Navigation – Plan du site
L’enseignement des langues et de l’histoire en Allemagne, en Italie et en France, XIXe-XXe siècles : formation des maîtres, pratiques professionnelles et enjeux politiques

I libri scolastici per l'insegnamento della storia nell'Italia liberale

Camilla Weber

Résumés

L'articolo verte sui libri scolastici per l’insegnamento utilizzati nella storia nell’Italia liberale e propone una riflessione sulla storia della « Storia » come materia scolastica e sui relativi testi, sulla forma, i metodi e i contenuti dei testi e, infine, sugli autori di tali testi per l'insegnamento della storia. La storia come materia di insegnamento autonomo tardava ad entrare nei programmi scolastici. Nella scuola elementare, gli eventi storici erano spesso studiati sotto forma aneddotica, in genere partendo da un personaggio celebre, per suscitare l'ammirazione degli alunni verso quel modello di vita ideale. L’articolo cerca, inoltre, di capire chi fossero gli autori dei testi scolastici. Sono ancora (quasi) ignoti la loro posizione geografica, sociale, politica, la qualificazione professionale, l’immagine, l’autocoscienza e la funzione di tali autori nel sistema scolastico regionale e nazionale, così come la ricezione e il successo economico dell’oggetto libro scolastico.

Haut de page

Notes de l’auteur

Versione adattata della conferenza tenuta il 17 ottobre 2013 presso l’École française de Rome. Le informazioni bibliografiche e sulle fonti si trovano in dettaglio nella tesi di dottorato dell'autrice, si veda Weber 2010.

Texte intégral

  • 1 Sono completamente trascurati la storia dell'insegnamento nell'Italia preunitaria e l'aspetto dell (...)

1La storia dell'istituzione scuola è un campo di ricerca molto complesso. Il libro scolastico costituisce una parte importantissima di questo contesto con molteplici prospettive di ricerca : contenuti e metodi didattici, ma anche le persone che hanno redatto, corretto, pubblicato, letto – insomma prodotto e recepito – questi testi. Le riflessioni seguenti riguarderanno tre aspetti della materia : la storia della « Storia » come materia scolastica e i relativi testi, la forma, i metodi e i contenuti dei testi e, infine, gli autori di tali testi per l'insegnamento della storia.1

La materia scolastica « Storia » e i relativi testi scolastici

  • 2 Il testo originale della Legge Casati si trova nella Collezione celerifera delle leggi 1859, p. 14 (...)

2Il sistema scolastico italiano fino alla metà dell'Ottocento ed oltre consisteva in un reticolo eterogeneo di istituzioni gestite da vari organismi (statali, comunali, ecclesiastici, privati), quasi uno specchio della situazione storico-culturale dell'Italia preunitaria. Solo a partire dalla metà del secolo, Stato e comuni cominciarono a prendere più chiaramente posizione a fianco di privati e soprattutto della Chiesa, senza tuttavia poter acquisire un vero e proprio monopolio nel campo dell'istruzione. Punto saldo su cui stabilire un sistema scolastico civile era la famosa Legge Casati, promulgata il 13 novembre 1859 inizialmente per il Regno di Piemonte e considerata la prima legge organica sull'istruzione scolastica. Fu successivamente estesa a tutto il Regno d'Italia e, nel suo nucleo, rimase in vigore fino al 1923.2

  • 3 L'esempio più celebre del libro di lettura è costituito da Il Giannetto di Luigi Alessandro Parrav (...)

3Il passato era sempre stato materia di istruzione, ma la storia come materia di insegnamento autonomo tardava ad entrare nei programmi scolastici. Il sistema scolastico dell'Italia liberale con i tre gradi della scuola elementare e normale, della scuola media (scuola tecnica e ginnasio inferiore) e della scuola superiore (ginnasio superiore e liceo) prevedeva per l'insegnamento della storia in ogni grado un ciclo completo della storia a partire dall'inizio del mondo fino all’età presente : nella scuola elementare informazioni di base, nella scuola media la ripetizione con approfondimenti sulla storia italiana e nella scuola superiore ancora un ritorno nel contesto europeo. La storia contemporanea (della quale fece parte il Risorgimento) risultava sempre alla fine del ciclo e veniva insegnata – aspetto più importante e gravoso – alla fine dell'anno scolastico, ossia in estate, posizione difficile che ancora oggi crea diversi problemi. Nella scuola elementare non esisteva una materia autonoma denominata storia. Vicende e persone storiche venivano illustrate nell'ambito dell'insegnamento della lingua e letteratura italiana, i temi storici erano integrati nei cosiddetti libri di lettura.3 Soltanto alla fine dell'Ottocento vennero pubblicati libri specializzati per l'insegnamento della storia nella scuola elementare, mentre nelle scuole medie e superiori esistevano già in precedenza, così come la storia come materia, talvolta connessa alla geografia.

  • 4 Si veda Weber 2010 p. 91-95. Fonti inestimabili per la realtà della vita scolastica sono gli atti (...)

4Intorno al 1875, non veniva usato alcun libro o, al contrario, venivano usati tanti libri diversi. Gli insegnanti indicavano come causa del mancato uso l'assenza di testi convenienti ed adeguati. Eppure esistevano per la sola materia della storia, al ginnasio 37 testi diversi, al liceo 25. L'applicazione dell'obbligo scolastico, l'aumento del numero degli alunni e, infine, l'appello del Ministero della Pubblica istruzione, rivolto a insegnanti e professori a redigere loro stessi testi adeguati, causarono un rapido aumento della produzione, accelerato ancora dai cambiamenti frequenti dei programmi scolastici. Le istanze statali, come il Consiglio superiore di Pubblica istruzione, che avrebbero dovuto controllare la produzione dei testi ne erano del tutto sovraccariche : nel 1890, 1000 libri per le scuole medie (insieme ai rispettivi autori ed editori) aspettavano la loro ispezione, tra i quali 42 per la storia. Nelle scuole elementari i testi per la storia erano 100 (su 500 libri complessivi), nelle scuole superiori 71 su 573.4

Forma, metodo e contenuti dei testi scolastici

  • 5 Questo metodo risulta già nei titoli di tanti libri scolastici, si veda per esempio Bini 1883 ; (...)
  • 6 Esempio famoso per questo fenomeno l’Esposizione Generale di Torino dell'anno 1884 che presentava (...)
  • 7 « Avvenne in questi tempi il fatto seguente », Neretti 1911, p. 14. Il metodo biografico spunta in (...)
  • 8 Si veda Vago 1896. Vago, prima del 1860 menzionato come prete, nel 1860 era iniziatore per un monu (...)

5La scuola elementare avrebbe dovuto raccontare – nel senso vero e proprio del termine – gli eventi storici (come il Risorgimento) in forma aneddotica, in genere partendo da un personaggio celebre, per suscitare l'ammirazione degli alunni per quel modello di vita ideale.5 Questo metodo rappresenta a tutti i gradi scolastici il metodo preferito per l'insegnamento della storia e viene ereditato dall’ambito religioso fortemente radicato. Gli eroi della storia diventavano così santi laici della religione della patria, venerati sui monumenti e nei musei.6 C'è addirittura l'uso di un linguaggio (pseudo-) religioso, probabilmente ben noto ai bambini per la consueta visita della messa domenicale.7Tuttavia, solo raramente i racconti fanno riferimento alla regione di origine degli alunni, certamente per poter usare (ovvero vendere) i testi in più regioni italiane possibili. Un raro esempio contrario è fornito dal napoletano Giuseppe Vago, il quale nel libretto Carletto ed Ida fa passeggiare l'insegnante insieme agli alunni nella città di Napoli. Passando e osservando piazze, chiese e monumenti il maestro spiega le relative storie e biografie.8Casi rari sono anche quelli in cui alla fine del capitolo sono poste delle domande per riassumere e memorizzare il contenuto sentito o letto. Qualche libro della prima Italia liberale si serve addirittura del sistema di domanda e risposta, conosciuto e provato da secoli nel catechismo :

  • 9 Pacini, 1867, p. 3. Silvio Pacini, nato nel 1825 a San Gimignano e morto nel 1879 a Firenze, fu al (...)

« Vuoi tu bene all'Italia ? L'Italia è la mia patria, e la patria siamo obbligati ad amarla sopra tutte le cose, dopo Dio.
Chi ce lo dice che dobbiamo amare la patria ? Che dobbiamo amare la patria ce lo dice il cuore, come ci dice che dobbiamo amare il babbo e la mamma : già, anche le bestie amano il luogo dove son nate.
Vuole Dio che noi amiamo la patria ? Dio vuole che noi amiamo la patria : non fosse altro, ce lo insegna la storia sacra, dove si legge tante volte, che quando il popolo ebreo disubbidiva al Signore ed era cattivo, il Signore lo castigava, assoggettando la patria sua a questo o a quel popolo straniero.
Che bisogna fare per amar la patria ? Per amar la patria veramente, bisogna ora essere buoni e bravi fanciulli, per onorarla e servirla, anche a costo della vita, quando saremo fatti grandi9 ».

  • 10 Si veda come esempio positivo Mondolfo 1921. Il testo è dotato di vari tipi di stampa per distingu (...)

6I testi delle scuole medie e superiori più volte consistono in semplici brani, raramente arricchiti da elementi grafici : titoli, vari tipi di stampa, note e piè di pagina con contenuti importanti. Mancano in genere compiti come ripetizione, riassunto o lavoro sulle fonti.10

  • 11 Si veda Altavilla 1874. Nella 12° edizione dell'anno 1888 uscita a Milano il titolo fu cambiato in (...)
  • 12 Si veda per es. Bertolini 1871 ; Bertolini 1888 ; Bertolini 1890 ; Bertolini 1890-1891 ; Bertolini (...)
  • 13 Si veda per es. Covino 1869 ; Altavilla 1905.
  • 14 Si veda Weber 2010, p. 276-297.

7I contenuti dei libri scolastici appaiono naturalmente fortemente dipendenti dai programmi governativi che subivano spesso modifiche. Proprio per la materia della storia tanti autori però non si interessavano a tali cambiamenti e si limitavano ad inserire piccole correzioni e supplementi. Così le varie edizioni dello stesso libro (anche se corrette, ampliate, aggiornate) rimanevano quasi identiche per decenni ed erano poco più di semplici ristampe. Nei primi decenni dell'Italia liberale – in mancanza di alternative – furono usati i libri dell'età preunitaria. Molti testi però mantenevano un’impronta regionale che, in alcuni casi, venne « nazionalizzata ».11 Altri autori riciclavano i propri testi a seconda del tipo di scuola, li riducevano drasticamente e li ampliavano per poter servire ogni grado di insegnamento.12Un problema rilevante dei programmi veniva dalla quantità immensa di contenuti da trasmettere agli alunni : dalle origini ai nostri tempi in soli due o tre anni, oppure in un anno dalla scoperta dell’America all'età presente.13 La proporzione dei contenuti dell'epoca del Risorgimento nei libri scolastici presenta grandi oscillazioni, ma è piuttosto limitata rispetto ad altre epoche storiche come l'età romana, considerata in Italia come storia nazionale. Nella prima fase dell'Italia liberale (ca. 1861-1885) il Risorgimento venne considerato come storia contemporanea, troppo vicina, ancora non storia, ma presente, soprattutto perché tanti protagonisti erano ancora vivi. Inoltre, erano sempre in uso tanti libri antichi, tradizionali, ereditati dalle scuole preunitarie. In una seconda fase (nella cornice della morte di personaggi illustri come Vittorio Emanuele II nel 1878 e Giuseppe Garibaldi nel 1885, oppure la Mostra nazionale del Risorgimento nel 1884 e il 50° anniversario dell'unità nel 1911), l'interesse storico per l'epoca stava crescendo ; dagli anni 1880 in poi il Risorgimento diventava parte integrale dei programmi così come dei testi scolastici. La prima guerra mondiale e il fascismo crescente causarono un altro cambiamento : il Risorgimento di vecchio stampo, liberale e unitario, passava in secondo piano e faceva largo a nazionalismo e stato autoritario.14

Gli autori dei libri scolastici per l'insegnamento della storia15

  • 15 Per le biografie degli autori menzionati si veda sempre Weber 2010 p. 331-352, alla voce del cogno (...)

8Un aspetto della ricerca sulla scuola consiste nell'interesse per i protagonisti del sistema, per le persone che facevano (o supportavano) la scuola : politici e funzionari, professori e professoresse, maestri e maestre, alunni e alunne. Un gruppo ancora quasi sconosciuto è quello degli autori dei testi scolastici. Sono (quasi) ignoti la loro posizione geografica, sociale, politica, la qualificazione professionale, l’immagine, l’autocoscienza e la funzione di tali autori nel sistema scolastico regionale e nazionale, così come la ricezione e il successo economico della merce libro scolastico.

  • 16 Antonino Parato (1823-1908), era fratello dei sacerdoti Giovanni e Giuseppe Parato. Nel 1844 passò (...)
  • 17 Per la Toscana : Celestino Bianchi, Augusto Alfani, Selvestro Bini, Silvio Pacini, Pietro Thouar, (...)
  • 18 Si veda per es. Giuseppe Botero (*1813) partecipò alla guerra del 1848 ; Ulisse Poggi (*1829), bat (...)

9L'estensione del sistema scolastico statale trovava difficoltà gravissime. Mancavano spazi, persone e strutture. Così l'organico del personale subito dopo l'unità si conservava senza riguardo alla qualificazione e alla political correctness. (Ex-) Preti, semi-analfabeti e nemici laici e clericali lavoravano a fianco di sostenitori fedelissimi dello Stato unitario. Ci fu chi ruppe la carriera ecclesiastica per convertirsi al sistema laico dello Stato e contribuire alla costruzione di un nuovo sistema scolastico.16 Accanto alle diverse qualificazioni del personale insegnante nei primi decenni postunitari si può constatare un fenomeno omogeneo : la stabilitas loci. Tanti autori-insegnanti rimanevano per tutta la vita, o quasi, nella stessa regione di origine o cercavano, una volta trasferiti altrove, di tornare a casa ad ogni costo. Questa tendenza si vedeva soprattutto nei toscani, ma anche nei piemontesi.17I primi decenni successivi alla proclamazione del Regno d'Italia furono caratterizzati dal ricordo vivo delle lotte per l’unità e la libertà. Questi ricordi vennero tramandati alle generazioni future da persone immediatamente coinvolte nelle vicende. La guerra non era un'immagine lontana, ma una realtà concreta e quotidiana per i veterani e le loro famiglie nelle conseguenze della guerra : fama e onore, ma allo stesso tempo, spesso, invalidità fisica e psichica. Anche gli autori di testi scolastici di questa generazione erano sempre testimoni del Risorgimento e quasi sempre partecipanti attivi.18

  • 19 Il padre di Ada Bertagnoni (* ca. 1850) partecipò alla guerra del 1848/49 ; quello di Licurgo Capp (...)
  • 20 Licurgo Cappelletti (1842-1921), nato a Piombino, nel servizio scolastico dal 1863, insegnava in P (...)
  • 21 « Desidererebbe migliorare ancora la propria condizione. I suoi titoli e le opere pubblicate, che (...)
  • 22 Per es. Siro Corti (*1860), dal 1880 insegnante a Roma, dal 1892 direttore di una scuola elementar (...)

10Trent’anni – un’intera generazione – dopo l'unità, il sistema scolastico italiano era ben lontano dal consolidamento. La quota degli analfabeti nel 1880 ammontava al 30 % nell'Italia settentrionale, al 50 % nell'Italia centrale e al 75 % nel sud del paese. Il personale insegnante senza abilitazione statale però era già in minoranza rispetto a una nuova classe di maestri nati intorno alla metà dell'Ottocento che vivevano l'unità non più come lotta, ma come fatto, anche se in parte incompiuto. Il ricordo del Risorgimento per loro era il ricordo dei padri e dei nonni.19 Accanto alla già menzionata stabilitas loci si presenta allora un fenomeno opposto, quello della mobilità forzata. Tanti autori migrano, trasferiti dal Ministero in tutta l'Italia.20 I problemi di questa vita instabile si manifestano nella vita pratica dell’insegnante-autore senza posto fisso, con un incarico temporaneo o straordinario e soprattutto in un luogo geografico non suo. La pubblicazione di testi scolastici e scientifici si vede in questo ambito come tentativo, talvolta disperato, di avanzare nella gerarchia dell'amministrazione pubblica e raggiungere condizioni di vita migliori.21 Dopo il 50° anniversario del 1911 l'epoca del Risorgimento si stava allontanando sempre di più e la Grande Guerra mise in primo piano altri temi. I contemporanei del Risorgimento erano spariti e ad essi subentravano le celebrazioni commemorative dei discendenti per ricordare il passato ormai lontano. Per gli autori-insegnanti l'abilitazione di stato all'insegnamento ora era la norma, ma la situazione di vita reale non andava di pari passo con la qualificazione e l’organizzazione professionale. Tanti insegnanti oltre a testi scolastici pubblicavano riviste didattiche, spesso effimere.22

Conclusione

  • 23 Si veda Alfani 41923.
  • 24 Di Pietro 1979 p. 725.

11Le biografie degli autori di libri scolastici (non solo per l'insegnamento della storia) aprono tanti temi di ricerca sul sistema scolastico italiano, dalla scuola elementare all'università, dal Risorgimento al Fascismo ed oltre, a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale. Inoltre – e questo dovrebbe essere un aspetto al di là della ricerca storica – concretizzano e tengono saldi tanti aspetti di vita reale dell'epoca. I libri di testo dell'Italia liberale pongono ancora tante domande che aspettano risposte : quale contenuto viene trasmesso, con quale metodo, in quale tempo e a quale fine, chi lo mette in forma scritta, chi controlla e chi esercita da una parte e consuma dall'altra questi contenuti e metodi ? I contenuti si possono concentrare – almeno per la scuola elementare – nel titolo di un libro di testo dell'anno 1923 : I tre amori del cittadino. La casa, il lavoro, la patria23 oppure – in forma letteraria – in un libro famosissimo che tanti italiani hanno dovuto studiare a scuola : Cuore di Edmondo De Amicis, pubblicato per la prima volta nel 1886. Insieme ai programmi didattici, i libri di testo e i libri di lettura costituivano un mezzo di indottrinazione molto forte, come disse Gaetano Salvemini nel 1923 : « L'insegnamento della storia non ha mai avuto come fine l'insegnamento della storia. Ha sempre voluto raggiungere altri fini mediante l'insegnamento della storia ».24

Haut de page

Bibliographie

Alfani 41923 = A. Alfani, I tre amori del cittadino. La casa, il lavoro, la patria, Firenze, 41923.

Almerighi 71909 = G. Almerighi, Grandi uomini nei loro primi anni. Bozzetti per fanciulli, Torino, 71909.

Altavilla 1874  = R. Altavilla, 100 racconti di storia piemontese dai più remoti tempi sino ai nostri giorni ad uso delle scuole e del popolo, Torino, 1874.

Altavilla 141905 = R. Altavilla, Racconti di storia moderna e contemporanea d'Italia. Narrazioni educative ad uso della quinta classe elementare. Dalla scoperta d'America ai nostri giorni, Milano, 141905.

Baioni 1993 = M. Baioni, I musei del Risorgimento. Santuari laici dell'Italia liberale, in Passato e presente, 29, 1993, p. 57-86.

Baioni 1994 = M. Baioni : La « religione della patria ». Musei e istituti del culto risorgimentale (1884-1918), Quinto di Treviso, 1994.

Bertolini 1871 = F. Bertolini, Compendietto di storia italiana dalle origini ai tempi nostri scritto ad uso delle scuole popolari, Milano, 1871.

Bertolini 1884 = F. Bertolini, Storia contemporanea d'Italia narrata alla gioventù italiana, Torino, 1884.

Bertolini 1888 = F. Bertolini, Manuale di storia ad uso del corso superiore elementare secondo i programmi del 25 settembre 1888, Bologna 1888.

Bertolini 1890 = F. Bertolini, Compendio di storia italiana scritto con metodo biografico ad uso del ginnasio inferiore, Bologna, 1890.

Bertolini 1890-1891 = F. Bertolini, Compendio di storia italiana scritto con metodo biografico ad uso delle scuole secondarie inferiori, Bologna, 1890-1891.

Bertolini 1899 = F. Bertolini, Compendio di storia nazionale ad uso delle tre classi del ginnasio inferiore, Firenze, 1899.

Bertoni Jovine 1976 = D. Bertoni Jovine, Storia della didattica dalla Legge Casati ad oggi, 2 vol. , Roma, 1976.

Bini 21883 = S. Bini, La storia d'Italia raccontata per biografie agli alunni delle scuole elementari, continuata fino all'agosto 1883, Torino-Roma, 21883 (Biblioteca delle scuole elementari, 26).

Brunialti 1884 = A. Brunialti, Uno sguardo generale all'esposizione di Torino, in Nuova Antologia, 75, 1884, p. 105-123.

Collezione celerifera delle leggi 1859 = Collezione celerifera delle leggi decreti, istruzioni e circolari, vol. 39, parte 2, Torino, 1859.

Corti 31890 = S. Corti, Patria. Racconti del nonno sul Risorgimento italiano. Libretto pei bambini di terza classe secondo i nuovi programmi governativi, Torino, 31890.

Covino 1869 = A. Covino, Fatti principali della storia nazionale ossia Compendio breve e popolare della storia d'Italia dalla fondazione di Roma ai nostri giorni, Torino, 1869, (188212).

Di Pietro 1979 = G. Di Pietro, La storia nelle scuole medie dalla fine del 700 all'età della Destra, in Società e storia, 6, 1979, p. 725-761.

Mengozzi 2008 = D. Mengozzi, Garibaldi taumaturgo. Reliquie laiche e politiche nell'Ottocento, Roma, 2008.

Mondolfo 1921 = U. G. Mondolfo, Manuale per lo studio della storia d'Italia nelle classi inferiori dei ginnasi, III, Dal trattato di Acquisgrana ai nostri giorni, Milano, 1921.

Montevecchi Raicich 1995 = L. Montevecchi / M. Raicich (a cura di), L'inchiesta Scialoja sulla istruzione secondaria maschile e femminile (1872-1875), Roma, 1995 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Fonti, 21).

Neretti 1911 = L. Neretti, Il Risorgimento Nazionale. Libretto per la terza classe elementare, Firenze, 1911.

Pacini 1867 = S. Pacini, Catechismo politico per le scuole elementari, Firenze, 1867.

Papalia 1897 = N. Papalia, Storia d'Italia. Racconti e figure per la V elementare. Secondo i programmi del 29 novembre 1894, Acireale, 1897.

Soldani Turi 1993 = S. Soldani, G. Turi (a cura di), Fare gli italiani. Scuola e cultura nell'Italia contemporanea, 2 vol. , Bologna, 1993.

Talamo 1960 = G. Talamo, La scuola dalla Legge Casati all'inchiesta del 1864, Milano, 1960.

Vago 1896 = G. Vago : Carletto ed Ida : Libro di lettura per la terza classe elementare maschile e femminile sul disegno dei migliori che si scrissero in Francia, Svizzera, Germania ed Inghilterra, tenuti presenti anche dalla commissione governativa nel compilare il vigente programma, Napoli, 1896.

Weber 2008 = C. Weber, Schulbuchautoren im Königreich Italien 1861-1923, in Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, 88, 2008, p. 420-448.

Weber 2010 = C. Weber, Camillo Cavour in den Schulbüchern des liberalen Italien. Nationale Selbstdarstellung im Geschichtsunterricht zwischen Risorgimento und Faschismus, Francoforte sul Meno, 2010 (Italien in Geschichte und Gegenwart, 30).

Haut de page

Notes

1 Sono completamente trascurati la storia dell'insegnamento nell'Italia preunitaria e l'aspetto delle scuole non-statali.

2 Il testo originale della Legge Casati si trova nella Collezione celerifera delle leggi 1859, p. 1425-1480. Dalla vasta bibliografia si veda, per esempio, Talamo 1960 ; Bertoni 1976 ; Soldani Turi 1993.

3 L'esempio più celebre del libro di lettura è costituito da Il Giannetto di Luigi Alessandro Parravicini, edito per la prima volta nel 1837 e nel 1886 giunto alla 62° edizione. Tra i numerosi libri di lettura possono essere menzionati come esempi il Primo libro di lettura per la sezione superiore della prima classe elementare maschile di Vincenzo Troya, già in uso nel 1840 nelle scuole elementari di Torino e ancora in uso nel Regno d'Italia nel 1883. Si veda Weber 2010 p. 385.

4 Si veda Weber 2010 p. 91-95. Fonti inestimabili per la realtà della vita scolastica sono gli atti delle inchieste come quella del ministro Antonio Scialoja del 1872, conservati nel ACS a Roma nel fondo del Ministero della Pubblica istruzione ; si veda ibid. p. 67-75 e Montevecchi Raicich 1995.

5 Questo metodo risulta già nei titoli di tanti libri scolastici, si veda per esempio Bini 1883 ; Bertolini 1884 ; Corti 1890 ; Papalia 1897 ; Almerighi 1909.

6 Esempio famoso per questo fenomeno l’Esposizione Generale di Torino dell'anno 1884 che presentava per la prima volta una sezione sulla storia del Risorgimento : « È davvero un tempo nel quale tutti gli italiani debbono fermarsi commossi, nella religione delle più sacre memorie. Lì è il segreto della nostra grandezza ; siamo quello che siamo per virtù dei fatti onde là si raccolgono le reliquie e le memorie venerate », Brunialti 1884 p. 11. Si veda anche Baioni 1993 ; Baioni 1994 ; Mengozzi 2008.

7 « Avvenne in questi tempi il fatto seguente », Neretti 1911, p. 14. Il metodo biografico spunta in questo testo – come in tantissimi altri – già dai titoli dei vari capitoli : Silvio Pellico, Ciro Menotti, Giuseppe Mazzini, Carlo Alberto, Goffredo Mameli, Vittorio Emanuele II, Camillo Cavour, Giuseppe e Anita Garibaldi ecc. Se la storia non viene ordinata per biografie, è classificata per battaglie : prima, seconda e terza guerra per l'indipendenza italiana, Curtatone e Montanara, Brescia, Roma, Venezia, San Martino e Solferino, Lissa, Aspromonte e Mentana ecc. « La scuola popolare deve essere per la patria quello che la chiesa è per la religione », scrive Corti1890, p. 2.

8 Si veda Vago 1896. Vago, prima del 1860 menzionato come prete, nel 1860 era iniziatore per un monumento a Giuseppe Garibaldi a Napoli. A partire dal 1862 era professore alla scuola normale, poi al ginnasio Vittorio Emanuele a Napoli. Si veda Weber 2010 p. 352.

9 Pacini, 1867, p. 3. Silvio Pacini, nato nel 1825 a San Gimignano e morto nel 1879 a Firenze, fu alunno di scuole religiose e alunno di seminario. Tuttavia, nel 1850 concluse la carriera ecclesiastica e si dedicò all'insegnamento ; si veda Weber 2010 p. 346.

10 Si veda come esempio positivo Mondolfo 1921. Il testo è dotato di vari tipi di stampa per distinguere titoli e sottotitoli, di note marginali, annotazioni e illustrazioni.

11 Si veda Altavilla 1874. Nella 12° edizione dell'anno 1888 uscita a Milano il titolo fu cambiato in 100 racconti di storia patria ad uso delle scuole e del popolo.

12 Si veda per es. Bertolini 1871 ; Bertolini 1888 ; Bertolini 1890 ; Bertolini 1890-1891 ; Bertolini 1899.

13 Si veda per es. Covino 1869 ; Altavilla 1905.

14 Si veda Weber 2010, p. 276-297.

15 Per le biografie degli autori menzionati si veda sempre Weber 2010 p. 331-352, alla voce del cognome. Sul tema in genere si veda anche Weber 2008.

16 Antonino Parato (1823-1908), era fratello dei sacerdoti Giovanni e Giuseppe Parato. Nel 1844 passò l'esame per l'abilità all'insegnamento all'università di Torino e insegnò in varie città del Piemonte. Nel 1861 e 1862 fondò, come inviato del Ministro per la Pubblica Istruzione Francesco De Sanctis, cinque licei in Calabria e Basilicata. Tornato a Torino era direttore di scuola a Torino e incaricato di tante funzioni pubbliche. Come esempi di preti-professori si vedano le biografie di Silvestro Bini, Giuseppe Borgogno e Antonio Cinquino.

17 Per la Toscana : Celestino Bianchi, Augusto Alfani, Selvestro Bini, Silvio Pacini, Pietro Thouar, Carlo Collodi, Guido Falorsi, Luigi Bertelli. Per il Piemonte : Ercole Ricotti, Ermanno Ferrero, Costanzo Rinaudo.

18 Si veda per es. Giuseppe Botero (*1813) partecipò alla guerra del 1848 ; Ulisse Poggi (*1829), battaglia di Curtatone e prigioniero a Theresienstadt ; Carlo Collodi (*1826), rivoluzione 1848/49 ; Ercole Ricotti (*1816) prigioniero a Mantova 1848/49 ; Celestino Bianchi (*1818), membro del governo provvisiorio della Toscana nel 1859 ; Giovani De Castro (*1837), organizzazione dei volontari a Milano 1859.

19 Il padre di Ada Bertagnoni (* ca. 1850) partecipò alla guerra del 1848/49 ; quello di Licurgo Cappelletti (*1842) ufficiale della marina Toscana ; quello di Luigi Natoli (*1857) deputato parlamentare e ministro della pubblica istruzione.

20 Licurgo Cappelletti (1842-1921), nato a Piombino, nel servizio scolastico dal 1863, insegnava in Piemonte, a Messina, in Calabria, Romagna, Abruzzo, Lazio, ancora a Messina, a Parma, Livorno e infine a Firenze.

21 « Desidererebbe migliorare ancora la propria condizione. I suoi titoli e le opere pubblicate, che sempre spedì al Ministero, potrebbero far sì che il Ministero si degnasse di accordargli la titolarità, e, alla fine del presente anno scolastico, traslocarlo da Cosenza ove lo han colto le febbri, e mandarlo in una città che fosse più consentanea ai suoi studi, e che lo avvicinasse ai suoi vecchi genitori, di cui è unico figlio », scrisse Licurgo Cappelletti al Ministero della Pubblica Istruzione, si veda ACS Roma, Ministero della Pubblica Istruzione, Personale 1860-1880, busta 447. Simili tentativi faceva Giovanni Merighi, si veda ibid. busta 1362.

22 Per es. Siro Corti (*1860), dal 1880 insegnante a Roma, dal 1892 direttore di una scuola elementare maschile, pubblicò articoli sul tema della scuola fin dal 1877 ; nel 1892 uscì la prima edizione della sua rivista Il Rinnovamento scolastico ; si veda Weber 2010 p. 340.

23 Si veda Alfani 41923.

24 Di Pietro 1979 p. 725.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Camilla Weber, « I libri scolastici per l'insegnamento della storia nell'Italia liberale », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 127-2 | 2015, mis en ligne le 28 octobre 2015, consulté le 22 mai 2017. URL : http://mefrim.revues.org/2276 ; DOI : 10.4000/mefrim.2276

Haut de page

Auteur

Camilla Weber

camilla.weber@gmx.de

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org