani e imprenditori rurali, per dare l’avvio a un nuovo assetto agricolo e commerciale fondato su un nuovo stadio dell’« economia della seta »5.

14A dimostrare l’unità profonda del periodo che va dalla fine del ’500 sino al consumarsi della supremazia spagnola nella Lombardia occidentale è sufficiente richiamare le tappe fondamentali dell’affermazione dell’« economia della seta » scandite dagli atti che regolano il commercio di materia prima e semilavorato serici dalle terre dello Stato di Milano verso i mercati esteri (tab. 1).

Tabella 1 - Gli atti fondamentali dell’amministrazione dello stato di Milano in merito all’esportazione di materie prime e semilavorato serici (1578-1773).

Grida

Contenuto

1578 (31 ago.)

Divieto di esportare sete nate nello Stato, « eccetto li doppi et sete torte », sempre che « non siano atte a far drappi buoni »

1588 (16 ott.)

Divieto di esportare ogni sorta di « sete atte a fabricare drappi » (eccetto i « doppi », « che secondo il solito si possano estraere »)

1594 (8 lug.)

Libertà di esportare sete « per l’anno presente » (da un raccolto all’altro)

1595 (6 lug.)

Libertà di esportare sete a tempo indeterminato

1654 (19 lug.)

Vincoli all’esportazione delle « sete crude » (obbligo per i mercanti di esportare un quantitativo di seta lavorata pari a non meno di un terzo delle sete crude o non lavorate portate fuori)

1678 (22 giu.)

Divieto assoluto di esportare « gallette » (libera invece l’estrazione di « gussoli, strusa, spelaglie, gallette buse ed altra simile specie o materia macerata »)

1691 (18 giu.)

Divieto di esportare sete « non lavorate », oltre che le gallette (ma è ancora libera l’« estrattione de' gussoli, strusa, spelaglie, e galette buse, et altra simil specie o materia macerata »)

1715 (31 mag.)

Vietato esportare anche i cascami (« gusole, strusa, spelaglie e galette buse »)

1739 (15 mag.)

Vietata l’esportazione di « foglia de' moroni »

1770 (25 set.)

Autorizzata l’esportazione di cascami di seta come « strazza », « spelaja », « gallette buse », « strusa incurata » e « curata », « gallettame macerato », « pettenuzzo » (mentre resta proibita quella di gallette, « doppioni », « ricciotti »)

1773 (27 mag.)

Autorizzata l’esportazione anche di seta greggia

Fonti : ASCMi, Gride, cart. 6, fasc. 112 (1578, 1678, 1691) ; cart. 11, fasc. 209 (12 mag. 1762 per 1739, 1770, 1773) ; cart. 18, fasc. 334 (1654) ; Materie, cart. 873 (1594, 1595) e 878 (1715) ; Gridario 1600, p. 78-79 (1588).

  • 6 Verga 1915, p. XLV ; Trezzi 1986, p. 105 e 136n.

15La successione degli atti di governo riguardanti la « questione della seta » prova, a ben guardare, la coerenza, pur nell’adattamento ai cambiamenti indotti dallo sviluppo delle forze produttive e all’evoluzione degli equilibri istituzionali interni, della linea seguita dall’amministrazione centrale, così come le sue capacità di rispondere alle sollecitazioni provenienti dall’esterno. I ceti dirigenti dello Stato dimostrarono insomma la capacità di applicare concretamente un precetto moderno di governo, invocato per esempio nel 1640 : « secondo la diversità degli accidenti, anche variar si devono le provvisioni »6.

16In una società dominata dalle consuetudini e dalla tradizione, da istituzioni venerande, l’amministrazione spagnola e la società lombarda non solo seppero rompere, alla fine del secolo XVI, con un tabù, una tradizione produttiva, un blocco di potere di antichissima data, ma dimostrarono anche la capacità di adattare le strutture istituzionali, economiche, produttive ai cambiamenti profondi che quella stessa svolta avviava, senza la sicurezza di trovare più un approdo permanente, e però sempre rispettando i vincoli che i quadri ambientali, la posizione geografica, la collocazione politica dello Stato imponevano.

17A un’analisi superficiale l’elenco degli atti palesa il sempiterno confronto fra liberalizzazione e protezionismo a favore dei commercianti o dei produttori, terzo incomodo gli interessi dello Stato, pressato dalle urgenze di bilancio. O ancora lo scontro – sempre pronto a divampare – fra i differenti interessi lungo la catena della costruzione del valore nella filiera : dunque mercanti contro artefices ; imprenditori agricoli contro membri delle arti ; negozianti dei borghi rurali contro produttori cittadini. A complicare il quadro vi è però l’impossibilità di considerare la filiera serica come la pacifica successione dei segmenti tradizionali di ogni manifattura tessile : preparazione della fibra → filatura → tessitura → rifinitura del tessuto. La preparazione della fibra e la filatura – per lo sviluppo pionieristico della tecnica, dell’organizzazione produttiva, della specializzazione del lavoro – si rivelano già in pieno ’500 – assai più nell’industria serica che in ogni altro comparto tessile – come lo snodo di più diramazioni di filiera, caratterizzate da necessità produttive e organizzative molto diverse, in certi casi divergenti. Espressione quindi non semplicemente dell’eterna dialettica fra produttori di materia prima (proprietari terrieri, conduttori, imprenditori agricoli), trasformatori in semilavorato (attori della trattura e della filatura), utilizzatori di semilavorato per la conversione in prodotto finito. Sul piano merceologico, infatti, la distinzione fra cascami, filosello, seta cruda, greggia e lavorata attesta non solo l’esistenza di gradi diversi di preparazione e manipolazione della fibra, ma più ancora la complessità della filiera serica, caratterizzata, nelle sue lavorazioni, da presupposti organizzativi anche radicalmente differenti, con coefficienti di valorizzazione molto diversi, risultato di una difforme composizione fra lavoro e capitale tecnico, fra capitale circolante e capitale fisso. Ed espressione – va da sé – di differenti assetti per quanto riguarda la divisione internazionale del lavoro, per non parlare delle altre sfere della divisione del lavoro, sul piano delle relazioni locali e regionali.

18A partire dal 1595 (o meglio dal 1594) l’esportazione di seta semilavorata viene concessa e diviene in Lombardia il fondamento di un assetto economico nuovo che segna il passaggio dall’economia medievale della lana all’economia moderna della seta, con tutti i vincoli e le contraddizioni che questo stadio di transizione comporta rispetto allo sviluppo industriale moderno. Tuttavia occorre intendersi sul tipo di specializzazione scelto o accettato dagli operatori e dagli amministratori milanesi. La chiave ci viene ancora una volta offerta dall’analisi del contenuto delle misure amministrative intraprese per regolare l’uscita di materia prima e semilavorato serici dal Paese.

  • 7 Curatolo 1996, p. 77-78.
  • 8 Poni 2009, p. 38-41 ; Zanoboni 2005b, p. 151-192 ; Poggi 1886.
  • 9 Moioli 1981, p. 24n-25n e 49n-50n ; Fumi 1990, p. 89 ; Vigo 1999, 146 ; Beonio-Brocchieri 2000, p. (...)

19Il via libera dato alle esportazioni di seta si riferisce, in realtà, a una seta filata di qualità medio-bassa, che viene utilizzata solo in porzione ridotta dalle industrie ambrosiane7. La lunga durata dello stile regionale di filatura basato sulla lavorazione manuale della seta, nei molini a mano (oppure mossi da animali), anziché nei mulini e torcitoi idraulici8, fa sì che questo segmento rifornisca altre grandi manifatture (come quelle liguri, ginevrine, francesi, fiorentine, veronesi). Mentre soltanto a partire dagli anni Sessanta del secolo XVII inizia a svilupparsi nello Stato di Milano in realtà ben delimitate (a Lodi, a Como, a Treviglio già alla fine del ’500, ben più tardi a Varese, nel primo o secondo decennio del ’700) la filatura in grandi impianti di torcitura idraulica9.

20Un peso rilevante ha poi la lavorazione dei cascami, frutto di una bachicoltura elementare, se non primitiva, ma più ancora della deliberata scelta di produttori e imprenditori di ricercare traiettorie eccentriche rispetto a quelle concesse dal sistema produttivo tradizionale il cui fulcro era la manifattura dei tessuti auroserici nella metropoli lombarda.

  • 10 Curatolo 1996, p. 80.

21Nella grida del 1578 il Governatore vieta l’esportazione delle sete nazionali. Esclude però dal rescritto tutte le materie prime della filiera che « non siano atte a far drappi buoni » (per una loro classificazione e una valutazione coeva del valore delle rispettive voci vedi le Tabelle 2 e 3). Fanno quindi eccezione non solo i doppi (il filo di seta più grossolano, assimilabile al filosello) e le sete torte (il filo di seta cruda atto a far calzette)10, ma il più vasto settore dei cascami e dei loro derivati (frutto delle operazioni di macerazione, pettinatura e filatura del prodotto), oltre che del filosello, che utilizza nella fabbricazione del filo, in toto o in parte, i cascami. È la libertà di estrazione di queste sete crude, di questi cascami e dei loro derivati – innanzi tutto il filosello – a caratterizzare il periodo spagnolo (da Filippo II fino all’ultimo suo discendente), rispetto all’età austriaca, quando un’interpretazione rigidamente mercantilista vieterà (dal 1715 al 1770) l’uscita di questo tipo di semilavorato. Perché da 1594 in avanti l’Amministrazione – spagnola o austriaca – non recederà più dalla linea di autorizzare l’esportazione dallo Stato di « seta lavorata ».

22La deroga esistente già prima del 1594 in favore delle lavorazioni povere della seta, il cui sbocco era la produzione di tessuti andanti, misti o di qualità media, di passamani e altri accessori di moda, non solo non è trascurabile sotto il profilo dei volumi produttivi, ma è essa stessa la leva di un profondo cambiamento della struttura serica lombarda, nella direzione della diversificazione, della specializzazione e dell’integrazione del sistema produttivo.

  • 11 Molà 2000, p. 232-234 e 385n.
  • 12 Archivio di Stato di Milano, Commercio, parte antica (d’ora in poi ASMi, Commercio, p.a.), cart. 23 (...)
  • 13 ASMi, Commercio, p.a., cart. 235, « Gallette e prodotti notificati da tutto lo Stato Mantovano all’ (...)

23Sul piano dei volumi, è sufficiente scorrere tre bilanci sulla produzione di seta nelle terre lombardo-venete negli stessi secoli per intuire la posta in gioco. Nel 1559 nella Terraferma Veneta, su un prodotto serico di 400.000 libbre, si stimano 240.000 libbre di seta leale (greggia o lavorata), 60.000 di seta di doppi (tratta da faloppe o bozzoli doppi) ; 40.000 di strusi e fondachioli ; 30.000 di spelagie e altrettanti di gallette buse o da semenza (da cui si ricavano filiselli o malifili)11. Nei nove anni 1769-1777 nello Stato di Milano vengono prodotte mediamente 1.197.928 libbre di seta : il 46 per cento (551.993 libbre) è costituito da cascami, il resto da seta greggia12. Nel triennio 1775-1777 nel ducato di Mantova e nel principato di Castiglione delle Siviere i doppi e i cascami delle più diverse specie ammontano a circa il 47 per cento dell’intera produzione serica (cioè a 123.239 libbre annue su un totale di 263.197 libbre)13.

24La ramificazione della filiera è il fattore che muove lo sviluppo della bachicoltura nelle campagne e che segna le sorti dell’intero comparto serico nelle città e nelle terre dello Stato.

Tabella 2 - I cascami di seta di filanda, la materia da cui derivano, il filo che se ne trae attraverso le operazioni di macerazione, pettinatura, filatura.

Materia

Cherubini 1839-1843

Mizzau, Velo 2005

Gussetta (Faloppa)

« Ogni bozzolo incominciato e non terminato dal baco. Di questo si trae il filaticcio che […] diciamo Firisell de gussett » (II, p. 272).

Galetta busa (Bozzolo forato)

« Bozzolo [che è] stato forato dall’insetto » (II, p. 191).

La Galetta real o de somenza, ovvero Bozzolo sfarfallato o di seme, appartiene ai « bozzoli donde s’è lasciato uscir l’insetto (el parpaj) per l’accoppiatura occorrente ad averne il seme, e dei quali si suol fare filaticcio fiore (firisell de galetta real) » (II, p. 191).

« bozzoli sfarfallati, privi di crisalide e con un foro, ottenuto allargando le fibre, prodotto dalla farfalla per uscire : [essi] hanno un valore superiore, poiché danno più alta resa in fibre. La parte più importante viene dagli [impianti] di sericoltura, che si prendono cura della riproduzione ». Essi « costituiscono un buon materiale per la produzione di filati a fibra discontinua, presentando però problemi derivanti dalla necessità di trattamenti […] per liberarli dalla crisalide e per ridurre la notevole percentuale di olio su di essi spalmata » (p. 39).

Dobbion (Doppi. Doppioni)

« Nome dei bozzoli formati da due bachi e della seta che se ne trae » (II, p. 46).

La Seta di doppj è la « seta forte che si trae dai bozzoli doppi (dobbion) » (IV, p. 179).

Spelaja (Pelatura)

« Quella specie di lanuggine biancastra che investe per così dire il bozzolo del baco da seta, ed è come la prima rada tessitura ch’ei fa per incrisalidirsi » (IV, p. 268).

« fibra inizialmente prodotta dal baco per aggrapparsi al « bosco », nel quale avviene poi la formazione del bozzolo » ; essa « è chimicamente diversa nella sua composizione dalla fibra serica successivamente prodotta, è più ricca di sericina e presenta tipi di amminoacidi in sequenza diversa […] [che] può causare problemi di tintura » (p. 45).

Strusa (Sinighella. Sbavatura. Bavella))

« Rimondatura di bozzoli. Borra di seta » (IV, p. 334).

La Strusa grassa è « quella [strusa] che ha in sé oltre alla pelatura anche [la materia] di molti guscetti o bacacci, e che è ricca ancora di buona seta » (IV, p. 334).

« Le struse sono prodotte durante la prima fase della trattura, quando l’addetto alla ricerca del capo-filo dei bozzoli in bacinella strappa tratti di fibra finché non ottiene la presenza ordinata e continua di tutti i capi programmati ». Esse « sono tutte caratterizzate dal fatto di venire prodotte quando la sericina è semisciolta, per cui durante la successiva essiccazione le fibre si incollano fra loro, dando origine a « code » alquanto rigide alla mano » (p. 40).

Strazza (Bozzolacci. Sbrocco. Sbroccatura)

« Bozzolacci estratti dalle caldaje » (IV, p. 328).

« Quella specie di rifiuto che si ha dalla seta nello sbroccarla, cioè nel ripulirla da ogni sbrocco o sudiciume appiccatovisi nella trattura ; il che si fa nel cavarla del guindolo così nel fa-sù i coo come nel dipanarla » (IV, p. 179).

Firisell (Filaticcio)

« Filo di seta che si trae dai bozzoli di seme (galetta real o de somenza), dalle borre di seta o dalle sbroccature (strus), o dai bozzolacci (gussett o schiscett) cardati o stracciati che si dicano. Prima che sia filato si chiama Sinichella o Sirighella » (II, p. 133).

Il Firisell de galetta real è il « filaticcio di bozzoli di seme o di bozzoli sfarfallati » (II, p. 134).

Il Firisell fiocch è « la prima qualità di sinighella (firisell) dopo quella di bozzoli di seme (galetta real) » : si fila in manett (II, p. 128 e 134).

Il Firisell strusa è la borra di seta, bavella o sbroccatura (II, p. 134).

Il Firisell gross o pettenuzz o roccadin o de terza e quarta man o terziroeu è « l’infima sinighella (firisell) così detta […] dal pettine o straccione con cui si carda » (II, p. 134 ; III, p. 332).

Tabella 3 - Prezzo medio delle materie prime seriche nelle città dello stato di Milano in base al valimento del 1580

Materia

Prezzo medio

(soldi/libbra)

Seme di bigatti

525¼ (520 a Milano)

Gallette da far seda

15⅔

Gallette buse

33⅓

Fondachioli

3

Strusa e spelaia

5

Pettenuzzo

8⅓

Strazza di seta

26

Filosello crudo

85 (72 a Milano)

Doppio di seta

112½

Filosello lavorato

174 (242 a Milano)

Seta cruda

214 (206 a Milano)

Seta lavorata

385 (375 a Milano)

Fonte : Archivio storico civico di Pavia (d’ora in poi ASCPv), Archivio Comunale, parte antica, cart. 421, cc. 83-94, 101-115, 120-148, 168-176.

25La liberalizzazione del 1595 scaturisce dalla prodigiosa crescita della gelsibachicoltura lombarda nel ventennio precedente, orientata a soddisfare più la domanda estera di semilavorato crudo e greggio (e di manufatti che da esso derivano) che quella interna e metropolitana di seta lavorata. Ad attestare il boom della seta è l’importazione di seme-bachi nelle città dello Stato nel 1580 (vedi Tabella 4). Le cifre riguardano soltanto il seme-bachi di importazione, generalmente quello valenciano, prescindono invece dalla produzione di semenza nel territorio dello Stato. Anche così, i volumi che si possono stimare sulla base di questo solo dato (Tabella 5) dimostrano che la produzione interna di seta greggia esorbita, già negli anni ’80 del Cinquecento, il fabbisogno interno dello Stato, almeno in termini aggregati.

Tabella 4 - Seme-bachi entrato ufficialmente nelle città dello stato di Milano nel 1580

Città

Quantità

(in once)

Valore unitario

(soldi/oncia)

Valore complessivo

(lire)

Milano

28.620

43⅓

62.010

Lodi

11.608

43⅓

25.150⅔

Pavia

3.365

43⅓

7.290⅔

Cremona

375

99,0

1.856¼

Como

230

36½

419¾

Stato di Milano

44.198

43¾

96.727½

Fonte : vedi Tabella 3.

Tabella 5 - Stima della produzione di seta nello stato di Milano in base ai dati sull’introduzione di seme-bachi nelle città nel 1580.

Città

Seta

(libbre)

Valore unitario

(soldi/libbra*)

Valore complessivo

(lire)

Milano

238.500

206,0

2.456.550

Lodi

96.733⅓

220,0

1.064.066⅔

Pavia

28.041⅔

228⅝

320.492⅞

Cremona

3.125

223½

34.921⅞

Como

1.916⅔

201⅔

19.326⅜

Stato di Milano

368.316⅔

211½

3.895.357⅞

(*) Il valore si riferisce al prezzo della seta cruda nelle stesse città, che rappresenta il primo costo nel segmento della filiera che conduce alla seta greggia.

  • 14 ASCMi, Materie, cart. 873, c.n.n., « Primo costo de una lipra di setta a comune pretio… », memoria (...)
  • 15 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, consulta dei mercanti auroserici di Milano del 1578.

26Se infatti ancora intorno al 1560 « la maggior parte delle sete che si consumano in Stato sono condutte e mandate da forestieri, cioè da visentini, veronesi, venetiani, genovesi e calavresi, et altri » (e per i tessuti auroserici la materia prima giunge persino dal Levante)14, nel 1578 i mercanti auroserici fanno presente che « le sete forestiere [...] no' vengono più in questo Stato da Vicenza, Verona et molti altri luoghi, sì come era di solito »15. Le linee di approvvigionamento si sono rattrappite, l’economia regionale comincia a essere autosufficiente per le lavorazioni povere.

  • 16 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, « Relatione e parer del Magistrato [ordinario] », 1° luglio 1606.
  • 17 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, consulta del Magistrato ordinario del 1° luglio 1606 (la stima si (...)

27Nel 1606 la seta prodotta nello Stato è largamente eccedente il fabbisogno interno. In una relazione del Magistrato ordinario si dichiara che « lo Stato, per quanto ricaviamo da una nota havuta dalli daciari della Mercantia tolta dai loro libri, suol fare un anno computato con l’altro un milione de libre di seta »16. I mercanti auroserici, pur dovendo approvvigionarsi per circa 100.000 libbre oltre frontiera (soprattutto nella Lombardia veneta, ma anche nel Piemonte), sono decisamente ottimisti sulle sete gregge e lavorate di loro interesse : « Quanta seta faccia lo Stato meglio si comprende dalla semenza che viene dalla Spagna, [più] che altro. Questo anno sono venute 58 mila onze, ciascuna onza sossopra fa cinque librette di seta, sì che la seta fatta sarà 300 mila librette. Al più, altre volte sono venute 80 mila onze, che fanno 400 mila librette »17. Dunque si può stimare che lo Stato possa arrivare a esportare, a quest’epoca, fino a metà della produzione di seta.

28Ma le quantità e l’analisi aggregata rischiano di oscurare la complessità del problema. La fabbricazione di seta doppia, la lavorazione dei cascami, la produzione di filosello richiedono, fin dal bozzolo, una materia prima organicamente diversa da quella necessaria a far lavorare le botteghe cittadine specializzate nella produzione dei tessuti serici pregiati. Non si tratta quindi solo del tipo di filatura – e conseguentemente del tipo di preparazione della fibra per ottenere, a monte, un filato senza pecche –, che come osservato vede lo Stato di Milano in una situazione di ritardo tecnologico. Tali lavorazioni povere possono essere concepite come lavorazioni sussidiarie del setificio a più alto valore aggiunto. In tale evenienza, tuttavia, il loro potenziale di sviluppo è limitato dalla necessità che le filande hanno di rifornire di buon semilavorato le arti maggiori (l’orsoglio, addirittura, le botteghe milanesi non possono fare a meno di ricercarlo all’estero). Ciò comporta un’organizzazione della gelsibachicoltura e della trattura in cui gli scarti e il prodotto fallato devono essere ridotti al minimo, e la pulizia, l’uniformità, la regolarità e la sottigliezza del filo nella trattura devono essere curate in massimo grado. Esigenze a cui si risponde con controlli stretti sulla fornitura di buon seme-bachi (importato soprattutto da Valencia), sulla localizzazione degli allevamenti, sul commercio e la manipolazione delle gallette fresche (le gallette da far seda). La produzione del filo di seta a fibra discontinua prevede invece la possibilità di avvalersi, oltre che degli scarti della filatura in filanda, dei bozzoli sfarfallati (le gallette buse), provenienti dagli allevamenti locali ma anche da molto lontano (perfino dalla Spagna e dalla Calabria). La distinzione merceologica fra prodotto fresco, bozzoli sfarfallati e cascami risiede nel diverso contenuto di sericina nella materia che si trae, che costringe a differenti processi di sgommatura e manipolazione del semilavorato, che lo indirizza verso differenti processi di tintura, a seconda dell’origine, garantendo anche differenti risultati in merito alla resa, alla brillantezza, alla resistenza e alla durata del manufatto finale.

  • 18 Vedi Tabella 3.

29Il Valimento del mercimonio delle città dello Stato di Milano nel 158018 dimostra la complessità della filiera serica, ma anche il carattere centrale del segmento primario a monte della seta greggia e lavorata, dove si decidono le sorti dell’intero comparto serico (cfr. Tabella 3). Dalla stessa fonte è possibile ricavare la dislocazione della filiera nel territorio (vedi Tabelle 4-6), il grado di sviluppo della gelsibachicoltura nelle diverse terre del Milanesado, la relativa specializzazione nei vari segmenti della filiera, persino il ruolo dell’economia lombarda nel commercio della seta nel Mediterraneo occidentale.

Tabella 6 - La ripartizione della produzione della seta nello stato di Milano (secc. XVI-XVIII)

Città

1580

(%)

1606

(%)

1751

(%)

1784

(%)

Milano

65

30

60

56

Lodi

26

15

7

9

Pavia

7,5

35*

4

6

Vigevano

10

Cremona

1

[ 6 ]

23

19

Como

0,5

[ 4 ]

6

10

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

(*) Pavese, Lomellina, Tortonese e Alessandrino.

Fonti : Tabella 3 (1580) ; ASMi, Commercio, p.a., cart. 228 (1606) e 231 (1784) ; Verri 1932, p. 45 (1751).

  • 19 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, vari documenti del 1606 ; Vigo 1991, p. 120n ; Cronaca Tatto 2001 (...)
  • 20 Petrò 1979 ; Moioli 1981.
  • 21 Tra i fattori invece che favoriscono tale localizzazione vi è la necessità di disporre di fertilizz (...)
  • 22 Il primitivo impianto delle piante di morone da parte degli Sforza avviene negli orti e nei broli d (...)

30Nel 1606 si ammette che intere province lavorano per l’esportazione, non per rifornire Milano e le sue manifatture ad alto valore aggiunto. La libertà di esportare cascami, seta cruda e filosello riguarda soprattutto le terre di là e di qua del Ticino, dell’Oltrepo, del Varesotto, oltre che l’enclave cremonese19. Si afferma così una divisione territoriale del lavoro in cui spicca un nocciolo metropolitano, rappresentato dal triangolo Milano-Lodi-Pavia, che sarebbe autosufficiente se non dovesse rivolgersi all’esterno per rifornirsi di buona seta lavorata per l’ordito dei drappi, e una « Lombardia » dell’altopiano, della pianura e in particolar modo di un’area come la Lomellina, in prepotente sviluppo, di cui una delle capitali è Vigevano, specializzata nella produzione del filosello. Tale dislocazione delle attività di trasformazione serica, che riverbera la geografia della gelsicoltura, è molto diversa da quella che si svilupperà nell’ultima parte del ’600 e, soprattutto – dopo un significativo ripiegamento –, dal ’70020. Sul piano delle vocazioni pedologiche è evidente come tale distribuzione non sia ottimale per la cura del gelso, avendo per baricentro ancora la pianura, cioè terreni prevalentemente freddi e impermeabili21. Ma per ragioni storiche22, per il peso economico e politico delle corporazioni della metropoli, per la densità e il rilievo delle comunicazioni e del popolamento in questa zona, per la possibilità, nelle stesse terre, di far convivere colture erbacee e colture arboree (senza abbassare al di sotto della soglia di sussistenza le rese cerealicole) gli esordi della gelsibachicoltura e la sua prima diffusione geografica si giocano in quest’area chiave.

  • 23 Battistini 1993 ; Battistini 2005, p. 238.
  • 24 Battistini 1993 ; Mazzotti 2006.

31In solo due o tre decenni l’economia lombarda passa quindi da una condizione di dipendenza verso l’estero nell’approvvigionamento di semilavorato serico per le sue manifatture urbane a una condizione di strutturale surplus, per quanto riguarda il prodotto della gelsibachicoltura e la sua prima trasformazione. Protagoniste sono le strutture produttive agricole e rurali, capaci di rendersi autonome dalle volontà del ceto mercantile eminente della metropoli, trovando però udienza nell’amministrazione centrale. Il successo del caso lombardo lo si può misurare in tutta la sua straordinarietà se si considera soltanto che nel caso della Toscana i livelli produttivi raggiunti dallo Stato di Milano tra la fine del ’500 e l’inizio del ’600 (vedi Tabella 7) non verranno qui toccati neppure nella prima metà dell’800, condannando il setificio fiorentino a una condizione di strutturale dipendenza dal rifornimento di materia prima sui mercati esterni23. E ciò appare tanto più sorprendente se si valutano i quadri ambientali e le strutture agrarie del Granducato, non irrimediabilmente ostili all’impianto della gelsibachicoltura. Il principale fattore di divergenza – almeno fino alla metà del ’600, quando si aggiunsero fattori esiziali legati al differente modello agrario – sembra essere stato proprio il pedaggio che le aree rurali dovettero pagare alla capitale e ai suoi ceti eminenti, capaci di imporre all’amministrazione granducale e al territorio i propri stili di consumo e le proprie scelte produttive24.

  • 25 Aymard 1991 ; Vigo 2009b, p. 43.
  • 26 Galasso 1967 ; Malanima 2001 ; Malanima 2004.

32La sostituzione della seta di importazione con produzioni autoctone che le strutture agrarie lombarde, oltre che padane, riescono ad assicurare fra Cinque e Seicento – diversamente da quanto riesce a fare la Toscana – è la principale causa della ristrutturazione del commercio della seta fra Sud e Nord Italia25, i cui effetti sono particolarmente rilevanti nel caso dell’economia calabra. Con il restringersi degli sbocchi e il contrarsi della produzione interna, tale regione vede irrimediabilmente perduto il primato storico di principale area di produzione della seta in Europa26. L’area lombarda, in compenso, dalla vallata del Ticino a quella del Mincio, assumerà questa parte nel corso del ’600 per conservarla fino al decollo industriale del Paese.

Tabella 7 - La produzione di seta nell’area lombardo-veneta in tonnellate (secc. XVI-XIX)

Anni/Territorio

Stato di Milano

Ducato di Mantova

Lombardia

Veneto

Inizio ’500

20-30

50-60*

1559

?

1

110*

1580

120

?

?

Inizio ’600

158

22

200

180

Inizio ’700

?

13

?

?

1769

250

?

?

?

1780

300

73**

673

428

1830-32

959

472

1855

1.300

900

(*) Terraferma veneta (compresa la Lombardia veneta).

(**) È compreso anche il Principato di Castiglione delle Stiviere (t 44).

Fonti : Battistini 2003, p. 89 (per l’inizio del ’500) ; Savazzi 1959-60, p. 76 (per il Ducato di Mantova negli anni 1554-57) ; Molà 2000, p. 232-236 (per la Terraferma veneta nel 1559 e nel 1608 ; nel secondo caso si è scorporato il dato della Lombardia veneta, attribuendolo alla Lombardia) ; Tabella 3 (per lo Stato di Milano nel 1580) ; Moioli 1981, p. 13n e tavola 3 (per lo Stato di Milano nel 1606 e nel 1769) ; Corritore 1996, p. 185 (per il Ducato di Mantova nel 1617) ; Archivio di Stato di Mantova, Archivio Gonzaga, b. 3190, cc. 960r-961v e 962r-964r (per il dato del Ducato di Mantova all’inizio del ’700 : « Nota delli fornelli e setta filata l’anno prossimo scorso 1715 dalli qui sotto notati Particolari in questa Città e Stato di Mantova » e « Nota delli fornelli e sette filate nell’anno corrente 1716 dalli sottonotati tanto in Città quanto per lo Stato Mantovano ») ; Battistini 1997, p. 901-902 (per i dati sul Ducato di Milano e sulla Terraferma veneta nel 1780, nel secondo caso si è scorporato il dato della Lombardia veneta, attribuendolo alla Lombardia) ; nota 13 (per il dato sul Ducato di Mantova con il Principato di Castiglione delle Stiviere negli anni 1775-77) ; Battistini 1997, p. 901-902 (per il dato dello Stato di Milano nel 1780) ; Federico 1994, p. 450 (per il 1830-32) ; Malanima 2002, p. 133 (per il 1855).

  • 27 Sereni 1961, p. 274-279.
  • 28 Petrò 1979 ; Colombo 2008, p. 130-157.

33Nel corso di pochi decenni, a cavaliere della peste di S. Carlo, avviene quindi nella pianura e nelle prime propaggini dell’altopiano della Lombardia occidentale una profonda trasformazione dei regimi agrari e dell’economia rurale, con l’impetuosa avanzata della gelsicoltura e della bachicoltura. Ma essa è l’espressione di una trasformazione ancor più profonda del paesaggio agrario e dei rapporti sociali nelle campagne che ha il suo mobile nell’introduzione generalizzata della piantata padana, laddove le rese cerealicole non sono minacciate dall’ombra del gelso, della vite, dell’albero27. E proprio in questi anni tale trasformazione conosce in valle padana un’accelerazione, come attesta Marco Cattini (vedi Tabella 8). Occorrerà attendere la diffusione del mais – e della risicoltura nelle aree vocate –, e la rivoluzione nei consumi alimentari e nella distribuzione della sussistenza che ne scaturisce, perché siano superati i vincoli agricolo e alimentare nell’altopiano e nella collina, che diventano, solo a partire da tale svolta, dagli ultimi decenni del ’600, terreno di elezione della nuova « economia della seta »28.

Tabella 8 - Classificazione dei terreni negoziati a san felice sul panaro secondo le destinazioni colturali (1512-1675). Valori percentuali

Tipo di terreno/Anni

1512-1532

1574-1589

1590-

1605

1606-1620

1621-1640

1641-1660

1661-1675

Boschivo

6

3

Prativo

30

15

Boschivo e prativo

8

3

7

5

6

Laborativo chiusurato

40

10

2

Laborativo

20

15

24

13

9

4

7

Laborativo arborato o vidato

2

50

37

22

20

12

Laborativo arborato vidato

1

6

29

62

64

91

74

Altro

1

1

1

Fonte : Cattini 1984, p. 23, 25, 28, 37.

  • 29 La completa sfarfallatura delle gallette è naturalmente solo teorica, esistendo nello stadio ancora (...)

34Ma quale fu l’impatto di tale rivoluzione sul paesaggio e sulle strutture agrarie dello Stato di Milano, e più in generale del territorio lombardo ? Per avere una risposta è opportuno prima ricostruire i nessi tecnici e i rapporti quantitativi fra i segmenti che formano la filiera fin dal primo stadio, dal seme-bachi (e la foglia di gelso) fino al prodotto della prima trasformazione (seta cruda e cascami) o – nel caso di una completa sfarfallatura del gallettame – fino alla produzione concomitante di seme-bachi29. Il modello proposto (Figure 2-3) è perfettibile, benché costruito su una serie ampia di dati. In ogni modo l’astrazione è strumento basilare per comprendere i vincoli e le opportunità di tale attività e il reale impatto di essa sulle strutture produttive, commerciali, sociali e persino istituzionali dello spazio lombardo nell’età di transizione. È comunque solo il primo passo nella direzione di una migliore comprensione di tale evento epocale.

Fig. 2 – La filiera serica dal seme-bachi alla seta greggia (secondo le misure decimali moderne).

Image 2.wmf

35Fig. 3 - La filiera serica dal seme-bachi alla seta greggia (secondo la metrologia coeva).

Image 3.wmf

  • 30 Vedi nota 22.

36Considerati i caratteri fisici dello Stato di Milano (vedi Tabella 9), e la peculiarità della coltivazione del gelso nell’ambito della piantata padana, fondata sul suo impianto ai limiti dei campi e delle proprietà, in filari paralleli ai fossati e ai canali d’irrigazione e di scolo, o alle ripe dei fiumi e dei corsi d’acqua, o nella terra di nessuno fra abitato e coltivo, fra città e campagna, la diffusione della gelsicoltura al di fuori del primitivo impianto metropolitano30, avviene innanzi tutto nella bassa pianura e nell’altopiano, avanzando come il bosco di Birnan verso il castello di Dunsinane in Macbeth : in apparenza fitto, come dimostra il numero straordinario di piante, che esorbita molto presto, e di molto, il numero degli uomini, e nella realtà – almeno sul più lungo periodo – sostenibile, come dimostra la quota tutto sommato modesta di suolo (non superiore al 2 per cento ancora nel 1780) (vedi Tabella 10) che può essere riservata all’impianto e alla crescita di questo patrimonio inestimabile per la vita e le sorti delle famiglie e comunità locali.

Tabella 9 - Lo stato di Milano alla fine del ’500. I caratteri fisici

Zona

Superficie (ha)

Ripartizione (%)

Montagna (˃700 m s.l.m.)

480.000

30

Collina (300-700 m s.l.m.)

320.000

20

Altopiano (150-300 m s.l.m.)

160.000

10

Bassa pianura (˂150 m s.l.m.)

640.000

40

Stato di Milano

1.600.000

100

Fonte : Sella 1979, p. 3-6.

Tabella 10 - La diffusione del gelso nello stato di Milano (secc. XVI-XVIII)

Anni

Gelsi in essere

Superficie all’ombra

dei gelsi (ha)

Sulla superficie dell’altopiano

e del bassopiano

(%)

Inizio ’500

180.000

1.250

0,2

1580

864.000

6.000

0,8

Inizio ’600

1.137.600

7.900

1,0

1769

1.800.000

12.500

1,6

1780

2.160.000

15.000

1,9

Dallo sviluppo « top-down » alla spinta « bottom-up »

  • 31 Lo dimostrano le ordinanze che limitano, sui mercati di Milano, in occasione delle annate di penuri (...)
  • 32 Vedi nota 22 ; e inoltre Colombo 1896, p. 373-375.
  • 33 Petrò 1979 ; Zanoboni 2005a.

37Fino alla peste di S. Carlo, dunque, lo Stato di Milano non è autosufficiente per quanto riguarda la fornitura di semilavorato alle sue industrie seriche. Ma non lo è nemmeno per quanto riguarda la capacità di assicurare il nutrimento ai propri allevamenti bacologici. Secondo le ordinanze del Tribunale di Provvisione di Milano, infatti, largo è il ricorso all’importazione di foglia de' moroni, almeno fino al 157531. La produzione domestica è concentrata entro le mura e nei Corpi Santi della città, oppure nel distretto di Vigevano32. I mercanti e gli artefices cittadini non vogliono perdere il controllo sulle fasi a monte della filiera. I titolari dei broli, gli affittuari dei gelsi (l’affitto delle piante è quasi sempre separato dal possesso e dalla locazione dei fondi), i fruttaroli che si fanno carico dell’intero ciclo della gelsicoltura (dalla cura delle piante fino alla raccolta della foglia e poi alla vendita del prodotto sulla piazza cittadina per mezzo di salariati) non vogliono perdere gli ingenti profitti che la commercializzazione della foglia garantisce33.

  • 34 Colombo 1896, p. 373n.
  • 35 Bognetti 1922, p. 8n-9n.

38Gli anni 1575-1577 segnano il passaggio dalla fase pionieristica dell’impianto della gelsibachicoltura all’interno delle mura cittadine, nella fascia periurbana, nelle possessioni più dinamiche dello stato, realizzata secondo modalità « top-down » (per azione signorile, mercantile e capitalistica), a una nuova fase di diffusione dell’albero e del baco fuori dalla metropoli e dalle città, alimentata da iniziative « bottom-up », prevalentemente rurali, proprietarie e contadine, a carattere decentrato. Contano in questa svolta tre fattori : l’esistenza nelle campagne di forza-lavoro inoccupata o sottoccupata pronta a esercitare nuove attività, in forma anche sussidiaria ; l’arrivo di crescenti quantità di seme-bachi dalla Spagna34 ; la propensione delle autorità sanitarie, dalla peste di S. Carlo in avanti, di liberare preventivamente i quartieri urbani dalle attività ritenute pericolose, in primis l’allevamento dei vermi da seta35.

39Vi sono però indizi che tale dislocazione delle prime lavorazioni della filiera serica dalla città alla campagna andò incontro, fra la peste di S. Carlo e la crisi degli anni Novanta – per il carattere tumultuoso, spontaneo, per certi versi anarchico della sua fase propulsiva –, al rischio di un’involuzione esiziale.

  • 36 Colombo 1896, p. 373n ; Muñoz Navarro 2008.

40La specializzazione della periferia dello Stato nella lavorazione povera della seta non è dovuta soltanto all’ostilità dei mercanti cittadini, contrari al decentramento delle fasi a più alto valore aggiunto fuori dalla cinta urbana, e all’incertezza, almeno nella prima fase, delle autorità di governo in merito alla dislocazione delle attività seriche. È frutto piuttosto del carattere propriamente aurorale, in questa fase, dell’impianto della gelsibachicoltura in molte terre dello Stato. L’importazione di buon seme valenciano – dove la gelsibachicoltura aveva raggiunto invece un invidiabile stadio di maturità – fornisce l’opportunità, a partire dagli anni ’50-6036, di impiantare e diffondere nelle terre del Milanesado l’allevamento del baco (oltre che la trattura e la filatura della seta), travalicando i confini del distretto ducale pioniere. L’assenza tuttavia di un capitale arboreo formato – per nutrire i vermi – e di un capitale umano educato nell’arte delicata di governare i bachi – per riprodurre e allignare il lepidottero nelle case dei contadini e nelle zone rurali – rende ancora fragile l’« economia della seta » ovvero scarsamente efficiente sia sul piano dell’autonomia e delle rese degli allevamenti, sia sul piano della qualità del prodotto.

41La stessa politica del governo attesta questa fragilità. La libertà, all’inizio, di importare ed esportare foglia de' moroni, semenza, gallette non prova affatto l’autosufficienza dello Stato lungo tutto il primo stadio della filiera serica, bensì la necessità di assicurare alla capitale e alle altre città l’approvvigionamento di materia prima in una situazione di organica dipendenza dai mercati esterni, almeno finché non siano consolidate le attività di base del comparto.

42Nella ricostruzione dei primi segmenti della filiera (vedi Figure 2-3) sono in effetti evidenti le potenzialità di un settore in cui, in un quadro normalizzato, è possibile moltiplicare per 75 volte (e anche di più), nell’arco di un solo esercizio, il capitale riproduttivo (ovvero la quantità di seme ricavata dall’input originario). Così come il modello e le evidenze storiche rivelano quale strozzatura produttiva, in tale fase di crescita incontrollata, rappresenta la non adeguata presenza di piante e di manodopera esperta nell’educazione del gelso e del baco.

  • 37 Corritore 2000.

43Lo squilibrio si palesa non solo sul piano microeconomico, ma anche su quello macroeconomico. Negli anni Ottanta e i primi anni Novanta del secolo XVI l’economia dello Stato di Milano vive una vera e propria crisi di struttura37, che è al tempo stesso crisi del mercato del lavoro, crisi di sussistenza, crisi manifatturiera, crisi della moneta e del credito, crisi sociale e politica.

  • 38 Colombo 2008, p. 86 e 175.
  • 39 Si può affermare che l’esistenza di un serbatoio di manodopera inoccupata o sottoccupata sia condit (...)

44Nelle campagne l’intensificazione dello sfruttamento dei terreni marginali erode i beni collettivi, toccando proprio le fasce più esposte della popolazione. L’espansione della piantata porta con sé lo sbarramento all’allevamento brado e, soprattutto, transumante, alterando usi, ritmi e circuiti secolari, senza offrire nell’immediato compensazioni adeguate alle donne e agli uomini occupati anche occasionalmente nella filiera della lana. L’introduzione della gelsicoltura nelle terre più fertili, con la rottura dei prati e l’alterazione di regimi agrari sperimentati, produce scompensi sul piano della copertura del fabbisogno granario domestico e dell’alimentazione del bestiame. L’adozione della moneta-gallette, della moneta-foglia de' moroni, della moneta-seta38 introduce nuove variabili e nuove regole nell’economia di scambio e nelle reti delle obbligazioni locali ed extralocali. Il vero e proprio scatto che si produce nell’economia del lavoro con l’adozione di un modo di produzione fortemente labor-intensive, a tutti i livelli della filiera serica39, costituisce un vero e proprio cataclisma sul piano dei rapporti familiari, aziendali, comunitari, per non parlare delle relazioni fra città e contado.

  • 40 Corritore 2000, p. 70-72.

45L’acutissima crisi che si registra nelle due principali città dello Stato, Milano e Cremona, pur morfologicamente diverse, scandisce il tramonto di un mondo che non tornerà più. Per le città il passaggio dall’« economia della lana » a una matura « economia della seta » significa infatti un processo di specializzazione e di integrazione in un’economia regionale e non più la declinazione di un modello unico di economia cittadina alla cui base vi è, innanzi tutto, la lavorazione della lana, non importa se per soddisfare i bisogni locali o dominare un mercato più vasto. Solo nella capitale, negli anni ’80, si registrano due tumulti annonari, pasquinate affisse ai muri, decine di migliaia di poveri disoccupati, una crisi demografica e annonaria peggiore di quella che verrà negli anni ’90. Il maximum dei grani emanato nel novembre 1586, in tutto lo Stato, segnala il generale allarme sociale, l’inquietudine che pervade la classe di governo e i funzionari spagnoli40.

  • 41 Dell’Amore 1944, p. 30n.
  • 42 Menger 1976, p. 419.
  • 43 Verga 1900, p. 49-75. Ma l’interpretazione delle leggi suntuarie richiederebbe un’analisi più artic (...)

46La filiera della seta è nel suo primo stadio – per ragioni tecniche – un’economia di prossimità (si potrebbe persino definire un’economia del prodotto fresco) il cui spazio naturale è l’ambiente rurale, ancorché quello di elezione sia, alle origini, la città. La notevole segmentazione della filiera, l’elevata incidenza del lavoro nella valorizzazione del prodotto e l’assenza di costi di immagazzinaggio, la bassa soglia di accesso per l’avvio di nuovi esercizi, la rapidità del ciclo del capitale fra investimento e remunerazione41 e l’elevata fungibilità della materia prima e del semilavorato, tali da garantire con il valore incorporato nella merce42 un agevole finanziamento delle operazioni di manipolazione, offrono innumerevoli possibilità di investimento, reddito, occupazione alle classi rurali. I caratteri di « industria leggera » delle prime fasi di trasformazione della materia serica, per di più, si manifestano nella brevità del ciclo di lavorazione e nella flessibilità della produzione sia per quanto riguarda gli sbocchi del semilavorato sia per quanto concerne la possibilità di coniugare l’attività serica con altre attività, di servizio o manifatturiere (quelle tessili innanzi tutto). Si irrobustisce così la protoindustria nei centri rurali. Tutti questi fattori alimentano l’emulazione dei ceti intermedi borghigiani e dei coqs du village nei confronti dell’ambiente cittadino, che è all’origine di uno spirito di rivalsa verso gli agenti di città (proprietari, mercanti, funzionari) e una conflittualità crescente fra borghi grossi, capoluoghi e distretti rurali. Nelle quasi-città si rinnova e si rafforza una volontà di emancipazione rispetto al mondo rurale. Nulla segnala più delle leggi suntuarie la competizione sociale in corso e la volontà del blocco dominante di rimarcare le barriere tra un gruppo sociale e l’altro (in particolare tra la nobiltà e gli ignobili) attraverso il governo del capitale simbolico43.

Haut de page

Bibliographie

Aymard 1991 = M. Aymard, La fragilità di un’economia avanzata : l’Italia e le trasformazioni dell’economia, in Storia dell’economia italiana. II. L’età moderna : verso la crisi, Torino, 1991, p. 5-137.

Barbot 2004 = M. Barbot, « Aguagliarsi almen col vestire alla nobiltà » : leggi suntuarie, gerarchie sociali e congiunture economico-politiche a Milano in Età moderna (secc. XVI-XVIII), in Balbisei. Ricerche Storiche Genovesi, 0, 2004, p. 109-139.

Battistini 1993 = F. Battistini, La gelsibachicoltura e la trattura della seta in Toscana (secc. XIII-XVIII), in La seta in Europa (secc. XIII-XX), Firenze, 1993, p. 293-299.

Battistini 1997 = F. Battistini, La produzione e il commercio della seta greggia in Italia alla fine del XVIII secolo, in Società e storia, 20, 1997, 78, p. 889-907.

Battistini 2003 = F. Battistini, L’industria della seta in Italia nell’età moderna, Bologna, 2003.

Battistini 2005 = F. Battistini, La produzione, il commercio e i prezzi della seta grezza nello Stato di Firenze (1489-1859), in Rivista di storia economica, 21, 2005, 3, p. 233-272.

Beonio-Brocchieri 2000 = V. Beonio-Brocchieri, « Piazza universale di tutte le professioni del mondo ». Famiglie e mestieri nel Ducato di Milano in età spagnola, Milano, 2000.

Bognetti 2005 = G. P. Bognetti, La seta in Lombardia, in Problemi italiani, 1, 2005, 15, p. 3-39.

Broggi 1958 = T. Broggi, Storia del setificio comasco. II. La tecnica. I. Dalle origini alla fine del Settecento, Como, 1958.

Cattini 1984 = M. Cattini, I contadini di San Felice. Metamorfosi di un mondo rurale nell’Emilia dell’età moderna, Torino, 1984.

Cherubini 1839-1843 = F. Cherubini, Vocabolario milanese-italiano, Milano, 1839-1843, 4 voll.

Cobelli 1872 = R. Cobelli, Cenni storici e statistici sulla bachicoltura nel Trentino, Rovereto, 1872.

Codice 1846 = Codice visconteo-sforzesco, ossia Raccolta di leggi, decreti e lettere famigliari dei Duchi di Milano con note e illustrazioni di Carlo Morbio, Milano, 1846.

Colombo 1896 = A. Colombo, La fondazione della Villa Sforzesca secondo Simone del Pozzo e i documenti dell’Archivio Vigevanese, in Bollettino storico-bibliografico subalpino, 1, 1896, 6, p. 370-379.

Colombo 2008 = E. C. Colombo, Giochi di luoghi. Il territorio lombardo nel Seicento, Milano, 2008.

Corritore 1996 = R. P. Corritore, L’evoluzione sei e settecentesca della popolazione nello stato mantovano : strutture e dinamiche, in Atti e memorie dell'Accademia Virgiliana, 64, 1996, p. 167-221.

Corritore 2000 = R. P. Corritore, La crisi di struttura degli anni Ottanta del XVI secolo nello Stato di Milano. Le industrie della lana, in Storia economica, 3, 2000, 1, p. 61-95.

Corritore 2005 = R. P. Corritore, Una città e una famiglia di imprenditori cartari : Varese e i Molina. L’accumulazione originaria nel settore serico, la conversione all’attività cartaria, in R. P. Corritore, L. Piccinno (a cura di), Cinque secoli di carta. Produzione, commercio e consumi della carta nella « Regio Insubrica » e in Lombardia dal Medioevo all’età contemporanea, Varese, 2005, p. 132-169.

Cronaca Tatto 2001 = La Cronaca varesina di Giulio Tatto, Gavirate, 2001.

Curatolo 1996 = P. Curatolo, Struttura, crisi e trasformazione di un sistema produttivo urbano : le corporazioni auroseriche milanesi (1570-1720), Milano, 1996.

Dell’Amore 1944 = G. Dell’Amore, I cicli finanziari della produzione agraria, in Rivista internazionale di scienze sociali, 52, 1944, 3, p. 23-34.

De Maddalena 1978 = A. De Maddalena, Tra seta, oro e argento a Milano a mezzo il Cinquecento, in Studi in memoria di Federigo Melis, IV, Napoli, 1978, p. 85-110.

Federico 1994 = G. Federico, Il filo d’oro. L’industria mondiale della seta dalla restaurazione alla grande crisi, Venezia, 1994.

Fumi 1990 = G. Fumi, Aspetti dell’economia della città nell’età moderna, in Lodi. La storia dalle origini al 1945, III, Lodi, 1990, p. 70-121.

Galasso 1967 = G. Galasso, Economia e società nella Calabria del Cinquecento, Napoli, 1967.

Gridario 1600 = Compendio di tutte le gride et ordini publicati nella Città et Stato di Milano nei governi degli Illustrissimi et Eccellentissimi Signori Iuan Fernández de Velasco, Contestabile di Castiglia etc., et Don Pedro de Pedilla, Castellano di Milano etc., Luogotenenti et Governatori per Sua Maestà Catholica dello Stato di Milano, Milano, 1600.

MacLachlan, Rodríguez 2003 = C. MacLachlan, J. Rodríguez, La forja de la raza cósmica, in E. Cárdenas (compilador), Historia económica de México, I, Città del Messico, 2003, p. 247-298.

Mainoni 1985 = P. Mainoni, Origini medievali e rinascimentali dell’industria serica in Lombardia, in L. Zoppè (a cura di), I segni del paesaggio lombardo. Parte III, Milano, 1985, p. 29-35.

Malanima 2001 = P. Malanima, Il gelso e la seta dal tardo Medioevo alla metà del Seicento, in P. Bevilacqua (a cura di), Storia della Calabria. III. Dal 1350 al 1650, Roma-Bari, 2001, p. 58-70.

Malanima 2002 = P. Malanima, L’economia italiana. Dalla crescita medievale alla crescita contemporanea, Bologna, 2002.

Malanima 2004 = P. Malanima, Le sete della Calabria, in I. Fusco (a cura di), La seta. E oltre..., Napoli, 2004, p. 55-67.

Malassis 1973 = L. Malassis, Économie agro-alimentaire. I. Économie de la consommation et de la production agro-alimentaire, Parigi, 1973.

Mazzotti 2006 = O. Mazzotti, Romagna pontificia e Romagna toscana. L’economia dell’Appennino forlivese in età moderna, Ostra Vetere, 2006.

Menger 1976 = C. Menger, Principi di economia politica, Torino, 1976 (ed. originale Vienna 1871 ; 2a ed. : Vienna 1923).

Menger 1996 = C. Menger, Sul metodo delle scienze sociali, Macerata, 1996 (ed. originale Lispia 1883).

Mizzau, Velo 2005 = T. Mizzau, L. Velo, Seta per filati discontinui, Milano, 2005.

Moioli 1981 = A. Moioli, La gelsibachicoltura nelle campagne lombarde dal Seicento alla prima metà dell’Ottocento. Parte Prima. La diffusione del gelso e la crescita produttiva della sericoltura, Trento, 1981.

Molà 2000 = L. Molà, The silk industry of Renaissance Venice, Baltimora, 2000.

Muñoz Navarro 2008 = D. Muñoz Navarro, Fraude en el commercio de seda entre los Reinos de Castilla y Valencia en época de Felipe II, in Oleana. Revista de Historia Comarcal, 22, 2008, p. 593-611.

Petrò 1979 = G. Petrò, Aspetti dell’introduzione e della diffusione del gelso nel Bergamasco, in Bergomum, 73, 1979, 1-2, p. 187-204.

Poggi 1886 = C. Poggi, Gli introduttori dell’arte della seta in Como. Cenni storici, Milano, 1886.

Poni 2009 = C. Poni, All’origine del sistema di fabbrica : tecnologia e organizzazione produttiva dei mulini da seta nell’Italia settentrionale (sec. XVII-XVIII), in Id., La seta in Italia. Una grande industria prima della rivoluzione industriale, Bologna, 2009, p. 3-69 (saggio del 1976).

Saba 1990 = F. Saba, Il « Valimento del Mercimonio ». Accertamento fiscale e realtà del commercio della città di Milano, Milano, 1990.

Savazzi 1960 = L. Savazzi, L’arte della seta a Mantova nel XVI e XVII secolo, tesi di laurea, Fac. di Economia e commercio dell’Università degli studi di Parma, rel. A. De Maddalena, a.a. 1959-1960.

Sella 1979 = D. Sella, Crisis and continuity. The economy of Spanish Lombardy in the seventeenth century, Cambridge (Mass.), 1979.

Sereni 1961 = E. Sereni, Storia del paesaggio agrario italiano, Bari, 1961.

Trezzi 1986 = L. Trezzi, Ristabilire e restaurare il mercimonio. Pubblici poteri e attività manifatturiere a Milano negli anni di Carlo VI, Milano, 1986.

Verga 1900 = E. Verga, Le leggi suntuarie e la decadenza dell’industria in Milano (1565-1750), in Archivio storico lombardo, 27, 1900, 25, p. 49-116.

Verga 1915 = E. Verga, Il Comune di Milano e l’Arte della Seta dal secolo decimoquinto al decimottavo, in Annuario storico-statistico del Comune di Milano, 32, 1915, 2, p. VII-LIX.

Verri 1932 = P. Verri, Bilanci del commercio dello Stato di Milano, Torino, 1932.

Vigo 1991 = G. Vigo, Politica economica e metamorfosi industriale nella Lombardia spagnola, in Rivista milanese di economia, 10, 1991, 40, p. 113-124.

Vigo 1999 = G. Vigo, « … come le arti ordinarie non mancano, così non hevvi cosa di riguardevole ». L’economia lodigiana fra Cinque e Seicento, in Rivista milanese di economia, 18, 1999, 71-72, p. 137-158.

Vigo 2009a = G. Vigo, L’economia urbana, in Storia di Cremona. Il Settecento e l’età napoleonica, Cremona, 2009, p. 50-71.

Vigo 2009b = G. Vigo, Mille anni di economia italiana. Un profilo storico, Napoli, 2009.

Zanoboni 2005a = M. P. Zanoboni, Frutta e fruttaroli nella Milano sforzesca, in Ead., Rinascimento sforzesco. Innovazioni tecniche, arte e società nella Milano del secondo Quattrocento, Milano, 2005, p. 233-271 (saggio del 1997).

Zanoboni 2005b = M. P. Zanoboni, « Noctis tempore rapuit et exportavit rotam ». Disavventure dell’unico mulino da seta ad energia idraulica di Milano (seconda metà del secolo XV), in Ead., Rinascimento sforzesco… cit., p. 151-192 (saggio del 2001).

Haut de page

Notes

1 Malassis 1973.

2 Menger 1996, p. 133-167.

3 Cfr. Sella 1979, p. 141-142.

4 « Da molti anni a questa parte scarseggia […] il raccolto delle sete » attesta una grida del 29 giugno 1699 (Archivio storico civico di Milano [d’ora in poi ASCMi], Gride, cart. 6, fasc. 112). Le difficoltà del serificio lombardo si inseriscono in una congiuntura europea che si potrae per un quarto di secolo o poco meno : « Si crede che la malattia del baco da seta sia comparsa per la prima volta nell’anno 1688 nell’Italia, nella Linguadoca, nella Provenza e nel Delfinato. […] Essa durò fino all’anno 1710, e produsse le maggiori stragi nel 1693, nel qual anno il raccolto dei bozzoli nell’Italia e nella Francia andò quasi interamente perduto » (Cobelli 1872, p. 15). La crisi va quindi interpretata come una « crisi di struttura », che mette in difficoltà l’intera filiera, non come una crisi effimera e localizzata.

5 Moioli 1981, p. 54-65 ; Trezzi 1986.

6 Verga 1915, p. XLV ; Trezzi 1986, p. 105 e 136n.

7 Curatolo 1996, p. 77-78.

8 Poni 2009, p. 38-41 ; Zanoboni 2005b, p. 151-192 ; Poggi 1886.

9 Moioli 1981, p. 24n-25n e 49n-50n ; Fumi 1990, p. 89 ; Vigo 1999, 146 ; Beonio-Brocchieri 2000, p. 184-185 ; Poggi 1886, p. 18-19 ; Corritore 2005, p. 150-151 ; Vigo 2009b, p. 58.

10 Curatolo 1996, p. 80.

11 Molà 2000, p. 232-234 e 385n.

12 Archivio di Stato di Milano, Commercio, parte antica (d’ora in poi ASMi, Commercio, p.a.), cart. 231, « Dimostrazione del quantitativo delle sete e cascami prodotto in tutto lo Stato di Milano ne' seguenti anni… », 28 novembre 1779.

13 ASMi, Commercio, p.a., cart. 235, « Gallette e prodotti notificati da tutto lo Stato Mantovano all’Officio generale del R. D. Maestrato Camerale nell’anno 1776 con distinzione di quelle che sono state filate nelle rispettive Giurisdizioni da quelle che furon estratte con confronti del 1775 », dall’Officio generale della Notificazione, 12 ottobre 1776, e « Prospetto del raccolto e della filatura della galetta 1777 con suo prodotto ».

14 ASCMi, Materie, cart. 873, c.n.n., « Primo costo de una lipra di setta a comune pretio… », memoria dei Mercanti auroserici di Milano, s.d. (ma ca. 1560 : vedi De Maddalena 1978, p. 106-107) ; Saba 1990, p. 57-61 ; Curatolo 1996, p. 77.

15 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, consulta dei mercanti auroserici di Milano del 1578.

16 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, « Relatione e parer del Magistrato [ordinario] », 1° luglio 1606.

17 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, consulta del Magistrato ordinario del 1° luglio 1606 (la stima si riferisce evidentemente alla sola seta greggia, senza considerare i cascami).

18 Vedi Tabella 3.

19 ASMi, Commercio, p.a., cart. 228, vari documenti del 1606 ; Vigo 1991, p. 120n ; Cronaca Tatto 2001 ; Corritore 2005.

20 Petrò 1979 ; Moioli 1981.

21 Tra i fattori invece che favoriscono tale localizzazione vi è la necessità di disporre di fertilizzante per la messa a dimora dei giovani gelsi (Petrò 1979, p. 193).

22 Il primitivo impianto delle piante di morone da parte degli Sforza avviene negli orti e nei broli di Milano, città e suburbium. L’ordine ducale del 15 settembre 1470 che invita a piantare cinque gelsi ogni 100 pertiche di terra, « et così ad la rata de dite pertiche cento », si applica infatti alla « cità di Milano, borghi et corpi sancti soij », dove sono stati avviati anche i primi allevamenti dei vermi da seta, non all’intero dominio come è stato spesso equivocato (Codice 1846, p. 399-400 ; Zanoboni 2005a, p. 243 e 251n-252n, che fa intuire una situazione ancora aurorale ; Battistini 2003, p. 41). La difficoltà di rifornire adeguatamente le filande cittadine, tuttavia, induce il duca, negli ultimi anni del ’400 (nel 1495 Lodovico arricchisce il proprio blasone della raffigurazione di un gelso o moro), a mettere a dimora nella possessione La Sforzesca, a pochi chilometri da Vigevano, centinaia di piante more bianche portate dal Vicentino e dal Veronese (Colombo 1896, p. 373-374 ; Broggi 1958, p. 36). L’intento di questo investimento è spiccatamente monopolistico, poiché privilegia pochi patroni e mercanti-imprenditori (i fruttaroli) nella commercializzazione della foglia de' moroni sulle piazze di Milano, ancora fino a tre quarti del secolo successivo (Moioli 1981, p. 19n-20n ; Colombo 1896, p. 373 e 375). Del resto, ancora negli anni ’70 del secolo XVI, « il permanere della pratica dell’allevamento dei bachi in città […] doveva costituire […] un’attività di un qualche rilievo » (Saba 1990, p. 54 ; e inoltre Bognetti 1922, p. 8n-9n). Nel resto dello Stato l’introduzione della gelsibachicoltura è rallentata e rudimentale : « il cronista Muralto scriveva nel 1513 che nelle campagne milanesi e comasche i bachi si aggiravano liberamente sugli alberi di gelso » (Mainoni 1985, p. 32; Biblioteca comunale di Como, « Annalia Francisci Muralti ex Codice Trivultiano curante D.re Francisco Fossati » [ms. 11.4.3], p. 199-200).

23 Battistini 1993 ; Battistini 2005, p. 238.

24 Battistini 1993 ; Mazzotti 2006.

25 Aymard 1991 ; Vigo 2009b, p. 43.

26 Galasso 1967 ; Malanima 2001 ; Malanima 2004.

27 Sereni 1961, p. 274-279.

28 Petrò 1979 ; Colombo 2008, p. 130-157.

29 La completa sfarfallatura delle gallette è naturalmente solo teorica, esistendo nello stadio ancora aurorale della gelsibachicoltura lombarda un netto divario qualitativo fra il seme-bachi d’importazione (soprattutto valenciano) e i primi frutti della produzione autarchica di seme-bachi.

30 Vedi nota 22.

31 Lo dimostrano le ordinanze che limitano, sui mercati di Milano, in occasione delle annate di penuria, il prezzo della foglia de' moroni : esiste sostanzialmente un doppio circuito che distingue il prodotto nazionale da quello d’importazione (la vendita avviene in luoghi diversi della città, a prezzi anche differenti) (ASCMi, Dicasteri, Tribunale di Provvisione, cart. 223, reg. 11, ff. 160r-161r, 20, 21 e 23 maggio 1549 ; cart. 225, reg. 13, f. 221, 2 giugno 1564 ; cart. 226, reg. 14, f. 172v, 26 maggio 1567 ; cart. 228, reg. 16, ff. 1v-2v, 21 maggio 1575). Dopo il 1575 il Tribunale di Provvisione non interviene più in materia.

32 Vedi nota 22 ; e inoltre Colombo 1896, p. 373-375.

33 Petrò 1979 ; Zanoboni 2005a.

34 Colombo 1896, p. 373n.

35 Bognetti 1922, p. 8n-9n.

36 Colombo 1896, p. 373n ; Muñoz Navarro 2008.

37 Corritore 2000.

38 Colombo 2008, p. 86 e 175.

39 Si può affermare che l’esistenza di un serbatoio di manodopera inoccupata o sottoccupata sia conditio sine qua non dell’impianto, dell’attecchimento, dello sviluppo della gelsibachicoltura in una regione che possegga le condizioni ambientali giuste. Il caso del Messico coloniale dove l’arrivo di buona semenza e pianticelle di gelso dalla Spagna dà l’avvio all’inizio degli anni ’20 a una promettente e completa filiera della seta che decade irrimediabilmente a partire dagli anni ’70 dello stesso secolo (perché la peste 1576-1579 dimezza la popolazione avviando il declino demografico della regione) prova che « la producción de seda era una actividad intensiva en mano de obra que sólo resultaba económicamente viable donde había una oferta abundante y barata de mano de obra » (MacLachlan, Rodríguez 2003, p. 291).

40 Corritore 2000, p. 70-72.

41 Dell’Amore 1944, p. 30n.

42 Menger 1976, p. 419.

43 Verga 1900, p. 49-75. Ma l’interpretazione delle leggi suntuarie richiederebbe un’analisi più articolata e duttile, essendo i loro moventi, allo stesso tempo – in un ordine e in un connubio diversi, secondo la congiuntura e il contesto –, etico-religiosi, morali, politici, economici. Cfr. Barbot 2004 che accentua però il carattere sociale « aperto » – in un arco bisecolare – della legislazione milanese. Sulla periodizzazione e sul significato delle leggi suntuarie discusse e pubblicate nello Stato di Milano (nella metropoli, ma anche nelle altre comunità del Milanesado e nel resto della Lombardia) si rinvia quindi a un lavoro futuro.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Lo Stato di Milano alla fine del ’500 (Sella 1979, p. II).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Renzo P. Corritore, « Storia economica, ambiente e modo di produzione. L’affermazione della gelsibachicoltura nella Lombardia della prima età moderna », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-1 | 2012, mis en ligne le 19 décembre 2012, consulté le 30 avril 2017. URL : http://mefrim.revues.org/327 ; DOI : 10.4000/mefrim.327

Haut de page

Auteur

Renzo P. Corritore

Dipartimento di studi umanistici, Università degli studi di Pavia - renzo.corritore@unipv.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org