Navigation – Plan du site
Pratiche dell’adozione in età bassomedievale e moderna

L’importanza del nome : l’istituto dell’adoptio in hereditatem in età moderna

Marina Garbellotti

Résumés

Partendo dal testamento di un nobile trentino, Ludovico Luchini, deceduto all'inizio del Seicento, si indaga la pratica adottiva dell’adoptio in hereditatem, o adozione per testamento, alla quale si ricorreva prevalentemente per assicurarsi un erede. Nelle ultime volontà il nobile affidò alla confraternita della Misericordia di Trento il compito di individuare un giovane cittadino, al quale assegnare la sua facoltà, purché accettasse di portare le insegne e il nome di casa Luchini. Al momento opportuno il sodalizio indisse un concorso di adozione, al quale parteciparono una decina di padri e una madre inviando una lettera con l’esplicito fine di raccomandare la nomina di un figlio. Le qualità dei candidati esposte in questi documenti, tra le quali spicca l’attitudine per lo studio delle lettere, tracciano il profilo ideale del giovane destinato a dare continuità alla famiglia del testatore.

Haut de page

Notes de l’auteur

Abbreviazioni

ASVr = Archivio di Stato di Verona

ASTn = Archivio di Stato di Trento

BCT1 = Biblioteca Comunale di Trento, Fondo Miscellaneo

BCT3 = Biblioteca Comunale di Trento, Archivio Congregazione di Carità

Texte intégral

Assicurare la discendenza

  • 1 Vedi Zanella 1879, p. 93 e Albertini 1921, p. 135.
  • 2 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 54r-5 (...)

1Più che la malattia a tormentare il nobile trentino Ludovico Luchini era la consapevolezza dell'estinzione della famiglia. Figlio di Francesco, giurisperito e consigliere del principe vescovo Ludovico Madruzzo, il nobile Luchini non aveva né moglie né figli. Il fratello Bartolomeo, anch'egli consigliere vescovile e negli anni 1589-1591 canonico della cattedrale di Trento, riposava nella tomba di famiglia posta nella chiesa di Santa Maria Maggiore, e l'unica sorella sposata tardava a procreare1. Ludovico aveva anche un fratello, Andrea, ma di lui non sappiamo nulla. Costretto a letto da qualche tempo, nella sua casa situata nell'elegante contrada Lunga della città di Trento, il nobile aveva avuto modo di pensare e ripensare a una soluzione, e temendo che la malattia non gli avrebbe dato scampo, il 28 novembre del 1607 chiamò al suo capezzale alcuni testimoni e il notaio al quale dettò un nuovo testamento2. La prima preoccupazione fu quella di predisporre il passaggio dalla vita terrena a quella ultraterrena : precisò di voler essere sepolto nella tomba di famiglia ; si assicurò la salvezza dell'anima ordinando la celebrazione di messe e donando un'elemosina alle principali chiese della città, quella di San Pietro, di Santa Maria Maggiore e la cattedrale di San Vigilio, nonché alla confraternita del Corpo di Cristo ; e perché la comunità dei vivi non lo dimenticasse lasciò, « pro salute animae suae ac memoria suae personae », cento ragnesi alla sua chiesa parrocchiale con l'obbligo di celebrare una messa di anniversario nel giorno dedicato a san Ludovico. Assolta la parte spirituale, si accinse ad affrontare quella materiale.

  • 3 Gli anni in cui il Baldovini ricoprì la carica consolare sono i seguenti : 1605, 1606, 1612, 1616, (...)
  • 4 Il desiderio di durata, oltre a consolidare la forza della famiglia, serviva «a rivendicare il diri (...)

2Stando al testamento, il nobile Luchini doveva essere di indole schiva. Dopo aver menzionato i parenti stretti, una delle due sorelle e il fratello, che tacitò con 50 ragnesi ciascuno, menzionò poche, anzi pochissime persone, per le quali però spese parole calorose. In ricordo dell'affettuosa amicizia lasciò a Job de Job un prezioso anello e un altro di minor valore lo donò a un secondo amico, rimarcando in questo modo il grado di affetto provato nei loro confronti. Erede universale nominò la sorella Caterina, moglie del nobile capitano Alberto Baldovini, esponente di una nobile famiglia patrizia di Trento a condizione che avesse avuto dei figli. Il capitano si era distinto sulla scena politica sedendo nella magistratura cittadina, il massimo organo politico e amministrativo della città, per sette volte tra il 1605 e il 1630 e i due cognati dovevano essere legati da un sincero affetto : nel testamento, infatti, il Luchini lo menzionò subito dopo i due fratelli3. Se Caterina e Alberto avessero avuto dei figli, il suo ricco patrimonio sarebbe servito a conferire maggiore lustro ai discendenti della famiglia Baldovini. Il Luchini era disposto a questo sacrificio purché quei nipoti nascessero. Al momento del testamento, però, i coniugi Baldovini non avevano figli e nel dubbio che la sorte potesse negarglieli, Ludovico dispose che il patrimonio con vincolo di natura fedecommissaria passasse al cugino Alessandro e ai suoi discendenti maschi. Tali sostituzioni non costituivano una novità nei testamenti di età moderna, esse rientrano nell'ampia casistica di strategie attuate dai testatori di un certo lignaggio per perpetuare nel tempo i beni di famiglia e con essi la memoria della stessa. Naturalmente più il casato era insigne e più il nome della famiglia doveva sopravvivere, se possibile diventare imperituro, e il patrimonio serviva a realizzare questo progetto4.

  • 5 BCT1, n. 2293, numerazione moderna, fol. 172v-174v.

3Anche questa disposizione non rassicurava completamente Ludovico. Alessandro non aveva figli e nell’ipotesi che questa linea si estinguesse optò per una soluzione diversa da quella presa nel precedente testamento, rogato nel novembre del 16065. In quest'atto aveva individuato quali ultimi eredi sostitutivi i figli legittimi nascituri di tale Giorgio Savoni di Riva, che avrebbero ereditato il patrimonio in parti uguali con l'obbligo di assumere il cognome e le armi di casa Luchini. Più successori avrebbero garantito la perpetuazione del nome, ma questa modalità avrebbe compromesso l'integrità del patrimonio. Forse per questa ragione o per un dissapore, il Luchini ebbe un ripensamento.

  • 6 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 56v-5 (...)

4Nel secondo e ultimo testamento non menzionò i figli del Savoni e affidò alla confraternita della Misericordia il delicato compito di nominare il successore. Alla sua morte l’associazione avrebbe dovuto individuare un giovane nato da legittimo matrimonio « ex aliquo cive honestae conditionis, status, et qualitatis huius civitatis Tridenti » e di « bonae indolis, frugis, ac optimae spei ». Questi avrebbe ereditato l’intera facoltà con vincolo fedecommissario e alla sua morte sarebbero subentrati in infinito i figli maschi legittimi e qualora il nuovo erede fosse deceduto senza discendenti, la confraternita avrebbe riassegnato il cognome, le insegne e il patrimonio a un altro giovane garantendo così la sopravvivenza della famiglia. I rettori del sodalizio che si fossero trovati a gestire tale situazione dovevano amministrare i beni del Luchini sino al compimento del venticinquesimo anno di età del designato, mantenerlo « in aliquo studio » affinché apprendesse le arti liberali, e assicurarsi che rispettasse scrupolosamente le disposizioni testamentarie del Luchini assumendo il cognome e lo stemma di famiglia6. Al prescelto, in sostanza, si chiedeva di accettare una nuova identità. La richiesta era impegnativa, ma l’assunzione di quel cognome comportava acquisire notorietà, prestigio e un ricco patrimonio che, pur essendo in fedecommesso, avrebbe assicurato una consistente rendita. E di questi benefici, di riflesso, avrebbero usufruito anche i parenti della famiglia originaria. Quest'eredità invogliava molti.

L'adoptio in hereditatem

5Il Luchini, al pari di altri uomini del suo rango, era intriso di quella cultura nobiliare che individuava nella secolare vita di una famiglia l'indubbia prova del valore della stessa. Per questo motivo ricorse a un istituto che, a suo parere, avrebbe potuto garantire il perpetuarsi della famiglia, o almeno del suo nome, in infinito, cioè l'adoptio in hereditatem o adozione per testamento.

  • 7 Come è noto tale distinzione si deve a Giustiniano, Cattaneo 1987, p. 95 e Gualazzini 1964, p. 289.

6Come è noto, il termine adozione rinvia a istituti giuridici che assunsero nel corso dei secoli caratteristiche differenti. Conviene quindi affidarsi a una definizione forse generica, ma unitaria. Si tratta di un atto che permette di creare un vincolo di filiazione artificiale tra persone non unite da una relazione biologica con effetti giuridici che, secondo la loro ampiezza, realizzano differenti figure adottive classificabili in adozione piena o semplice. L’adozione piena comporta l'introduzione a ogni effetto dell'adottato nella 'nuova' famiglia : questi perde tutti i vincoli di parentela con la famiglia d'origine per instaurarli con la famiglia dell'adottante e gode degli stessi diritti di un figlio procreato. Diversamente, l’adozione semplice può essere fatta da un estraneo, non prevede la creazione di legami di parentela con la famiglia dell'adottante lasciando così inalterati quelli con la famiglia di origine, ma consente all'adottato di succedere nel patrimonio dell'adottante7.

  • 8 Vedi Santinelli 1998, p. 9. Per una puntuale trattazione delle forme e delle modalità adottive nell (...)
  • 9 Vedi Santinelli 1998, p. 17. Questa pratica adottiva si riscontra anche nella società ateniese, ved (...)

7L'obiettivo del Luchini era di creare un erede fittizio, con il quale non esisteva alcun legame di sangue, e l'adoptio in hereditatem rispondeva a quest'aspettativa. Questo istituto non è un'invenzione dell'età moderna, ma risale all'epoca romana, che riconosceva quattro forme di adozione : due codificate dal diritto romano, l'adoptio e l'adrogatio, e due menzionate prevalentemente nelle fonti letterarie, la presa in carico di un alumnus e l'adozione testamentaria, che consentiva alla morte del testatore di trasmettere il nome e i beni materiali a un erede8. La ragione dell'assenza di queste due ultime forme adottive nelle fonti giuridiche avvalora l'ipotesi che anche in età romana, come in tutte le società, a fianco del diritto ufficiale esistessero norme non codificate capaci comunque di condizionare i comportamenti e la vita quotidiana9.

  • 10 Vedi Vismara 1958, p. 581.
  • 11 Vedi La Rocca 1997, p. 34 e Romano 1994, p. 24-25.

8L’adozione per testamento non richiedeva la rinuncia della patria potestà da parte del padre naturale e attribuiva all'adottato un'aspettativa successoria sui beni dell'adottante10. Il ricorso a questa pratica poteva essere dettato da motivi sentimentali, dalla volontà di creare o rinsaldare l'alleanza con un'altra famiglia, ma più frequentemente nasceva dall'esigenza di garantire la continuità del gruppo parentale. Soprattutto per rispondere a questa finalità nei regni romano – barbarici che non conoscevano il testamento romano, inteso come istituto formalmente codificato da clausole specifiche, bensì atti di tipo ‘paratestamentario’ con cui le aristocrazie pianificavano il futuro dei propri beni e lo status del proprio gruppo parentale, si diffusero degli atti stipulati inter vivos assimilabili all'adozione per testamento, che autorizzavano un individuo a trasferire parte o l'intero patrimonio a un erede11.

  • 12 Non convince l'opinione dell'antropologo Jack Goody, secondo il quale responsabile della scomparsa (...)
  • 13 Vedi Tamassia 1971, p. 244-245 ; Pertile 1966, p. 396 ; G. Vismara 1958, p. 584 ; Romano 1994, p. 4 (...)

9Dall'età feudale l'adozione per testamento sarebbe incorsa in un netto declino, subendo lo stesso destino delle altre forme adottive, essenzialmente per due ragioni : da un lato, perché il diritto feudale escludeva i figli adottivi dalla successione nei feudi, nei fedecommessi e nell'eredità alla nobiltà e allo stemma ; dall'altro, perché la rinascita del testamento romano permetteva di destinare le sostanze al di fuori della successione intestata-naturale. Le pratiche adottive, dunque, avrebbero perso la loro ragione d'essere, sarebbe venuta meno la loro funzione di creare un erede artificiale in grado di garantire la continuità della famiglia12. Tale lettura, che peraltro riduce l’adozione a una mera strategia successoria, ha trovato concordi molti studiosi, e anche se alcuni di loro, come lo storico del diritto Nino Tamassia, hanno posticipato la scomparsa dell’adozione di qualche secolo asserendo che « nel medioevo le carte la menzionano con frequenza », il verdetto è pressoché unanime nel dichiarare che in età moderna essa cadde in disuso13.

  • 14 Vedi Kuehn 1998, p. 75-76, con particolare riferimento alla realtà fiorentina p. 78-79. Per un appr (...)
  • 15 Vedi Tamassia 1971, p. 244 e Pertile 1966, p. 396.
  • 16 Vedi Gutton 1993, p. 8. Va tuttavia osservato che indagini successive hanno dimostrato che il pensi (...)

10Restava aperto il problema di garantire un successore alle famiglie prive di discendenti e secondo alcuni studiosi fu risolto con l’impiego di un altro istituto giuridico, quello della legittimazione, la quale aveva il vantaggio di salvaguardare il 'diritto di sangue'. Di fronte all'eventualità che un casato si estinguesse, le famiglie nobili avrebbero preferito riconoscere ufficialmente un figlio naturale, consentendo allo stesso di entrare a pieno titolo nell'asse patrimoniale e di ereditare i titoli e i privilegi ; diversamente il figlio adottivo era escluso da questi beni materiali e simbolici14. Il favore accordato all'istituto della legittimazione, però, non cancellò la pratica dell’adozione, presente lungo tutta l'età moderna, nonostante la letteratura giuridica abbia conferito scarsa considerazione a questa forma di filiazione. Come osserva Nino Tamassia, « rari sono gli accenni all'adozione nei consulti dei nostri dottori », e gli fa eco lo storico del diritto Antonio Pertile affermando che negli statuti l'adozione « non è punto nominata, oppure le sono applicati i nomi e le distinzioni romane d'adozione e d'arrogazione »15. Anche Jean-Pierre Gutton nella sua storia dell'adozione in Francia, in cui dimostra la continuità di tale pratica, constata che « il est exact que l'ancien droit est marqué par une éclipse de l'adoption »16.

  • 17 Vedi Camiolo 1999.
  • 18 Oltre a Gutton 1993, vedi Gager 1996 e Roumy 1998.
  • 19 La felice espressione è tratta da Visceglia 1988.

11La minore rilevanza data dal diritto alle forme adottive avrebbe comportato la decadenza degli strumenti giuridici pubblici che regolavano l'istituto adottivo. Esso sarebbe stato ridotto a un accordo tra privati, rendendo molto più complesso il reperimento della documentazione inerente alle pratiche adottive e il riconoscimento delle medesime17. Esse, infatti, seppure con denominazioni e modalità diverse rispetto a quelle codificate dal diritto romano, sopravvissero in età moderna e questa osservazione vale anche per l'adozione per testamento, della quale si trovano varie testimonianze. Nonostante ciò gli studiosi, soprattutto quelli di ambito italiano, non hanno riservato particolare interesse a queste pratiche, diversamente, ad esempio, da quelli francesi18. E ancora meno attenzione hanno rivolto all’adozione per testamento che pur nella sua specificità declina il concetto di ‘nobiltà di sangue’ e arricchisce il quadro dei mezzi adottati sia dai gruppi sociali per tutelare i privilegi acquisiti sia dai singoli per assecondare il « bisogno di eternità »19.

  • 20 Vedi Casanova 1973, p. 461.

12Come già riferito, le motivazioni per cui si impiegava l’adozione per testamento potevano essere anche di carattere 'politico'. A testimonianza di questo intento si può ricordare il meccanismo messo in atto dai componenti del consiglio cittadino di Faenza nella seconda metà Settecento. Quando uno di loro si trovava a essere l’ultimo rappresentante del casato, cedeva a un esponente della nobiltà consigliare, designato per testamento, le ricchezze, il nome e il seggio occupato nell’amministrazione cittadina. Questa scelta rispondeva a un'esigenza individuale, poiché consentiva di mantenere in vita il casato in via di estinzione, ma anche e soprattutto a un'esigenza di gruppo. Grazie all’adozione per testamento il consigliere uscente garantiva agli altri componenti l'entrata di una persona di pari rango, capace di condividere gli stessi fini politici e sociali, salvaguardando così la solidità e la forza del consiglio, e dunque delle famiglie che lo componevano20.

  • 21 Vedi Visceglia 1988, p. 37-38.
  • 22 ASVr, Istituto Esposti, Testamenti, n. 88, 26 dicembre 1701.

13Solitamente, però, si utilizzava l'adozione per testamento per assicurarsi un erede. La mancanza di prole, infatti, autorizzava l'adozione in figlio di un discendente, di un parente collaterale o anche di un estraneo alla famiglia. Per scongiurare la fine di un casato nella Napoli di fine Cinquecento, ad esempio, le famiglie nobili si servirono della seguente strategia : in caso di estinzione della linea maschile, le donne potevano ereditare il patrimonio purché rimuovessero il cognome paterno al figlio sostituendolo con quello della famiglia di origine21. Così un nipote sarebbe stato in grado di dare continuità al lignaggio del nonno materno, altrimenti destinato a scomparire. Analoga soluzione fu adottata da un nobile veronese, Bartolomeo Meraviglia : nel testamento indicò eredi universali i figli e le figlie che si augurava sarebbero nati a condizione che le donne e i loro discendenti prendessero il cognome Meraviglia e affiancassero all’arma della famiglia maritale quella dei Meraviglia, pena la privazione di qualunque beneficio22.

  • 23 Vedi Bizzocchi 2001, p. 9-10.
  • 24 Vedi Delille 1999, p. 361.

14Altrettanto significativa è la vicenda della nobildonna fiorentina Diamante Cambini. Non avendo figli né figlie, nelle ultime volontà del 1611 nominò erede un giovane protetto al quale trasmettere il consistente patrimonio in fedecommesso e il cognome Cambini. Se anche questo giovane fosse morto privo di figli, l’eredità doveva essere assegnata, come accadde, al nipote Onofrio Bracci con la clausola di assumere il cognome Cambini e di chiamare il primo figlio maschio Antonio, in memoria del padre della testatrice, e di dare alla prima figlia femmina il nome Diamante23. Spostandoci in un altro contesto geografico si può menzionare il caso del nobile napoletano don Alvaro Della Quadra, il quale lasciò i suoi beni alla moglie Vincenza Gambacorta a patto che li cedesse al figlio maggiore di primo letto alle seguenti condizioni : questi doveva rinunciare al nome e al cognome originario e prendere quelli del testatore, nonché le armi e le insegne della famiglia Della Quadra24.

  • 25 ASVr, Santa Casa di Misericordia, n. 17, fol. 8r-9r, 17 giugno 1530. Nonostante la relazione parent (...)

15Anche alcuni cittadini privi di titoli nobiliari scelsero simili modalità per eternare la memoria della famiglia e in queste decisioni si può leggere una sorta di processo di nobilitazione da parte di persone emergenti che emulavano comportamenti propri del ceto sociale al quale ambivano appartenere. Esemplificative in tal senso sono le disposizioni testamentarie del cittadino veneziano di origini veronesi Francesco Brognolo. Privo di figli, nel 1530 si decise a fare testamento e scelse come erede universale il cognato Gerolamo Gambo, purché rispettasse le seguenti clausole : questi doveva lasciare il patrimonio ereditato dal Brognolo al primogenito maschio, il quale, dopo il matrimonio, avrebbe dovuto portare il nome del padre del testatore, cioè Giovanni, e il cognome Brognolo. Patrimonio e cognome, ovviamente, dovevano essere trasmessi ai figli del nuovo capostipite della famiglia Brognolo al fine di assicurarne la continuità25.

  • 26 ASVr, Istituto Esposti, Testamenti, n. 7. In generale sulle strategie disposte nelle ultime volontà (...)

16Le possibilità, dunque, erano numerose e diversificate : il testatore poteva assegnare alla figlia, oppure ai nipoti nati per via femminile, o ancora al genero, al cognato, a un parente di portare il nome, le armi e le insegne familiari, ma poteva altresì beneficiare un estraneo. È questo il caso del veronese Francesco Rovizzi. Nel 1698, verosimilmente scontentando la figlia e gli eventuali parenti, dispose le ultime volontà indicando erede universale un fanciullo della Domus Pietatis, un brefotrofio della città di Verona che accoglieva bambini e bambine di età non superiore ai cinque anni per accudire gli uni sino alla maggiore età, le altre finché non avessero trovato una collocazione lavorativa o un marito26. Il Rovizzi non espresse alcuna preferenza per l'indole del suo successore, il quale doveva essere estratto a sorte tra i fanciulli ospiti dai rettori dell'istituto pio. Così, dopo la morte del nobile veronese, si procedette all'estrazione e il destino scelse Pietro, un ragazzo di diciassette anni, che i rettori, su richiesta del Rovizzi, dovevano educare e istruire sino al compimento della maggiore età. Divenuto maggiorenne, il ragazzo avrebbe assunto il nome del suo benefattore, Francesco, e ricevuto il patrimonio della famiglia, nel frattempo amministrato con cura dai rettori della Casa di Pietà. Francesco Rovizzi 'senior' avrebbe potuto salvare il cognome della famiglia obbligando il marito della figlia ad assumere il cognome e l'arma della propria famiglia, consuetudine, come già ricordato, largamente documentata nel Regno di Napoli e non ignota alla città scaligera ; evidentemente però questo espediente non soddisfaceva fino in fondo il nobile Rovizzi, attratto dall’idea di avere un discendente maschio con un unico cognome. Nel suo immaginario l'albero genealogico doveva essere sorretto da una linea centrale continua e maschile. Non a caso il figlio 'adottivo', che la sorte avrebbe individuato, doveva assumere anche il suo nome di battesimo : laddove non poteva il sangue, suppliva il nomen.

  • 27 BCT3, 24, fol. 229r-230v, 21 febbraio 1630.
  • 28 I pretendenti erano Giordano Frapporti e Francesco Anastasio Particella. Per ragioni che i rettori (...)

17Analoga fu la scelta di un facoltoso cittadino di Trento, Lorenzo Basso, che nel testamento del 1630 designò eredi universali i primogeniti del figlio Paolo e, in caso di estinzione di questa linea, vi sostituì quelli della figlia Margherita. La cultura della memoria, come pure la contingenza in cui fece testamento – in quegli anni la peste stava decimando la popolazione –, suggerivano al Basso di servirsi dell'adozione 'per testamento'. In mancanza di discendenti maschi, egli assegnava ai rettori della confraternita dei Battuti, « qui pro tempore erunt », il compito di nominare il capostipite della famiglia Basso, « et sic perpetuis temporibus »27. La fiducia riposta nella confraternita non fu delusa. Alla sua morte, avvenuta nel 1714, i rettori della Casa di Dio avviarono la procedura per eleggere il nuovo rappresentante della famiglia Basso28.

  • 29 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 58r.

18La vicenda del nobile Luchini, da cui siamo partiti, non fu eccezionale. Nelle sue ultime volontà non compare la locuzione ‘adozione per testamento’, anche se le condizioni disposte rinviano chiaramente a questo istituto. Verso la fine del testamento, però, il Luchini introduce il termine adoptio. Pur indicando primi eredi i soli figli maschi eventualmente procreati dalla sorella, egli desiderava che la sorella e i suoi figli, indipendentemente dal sesso, godessero di tutte le esenzioni e le munificenze di cui il testatore usufruiva a Trento e a Mezzocorona, dove possedeva delle proprietà, come se lei stessa e i figli fossero « ab eo arrogata et arrogati sive adoptati, vel ex eius domini testatoris proprio corpore nata et nati »29. Questa espressione, oltre a confermare la frequente sovrapposizione in età moderna dei termini adoptio e adrogatio, i quali originariamente avevano significati ed effetti giuridici differenti, sembra suggerire l’esistenza di forme adottive limitate alla trasmissione di privilegi.

  • 30 La definizione appartiene a Jussen 1991, p. 126.

19Ma torniamo all'adozione per testamento. In mancanza di una norma giuridica di età moderna, può essere utile riassumere gli elementi che accomunano gli esempi menzionati. L'adottante poteva essere uomo o donna. In genere, sin dall'età classica, alle donne non era concesso adottare, perché prive della patria potestà, anche se in età medievale e moderna si riscontrano deroghe a questa norma. Comunque fosse, nel caso dell'adozione per testamento, la mancanza della patria potestà rese questa pratica adottiva sempre accessibile alle donne30. Paradossalmente, infatti, l'atto di 'filiazione' si realizzava alla morte dell'adottante vanificandone, dunque, la creazione.

20L'adottante, che poteva essere celibe o sposato, di solito non aveva figli maschi, la cui presenza avrebbe reso inutile l'adozione per testamento, mentre non si può escludere l'esistenza di parenti di sesso maschile. Per quanto riguarda l'adottato, questi non rientrava in una fascia d'età precisa ed era di sesso maschile per le ragioni già esposte. In alcuni casi, e su esplicita indicazione dell'adottante, doveva possedere requisiti sociali e/o morali precisi.

  • 31 Un accenno all'accordo, rogato dal notaio Carlo Travaioni, si trova in BCT3-609, Delibere della con (...)

21Per il compimento di questa forma di adozione, come per le altre del resto, non era richiesta la presenza di un giudice e di un cerimoniale. Se l'adottato era sui iuris decideva personalmente se accettare l'adozione per testamento, in caso contrario tale incombenza spettava al detentore della patria potestà. Nel caso del 'nuovo' Francesco Rovizzi furono i rettori della Santa Casa di Pietà, sui quali ricadeva la responsabilità legale degli ospiti del brefotrofio, ad assumere quest'impegno ; in quello di Ludovico Luchini fu il padre naturale dell’adottato, Bernardino Gorno. Questi, in presenza di un notaio e dei responsabili della confraternita della Misericordia, acconsentì a che il figlio minorenne accettasse « detta elezione »31. L'adozione per testamento, infatti, non comportava la rinuncia della patria potestà da parte del padre naturale, lasciando sussistere i legami parentali tra l'adottato e la famiglia di origine. Difficile, però, pensare che restassero inalterati anche i diritti successori, dal momento che l'adottato entrava nell'asse patrimoniale di un'altra famiglia.

  • 32 Vedi Roumy 1998, p. 55-56, 207.
  • 33 Vedi Gualazzini 1964, p. 290.

22La complessità giuridica dell'adozione testamentaria ha dato luogo a molte discussioni per stabilire se si trattasse di un'adozione capace di creare un legame di filiazione oppure di un sistema successorio che imponeva all'erede di portare il nome, le armi e le insegne del testatore. Nei trattati giuridici francesi, ad esempio, compare sotto la denominazione di adoption de nom et d'armes e spesso è associata a una semplice donazione32. Anche gli storici del diritto italiano si sono interrogati « sulle ibride forme di designazione di erede » per stabilire quando si tratti di vera adozione o di donazione a causa di morte33. Tuttavia, nonostante alcune perplessità, questa pratica è classificata come forma adottiva e per gli elementi che la caratterizzano (mancato distacco dell’adottato dalla famiglia originaria, conservazione da parte del padre naturale della patria potestà) rientra nell’adozione minus plaena.

  • 34 Vedi Lefebvre-Teillard 1990, p. 46-47 ; sull’importanza del nome Mitterauer 2001.
  • 35 Vedi Spagnoletti 2003, p. 295-296. Si vedano inoltre le suggestive pagine dedicate al significato p (...)

23In genere l’adottato manteneva il cognome e le armi aggiungendo quelli dell’adottante, talvolta, però, accettava di sostituirli. Secondo la giurisprudenza il cognome portava con sé i titoli, il valore della famiglia e, a differenza di altri beni, non poteva essere venduto. Su questo punto la dottrina giuridica era alquanto concorde : il cognome poteva essere solo donato e, come dichiarava il giurista Baldo, ciò poteva avvenire alla presenza di determinate circostanze. Il testatore poteva assegnare le armi e il cognome come donazione inter vivos o causa mortis se non aveva discendenti maschi diretti ; nel caso fossero esistiti altri parenti, prima di donare il nome, il testatore doveva chiederne il consenso34. Sebbene un patrimonio considerevole e un cognome insigne fossero appetibili, non tutti erano disposti ad acquisire una nuova identità cancellando quella originaria. All'orfano Pietro poco importava rinunciare al suo cognome, del quale non esisteva alcuna traccia nella memoria scritta e orale della comunità ; forse anche il signor Gambo, cognato del cittadino veneziano Brognolo, del quale si è parlato in precedenza, non era particolarmente affezionato a un nome che suonava sconosciuto ai più, perciò di buon grado accettò di assumere quello del suocero e i beni a esso correlati, che abilmente investiti ne avrebbero favorito l’ascesa sociale. Diversamente, molti esponenti di famiglie illustri o emergenti ci tenevano ad alimentare il prestigio della famiglia di origine. Era un desiderio diffuso, insito nell'ideologia nobiliare che pervadeva i sentimenti delle élites del tempo. Basti pensare ai frequenti casi registrati tra le nobiltà dell'Italia moderna, in cui l'ultimo rappresentante di una casata chiedeva al genero di aggiungere il cognome della figlia, oppure alla circostanza che vedeva l’esponente di una famiglia raddoppiare il cognome per attestare la propria fedeltà nei confronti di un'altra35. Comprendendo bene la comune aspirazione a lasciare memoria di sé presso la comunità dei vivi, spesso erano gli stessi testatori a disporre la sola aggiunta del cognome.

Virtù civili e privilegio del sangue

  • 36 Vedi Donati 1988, p. 151, al quale si rinvia per un'esaustiva discussione sull'ideologia nobiliare (...)

24Nei decenni a cavallo del Cinquecento e del Seicento la discussione attorno al significato della nobiltà costituiva « un argomento di moda », come dimostrano le numerose opere a stampa sull'argomento e le altrettanto frequenti testimonianze di lettere, dialoghi, orazioni, conversazioni36. A Ludovico Luchini, figlio di un giurisperito, educato come conveniva a un civis, non potevano sfuggire le irrisolte questioni che animavano il secolare dibattito sul concetto di nobiltà : essa e le virtù che la contraddistinguevano erano un fattore genetico trasmesso di generazione in generazione oppure risiedevano nell'animo delle persone e nulla avevano a che fare con gli avi, con il sangue ? Le ricchezze rappresentavano il segno distintivo del nobile, l'elemento materiale indispensabile per esprimerne le doti 'naturali' oppure una sorta di accessorio che non incideva sulle virtù ?

  • 37 Vedi Lazzarini del Grosso 1990, p. 673-677, 681, 688-689, 696.

25I trattati che svisceravano queste spinose questioni valendosi della saggezza dei classici, della cultura dei letterati, dell'erudizione degli umanisti e della sapienza dei giuristi, furono innumerevoli e stipavano gli studi e le biblioteche dell'epoca. Anche un pensatore dello spessore di Jean Bodin aveva trattato ampiamente la questione nelle sue opere, confutando quelle teorie che asserivano la superiorità del sangue e la trasmissione ereditaria delle virtù : le qualità morali e sociali non erano innate, si potevano apprendere con la dedizione e lo studio. Quest'apertura consentiva a Bodin di equiparare i figli adottivi a quelli legittimi, arrivando a criticare le disposizioni del diritto francese, che escludeva dalla successione i figli adottivi. Il suo pensiero si collocava agli antipodi di chi, come il giurista André Tiraqueau, era un convinto assertore del droit du sang. Secondo questo concetto le virtù erano innate, di conseguenza i figli adottivi non erano in grado di acquisire quelle qualità che solo il sangue poteva trasmettere. Essi non erano veri filii, ma figli spirituali, ficti, imaginarii, persino abusivi, extranei, che entravano in un'altra famiglia. Logica voleva, quindi, che figli biologici e adottivi non potessero essere titolari degli stessi diritti giuridici ed ereditari37.

  • 38 Vedi Amelong 1986, p. 104-110.
  • 39 Vedi Berengo 1999, p. 252-253.

26Con la sua decisione il Luchini si metteva sulla scia di quegli autori, umanisti e giuristi in prima fila, fautori della nobiltà delle lettere38. Non era necessario vantare un albero genealogico risalente nei secoli, sfoderare titoli altisonanti per meritare la qualifica di nobile, gli esempi di diplomi concessi a uomini indegni abbondavano, smentendo conseguentemente la stretta relazione tra titoli e qualità39. Lo studio delle arti liberali e un'adeguata formazione erano strumenti sufficienti per affinare l'animo, per insegnare le virtù e la condotta convenienti a un nobile. Non tutti, però, almeno per il Luchini, erano in grado di assorbire queste qualità. Occorreva individuare una persona dotata di quei requisiti sociali indispensabili per ottenere un ruolo pubblico, che lasciasse trasparire un animo onesto e che avesse respirato i valori propri del ceto nobiliare. Un animo poteva essere affinato, ma solo se possedeva determinate peculiarità che, a dire il vero, qualche attinenza con il sangue avevano.

  • 40 Sulla centralità degli studi umanistici nella formazione dei giovani, con particolare riguardo ai p (...)

27A differenza di Francesco Rovizzi, il Luchini non si affidò completamente alla sorte e indirizzò ai rettori della confraternita delle precise richieste : il suo successore doveva possedere il titolo di cittadino, essere di indole « bonae et frugis » e di ottima speranza. Invitava poi i confratelli a educarlo nelle arti liberali, percorso indispensabile per sprigionare e perfezionare quelle virtù, che essi, da bravi padri di famiglia, sarebbero stati in grado di riconoscere in nuce40.

  • 41 BCT3-912, p. 703-706.

28Il Luchini aveva riposto piena fiducia nei responsabili dell'associazione ai quali era legato da relazioni di parentela e di amicizia. Le sue aspettative, però, in parte furono tradite. Alla sua morte il patrimonio passò prima alla sorella, che mancò due anni dopo, e poi al cugino Alessandro, il quale con l'avvallo dei rettori della confraternita disattese le disposizioni testamentarie vendendo alcuni beni del patrimonio vincolato da fedecommesso per saldare dei debiti contratti dal testatore. Inoltre, l'erede, che non aveva figli, convinse la confraternita, dietro il versamento di 500 ragnesi, a concedergli il diritto « per una sol volta [di] nominar l’erede, cioè uno dei suoi nipoti ancorché questi non fossero chiamati dal testatore, purché ne nomini uno in cui concorrino tutte le qualità prescritte nel testamento Luchini »41. Tali richieste contrastavano con quanto disposto da Ludovico, perciò i rettori, prima di acconsentire alla vendita dei beni e alla proposta del cugino Alessandro, si rivolsero al principe vescovo per domandare l’autorizzazione e la ottennero. Così, oltre a procedere alla vendita di alcune proprietà, nel testamento del gennaio del 1623 Alessandro designò erede universale il nipote Salvadore Luchini.

  • 42 Vedi Zardin 2009, p. 183-186.

29L'intera vicenda è descritta da un esponente della confraternita della Misericordia con tono asciutto, tuttavia si coglie un certo dissenso nei confronti di quei confratelli che avevano appoggiato le richieste di Alessandro. Alla morte di quest’ultimo, avvenuta nel marzo del 1623, però, i rettori del sodalizio non presero in considerazione le sue disposizioni testamentarie e si attennero a quelle di Ludovico Luchini, avocando a sé la prerogativa di eleggere il nuovo capostipite. Questo privilegio avvantaggiava la confraternita che, sino alla maggiore età del nuovo erede, avrebbe intascato buona parte dei frutti ricavati dal patrimonio Luchini ; preme tuttavia osservare che a unire i membri dell’associazione era un forte legame di solidarietà. Solo salvaguardando i valori condivisi, essi potevano nutrire la speranza che, all'occorrenza, la confraternita avrebbe sostituito la famiglia naturale proteggendo e rispettando le ultime volontà degli adepti42.

  • 43 Le vicende processuali sono riassunte in BCT3-912, p. 701.

30I rettori della confraternita, dunque, ignorarono il testamento di Alessandro e investirono dell’eredità della famiglia Luchini Cristoforo Gorno. All’epoca Cristoforo era un ragazzino di dieci anni e la sua nomina disturbò soprattutto Salvadore Luchini, indicato erede universale dallo zio Alessandro. Il nipote sapeva che lo zio aveva pagato la confraternita per ottenere questa prerogativa e non aveva punto intenzione di rinunciare alla consistente eredità che, a suo dire, gli spettava di diritto. Pur non possedendo il titolo di cittadino e non essendo stato menzionato nelle disposizioni di Ludovico Luchini, egli avviò un procedimento giudiziario contro Bernardino Gorno, padre e tutore di Cristoforo, e contro la confraternita. Il processo si concluse a favore del Gorno, che in quel periodo frequentò con una certa assiduità le aule del tribunale. Oltre all’assunzione del nome, delle insegne e delle armi, infatti, l’accettazione dell'eredità Luchini imponeva di recuperare l'eredità della famiglia Luchini, rosicchiata dai parenti tra un passaggio e l'altro. Cristoforo era troppo piccolo per poter avviare procedimenti giudiziari, perciò fu il padre, Bernardino, a intentare più di una causa contro chi aveva approfittato della scarsa vigilanza della confraternita per impossessarsi dei beni della facoltà Luchini. Ai fini del nostro discorso, anziché seguire le lunghe e complicate vertenze giuridiche con ricorsi in appello, conviene ricordare che più di una composizione amichevole permise a Bernardino Gorno di reintegrare parte del patrimonio Luchini : raggiunta la maggiore età, il figlio lo avrebbe gestito a favore della nuova famiglia Luchini Gorno43.

Vi « racomando un mio figliolo » : un concorso di adozione

  • 44 Oltre a Camilla Curtona, inviarono una lettera di presentazione Antonio Bernardelli, Aldrigetto Ger (...)

31Non sono chiare le modalità adottate dai rettori per informare la cittadinanza del testamento di Ludovico Luchini, ma un avviso di qualche genere fu fatto e molto valse la rapidità con cui si diffuse la voce. Gli stessi rettori della confraternita della Misericordia, esponenti del patriziato, non persero tempo a trasmettere la notizia ad amici e parenti che in futuro avrebbero ricordato, e in qualche modo restituito, quell'importante favore. Sta di fatto che nel giro di un paio di settimane, nel marzo del 1623, una decina di padri di note famiglie trentine e una madre indirizzarono alla confraternita una lettera per raccomandare la nomina di un figlio44. Come ebbe a scrivere l'unica madre che prese penna e calamaio per non venire meno « all'obligho et debito di cordiale madre di procurare il bene et utile di suoi diletti figlioli » fu dato il via a una sorta di « concorso » per scegliere il candidato più idoneo all'adozione per testamento voluta dal Luchini.

  • 45 Vedi Donati 1975, p. 267-279.
  • 46 Ricoprirono almeno un mandato consolare Bernardino Gorno, Andrea Pompeati, Aldrigetto Geremia, Giov (...)

32I padri erano tutti iscritti nel libro della cittadinanza, così voleva il testatore, i più discendevano da famiglie cosiddette nuove, ovvero registratesi nella matricola dei cittadini dopo il 1572 – anno in cui iniziò a essere compilata regolarmente –, mentre uno solo, Aldrigetto Geremia, apparteneva a una famiglia antica45. Alcuni avevano avuto l'onore di sedere nella magistratura cittadina46, altri erano confratelli o avevano un rapporto lavorativo con il sodalizio come il cancelliere della stessa. Le lettere non sono lunghe e riportano con poche ed efficaci parole le ragioni che spinsero i richiedenti a rivolgersi alla confraternita.

33La madre rammentava lo stato vedovile e le condizioni precarie che le impedivano di soddisfare « l'ardente » desiderio del figlio quattordicenne di « attendere alle buone lettere ». Alcuni padri si limitarono a descrivere le qualità del figlio, molti dichiararono lo stato di incertezza in cui viveva la famiglia e giudicavano apertis verbis l'eventuale elezione del figlio un sollievo economico. Quel patrimonio allettava : un figlio in meno da sistemare, al quale era assegnata una considerevole facoltà, un cognome e un'arma che avrebbero accresciuto il valore del figlio e di conseguenza quello della famiglia originaria.

34Così Andrea Pompeati faceva presente ai confratelli di essere padre di due femmine e di cinque maschi, tre quali dei quali erano sani e vivaci e « già ben incamminati nelle lettere », adatti dunque ad assumere il cognome e le armi Luchini. Un altro padre, Aldrigetto Gislimberti, si reputava « più d'ogni altro bisognoso », perché privo di beni di fortuna, di « virtù » e con quattro figli. Le ristrettezze erano divenute tali da dover interrompere la formazione del figlio maggiore di tredici anni, inviato in Germania presso un collegio di Gesuiti. Pregava dunque di nominare questo figlio, già avviato agli studi, e in alternativa suggeriva di scegliere il fratello di quattro anni, preferenza che sarebbe stata di « giovamento ad esso et altri miei figlioli ». Bernardino Gorno, in quegli anni consigliere della confraternita della Misericordia, si limitava a scrivere che, « come loro sanno », tra i suoi figli due erano « di bone dispositione che attendono alle lettere con speranza de riussir valorosi » e invitava a scegliere quello che giudicavano di « maggior gusto ». Anche Giovanni Michele Particella non si dilungava sulle scarse disponibilità finanziarie, dal momento che i rettori erano a conoscenza della numerosa prole e della esiguità del patrimonio, confidava sul fatto che avrebbero mostrato riguardo per la qualità dei suoi antenati. Suo figlio, come molti dei giovani presentati, era un ragazzino di dieci anni che « da[va] segno di bona indole et di habilità a imparare et reuscire nelle lettere ».

35La 'povertà' dichiarata talvolta era esasperata per accattivarsi la benevolenza dei rettori. Aldrigetto Gislimberti, ad esempio, che nel perorare la causa del figlio, confessava di essere stato costretto a impedirgli di frequentare un collegio dei Gesuiti in Germania, continuò a mantenerlo agli studi. Spesso, però, era reale. Le spese di rappresentanza, la costituzione di appetibili doti per combinare vantaggiosi matrimoni, la formazione e l'istruzione dei figli, indispensabili per assumere un incarico pubblico, pesavano sul bilancio familiare. L'ascesa sociale comportava dei costi, non sempre facilmente sostenibili. I rettori della confraternita e gli autori delle suppliche si conoscevano, appartenevano al medesimo ceto sociale e condividevano le difficoltà economiche e le preoccupazioni di quanti tentavano di affermarsi e di crescere socialmente. Perciò dichiarare apertamente la precarietà in cui versavano non appariva poco onorevole. Inoltre, come ebbe a puntualizzare uno dei padri, se la nomina all'eredità Luchini fosse toccata al figlio, lo avrebbe considerato « un onore e una gratificazione ». Essa equivaleva a dichiarare pubblicamente che quel figlio possedeva le virtù adeguate per guidare e amministrare una nuova famiglia e questo riconoscimento non poteva che riversarsi positivamente sulla famiglia originaria.

  • 47 Vedi Ago 1994, p. 375-426.

36La maggior parte dei figli presentati aveva tra i dieci e i quindici anni : non troppo grandi da potersi sottrarre a interventi correttivi o volti a plasmarne la condotta, ma nemmeno troppo piccoli da non permettere di intravedere i tratti caratteriali dell'adulto che sarebbero divenuti, insomma un'età ideale per individuare la via sulla quale instradare un giovane47. Inutile costringere alla carriera ecclesiastica chi mostrava inclinazione per le armi o per la vita mondana, ed era altrettanto controproducente obbligare al matrimonio chi preferiva una vita ritirata, dedita allo studio. I letterati che si erano confrontati sulla formazione dei fanciulli, da Leon Battista Alberti a Erasmo, a Juan Luis Vives, a Montaigne, invitavano i padri a riconoscere precocemente le inclinazioni dei figli, per poterle valorizzare attraverso un'educazione mirata. Ciò non toglie che le ragioni di famiglia potessero indurre i padri a 'convincere' i figli ad accettare programmi di vita poco o per nulla rispondenti alle loro aspirazioni ; simili casi abbondano nelle storie delle famiglie nobili.

37Nelle lettere indirizzate alla confraternita trentina per partecipare al concorso di adozione si coglie una certa premura da parte dei padri nell'indicare il figlio più adeguato. Essi non propongono tutti i figli, ma quelli più qualificati al ruolo che avrebbero dovuto ricoprire. Compaiono espressioni quali « se l'amor paterno non m'inganna » e sono presentati i giovani di « buon spirito », di « bona indole », che danno « segni » di « riuscire et farsi honore » e soprattutto quelli che avevano manifestato l'attitudine per l'apprendimento delle lettere. Lo studio, come ebbe a scrivere un padre, serviva a dotare il figlio « di qualche virtù », e come si legge in un'altra lettera per « mettere a frutto quel talento e ingegno che il sommo Iddio gli ha concesso ». Insomma, come auspicava il Luchini, un carattere onesto e una valida preparazione letteraria avrebbero formato un degno successore, qualità che rispecchiavano il profilo ideale del giovane di buona famiglia.

  • 48 BCT3-395, folio sciolto, 23 marzo 1623.
  • 49 BCT3-609, Delibere della confraternita della Misericordia (1596-1628), 31 marzo 1623, fol. 61v-63r.

38La scelta del nuovo capostipite non era semplice ; i pretendenti erano molti, troppi per un’unica investitura. Per risolvere questa situazione e non sollevare malumori, in un primo momento, i rappresentanti della confraternita concordarono di individuare i candidati idonei, cioè quelli in possesso dei requisiti fissati dal testatore, e tra questi estrarre a sorte il nome del successore. Poi, forse a seguito di pressioni, preferirono passare alla nomina diretta. La decisione suscitò un vespaio tra i genitori dei candidati. La nomina diretta equivaleva a dire pubblicamente che gli altri partecipanti non erano completamente adatti a essere investiti del nome Luchini. I padri volevano evitare, e a ragione veduta, che questo sistema desse adito « a qual si voglia mormorio o querella ». Non trovando ascolto presso la confraternita, alcuni di loro si rivolsero alla magistratura consolare di Trento sollecitando un intervento, affinché la confraternita abbandonasse questo proposito che avrebbe arrecato un danno morale alle famiglie degli esclusi e messo in discussione l’onestà dei rettori del sodalizio48. La mossa non servì ; i responsabili della confraternita non tornarono sui loro passi. Dopo una prima selettiva scrematura, su tredici candidature undici furono scartate, furono messi ai voti il figlio di Bernardino Gorno e il figlio del defunto Stefano Dema : il giovane Cristoforo Gorno vinse per un voto49. La scelta dei due candidati non è chiarita, ma il fatto che Stefano Dema e tale Gasparo Gorno fossero tra i consiglieri della confraternita, Gasparo anche al momento della votazione, getta qualche ombra sui criteri di selezione.

  • 50 BCT3-395, folio sciolto, 28 novembre 1630.

39Cristoforo, appena diciassettenne, morì nel 1630 come il padre, la madre e altri fratelli. La peste risparmiò solo il fratello Stefano che si affrettò a scrivere alla confraternita per ottenere l’assegnazione dell’eredità Luchini, richiesta che fu rifiutata : occorreva promuovere un nuovo concorso50. Le memorie della confraternita trascurano di spiegarne lo svolgimento, ma certamente fu indetto, come testimoniano le poche suppliche rimaste a favore di candidati vecchi e nuovi. Nelle delibere si legge laconicamente che l'eredità Luchini toccò per « sorte » a Orazio Pompeati, figlio di Andrea, cittadino di Trento e console per alcuni mandati.

  • 51 Vedi M. Mariani, Trento con il sacro Concilio et altri notabili : descrittion’ historica. Libri tre(...)
  • 52 Vedi Tovazzi 1994, n. 1535.
  • 53 BCT1-703, n. 26.

40Orazio non rinunciò al cognome paterno e, come sovente accadeva, aggiunse al proprio quello della famiglia Luchini, dando vita alla stirpe Pompeati Luchini, alla quale rese onore divenendo tenente colonnello e ricoprendo la carica consolare negli anni 1658, 1659, 1669. Sempre tra i consoli incontriamo un Andrea Pompeati Luchini negli anni 1675 e 1681, probabilmente figlio di Orazio che, manifestando passione per le lettere, entrò nell'Accademia degli Accesi con il nome di Fecondo e nel 1688 divenne consigliere del principe vescovo di Trento51. Poi, le tracce della famiglia Pompeati Luchini si perdono, per riaffiorare nel secolo successivo. Una lapide collocata nella chiesa dei Barnabiti di Cremona immortala nell'iscrizione le glorie militari di quello che fu, forse, l'ultimo discendente di questa famiglia : Francesco Pompeati Luchini, patrizio di Trento, cavaliere di sua maestà l'imperatrice Maria Teresa d'Austria, morto nel 177352. Quello stesso anno, il 21 aprile, in una lettera indirizzata al principe vescovo di Trento la vedova annunciava la morte del marito con queste parole : « non posso che col pianto esprimere [...] quale sia l'estremo mio cordoglio nel vedermi per sempre tolto un uomo si virtuoso ed un marito sempre degnissimo del mio più vivo affetto e dal quale fui si teneramente riamata »53.

Haut de page

Bibliographie

Ago 1994 = R. Ago, Giovani nobili nell’età dell’assolutismo, in G. Levi, J. C. Schmitt (ed.), Storia dei giovani. I. Dall’antichità all’età moderna, Roma-Bari, 1994, p. 375-426.

Albertini 1921 = A. Albertini, Le sepolture e le lapidi sepolcrali nel Duomo di Trento, in Studi Trentini, II, 1921, p. 97-136.

Ambrosi 1887 = F. Ambrosi, Commentari della storia trentina con un’appendice di notizie e documenti, Rovereto, 1887.

Amelong 1986= J. S. Amelong, Honored citizens of Barcelona: patrician culture and class relations 1490-1714, Princeton, 1986.

Berengo 1999 = M. Berengo, Nobili e mercanti nella Lucca del Cinquecento, Torino, 1999 (1st éd. 1965).

Bizzocchi 1995 = R. Bizzocchi, Genealogie incredibili. Scritti di storia nell’Europa di storia moderna, Bologna, 1995.

Bizzocchi 2001 = R. Bizzocchi, In famiglia : storie di interessi e affetti nell’Italia moderna, Roma-Bari, 2001.

Camiolo 1999 = M. Camiolo, L'adozione nella storia, in Famiglia oggi, XXII, 1999, 3, (www.stpauls.it/fa_oggi00/0399f_o/0399fo08.htm)

Casanova 1973 = C. Casanova, Governo ed economia a Faenza nel secondo '700, in Studi romagnoli, XXIV, 1973, p. 459-481.

Casanova 2002= C. Casanova, La famiglia italiana in età moderna, Roma, 20022 (1st éd. 1997).

Cattaneo 1987 = G. Cattaneo, Adozione, in Digesto delle discipline privatistiche. Sezione civile, I, Torino, 1987, p. 94-131.

Comerci 2007 = G. Comerci, Ex amore adoptio, Soveria Mannelli, 2007.

Delille 1999 = G. Delille, La non-adoption : orphelinats et Monts de mariage en Italie (XVIe-XVIIIe siècles), in M. Corbier (ed.), Adoption et Fosterage, Parigi, 1999, p. 357-367.

Donati 1975 = C. Donati, Ecclesiastici e laici nel Trentino del Settecento (1748-1763), Roma, 1975.

Donati 1988 = C. Donati, L'idea di nobiltà in Italia secoli XIV-XVIII, Roma-Bari, 1988.

Gager 1996 = K. E. Gager, Blood ties and fictive ties. Adoption and family life in Early Modern France, Princeton, 1996.

Garbellotti 2007 = M. Garbellotti, A perpetua memoria. Testamenti e strategie dell'immortalità (secc. XVI-XVIII), in Studi Tanatologici, II, 2007, p. 269-287.

Garin 1966 = E. Garin, L'educazione in Europa (1400-1600), Bari, 1966.

Goody 2000 = J. Goody, La famiglia nella storia europea, Roma-Bari, 2000.

Grendler 2002 = P. F. Grendler, The universities of the Italian Renaissance, Baltimore-Londra, 2002.

Gualazzini 1964 = U. Gualazzini, Adozione. Diritto intermedio, in Novissimo digesto italiano, I, Torino, 1964, p. 288-290.

Gutton 1993 = J.-P. Gutton, Histoire de l'adoption en France, Parigi, 1993.

Jussen 1991 = B. Jussen, Patenschaft und Adoption im frühen Mittelalter, Gottinga, 1991.

Kuehn 1998 = Th. Kuehn, L'adoption à Florence à la fin du Moyen Age, in D. Lett, Ch. Lucken (ed.), L'adoption. Droits et pratiques, numero monografico di Médiévales, 35, 1998, p. 61-81.

Kuehn 2002 = Th. Kuehn, Illegitimacy in Renaissance Florence, Ann Arbor, 2002.

La Rocca 1997 = C. La Rocca, Segni di distinzione. Dai corredi funerari alle donazioni ‘post obitum’, in L. Paroli (ed.), L'Italia centro-settentrionale in età longobarda, Firenze, 1997, p. 31-54.

Lazzarini del Grosso 1990 = A. M. Lazzarini del Grosso, Per una storia delle idee sull'adozione nella Francia moderna : Jean Bodin, in S. Rota Ghibaudi, F. Barcia (ed.), Studi politici in onore di Luigi Firpo, Milano, 1990, I, p. 667-698.

Lefebvre-Teillard 1990 = A. Lefebvre-Teillard, Le nom. Droit et histoire, Vendôme, 1990.

Mariani 1989 = M. Mariani, Trento con il sacro Concilio et altri notabili : descrittion’ historica. Libri tre, ed. A. Chemelli, Trento, 1989 (rist. anast. 1673).

Mitterauer 2001 = M. Mitterauer, Antenati e santi : l’imposizione del nome nella storia europea, Torino, 2001 (ed. or. 1993).

Pertile 1966 = A. Pertile, Storia del diritto italiano dalla caduta dell'Impero romano alla codificazione. III. Storia del diritto privato, Bologna, 1966.

Romano 1994 = A. Romano, Famiglia, successioni e patrimonio familiare nell’Italia medievale e moderna, Torino, 1994.

Roumy 1998 = F. Roumy, L'adoption dans le droit savant du XVe au XVIe siècle, Parigi, 1998.

Rubinstein 1999 = L. Rubinstein, Adoption in Classical Athens, in M. Corbier (ed.), Adoption et fosterage, Parigi, 1999, p. 45-62.

Santinelli 1998 = E. Santinelli, Continuité ou rupture ? L'adoption dans le droit mérovingien, in D. Lett, Ch. Lucken (ed.), L'adoption. Droits et pratiques, numero monografico di Médiévales, 35, 1998, p. 9-18.

Spagnoletti 2003 = A. Spagnoletti, Le dinastie italiane nella prima età moderna, Bologna, 2003.

Tamassia 1971 = N. Tamassia, La famiglia italiana nei secoli decimoquinto e decimosesto, Roma, 1971.

Tovazzi 1994 = G. Tovazzi, Variae Inscriptiones Tridentinae, ed. R. Stenico, Trento 1994.

Visceglia 1988 = M.A. Visceglia, Il bisogno di eternità. I comportamenti aristocratici a Napoli in età moderna, Napoli, 1988.

Vismara 1958 = G. Vismara, Adozione. Diritto intermedio, in Enciclopedia del diritto, Milano, 1958, p. 581-584.

Zanella 1879 = G. B. Zanella, S. Maria Maggiore di Trento. Cenni storici, Trento, 1879.

Zardin 2009 = D. Zardin, Riscrivere la tradizione. Il mondo confraternale nella cornice del rinnovamento cattolico cinque-seicentesco, in M. Gazzini (ed.), Studi confraternali. Orientamenti, problemi, testimonianze, Firenze, 2009 (Reti Medievali E-Book, 12), p. 167-213.

Haut de page

Notes

1 Vedi Zanella 1879, p. 93 e Albertini 1921, p. 135.

2 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 54r-59r.

3 Gli anni in cui il Baldovini ricoprì la carica consolare sono i seguenti : 1605, 1606, 1612, 1616, 1620, 1621, 1630, Ambrosi 1887, p. 201-202.

4 Il desiderio di durata, oltre a consolidare la forza della famiglia, serviva «a rivendicare il diritto a mantenere una posizione acquisita», Casanova 20022, p. 54 ; più ampiamente sulla memoria familiare e sull’utilizzo del patrimonio in funzione della stessa, p. 48-60. Sulla stretta relazione tra longevità e prestigio familiare, che spesso ha indotto i rappresentanti di eminenti famiglie a far risalire le proprie origini a personaggi mitici, si veda Bizzocchi 1995.

5 BCT1, n. 2293, numerazione moderna, fol. 172v-174v.

6 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 56v-57r.

7 Come è noto tale distinzione si deve a Giustiniano, Cattaneo 1987, p. 95 e Gualazzini 1964, p. 289.

8 Vedi Santinelli 1998, p. 9. Per una puntuale trattazione delle forme e delle modalità adottive nelle fonti giuridiche, storiche e letterarie di epoca romana, vedi Comerci 2007.

9 Vedi Santinelli 1998, p. 17. Questa pratica adottiva si riscontra anche nella società ateniese, vedi Rubinstein 1999, p. 48-50.

10 Vedi Vismara 1958, p. 581.

11 Vedi La Rocca 1997, p. 34 e Romano 1994, p. 24-25.

12 Non convince l'opinione dell'antropologo Jack Goody, secondo il quale responsabile della scomparsa dell'istituto adottivo sarebbe la Chiesa che non ammise tale pratica «a tutto vantaggio dei diritti delle donne (ma in realtà a vantaggio della Chiesa stessa)», Goody 2000, p. 154, ma anche p. 77-78.

13 Vedi Tamassia 1971, p. 244-245 ; Pertile 1966, p. 396 ; G. Vismara 1958, p. 584 ; Romano 1994, p. 49.

14 Vedi Kuehn 1998, p. 75-76, con particolare riferimento alla realtà fiorentina p. 78-79. Per un approfondimento del tema vedi Kuehn 2002. In altri contesti, come quello dell'Italia meridionale, sembra che «les nobles étaient eux-mêmes, désormais, trop profondément prisonniers d'une morale d'exclusion qui leur faisait préférer la disparition plutôt que la continuité dans l'impureté...», Delille 1999, p. 361.

15 Vedi Tamassia 1971, p. 244 e Pertile 1966, p. 396.

16 Vedi Gutton 1993, p. 8. Va tuttavia osservato che indagini successive hanno dimostrato che il pensiero giuridico medievale discusse ampiamente l'istituto adottivo, Roumy 1998.

17 Vedi Camiolo 1999.

18 Oltre a Gutton 1993, vedi Gager 1996 e Roumy 1998.

19 La felice espressione è tratta da Visceglia 1988.

20 Vedi Casanova 1973, p. 461.

22 ASVr, Istituto Esposti, Testamenti, n. 88, 26 dicembre 1701.

23 Vedi Bizzocchi 2001, p. 9-10.

24 Vedi Delille 1999, p. 361.

25 ASVr, Santa Casa di Misericordia, n. 17, fol. 8r-9r, 17 giugno 1530. Nonostante la relazione parentale tra l'adottante e l'adottato, questo caso non è assimilabile alla figura giuridica dell'adozione del cognato, classificata dalle fonti altomedievali come adfiliatio, che possiede altre caratteristiche e finalità, vedi Vismara 1958, p. 582-583.

26 ASVr, Istituto Esposti, Testamenti, n. 7. In generale sulle strategie disposte nelle ultime volontà per conservare nella comunità dei vivi il ricordo di sé e della famiglia, vedi Garbellotti 2007, p. 269-287.

28 I pretendenti erano Giordano Frapporti e Francesco Anastasio Particella. Per ragioni che i rettori della confraternita non chiariscono, il Particella risultò più convincente, BCT3-335, fol. 39v-40r ; 41r-44r.

29 ASTn, Archivio Notarile, Giudizio di Trento, Bartolomeo Beltrami, b. 1, fasc. 1606-1609, fol. 58r.

30 La definizione appartiene a Jussen 1991, p. 126.

31 Un accenno all'accordo, rogato dal notaio Carlo Travaioni, si trova in BCT3-609, Delibere della confraternita della Misericordia (1596 – 1628), fol. 63v-64v. L'atto, come il resto della documentazione notarile del Travaioni, non è conservata.

32 Vedi Roumy 1998, p. 55-56, 207.

33 Vedi Gualazzini 1964, p. 290.

34 Vedi Lefebvre-Teillard 1990, p. 46-47 ; sull’importanza del nome Mitterauer 2001.

35 Vedi Spagnoletti 2003, p. 295-296. Si vedano inoltre le suggestive pagine dedicate al significato politico e culturale dell'onomastica, p. 298-304.

36 Vedi Donati 1988, p. 151, al quale si rinvia per un'esaustiva discussione sull'ideologia nobiliare di età moderna e sulla trattatistica in materia.

37 Vedi Lazzarini del Grosso 1990, p. 673-677, 681, 688-689, 696.

38 Vedi Amelong 1986, p. 104-110.

39 Vedi Berengo 1999, p. 252-253.

40 Sulla centralità degli studi umanistici nella formazione dei giovani, con particolare riguardo ai programmi universitari, vedi Grendler 2002, p. 229-247, e il classico studio di Garin 1966.

41 BCT3-912, p. 703-706.

42 Vedi Zardin 2009, p. 183-186.

43 Le vicende processuali sono riassunte in BCT3-912, p. 701.

44 Oltre a Camilla Curtona, inviarono una lettera di presentazione Antonio Bernardelli, Aldrigetto Geremia, Aldrigetto Gislimberti, Bernardino Gorno, Giovanni Michele Particella, Giuseppe Ponte, Carlo Travaioni. Anche Vettore Malfatti, Giovanni Battista Benassuti, Giovanni Maria Bevilacqua, Giovanni Antonio Chiusole parteciparono al concorso, ma le carte della confraternita non conservano le loro lettere e non ne riportano il contenuto. La datazione delle suppliche, conservate in BCT3-395, è compresa tra il 6 e il 19 marzo 1623. Di seguito, nel testo, non rinvierò alla collocazione archivistica delle lettere, limitandomi a indicare l'autore.

45 Vedi Donati 1975, p. 267-279.

46 Ricoprirono almeno un mandato consolare Bernardino Gorno, Andrea Pompeati, Aldrigetto Geremia, Giovanni Michele Particella, Antonio Bernardelli.

47 Vedi Ago 1994, p. 375-426.

48 BCT3-395, folio sciolto, 23 marzo 1623.

49 BCT3-609, Delibere della confraternita della Misericordia (1596-1628), 31 marzo 1623, fol. 61v-63r.

50 BCT3-395, folio sciolto, 28 novembre 1630.

51 Vedi M. Mariani, Trento con il sacro Concilio et altri notabili : descrittion’ historica. Libri tre, ed. A. Chemelli, Trento, 1989 (rist. anast. 1673), p. 347, 428 ; Ambrosi 1887, p. 204-205 ; Tovazzi 1994, n. 452.

52 Vedi Tovazzi 1994, n. 1535.

53 BCT1-703, n. 26.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marina Garbellotti, « L’importanza del nome : l’istituto dell’adoptio in hereditatem in età moderna  », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-1 | 2012, mis en ligne le 19 décembre 2012, consulté le 24 juin 2017. URL : http://mefrim.revues.org/306 ; DOI : 10.4000/mefrim.306

Haut de page

Auteur

Marina Garbellotti

Dipartimento Tempo, Spazio, Immagine, Società (TeSIS) - Università di Verona - marina.garbellotti@univr.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org