Navigation – Plan du site
Pratiche dell’adozione in età bassomedievale e moderna

Formulari e contratti di adozione nell’ospedale degli Innocenti di Firenze tra tardo Medioevo ed Età moderna

Lucia Sandri

Résumés

L’istituto dell’adozione, divenuto raro a Firenze nel corso del Medioevo, riappare nella seconda metà del Quattrocento in forme diverse da quella classica all’interno delle istituzioni assistenziali dedite all’accoglienza dei bambini abbandonati. Attraverso un’analisi serrata delle fonti dell‘ospedale degli Innocenti, si è cercato di seguire il processo di formalizzazione dell’atto adottivo nei confronti degli abbandonati sino al XVIII secolo. L’individuazione delle problematiche che non consentivano agli atti di adozione perfezionatisi nell’ospedale di avere un riconoscimento pubblico erano la minore età e le origini ignote dei bambini da adottare. Tali caratteristiche impedivano il passaggio della patria potestà all’adottante e rendevano l’atto stesso aleatorio per via di eventuali restituzioni degli adottati ai genitori naturali.

Haut de page

Texte intégral

Premessa

  • 1 Cfr., per la frequenza delle adozioni nelle imbreviature dei notai fiorentini del Quattrocento, Kue (...)
  • 2 Vismara 1958, vol. I, p. 581.
  • 3 Cfr. Menichella 1966, p. 73 ss. e Penati 1986, p. 17.
  • 4 Cfr., ancora per l’adozione di fatto o privata, Menichella 1966, p. 73.
  • 5 Cfr. Torelli 1947, p. 97-98 e Ruperto 1958, vol. I, p. 671 che la identificano con l’adfilatio medi (...)

1Intento di questo lavoro è l’individuazione delle problematiche insite nel contratto di adozione e delle modificazioni in esso intervenute fra tardo Medioevo ed Età Moderna, nella sua applicazione specifica ai minori in stato di abbandono, verso una valenza legale piena e pubblica. L’istituto dell’adozione, così come era contemplato nel diritto romano, era estremamente raro ovunque e anche a Firenze nel tardo Medioevo1. In quest’epoca, si era tuttavia diffusa una versione volgare, maturata nel corso del Basso Impero, più idonea a « soddisfare in chi non avesse figli dal proprio sangue il sentimento cristiano di paternità e di protezione »2. A differenza dell’adozione di tipo classico, che andava incontro all’esigenza dei ricchi proprietari romani senza discendenti, tale versione volgarizzata consisteva in un’adozione di fatto, che andava a realizzare prevalentemente, costituendone la caratteristica più innovativa, gli obiettivi e i desideri dei ceti sociali più poveri3. L’atto di adozione, così concepito, non si compiva più dinanzi a un giudice e si concretizzava con la semplice redazione di un atto privato4. Le sue caratteristiche erano oltre alla non attribuzione della patria potestà all’adottante, il conferimento, nonostante non si creassero veri e propri legami di agnazione, di un’aspettativa successoria all’adottato, solitamente un estraneo, accolto come figlio all’interno della famiglia. Tale tipologia, riconducibile all’istituto romano della adoptio minus plena, è stata fatta coincidere nel tardo Medioevo con l’istituto moderno dell’affiliazione, che avrebbe una valenza giuridica simile alla volgarizzazione medievale dell’adozione di tipo classico, cui si è accennato5.

Il trovatello da adottare: il caso fiorentino nel tardo Medioevo

  • 6 Per gli studi condotti sull’ospedale degli Innocenti e di San Gallo di Firenze, nei quali compaiono (...)
  • 7 Per l’affidamento familiare, cfr., Moro 1976, p. 76-81, che lo ravvisa nella pratica diffusa del ba (...)

2A Firenze, nel corso del XIV e XV secolo, la corrispondenza, sopra raffigurata, dell’adozione con una forma contrattuale di tipo privato, la si riscontra frequentemente negli atti conservati all’interno delle istituzioni ospedaliere dedite all’accoglienza dei bambini abbandonati6. A partire dal tardo Medioevo, nell’ambito dell’assistenza ai trovatelli, si è anzi ravvisato il profilarsi di una piena analogia tra alcuni eventi della vita dei bambini e taluni istituti giuridici, divenuti poi caratteristici dell’assistenza ai minori in situazioni di disagio familiare e sociale. Sono stati gli storici del diritto a ravvisare per primi, per esempio, nel baliatico l’istituto dell’affidamento familiare con una prassi rimasta pressoché invariata in queste istituzioni dal tardo Medioevo ad oggi. Talune permanenze o nuovi invii dei bambini, a baliatico concluso, presso i medesimi bali o altri tenutari, che li richiedevano al priore dell’ospedale per tenerli, senza alcun compenso, presso di sé come « propri figlioli » o « per figlioli adottivi », sono apparsi invece riconducibili, specie là dove si manifestava anche la volontà di lasciare loro « del proprio », a casi di adozione/affiliazione, secondo la prassi volgare descritta sopra7.

  • 8 Cfr. Sandri 1982, p. 161-175.
  • 9 Cfr. Sandri 1991, p. 93-104, dove considero il ricorso al baliatico e dunque ad affidamenti tempora (...)
  • 10 Cfr., per la Adoptio minus quam plena, Vismara 1958, p. 582-583 e Russo Ruggeri 1995, p. 11-21, che (...)
  • 11 Cfr., ancora per l’affiliazione, considerata una possibile tappa successiva all’affidamento, Moro 1 (...)
  • 12 Cfr. Sandri 1995, p.124-127.
  • 13 Cfr., per l’impossibilità della trasmissione della patria potestà, elemento determinante dell’istit (...)

3In quest’ambito si rilevano tuttavia profonde differenze tra la città e la campagna. Se il baliatico, ovvero l’affidamento dei bambini alle balie dietro compenso, risulta essere una tradizione che accomunava sia i piccoli abbandonati in città che quelli portati agli ospedali di campagna, non era così per l’adozione o supposta tale: nessuno tra i trovatelli provenienti dalla campagna, portato al Santa Maria della Scala di San Gimignano in Valdelsa nel corso del Quattrocento, per portare un esempio conosciuto, fu chiesto per figlio adottivo8. I trovatelli dell’ospedale sangimignanese furono infatti suscettibili di restituzioni ma non di adozioni. Tale caratteristica pare corrispondere però ad una differente connotazione del fenomeno dell’abbandono nella campagna, quale epifenomeno dell’estrema miseria delle famiglie espositrici in stragrande maggioranza contadine, le medesime che poi concorrevano ad assicurarsi, dietro compenso, l’affidamento dei neonati per l’allattamento. Superata tale fase chi poteva richiedeva i propri figli ma, nella maggior parte dei casi, terminato il baliatico, il bambino rientrava all’ospedale, sotto la patria potestà del priore per essere affidato a famiglie di tenutari disposte a terminare il suo allevamento, sino ai quattro, cinque anni di età, in cambio di un modesto compenso9. Solo nei secoli successivi - specie dal XVII - i contadini svilupperanno attaccamento e interesse nei confronti dei trovatelli, investendo su di loro affetti e progettualità di lavoro oltre l'allevamento. Di contro, la frequenza, già in epoca tardo medievale di richieste di figli da adottare o « tenere come propri », senza alcuna pretesa di compenso - assimilate dagli storici all’istituto dell’adoptio minus plena o alla adfilatio10 - e avanzate dalla classe artigiana e mercantile cittadina, non è esente dal sospetto che si trattasse più di un espediente per assicurarsi braccia da lavoro per fronteggiare affari aziendali in espansione, piuttosto che affetti e discendenza. A differenza del baliatico/affidamento, l’adozione di fatto/affiliazione - un passo avanti notevole verso l’attuale adozione piena, avente per oggetto il minore e il suo benessere morale e materiale - contemplava un allontanamento permanente dei bambini dall’ospedale11. Il priore, che rivestiva la carica di procuratore legale dell’ente, deteneva la patria potestà sui piccoli affidati alle sue cure ed esercitava tutta la sua autorità a vantaggio dei trovatelli, instaurando legami di gratitudine tra il bambino, la famiglia disposta ad accoglierlo e l’ente medesimo12. I minori continuavano tuttavia ad essere soggetti all’ospedale, come dimostrano taluni loro rientri per inadempienza degli obblighi assunti dagli adottanti13.

  • 14 Cfr., per l’attribuzione della patria potestà al priore nell’ospedale senese, Piccinni 2003, p. 24 (...)
  • 15 A dimostrazione dell’appartenenza ad una ‘famiglia’, i piccoli affidati all’ospedale fiorentino ves (...)
  • 16 In epoca contemporanea essa è difatti attribuita al giudice tutelare di riferimento.

4L’esercizio della patria potestà da parte del priore dell’ospedale sui minori affidatigli, merita un breve approfondimento perché d’importanza nodale nel caso di trovatelli oggetto di pratiche adottive. Alcuni storici infatti negano agli atti perfezionatisi all’interno degli ospedali medievali i connotati di vere e proprie adozioni, perché non ritengono che la patria potestà potesse essere esercitata sui minori dal priore in carica e tantomeno trasmessa agli adottanti14. Per quanto riguarda la situazione fiorentina e toscana i documenti pervenutici ci confermano che era proprio il priore ad esercitare la patria potestà sui fanciulli affidati alle sue cure, in quanto membri della grande ‘famiglia’ ospedaliera15. Era il priore dunque che si attribuiva, in assenza dei genitori naturali, il potere di concedere bambini da allevare come figli e da immettere nell’asse ereditario dei richiedenti e ciò sino al recente adeguamento giuridico di questa pratica, divenuta sempre più frequente nel corso dei secoli: il trovatello da adottare16.

5Tali trascorsi medievali dell’adozione (volgarizzata, di fatto o privata), maturati in ambiti diversi da quello familiare tradizionale, che abbiamo voluto sia pure brevemente ripercorrere prima di inoltrarci nell’analisi di questo istituto in epoca moderna, preludono a trasformazioni che ne impronteranno lo sviluppo nei secoli successivi, sino a quando cioè l’atto adottivo, divenuto pieno e pubblico, finirà per riguardare quasi esclusivamente minori in situazioni di marginalità, affidati ad istituzioni pubbliche, preposte al loro sostegno.

L’adozione nell’Ospedale degli Innocenti nel XVI e XVII secolo

6Nel corso del primo Cinquecento non ci sono pervenute scritture specifiche, ampie e circostanziate, relative all’adozione, atti notarili cioè che la attestino. Le uniche memorie sull’adozione a favore di trovatelli sono quelle ricavate, come già è avvenuto per il Quattrocento, dai libri di Balie e bambini, fonti che comunque rivestivano un carattere ‘legale’, perché accoglievano sia le notizie relative all’abbandono, probanti ai fini di eventuali future restituzioni dei bambini ai legittimi genitori, che i percorsi di vita dei medesimi.

  • 17 Archivio Ospedale Innocenti Firenze, d’ora in poi, AOIF, Contratti dal 1553 al 1555 - 16 G , n. 31, (...)
  • 18 Cfr., per l'istituto dell'adrogatio, Branca 1958, vol. I, p. 579- 580.
  • 19 AOIF, Contratti dal 1553 al 1555 - 16 G, n. 31, c. 7-8.

7A metà del XVI secolo, invece, nel 1553, appena un anno dopo l’ingresso, su nomina ducale, del benedettino don Vincenzo Borghini - umanista, filologo e apprezzato « regolatore » di comunità religiose - a priore dell’ospedale degli Innocenti di Firenze, compaiono in una sede appropriata, quella dei libri dei contratti, ben due atti di adozione, redatti in lingua latina dai rappresentanti legali dell’ente. Nel primo atto, datato 27 marzo 1553, stipulato dal notaio Pietro di Francesco Bertoldi nella cancelleria degli Innocenti alla presenza di due testimoni, si dà seguito alla richiesta di Pietro di Nanni Brandi da Villore di Mugello, che dopo aver allevato Tommaso per sette anni, mosso da amore nei suoi confronti, « velit eum sibi adoptare in filium et tenere ut filium suum legitimum », promettendo di insegnargli « virtutes et bonos mores »17. Il caso è dunque quello tipico dell’affezione subentrata nei tenutari verso il fanciullo da loro allevato. Nel medesimo atto, Pietro e la moglie Piera, destinano a Tommaso con una donazione « inter vivos » i loro beni. La vicenda è tra l’altro particolarmente interessante perché contribuisce a chiarire il nodo della patria potestà, che abbiamo indicato come importante per la validità dell’adozione. Il notaio infatti, che ha ben presente, secondo il diritto romano, la necessità del consenso del padre naturale all’adozione del minore, precisa che Tommaso viene concesso « de licentia et voluntati dicti reverendi domini Vincentii prioris predicti Hospitalis et sic vive patris dicti Thome presenti set consenzienti set dantis in adoptione ». La patria potestà dunque è attribuita al Borghini, il priore, che fa le veci del padre concedente in adozione il piccolo Tommaso, figlio dell’ospedale appunto. Il notaio, tuttavia, a scanso di future contestazioni, scrive che Pietro, il balio ricevente, « adoptavit et elegit et seu arrogavit sibi in filium et pro filio dictum Thomas », dando così all’atto la duplice connotazione di adoptio e di adrogatio, istituto quest’ultimo riferito a persona sui iuris, non sottoposta cioè ad alcuna patria potestà18. Tali modalità saranno ripetute anche il 24 giugno successivo in un altro atto di adozione, redatto nuovamente in latino – lingua d’obbligo peraltro, specie in questo periodo segnato dall’azione della Controriforma per un benedettino della levatura del Borghini – sempre dal Bertoldi, pubblico notaio fiorentino, alla presenza ancora una volta del priore, di tre testimoni e di Antonio Petri, uno dei ministri degli Innocenti19. Questa volta è Biagio di Iacopo da Papiano di Casentino, un altro balio, che si presenta a chiedere dopo tre anni – ad allattamento e svezzamento ultimati – il « nocentino » Simone. Anche in questa occasione il notaio scrive che, con il consenso del priore « dantis et concedentis », Biagio « adoptavit seu arrogavit sibi in filium et pro filio dictum puerum nomen Simon ». Contestualmente all’atto di adozione anche il piccolo Simone beneficia anche di una donazione inter vivos e riceve « domum unam cum palchis, sala et aliis eius habituris et pertinentiis, posita in populo Sancte Cristine in comunità Palagi potesterie Prati Veteris », di cui restano tuttavia usufruttuari a vita i due genitori adottivi.

  • 20 AOIF, Libro de’ contratti dello Spedale dell'Innocenti rogati da ser Bernardo Masini dall'anno 1585 (...)

8Alla fine del XVI secolo, il 5 gennaio del 1587, compare un ultimo atto adottivo, rogato da ser Bernardo Masini alla presenza di testimoni, i fratelli Francesco e Pasquino di Lorenzo Mariotti da Signa e del priore allora in carica, Alessandro Mazzi da Cortona. L’adottante è - questa condizione non è inusuale in ambito assistenziale - un ex allevato dell’ospedale, certo Domenico di Stefano da San Piero in Bagno, al quale il priore concede, « pro filio suo adoptivo Vincentium dicti Hospitalis filium » allevato da Lisa « uxore dicti Dominici ». Anche Domenico dichiara di accettare il piccolo Vincenzo « pro suo filio adoptivo seu arrogato », destinandolo a succedergli « in eius ereditate » come fosse suo figlio carnale. Questa volta però, nonostante il consueto duplice riferimento agli istituti giuridici dell’adoptio e dell’adrogatio, il priore libera ulteriormente Vincenzo « a quacumque eius potestate et vinculo et successione » in modo da garantirgli i benefici « vere adoptionis »20.

  • 21 Anche Gutton 1993, p. 71, considerando basilare il problema giuridico del riconoscimento della patr (...)

9Nei tre casi esaminati, due dei quali maturati nell’ambito di un priorato eccezionale, quale fu quello di don Vincenzo Borghini, si nota una precisa intenzione di aderire, riconoscendone l’indiscussa autorità, al diritto romano. Tale volontà la si evince dalla stesura degli atti in latino ad opera di pubblici notai, dal tentativo del priore di trasferire – attribuendosi la paternità dei trovatelli – la patria potestà all’adottante e dagli ulteriori correttivi introdotti, quali la duplice natura degli atti (adoptio e adrogatio), le donazioni inter vivos, la liberazione, infine, dell’adottato, vedi il caso di Vincenzo, da eventuali legami familiari e patrimoniali preesistenti al suo abbandono21.

10Nel XVI secolo dunque si tenta di instaurare, in assenza di codificazioni giuridiche in quest’ambito relativo agli assistiti dell’ospedale, una prassi adottiva che poggiava sull’attribuzione, sia pure giuridicamente indebita, della patria potestà al priore che in virtù di ciò applicava di volta in volta integrazioni adeguate alla natura dell’atto e al suo contenuto.

  • 22 AOIF, Libro dell'esito de’ nostri allevati dell'anno 1628, (1628-1632), n. 1655.
  • 23 Ivi, lettera D.
  • 24 AOIF, Giornale T (1625-1632), n. 5400 c. 153.
  • 25 AOIF, Libro dell'esito de’ nostri allevati dell'anno 1628, (1628-1632), lettera L; AOIF, Giornale T(...)
  • 26 AOIF, Libro dell'esito cit., lettera I.
  • 27 AOIF, Giornale T (1625-1632), cit. c. 152.

11Nel XVII secolo le adozioni nell’ospedale, divenute ancora più rare, proseguono nuovamente nei libri amministrativi, redatte in volgare dai vari scrivani in servizio, che si limitano a contabilizzare i trovatelli, maschi e femmine, consegnati a terzi come figli adottivi22. L’otto novembre del 1628 viene registrata nel Libro dell’esito dei fanciulli – relativo all’uscita dei medesimi dalla sfera assistenziale degli Innocenti - la consegna di Dianora, di sette anni, a Domenico Bellucci e alla moglie Mariangela del popolo di Santa Cristina in Pilli di Carmignano23. Benché Dianora sia concessa come « figliola adottiva », gli adottanti, obbligati a costituirle la dote, si impegnano maritarla o monacarla con il consenso del priore24. La stessa clausola viene inserita anche nella consegna di Lucia, di sei anni, « concessa al suo balio » Santi Chellini, bottegaio in Oltrarno a Firenze, per « sua figliola adottiva » il 26 giugno 162925. Si tratta di due casi emblematici che dimostrano, ancora una volta, come vi fosse piena cognizione dei limiti di tali scritture in virtù delle quali i concessi in adozione, specie le femmine, restavano comunque soggetti all’ospedale. Il nuovo priore, Niccolò Pieri Scodellari, un ecclesiastico attivo agli Innocenti dal 1628 al 1642, aveva molto a cuore difatti, come già il Borghini nel Cinquecento, la collocazione delle fanciulle tanto da riservare la carica di « priora » alla sorella Lucrezia, perché si adoprasse per sistemarle onorevolmente presso famiglie cittadine. Con lo Scodellari resta valida tuttavia la prassi, avviata dall’illustre predecessore, dell’impegno patrimoniale contestuale all’atto di adozione a favore degli assistiti, a tutela dei loro diritti. Il 12 luglio 1629 egli concesse Iacopo, di 10 anni , « per suo figliolo adottivo » a Luca di Mariano dalla Trappola (Arezzo) e alla moglie Maria che era stata sua balia26. Luca, l’adottante, fece redigere subito, a sue spese e per mano di pubblico notaio, una donazione inter vivos a favore di Iacopo, che fu istituito erede di ben due selve, una vigna, una casa e cento pecore27.

  • 28 AOIF, Libro contratti dello Spedale delli Innocenti rogati da messer Francesco Mazzoni cancelliere (...)

12Quasi trent’anni dopo, il 30 ottobre 1655, al tempo del priorato di Filippo Ricasoli, compare, a confermarci ulteriormente il mantenimento di tale consuetudine, un « obbligo ad favorem allevati », che faceva seguito alla richiesta del contadino Andrea Arrighi per ottenere « come suo figliolo » Vincenzo, un trovatello di sette anni28. L’Arrighi si obbligava di fronte al priore e a testimoni a destinare al ragazzo in caso di morte sua e della moglie 50 scudi « in tanti beni stabili o in contanti come più gli piacerà » e 25, nell’eventualità che morisse solo uno di loro.

13L’inserimento di un’aspettativa di eredità a favore dei trovatelli privilegia però, all’epoca, quasi esclusivamente i maschi, considerati gli unici possibili depositari dei beni familiari mentre alle bambine si assicura la corresponsione di una dote e una sistemazione onorata.

14Nel corso del XVII secolo pare dunque assodata la consapevolezza dello scarto esistente fra la disciplina giuridica classica e la nuova tipologia di bambini, gli allevati dell’ospedale, ora suscettibili di adozioni, come dimostra il ritorno a forme contrattuali private, redatte in volgare. Il perdurare delle donazioni a loro favore, per mano di pubblici notai, continua a garantire però ai minori, almeno nella pratica, la valenza di figli.

Un secolo di regressione: il trionfo delle « consegne » nel XVIII secolo

  • 29 Cfr. Sandri 1994, p. 472-490.
  • 30 AOIF, Adozioni (1704-1775); AOIF, Balie e bambini o sia giornale d'entrata e uscita di creature dal (...)

15Il sensibile aumento del numero degli abbandonati indusse l’ospedale degli Innocenti a mettere in pratica, nel corso del XVIII secolo, un nuovo sistema di scritture, tale da poter fare a cadenze regolari (semestrali, annuali) il punto non solo sulla consistenza del numero dei trovatelli a carico, ma anche quello sulla modalità della loro sistemazione sia all’interno che all’esterno dell’ente29. Alle tradizionali scritture relative agli esposti si aggiunsero così, tra la prima e la seconda metà del Settecento, scritture specifiche a carattere contabile e amministrativo, corredate da sezioni, elenchi, tabelle dimostrative sul movimento - rientro in ospedale, restituzione, adozione, collocamento presso terzi, morte - dei trovatelli affidati alle cure dell’istituzione. Le adozioni o supposte tali beneficiarono, pur mantenendo la forma privata del secolo precedente, di un apposito registro che va dal 1704 al 1775 con un intervallo cronologico tra il 1743 e il 1750, che tuttavia è colmato da due registri di Balie e bambini o sia Giornali di entrata e uscita di creature, che nella sezione dell’uscita ci documentano sulla sorte degli assistiti ivi comprese le adozioni30. Riguardo ai contenuti gli atti del registro delle adozioni, redatti alla presenza del priore e di testimoni sono in realtà relativi in gran parte a concessioni di trovatelli come « propri figlioli », più raramente come « figli adottivi ». Le richieste e le relative concessioni in adozione sono presenti infatti maggiormente a partire dalla seconda metà del XVIII secolo.

16Dall’analisi di queste due differenti tipologie di scritture – descrittiva l’una, a carattere contabile l’altra - emerge che tra il 1704 e il 1775 furono affidati secondo queste due modalità, 215 trovatelli, pari a circa tre bambini all’anno di media. Osservando i dati raccolti, provenienti dal libro delle adozioni e, per gli anni dal 1744 al 1749, anche dai due predetti registri di entrata e uscita, ci rendiamo conto, ancora una volta, che quantità e modalità di concessione degli assistiti variano, nell’arco dei 71 anni considerati, a seconda delle personalità elette alla carica di priore, la situazione finanziaria dell’ente e le differenti congiunture politiche ed economiche.

17Nel primo periodo, dal 1704 al 1716, dominato dalla presenza alla direzione dell’ente del canonico della chiesa metropolitana fiorentina, Lodovico Da Verrazzano, le concessioni di trovatelli, registrate sul libro delle adozioni raggiunsero il numero di 48, di cui la quasi totalità, ben 44, concentrate nei primi tre anni del suo priorato, cioè dal 1704 al 1707 e pari a ben 15 concessioni annuali. Analizzando i dati relativi all’età e al sesso del bambini, il formulario utilizzato e lo stato sociale dei richiedenti, si rileva che si tratta esclusivamente di maschi di dieci anni di età, chiesti come « come propri figlioli » da contadini già loro bali, disposti ad impegnare se stessi e i loro eredi nell’educarli, alimentarli, calzarli e vestirli, senza pretendere più alcun compenso dall’ospedale. Tutto induce a credere che ci troviamo di fronte a situazioni contrattuali - nonostante l’impegno degli eredi al mantenimento dei minori - molto simili al garzonato. In questi anni infatti ancor più di quanto si è talvolta sospettato per il passato, il fenomeno pare assumere, per dimensioni e modalità, le caratteristiche di una forma di reclutamento sistematico di manodopera a basso costo.

18Tra il 1717 e il 1740, periodo peraltro contrassegnato da un miglioramento della situazione finanziaria dell’ospedale sotto il priorato del canonico Alessandro Gianfigliazzi, durato ben 24 anni, i trovatelli consegnati a terzi richiedenti risultano essere soltanto 15, solo uno ogni due anni ed appartengono ad entrambi i sessi da un minimo di uno a un massimo di venti anni di età.

  • 31 Si tratta di Maria Gaspera consegnata ad Antonio Pucci, doratore in San Biagio; Maria Teresa data a (...)
  • 32 Tra il 1727 e il 1731, Santi è dato a un grossista e Valentino a un merciaio, entrambi i richiedent (...)
  • 33 AOIF, Adozioni (1704-1775), n. 1693, c. 13v-14.
  • 34 Ivi, c. 14-15.

19Le bambine, collocate per lo più nelle famiglie cittadine di estrazione artigiana o, significativamente, con membri, in genere il capofamiglia, al servizio di importanti casate fiorentine, sono 8 sulle 15 richieste totali rilevate, con un’età più bassa rispetto a quella dei maschi. Quattro di esse sono addirittura tra uno e quattro anni, tanto da convincerci, considerato anche l’onere della costituzione della dote, del bisogno sincero dei richiedenti di instaurare, o perpetuare, legami affettivi di tipo familiare 31. I maschi, tra i sette e i quindici anni, sono destinati in quest’epoca non più solo ai contadini della campagna, gli ex bali, o a commercianti, ma anche a forestieri, talvolta personaggi di spicco, militari di carriera, facenti parte dell‘entourage granducale, tutti, e specialmente questi ultimi, desiderosi di seguire responsabilmente la loro educazione 32. In alcuni casi nonostante il monotono ripetersi del formulario col quale si prometteva di tenerli presso di sé come figli propri, oltre che di alimentarli, calzarli, vestirli, obbligando in questo se stessi e i propri eredi, si dichiara, anzi si « protesta » di voler procedere ad una loro futura adozione. Nel 1723, nella concessione di Francesco Antonio a Martino Giuseppe Premegg, « capitano di Sua Maestà Cesarea » Cosimo III, oltre al solito impegno di « alimentarlo e calzarlo », compare la promessa di provvedere ad « adottarlo come suo figlio legittimo »33. Per Maria Antonia, il balio che la richiede nel 1726 « come propria sua figliola », all’età di tre anni, va oltre la semplice promessa di una dote e si obbliga a donarle - confermandoci anche per quest’epoca l’importanza data all’elemento patrimoniale - un pezzo di castagneto del valore di 50 scudi, cui aggiunge anche una casa di due stanze con un poco d’orto, impegnandosi a tenerla nonostante « ogni accidente di morte o d’altro » che potesse capitare a lui e ai suoi eredi34.

  • 35 AOIF, Balie e bambini o sia giornale d'entrata e uscita … cit., A 4°, n. 1657, cc. 232-233. Sono Ma (...)
  • 36 Ivi, c. 237, 254.
  • 37 Ivi, c. 269, anno 1746.

20Durante il priorato di Francesco Rucellai (1742-1750), solo tre dei 121 casi - tratti dal libro delle adozioni sino al 1743 e dai giornali di entrata e uscita di creature dal 1744 al 1749 - , concentrati tra il maggio e il novembre del 1745, si fa riferimento a richieste di adozione avanzate correttamente, secondo la consueta procedura in vigore, al priore dell’ospedale. I rimanenti sono semplicemente ragazzi, giovani e fanciulle in età lavorativa, consegnati ai contadini del territorio fiorentino per fini, esplicitamente dichiarati questa volta, lavorativi. Tra loro il 62% è rappresentato da bambinette consegnate « per le faccende del campo », per « assistere bambini » e per guardare il bestiame35. Quest’ultima attività è anzi prevalente nelle richieste di trovatelli da tenere a servizio. Susanna, nel 1745, fu riportata all’ospedale proprio perché « inabile a guardare il bestiame », mentre per Agnese, quello stesso anno, il priore si assicurò di concederla « per qualunque bisogno, fuori che guardare il bestiame »36. Talvolta i tenutari ricevevano un salario, ma si tratta di casi particolari come quello di Maria Francesca, la cui balia ricevette tre lire al mese per essere la bambina, come viene detto, « alquanto stupida » e dunque inabile al lavoro 37. L’età della maggior parte di loro si aggira intorno ai tredici, quattordici anni, benché vi siano anche eccezioni che vanno da un minimo di sette, otto sino ad un massimo di venti e più anni.

21Il periodo del Rucellai, contraddistinto da una scarsa attenzione, come si è visto, a collocazioni onorevoli dei trovatelli è anche connotato dalla comparsa o meglio dalla ricomparsa – considerato che già nel Quattrocento si registrano casi simili – di donne sole, vedove in genere, che chiedono giovani e ragazze da tenere, come si specifica, come « propri figlioli » per assicurarsi un sostegno.

  • 38 AOIF, Adozioni… cit., c. 30v.

22Durante i priorati successivi di Michele Pierucci e Ricovero Uguccioni, che guidarono l’ente tra il 1750 e il 1762, le modalità di concessione – ridotte a sei, pari a una ogni due anni - ricalcano più o meno quelle messe in atto dal Rucellai ma con una importante novità inserita nel consueto formulario: la comparsa dell’obbligo della restituzione dei trovatelli a genitori o parenti naturali che eventualmente ne avessero fatto richiesta. In tal caso l’ospedale non avrebbe risarcito i richiedenti/adottanti dalle spese sostenute sino a quel momento. Tale clausola appare inserita per la prima volta nel 1759, per Maria Caterina di venti anni, richiesta dalla « signora Maria Gaetana Del Bene come propria figlia » 38. Tale integrazione del formulario, che d’ora in avanti sarà ripetuta in modo sistematico, rispecchiava evidentemente situazioni realmente verificatesi e l’ospedale cercava così di mettersi al riparo da richieste di risarcimento delle spese sostenute da tenutari e genitori adottivi, che si vedevano privare di forze lavoro e affetti. Tale consapevolezza di possibili restituzioni dei trovatelli ai parenti naturali, rivestiva un’importanza giuridica notevole: gli adottati non potevano far parte della nuova famiglia, né assumerne il cognome, perché perennemente ancorati, per via della loro origine ignota, ad una ipotetica famiglia naturale.

L’adozione nel riformismo lorenese della seconda metà del XVIII secolo

  • 39 Cfr., per il periodo lorenese, Verga 1999, p. 11. Per ruolo del Badia nelle riforme leopoldine, cfr (...)

23Con il priorato dell’abate Giovanni Neri Badia – figlio dell’insigne giurista Giovanni Bonaventura e fratello di Pompeo, economista ed esponente di spicco del riformismo lorenese – eletto a dirigere il brefotrofio dal granduca Pietro Leopoldo sino dal 1766, riprende nuovamente, insieme ad una aumentata frequenza anche l’impegno per una sempre maggiore formalizzazione dell’atto adottivo redatto a favore degli allevati dall’istituzione39. Tra il 1767 e il 1775, il Badia concesse, come figli adottivi, 26 tra bambini e giovani dei suoi assistiti, pari a tre adottati all’anno di età compresa tra i due e i trentuno anni, quasi tutti di sesso maschile, ad eccezione di due bambine di sette e tredici anni.

24Nelle concessioni operate dal Badia appare in modo ancor più evidente la cognizione di trovarsi di fronte ad una materia, l’adozione nell’ospedale, ancora tutta da disciplinare. Nonostante il ripristino da parte sua dei formulari propri ai contratti di questo tipo, egli impegna ogni volta i richiedenti a procedere quanto prima alla stesura di un atto nell’ambito della giurisdizione ecclesiastica e/o civile oltre che a perfezionare presso pubblici notai le promesse di future transazioni patrimoniali, fatte in sua presenza e dei testimoni a favore dei trovatelli richiesti in adozione. Dal 1767, l'anno dell’elezione di Giovanni Neri Badia a priore dell’ospedale, assume nuovamente importanza fondamentale negli atti, dopo la parentesi della prima metà del secolo, l’elemento patrimoniale. Dal 1771, l’anno successivo alla fine del secolare patronato dell’Arte della Seta sugli Innocenti per la soppressione delle Arti voluta dal Granduca, si manifesta inoltre un sempre maggiore interesse a seguire i formulari, tuttavia non più in latino, utilizzati dai pubblici notai fiorentini.

  • 40 AOIF, Adozioni… cit., c. 33-33v, vedi anche l’adozione di Giovanni Battista e quelle di Giuseppe e (...)
  • 41 Ivi, c. 39.

25Il 13 giugno del 1767, nel concedere Emanuele di dodici anni a Giuseppe Marchettini di Tosi (Reggello), che lo richiedeva come « figlio proprio », il priore fece inserire nel contratto che quest’ultimo si obbligava ad « adottarlo come suo figlio legittimo e naturale », a fare quanto previsto dalle corti giusdicenti civile ed ecclesiastica per « autorizzare la detta adozione » e a procedere all’intestazione di beni a suo favore, nonostante che, come volle precisare, l’atto in questione, sottoscritto dal Marchettini, dal priore e dai testimoni fosse da lui considerato come un « pubblico strumento già avaligiato [avallato] per mano di pubblico notaio fiorentino ». L’atto infatti, benché redatto come « sogliono estendersi le adozioni e donazioni inter vivos dai pubblici notai fiorentini » era quanto prima, da produrre « in pubblica forma ad ogni richiesta del detto spedale » 40. E’ chiaro che con quest’ultima affermazione il priore, pur accreditando la scrittura prodotta nell’ospedale, era fortemente preoccupato per la mancata corrispondenza tra questa e la normativa vigente, specie nel caso di minori e, in generale, per via di possibili, improvvise richieste da parte di parenti redivivi. Il priore, tuttavia, aveva, o meglio si riservava, un ampio margine di intervento a loro favore. Il 4 agosto del 1769 decise di restituire Giuseppe, un giovane di circa trenta anni, a Gaetano Betti e a Rosa sua moglie, lavoratori della casata Pitti-Gaddi di Borgo San Lorenzo, che lo avevano allevato e designato erede di tutti i loro beni, nonostante la comparsa di un padre naturale e di una matrigna che intendevano contenderlo ai genitori adottivi41.

  • 42 Ivi, c. 51v.
  • 43 Ivi, c. 52v.
  • 44 Cfr. Sandri 2009, p. 65-84, dove il priore esercita anche l’attività di giusdicente a tutela dell’o (...)

26Consapevole di ciò, il 7 settembre 1773, Battista Palli nel richiedere Lazzaro come figlio « proprio legittimo e naturale » si premunì dichiarando di volere « che il detto Lazzaro » restasse per sempre presso di lui senza esser mai « restituito ai di lui genitori »42. Nell’atto immediatamente successivo del 24 novembre 1774 anche Stefano Magnolfi di San Piero a Chiano del contado di Prato, presentatosi al commissario e ai suoi ministri a richiedere Giovanni Battista e Clemente, due trovatelli rispettivamente di venti e quattordici anni, fece la stessa affermazione: « dichiara e vuole restino presso di lui senza esser restituiti ai loro genitori e parenti ». Il Magnolfi, che produsse anche la fede del parroco circa il consenso dei due giovani ad essere « affigliolati », aggiunse che essendo padre di tre figlie femmine, senza il soccorso dei due giovani, lui e la moglie, non avrebbero potuto « continuare a stare a podere »43. L’ospedale e per esso il priore era percepito dunque in tali frangenti, come unico tribunale competente in materia44.

  • 45 AOIF, Adozioni …cit., c. 40.
  • 46 Archivio di Stato di Firenze, d’ora in poi ASFi, Notarile moderno, Domenico Maria Ulivi, Protocollo (...)

27In questi anni di profondo riformismo nell’ambito giudiziario toscano, la ricerca di formalizzazione dell’atto adottivo nei confronti degli abbandonati all’ospedale assume dunque un'importanza primaria ed è perseguita dal Neri Badia con piena volontà e coscienza. Nel 1769, Giovanni Maccini della Sambuca pistoiese, balio di Giovanni Gastone, recatosi all’ospedale a ritirare il « panno » cioè il corredo necessario per il bambino non ancora divezzato, informò il priore di averlo segretamente adottato e di avergli donato i propri beni nella contrada della Sambuca pistoiese per rogito del notaio Domenico Maria Ulivi45. Un controllo effettuato nelle imbreviature del nominato notaio rivela che effettivamente il 13 novembre 1769 i coniugi avevano destinato al bambino con un atto di donazione inter vivos una casa di tre stanze e « una pezza di terra lavoratia di staia dodici », posta in « luogo detto le Cerrete »46. La perpetuazione del patrimonio familiare mediante la sua donazione al trovatello, allevato come un figlio, rappresentava il raggiungimento di uno dei principali moventi dell'adozione, un riconoscimento del suo stato di adottato e un mezzo per equipararlo agli eventuali figli legittimi e naturali.

  • 47 AOIF, Adozioni… cit., c. 44v.

28Il 15 maggio del 1771, Saverio Pagliai di Sant’Angelo a Cetica, dopo aver assolto alle modalità consuete per l’adozione di Antonio Maria, un giovane di ormai circa venti anni, cui donava « un seccatoio », tre stanze con orto e due selve, oltre che nominarlo erede di tutti i mobili della casa, aggiunse di volere « che il detto Antonio si facesse descrivere e chiamare Cappelli » per memoria di Maria, sua moglie, proprietaria di parte dei beni donati47.

  • 48 Ivi, c. 44.
  • 49 ASFi, Notarile moderno, Domenico di Bernardino Tedici, Protocollo n. 26717 anno 1770, n. 34, c. 32v (...)

29In più occasioni il problema giuridico – minore età, origine sconosciuta, impossibilità al trasferimento della patria potestà – fu risolto col ricorso alla legittimazione dei trovatelli. Il 12 marzo del 1771, Michele Ballati da Baggio comunicò all’ospedale di aver legittimato, per rogito di ser Domenico Tedici, Filippo Neri, un ragazzino di dieci anni da lui allevato. Il commissario fece sapere che si provvedesse subito a integrare tale legittimazione nella documentazione relativa al ragazzo per non incorrere in sanzioni, poiché era stata effettuata senza il consenso dell’ente48. Dalle imbreviature di Domenico Tedici risulta che il Ballati aveva legittimato l’anno prima, il 13 ottobre 1770, Filippo « dello Spedale di Firenze » con l’aggiunta di un codicillo al suo testamento, in cui lo nominava erede di parte dei suoi beni e affidandolo alla cura di Maria Antonia « sua consorte » fino « all'età matura e così d'anni ventuno almeno ». Inoltre, lasciava al ragazzo 50 scudi di legato « in beni o in contanti »49.

  • 50 Cfr. per l'istituto della legittimazione, Merlin 1828, vol. 9, p. 38.
  • 51 AOIF, Adozioni… cit., c. 5
  • 52 Ivi, c. 51v.

30L’assegnazione mediante testamento di un patrimonio col consenso degli altri eredi e della moglie era del resto una prassi di legittimazione già contemplata nel diritto romano50. Diverso, ma non inconsueto in quest'ambito assistenziale, il caso di Stefano, legittimato dal balio Ferdinando Benvenuti, che si presentò il 6 giugno del 1773 all’ospedale insieme al figlio Pietro, dichiarando che Stefano, di 31 anni, affidatogli in fasce era in realtà suo figlio « e che per tale voleva che fusse sempre reputato ». Già da tempo il Benvenuti gli aveva permesso anche di chiamarsi col « suo casato » in quanto « vero figlio legittimo ». L’uomo, venuto appositamente « a confermare la detta permissione » del nome, chiedeva anche la modifica del certificato di battesimo in modo che « si potesse e si dovesse dal nostro Spedale sempre dire: figlio del detto Ferdinando e della di lui moglie »51. Anche le adozioni da parte di parenti più o meno prossimi erano abbastanza frequenti. Maria Caterina di sette anni fu richiesta il 23 giugno del 1773 come figlia adottiva dallo zio paterno, certo Francesco Ballerini venuto a richiederla da Siena, dove aveva una bottega di « gelli da muli » come volle specificare a sostegno della richiesta avanzata al priore52.

31Il ricorso alla legittimazione, reale o no, dei trovatelli - spesso quando erano già grandi e la loro presenza in famiglia era ormai radicata e indispensabile - diviene in più occasioni un modo per superare l'adozione di fatto (adoptio minus plena) nell'impossibilità – in quest'epoca chiaramente avvertita - di ottenere per loro una vera adozione (adoptio plena).

  • 53 Cfr. Sandri 2009, p. 67-68.

32Gli Innocenti rappresentano in queste dinamiche l'unica sede atta a regolarizzare, col tenerne memoria documentaria, adozioni, legittimazioni, assegnazioni di beni e anche l’unico tribunale giuridicamente riconosciuto atto a dirimere ogni altra controversia relativa agli assistiti in materia civile e in alcuni specifici casi, almeno per tutto il XVIII secolo, anche criminale53.

Note conclusive

33Nel Quattrocento fiorentino l'ospedale degli Innocenti di Firenze praticava l'affidamento – nel senso giuridico attuale di tale termine - dei bambini a coppie di « bali » che si impegnavano ad allattarli, svezzarli, dietro compenso e, il più delle volte, anche crescerli sino al raggiungimento dell'età lavorativa. Al rapporto di « baliatico » seguiva infatti, di frequente nel medesimo ambito familiare, la concessione dei trovatelli alla famiglia tenutaria, che si impegnava al prosieguo del loro allevamento e educazione comprensivo di vestiario, vitto e alloggio sino al raggiungimento della loro emancipazione, epoca in cui i giovani avrebbero potuto pretendere un salario in cambio del lavoro svolto nell'ambito familiare. In quest'ultima fase di allevamento gratuito e di  formazione dei trovatelli si è intravisto un precedente del moderno istituto dell'affiliazione.

  • 54 Cfr. Sandri 1997.

34Di contro, la concessione di « allevati » dell’ospedale come « figli propri », « figli adottivi » è apparsa come una modalità che, seppure diversa dal baliatico e dall’affiliazione, poco di discostava talvolta, nel formulario, dall’invio presso terzi per imparare un mestiere54.

35Gli ostacoli che si frapponevano al riconoscimento pubblico degli atti di adozione dei trovatelli erano molteplici. Nonostante i tentativi di collaudare una prassi giuridica da parte di alcuni priori – Vincenzo Borghini nel XVI e Giovanni Neri Badia nel XVIII secolo – l'età minorile di gran parte di loro e lo stato di abbandonati erano le principali eccezioni mosse alle adozioni dei trovatelli dalla normativa giuridica vigente. Improvvise restituzioni a parenti naturali e l’impossibilità di trasmettere la patria potestà all'adottante, attribuivano infatti agli atti una natura aleatoria.

36L’adeguamento patrimoniale dei trovatelli, mediante donazioni inter vivos, ai figli naturali e legittimi rimase a lungo il mezzo, insieme all’innalzamento dell’età all’adozione, per ovviare all’assenza di una loro adeguata tutela giuridica.

37Si deve all’opera incisiva di priori illuminati, che se ne assunsero l'onere, la preparazione, passo dopo passo dunque di un nuovo istituto adottivo, mirato non più ad assicurare discendenza a chi ne era privo, perpetuandone nome e patrimonio, bensì ad offrire protezione e affetto a chi ne aveva bisogno.

Haut de page

Bibliographie

Branca 1958 = G. Branca, Diritto romano. Adozione, in Enciclopedia del diritto, Varese, 1958, vol. I. p. 579-580.

Carrara 2006 = F. Carrara, Il rinnovo barocco di Santa Maria Nuova, in E. Ghidetti e E. Diana (a cura di), La bellezza come terapia. Arte e assistenza nell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, Firenze, 2006, p. 423-448.

Contini 2002 = A. Contini, Le deputazioni sopra gli ospedali e luoghi pii del XVIII secolo in Toscana: Fonti e contesti, in Pubblicazioni on-line e materiali di studio. Archivi e Istituzioni, www.archiviodistato.firenze.it/nuovosito/fileadmin/template/allegati_media/materiali_studio/archivi/archivi_deputazioni.pdf, Aprile 2002, p. 1-23.

Gavitt 1990 = Ph. Gavitt, Charity and children in Renaissance Florence: The Ospedale degli Innocenti, 1410-1536, Ann Arbor, 1990.

Grandi 1997 = C. Grandi, P come Pietà: i segni corporei dell’identità istituzionale sugli esposti di Santa Maria della Pietà di Venezia (secoli XVII-XIX) in C. Grandi (a cura di), « Benedetto chi ti porta, maledetto chi ti manda ». L’infanzia abbandonata nel Triveneto (secoli XV-XIX), Treviso, 1997, p. 242-256.

Gutton 1993 =J. P. Gutton, L’adoption, Parigi, 1993.

Kuehn 1991 = T. Kuehn, Law, family and women: toward a legal anthropology of Renaissance Italy, Chicago-Londra, 1991.

Kuehn 1998 = T. Kuehn, L’adoption à Florence à la fin du Moyen Âge, in Médiévales, 35, 1998, p. 69-81.

Menichella 1966 = V. Menichella, Abbandono e adozione, Torino, 1966.

Merlin 1828 = Ph. A. Merlin, Répertoire universel et raisonné de jurisprudence, Bruxelles, 1828, vol. IX.

Moro 1976 =A. Carlo Moro, L’adozione speciale, Milano, 1976.

Penati 1986 = S. Penati, Adozione e affido, Padova, 1986.

Piccinni 2003 = G. Piccinni, L’ospedale e il mondo del denaro, in G. Piccinni e C. Zarrilli (a cura di), Arte e assistenza a Siena: le copertine dell’Ospedale di Santa Maria della Scala, Ospedaletto-Pisa, 2003, p. 18-26.

Ruperto 1958 = C. Ruperto, Diritto intermedio: Affiliazione, in Enciclopedia del diritto, Milano, 1958, vol. I, p. 671-680.

Russo Ruggeri 1995 = C. Russo Ruggeri, La datio in adoptionem, dalla pretesa influenza elleno-cristiana alla riforma giustinianea, Milano, 1995.

Sandri 1982 = L. Sandri, L’ospedale di S. Maria della Scala di S. Gimignano nel Quattrocento. Contributo alla storia dell’infanzia abbandonata, Firenze, 1982 (Biblioteca della « Miscellanea Storica della Valdelsa », 4).

Sandri 1991 = L. Sandri, Baliatico mercenario e abbandono dei bambini alle istituzioni assistenziali: un medesimo disagio sociale?, in G. Muzzarelli, P. Galetti, B. Andreolli (a cura di), Donne e lavoro nell’Italia medievale, Torino, 1991, p. 93-104.

Sandri 1994 = L. Sandri, Le scritture del baliatico in Toscana tra XVI e XIX secolo: il caso degli Innocenti di Firenze in G. Da Molin (a cura di), Trovatelli e balie in Italia, secc. XVI-XIX, Bari, 1994, p. 471-490.

Sandri 1995 = L. Sandri, La richiesta di figli da adottare da parte delle famiglie fiorentine tra XIV e XV secolo, in Annali aretini, III, Firenze, 1995, p. 117-136.

Sandri 1997 = L. Sandri, Fanciulli e fanciulle « posti con altri » all’ospedale degli Innocenti di Firenze: note per una storia del lavoro minorile nella seconda metà del Quattrocento, in G. Da Molin (a cura di), Senza famiglia. Modelli demografici e sociali dell’infanzia abbandonata e dell’assistenza in Italia (secc. XV-XX), Bari, 1997, p. 221-252.

Sandri 2009 = L. Sandri, Donne violate e spiriti maligni. I processi criminali per stupro dell’ospedale degli Innocenti di Firenze dal 1692 al 1760, in G. Da Molin (a cura di), Istituzioni, assistenza e religiosità nella società del Mezzogiorno d’Italia tra XVIII e XIX secolo, vol. I, Bari, 2009, p. 65-84.

Takahashi 1990-1991 = T. Takahashi, I bambini abbandonati presso lo spedale di Santa Maria a San Gallo di Firenze nel tardo Medioevo (1395-1463), in Annuario dell’istituto Giapponese di Cultura, 24, 1990-1991, p. 59-81.

Torelli 1947 = P. Torelli, Lezioni di storia del diritto italiano: diritto privato. La famiglia, Milano, 1947.

Verga 1999 = M. Verga, La Reggenza lorenese, in F. Diaz (a cura di), Storia della civiltà toscana, vol. IV, La civiltà dei lumi, Firenze, 1999.

Vismara 1958 = G. Vismara, Diritto intermedio: Adozione in Enciclopedia del diritto, Milano, 1958, vol. I, p. 581-583.

Haut de page

Notes

1 Cfr., per la frequenza delle adozioni nelle imbreviature dei notai fiorentini del Quattrocento, Kuehn 1991, p. 168 e ss. e Kuehn 1998, p. 69-81.

2 Vismara 1958, vol. I, p. 581.

3 Cfr. Menichella 1966, p. 73 ss. e Penati 1986, p. 17.

4 Cfr., ancora per l’adozione di fatto o privata, Menichella 1966, p. 73.

5 Cfr. Torelli 1947, p. 97-98 e Ruperto 1958, vol. I, p. 671 che la identificano con l’adfilatio medievale, istituto giuridico molto diverso, tuttavia, dalla adfilatio introdotta nel 1939.

6 Per gli studi condotti sull’ospedale degli Innocenti e di San Gallo di Firenze, nei quali compaiono esempi di adozioni, rimando a Gavitt 1990, p. 243, a Takahashi 1990-1991, p. 65, a Sandri 1995, p. 117-135 e ancora a Takahashi 2003, p. 134-139.

7 Per l’affidamento familiare, cfr., Moro 1976, p. 76-81, che lo ravvisa nella pratica diffusa del baliatico nelle società di antico regime. Cfr. anche, Kuehn 1998, p. 71 che parla di « placement à domicile » o « fosterage » frequentemente scambiato, a suo parere, per adozione classica dagli storici del Medioevo.

8 Cfr. Sandri 1982, p. 161-175.

9 Cfr. Sandri 1991, p. 93-104, dove considero il ricorso al baliatico e dunque ad affidamenti temporanei anche da parte di famiglie benestanti.

10 Cfr., per la Adoptio minus quam plena, Vismara 1958, p. 582-583 e Russo Ruggeri 1995, p. 11-21, che intende per volgarizzazione di questo istituto la penetrazione in esso di idee e forme non giuridiche e non professionali.

11 Cfr., ancora per l’affiliazione, considerata una possibile tappa successiva all’affidamento, Moro 1976, p. 76.

12 Cfr. Sandri 1995, p.124-127.

13 Cfr., per l’impossibilità della trasmissione della patria potestà, elemento determinante dell’istituto classico dell’adozione, dal priore agli adottanti, Kuehn 1998, p. 70 ess.

14 Cfr., per l’attribuzione della patria potestà al priore nell’ospedale senese, Piccinni 2003, p. 24 e cfr. ancora a questo proposito, Kuhen 1998, p. 71 che ritiene tale attribuzione « contre la logique du droit romain ».

15 A dimostrazione dell’appartenenza ad una ‘famiglia’, i piccoli affidati all’ospedale fiorentino vestivano tutti uguali e portavano un piccolo putto appuntato sulle vesti all’altezza del petto. A Siena già nel Medioevo veniva addirittura loro impresso sul corpo il simbolo dell’ospedale, la scala, a significare che non erano « figli di nessuno » bensì « figli d’ospedale », cfr., Piccinni 2003, p. 24. Per i segni impressi, con varie tecniche sul corpo dei piccoli abbandonati a Venezia e altrove in epoca moderna, cfr., Grandi 1997, p. 242-256.

16 In epoca contemporanea essa è difatti attribuita al giudice tutelare di riferimento.

17 Archivio Ospedale Innocenti Firenze, d’ora in poi, AOIF, Contratti dal 1553 al 1555 - 16 G , n. 31, c. 2-3.

18 Cfr., per l'istituto dell'adrogatio, Branca 1958, vol. I, p. 579- 580.

19 AOIF, Contratti dal 1553 al 1555 - 16 G, n. 31, c. 7-8.

20 AOIF, Libro de’ contratti dello Spedale dell'Innocenti rogati da ser Bernardo Masini dall'anno 1585 all'anno 1612 K, n. 33, c. 123.

21 Anche Gutton 1993, p. 71, considerando basilare il problema giuridico del riconoscimento della patria potestà all’adottante, ravvisa nella donazione inter vivos a favore dei trovatelli un espediente per aggirare la loro eventuale esclusione, per questo motivo, dall’asse ereditario.

22 AOIF, Libro dell'esito de’ nostri allevati dell'anno 1628, (1628-1632), n. 1655.

23 Ivi, lettera D.

24 AOIF, Giornale T (1625-1632), n. 5400 c. 153.

25 AOIF, Libro dell'esito de’ nostri allevati dell'anno 1628, (1628-1632), lettera L; AOIF, Giornale T cit., c. 144.

26 AOIF, Libro dell'esito cit., lettera I.

27 AOIF, Giornale T (1625-1632), cit. c. 152.

28 AOIF, Libro contratti dello Spedale delli Innocenti rogati da messer Francesco Mazzoni cancelliere di detto luogo, M, (1623-1650), n. 35, c. 141. Il Ricasoli è anch’esso tra i priori di nomina granducale e di notevole levatura, chiamato a dirigere in contemporanea anche l’ospedale di Santa Maria Nuova, cfr., Carrara 2006, p. 427-429.

29 Cfr. Sandri 1994, p. 472-490.

30 AOIF, Adozioni (1704-1775); AOIF, Balie e bambini o sia giornale d'entrata e uscita di creature dal 1 dicembre 1744 al 30 giugno 1746, A 4°, n. 1657 e AOIF, Balie e bambini ossia giornale di entrata e uscita di creature dal 31 luglio 1746 al 31 maro 1749 B 4a, n. 1658.

31 Si tratta di Maria Gaspera consegnata ad Antonio Pucci, doratore in San Biagio; Maria Teresa data al servitore del marchese Albergotti e Maria Rosanna presa dal cocchiere dell’illustrissimo Ridolfo Gianni, AOIF, Adozioni (1704-1775), anni 1730, 1735, c. 17-19 e c. 22-22v.

32 Tra il 1727 e il 1731, Santi è dato a un grossista e Valentino a un merciaio, entrambi i richiedenti sono di Livorno; Tommaso è inviato a Castelvecchio di Pescia. Ivi, c. 15v, 19v-20, 23v.

33 AOIF, Adozioni (1704-1775), n. 1693, c. 13v-14.

34 Ivi, c. 14-15.

35 AOIF, Balie e bambini o sia giornale d'entrata e uscita … cit., A 4°, n. 1657, cc. 232-233. Sono Maria Domenica e Anna del 1744.

36 Ivi, c. 237, 254.

37 Ivi, c. 269, anno 1746.

38 AOIF, Adozioni… cit., c. 30v.

39 Cfr., per il periodo lorenese, Verga 1999, p. 11. Per ruolo del Badia nelle riforme leopoldine, cfr., Contini 2002, p. 21-23. Divenuto priore aveva assolto al compito di illustrare al Granduca lo stato del brefotrofio fiorentino, vedi AOIF, Relazione del Regio Spedale di S. Maria dell'Innocenti fatta d'ordine di S.A.S. il Serenissimo Pietro Leopoldo Arciduca d'Austria Gran Duca di Toscana (1767), n. 111.

40 AOIF, Adozioni… cit., c. 33-33v, vedi anche l’adozione di Giovanni Battista e quelle di Giuseppe e di Prodigo tra l’estate e il novembre del 1770, AOIF, Adozioni…cit., c. 41-41v, 43.

41 Ivi, c. 39.

42 Ivi, c. 51v.

43 Ivi, c. 52v.

44 Cfr. Sandri 2009, p. 65-84, dove il priore esercita anche l’attività di giusdicente a tutela dell’onore delle fanciulle.

45 AOIF, Adozioni …cit., c. 40.

46 Archivio di Stato di Firenze, d’ora in poi ASFi, Notarile moderno, Domenico Maria Ulivi, Protocollo 25701, 13 novembre 1769, Donazione inter vivos, n. 102.

47 AOIF, Adozioni… cit., c. 44v.

48 Ivi, c. 44.

49 ASFi, Notarile moderno, Domenico di Bernardino Tedici, Protocollo n. 26717 anno 1770, n. 34, c. 32v.

50 Cfr. per l'istituto della legittimazione, Merlin 1828, vol. 9, p. 38.

51 AOIF, Adozioni… cit., c. 5

52 Ivi, c. 51v.

53 Cfr. Sandri 2009, p. 67-68.

54 Cfr. Sandri 1997.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Lucia Sandri, « Formulari e contratti di adozione nell’ospedale degli Innocenti di Firenze tra tardo Medioevo ed Età moderna », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 124-1 | 2012, mis en ligne le 19 décembre 2012, consulté le 24 octobre 2017. URL : http://mefrim.revues.org/281 ; DOI : 10.4000/mefrim.281

Haut de page

Auteur

Lucia Sandri

Istituto degli Innocenti di Firenze - sandri@istitutodeglinnocenti.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org