Navigation – Plan du site

Résumés

Il saggio vuole sottolineare alcuni aspetti fondamentali dell’analisi comparata di Delille : il fatto che lo stretto rapporto che Delille vede tra strutture famigliari e sfera economica e politica non viene mai interpretato deterministicamente come una dipendenza delle prime dalle seconde. E ancora, il fatto che le radici della democrazia politica e del mercato vengono individuate in ogni sistema religioso nelle trasformazioni delle strategie famigliari, nella più o meno forte endogamia della società, nella maggiore o minore uguaglianza fra i sessi, raggiunta nella società cristiana e in quella ebraica attraverso la libertà della donna di possedere e gestire beni e di sposarsi al di fuori della cerchia famigliare. Questo non si è realizzato nell’Islam, anche se in conclusione Delille non esclude la possibilità che anch’esso si apra all’uguaglianza dei sessi e di conseguenza alla democrazia politica.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 G. Delille, L’economia di Dio. Famiglia e mercato tra cristianesimo, ebraismo ed islam, Roma, 2013 (...)

1L’economia di Dio di Gérard Delille è uno studio rigoroso e di ampio respiro, che mette a confronto i sistemi di parentela, le economie e i sistemi politici nel mondo cristiano, ebraico e islamico, sottolineandone le trasformazioni, gli incroci e i diversi ritmi di sviluppo. Delille lega strettamente ed intimamente le scelte matrimoniali e parentali di ciascun gruppo religioso con la sua storia economica e politica, ma questa connessione non è mai, nella sua interpretazione, una dipendenza delle strategie famigliari da quelle economiche, come molta parte della storiografia ancora si ostina a sostenere. Molto attento a evitare ogni deriva deterministica, l’autore mette sempre in luce il reciproco intreccio dei fattori sociali, politici e culturali e le diverse possibilità di scelta che si aprono in questo loro intreccio, condizionandone gli sviluppi. Ciò che tendiamo a considerare come i segni distintivi di una o di un’altra cultura appaiono nella sua attenta analisi come il frutto dello sviluppo storico e dei suoi meccanismi. « Tali meccanismi rappresentano soltanto una delle scelte possibili … altre strade sono state percorse, talvolta con successo, talvolta per breve tempo e con esito negativo, talvolta ancora, dopo un lungo e fruttuoso cammino, per tornare al punto di partenza »1.

2Alcuni momenti e alcuni incroci culturali e religiosi sono fondamentali in questo processo : il momento più significativo è il passaggio dal politeismo romano al monoteismo cristiano, con il conseguente forte sconvolgimento nei sistemi di relazione matrimoniale che ne deriva. Molti sono infatti i cambiamenti. Tra i più significativi, la sostituzione della filiazione artificiale (adozione), non solo presente ma anche molto importante nel mondo romano, con quella naturale. Nell’Islam, l’adozione sarà vietata, nell’ebraismo e nel cristianesimo resa sempre più marginale e sostanzialmente abolita. Il principio dell’adozione sarà rimesso in vigore in Occidente solo con la Rivoluzione francese, se non oltre. Con le leggi dell’Impero romano-cristiano si impone anche il divieto, che sarà fatto proprio anche dal monoteismo islamico, dei matrimoni misti, dovuto essenzialmente a motivi identitari, cioè alla necessità di accentuare la differenziazione all’interno di ciascun sistema religioso. Nel IX-X secolo, ricorda Delille, la messa al bando del matrimonio misto è ormai definitiva nel mondo cristiano, e il problema sembra scomparso anche nelle definizioni di sinodi e concili. NeI II secolo d.C., nel mondo ebraico si codifica attraverso la Mishnah un sistema bilineare, per cui la parentela viene trasmessa dal padre e l’appartenenza all’ebraismo dalla madre. Aderendo all’ipotesi di Mélèze-Modrzejewski, Delille riconduce questa trasformazione, su cui vasto è stato il dibattito fra gli studiosi, alla necessità di stabilire con certezza la filiazione di fronte alle regole romane che proibivano la circoncisione. Dal momento che l’ebraismo paterno non era più stabilito dalla circoncisione, era meglio ricorrere a quello della madre. Tutte queste trasformazioni sono dovute nelle tre religioni alla ricomposizione identitaria, che implica la necessità di più rigidi paletti di definizione familiare e di filiazione.

3Nel corso del tempo le strategie famigliari di questi tre mondi vennero sempre più divergendo, in rapporto con le diverse scelte sociali e politiche adottate, fino a spiegare la loro attuale diversità. Ma si tratta di una divergenza che non è mai predeterminata o in sé necessaria, bensì, volontaria, come precisa Delille, dal momento che è in genere determinata dalla necessità di definirsi in contrasto all’altro. Per quanto riguarda il cristianesimo, molte delle prime leggi matrimoniali nascono per contrastare le leggi matrimoniali del giudaismo. Anche il mondo ebraico, che pur appare a molti interpreti statico, ha modificato nel tempo le sue strategie famigliari in funzione del rapporto con la società maggioritaria, cristiana o islamica che fosse. Il divario tra ebraismo e cristianesimo si è da questo punto di vista fortemente attenuato con l’emancipazione, mentre resta tutt’oggi forte quello tra mondo cristiano ed ebraico da una parte e mondo islamico dall’altra. La questione primaria e significativa della poligamia può ben rappresentare questo divario : proibita fin da subito dal cristianesimo, essa fu mantenuta dall’ebraismo, sia pur in particolari condizioni, fino all’XI secolo (e nel mondo sefardita anche oltre) mentre, come sappiamo, è rimasta a tutt’oggi accettata e praticata nel mondo islamico.

4I tre monoteismi, sottolinea Delille in un capitolo fondamentale del libro, Sguardi incrociati, partono tutti e tre dalle regole sulla parentela e l’alleanza presenti nel testo biblico ebraico, per poi divergere nettamente fra loro : il cristianesimo imponendo sempre più ampi impedimenti matrimoniali, che determinano una prevalenza dell’esogamia, l’Islam vietando il matrimonio tra zio e nipote, privilegiato invece nel mondo ebraico perché consente di modificare la direzione di un sistema bilineare di discendenza, in cui la discendenza maschile e quella femminile hanno ruoli diversi e complementari, sia pur con uno squilibrio a favore della linea maschile. Il rifiuto islamico di tale bilinearità implica l’instaurarsi di un sistema uni-patrilineare a prevalenza maschile, caratterizzato da un ruolo radicalmente inferiore della donna. I divieti matrimoniali cristiani, invece, incontrandosi anche con l’eredità del sistema romano, finiranno per imporre un sistema di tipo cognatico e consentiranno, almeno dal punto di vista teorico, l’uguaglianza fra uomo e donna.

5Il sistema ebraico non è in realtà un sistema immobile, in particolare tra il I secolo. a.C. e il I d.C., quando i testi degli esseni, introducendo limitazioni sul sororato e il levirato e una simmetria prima assente nelle proibizioni tra uomo e donna, come poi faranno parzialmente anche i caraiti, sembrano spingere nella direzione di una trasformazione in senso cognatico, e quindi della parità fra generi, che è parallela all'introduzione della matrilinearità nella discendenza. Il sistema resta però bilineare, la patrilinearità prevale, e le funzioni della patrilinearità e della matrilinearità sono diverse. Alla fine il passaggio verso il sistema cognatico si arresta, anche in consapevole contrasto con l'evoluzione cognatica del cristianesimo. Nel sistema ebraico, i matrimoni fra cugini restano privilegiati, elemento che distinguerà fortemente il sistema matrimoniale ebraico da quello cristiano. Ciò nonostante, come Delille mette in rilievo, la Chiesa non ha mai considerato il sistema ebraico bilineare come incestuoso e non lo ha mai combattuto in quanto tale. Gli usi matrimoniali degli ebrei possono essere stati deprecati dai predicatori, ma non sono mai entrati a far parte delle usanze considerate dalla Chiesa ereticali, come in alcuni momenti l’usura e sempre la pratica magica. Come il divorzio, che la Chiesa permette agli ebrei, anche il matrimonio fra cugini e fra zii e nipoti resta una prerogativa consentita agli ebrei della diaspora.

  • 2 Ivi, p. 57.
  • 3 Ivi, p. 58.

6Il sistema che si afferma con il cristianesimo è, a differenza di quello ebraico – e come si è visto, si tratta nell’interpretazione di Delille di una differenza fortemente voluta – un sistema cognatico, passa cioè sia attraverso la discendenza maschile che quella femminile. In tale sistema il ruolo della donna arriva, come si è detto, quasi alla parità dei ruoli. I passaggi nel consolidamento di tale sistema, la sua cronologia, le diverse influenze subite sono tuttora problemi aperti. Alcuni passaggi, come quello legato al divieto del sororato e del levirato, riportano all’influenza essena. Secondo alcuni storici, lo sviluppo è interno alla società romana, secondo altri, inversamente, è la società romana ad essersi sviluppata sotto la diretta influenza dell’etica cristiana. Secondo Delille, la trasformazione in senso cognatico del cristianesimo fu il frutto dell’ « incontro e integrazione tra cristianesimo e società romana »2. In questo incontro, tuttavia, la società pagana di Roma si era già data dalla fine dell’età repubblicana una forte impronta cognatica, accordando alle donne diritti molto estesi. « Senza Roma, il sistema cristiano sarebbe probabilmente rimasto una delle tante versioni mediorientali di un sistema di filiazioni uni o bilineare »3.

  • 4 Ivi, p. 85.

7Ancora diverso e assai meno complesso è il sistema islamico, decisamente patrilineare. Esso passa cioè solo attraverso la discendenza maschile ed accentua fortemente la dipendenza della donna. In realtà, afferma Delille, non si tratta di una costruzione legata al Corano, dal momento che nelle sue grandi linee era il sistema esistente alla Mecca già prima di Maometto. E' un sistema unipatrilineare, con i figli che appartengono all’uomo in caso di ripudio della donna e con una diffusa pratica della poligamia. Il matrimonio preferenziale è quello con la cugina parallela patrilineare (FDB). Si tratta di un sistema fortemente endogamico, un’endogamia accentuata dalle modifiche introdotte da Maometto, che genera gruppi parentali estesi molto forti. Esso comporta « una netta separazione dei sessi che ha per corollario l’esclusione delle donne dalla sfera pubblica »4.

8La trasformazione che dà origine al sistema cristiano si realizza essenzialmente attraverso la moltiplicazione dei divieti matrimoniali, in opposizione al sistema ebraico, che mantiene e favorisce i matrimoni fra cugini e quelli fra zio e nipote. Il moltiplicarsi dei divieti, attraverso le formulazioni ecclesiastiche e canoniche sull’incesto, che si estende dai consanguinei agli affini e che durerà fino al XVIII-XIX secolo, ha come conseguenza una forte esogamia, a differenza dell’endogamia caratteristica tanto del sistema islamico che di quello ebraico. I gruppi parentali estesi sono deboli. Non c’è una rigida separazione dei sessi, come nell’Islam, e le donne possono in alcuni casi accedere al potere politico (come nel caso di badesse, regine, imperatrici ).

  • 5 Ivi, p. 113.

9Nel capitolo chiamato Attraverso il mondo, dopo aver esplorato gli intrecci e le caratteristiche dominanti di ciascun sistema, Delille ne esplora le trasformazioni. Per quanto riguarda quelle che interessano il mondo ebraico, egli analizza la Sicilia studiata da Bresc, il caso degli Xuetas delle Baleari, e infine la diaspora portoghese in Francia, per sottolineare come gli ebrei, fino all'Emancipazione, abbiano mantenuto un sistema di parentela e di alleanza sostanzialmente stabile, nonostante non siano mancati gli adattamenti al mondo esterno. Delille ricorre per illustrarlo ad una straordinaria metafora : per sopravvivere gli ebrei avrebbero, cioè, sospeso il tempo. Nei secoli del lungo Medioevo ebraico, i sistemi famigliari avrebbero infatti subito pochi mutamenti. La cesura fondamentale, dopo quella dei primi secoli collegata anche alla nascita del cristianesimo, è quella determinata dall’ingresso nella società esterna con l’emancipazione e l’integrazione nella società maggioritaria. E’ solo allora, cioè fra il XVIII e il XIX secolo, che i meccanismi familiari ebraici mutarono radicalmente, almeno in Occidente : « quando il bisogno di distinguersi verrà meno, … il tempo ricomincerà a correre »5.

  • 6 Ivi, p. 208.

10Nello stesso periodo, con quella che Polanyi chiama « la grande trasformazione », anche i sistemi matrimoniali cristiani mutarono radicalmente. Tra Otto e Novecento, ci dice Delille, tutti i paesi europei occidentali hanno abolito nella legislazione civile le regole che avevano caratterizzato i sistemi matrimoniali dal IV secolo in poi. L’abolizione delle norme ecclesiastiche sull’incesto, che lo avevano allargato enormemente, ha reso possibile un’endogamia che di fatto non si è però sviluppata. La direzione principale è rimasta quella dell’esogamia, cioè l’allargamento della cerchia delle relazioni, non più in nome della caritas, come nella società in cui prevalevano le normi matrimoniali ecclesiastiche, ma in nome del libero mercato : « un tipo di esogamia che ancora vige nelle nostre società »6.

11I sistemi matrimoniali non crescono nel vuoto, ma hanno stretti legami con l’economia e la politica. Il fatto che per Delille non si tratti di un rapporto di dipendenza della sfera matrimoniale da quella economica e politica, ma invece di un rapporto di intreccio reciproco, non implica che economia e politica non siano dei fattori essenziali di questo quadro. Al rapporto tra economia e politica e sistemi familiari Delille dedica la seconda e la terza parte del volume. Il primo nesso che Delille sottolinea è quello tra lo sviluppo di un sistema matrimoniale di tipo cognatico, cioè quello attualmente in uso in Europa, e la nascita del mercato libero che consente il passaggio alla modernità. Per Delille, forte è il rapporto tra il sistema matrimoniale, il rapporto tra generi, l’economia e il rapporto tra sudditi e governanti, cioè il sistema politico. Storicamente, il sistema matrimoniale cristiano, spinto dai divieti matrimoniali sostenuti dalla Chiesa verso una forte esogamia, ha anche offerto, attraverso la possibilità di trasmissione patrimoniale delle donne, la possibilità di liberare una grande circolazioni di beni, e di conseguenza di favorire la nascita di un mercato libero. Inserendosi così nel sempre vivo dibattito sulla nascita del capitalismo, Delille assume un punto di vista decisamente innovatore, quello cioè di sottolineare il ruolo del sistema matrimoniale e della conseguente modalità di trasmissione dei beni nell’affermarsi del capitalismo e della modernità. Con questo, lo storico non vuole sostenere che da sole le regole cognatizie del mondo cristiano bastino a spiegare lo slancio economico e politico dell’Occidente cristiano. Nel mondo occidentale cristiano e nella sua storia, ci spiega Delille basandosi tanto sull’analisi di casi particolari che su un’articolata analisi comparativa, lo sviluppo dei meccanismi di parentela si è intrecciato con quello dello sviluppo del mercato, favorendo il cambiamento. Cambiamento che non si è verificato né nel mondo ebraico, dove si è fermato il tempo, né in quello musulmano.

  • 7 Ivi, p. 145.

12Eppure, è anche vero che numerosi fattori premevano nel mondo musulmano per il mercato. Tuttavia, questo sistema economico musulmano era sì di tipo mercantile, ma restava ingabbiato in una visione teologica. Esso avrebbe potuto « permettere la nascita e lo sviluppo di un sistema di mercato autonomo. Non vi è riuscito, non soltanto per motivi esterni (invasioni, colonizzazione) ma perché il suo stesso tessuto sociale e politico non lo permetteva, né si sviluppò in quella direzione »7.

  • 8 Ivi, p. 175.

13Quanto al mondo ebraico, Delille sottolinea come gli ebrei, privi di un potere centrale e avvezzi anche per questo a considerare la ricchezza ancorata alle merci e non a valori immateriali, fossero rimasti a lungo « estranei alla circolazione finanziaria mediante il cambio »8 e di conseguenza allo sviluppo del capitalismo. Contrastando le tesi sulla matrice ebraica del capitalismo, e appoggiandosi sulle importanti ricerche di Giacomo Todeschini, Delille sottolinea come, nonostante le vaste reti al tempo stesso familiari e commerciali a cui si appoggiava, l’economia ebraica non sia riuscita a compiere il salto, compiuto invece da quella cristiana, verso una circolazione monetaria astratta, non reificata, e sia quindi rimasta tagliata fuori dagli sviluppi sempre più veloci della circolazione della ricchezza.

14Nel trattare del rapporto tra sistemi matrimoniali e sfera politica, data la mancanza nel mondo ebraico di un potere statale, l’analisi di Delille si concentra sul cristianesimo e sull’Islam e sulle ripercussioni politiche del loro diverso sistema di matrimoni e alleanze. Si tratta infatti di sistemi radicalmente diversi. Nel mondo cristiano, la Chiesa impone presto un modello esogamico, determinato dalla necessità di estendere la caritas a tutti gli uomini, mentre i ceti dirigenti, nell’intento di trasmettere il potere in una cerchia ristretta di parentela e alleanza, privilegiano l'endogamia. Ne nasce un lungo conflitto fra potere civile e potere religioso – due poteri, a differenza dell’Islam, sempre distinti – terminato solo alla fine del Medioevo con la vittoria della Chiesa. In Occidente, inoltre, è possibile alle donne trasmettere in eredità ai loro discendenti non solo beni, ma anche, se sovrane, Stati. Per molti secoli le alleanze matrimoniali crearono e distrussero unioni di Stati e mutarono i confini fra i regni, un compito che nel mondo islamico era affidato solo alla forza delle armi. Nell'Islam, nulla contrasta e bilancia l'endogamia. Lignaggi e tribù, scrive Delille, sia pure in maniera molto diversa nel tempo e nello spazio, restano gli attori fondamentali del gioco politico. E le alleanze matrimoniali non hanno mai assunto peso politico. Il che, a differenza del mondo cristiano, lascia aperti due problemi fondamentali : quello del rapporto tra Stato e società civile, e quello del rapporto tra uomini e donne. Due problemi come si vede indissolubilmente connessi.

  • 9 Ivi, p. 247.

15In un mondo, quello di oggi, in cui la subordinazione della donna nelle società musulmane rappresenta il maggior terreno di divergenza e di scontro fra culture e religioni, e in cui l’uguaglianza dei sessi rappresenta la condizione sine qua non per l’accesso alla democrazia, l’individuazione delle radici di tale inferiorità nel sistema matrimoniale e patrimoniale può aiutare a comprendere come questa inferiorità non sia fondata su principi religiosi immutabili, ma sia il frutto di commistioni culturali, scontri politici e religiosi, trasformazioni nel tempo e nello spazio. Le trasformazioni che hanno inciso sulla nascita e il mutamento degli altri due sistemi matrimoniali, quello cristiano e quello ebraico, possono verificarsi anche in quello islamico. La conclusione di Gérard Delille guarda al futuro più che al passato : « Soltanto la capacità delle donne di ereditare e trasmettere proprietà, accompagnata dalla facoltà di sposarsi liberamente al di fuori di una stretta cerchia familiare, può permettere ampi e continui spostamenti di beni e l’affermazione di un mercato autonomo in grado di rompere il reciproco isolamento fra potere e società civile ». Tutto questo è stato già realizzato tanto dal mondo cristiano che da quello ebraico, sia pur in tempi e modi diversi. Solo quello musulmano deve ancora aprirsi a questa prospettiva, l’uguaglianza di uomini e donne e la libertà dei cittadini e dell’intera società. Se ciò avvenisse, « potremmo guardare al Mediterraneo non più come a una frontiera tra la sua riva a nord e quella a sud, ma come a un grande mare che ci unisce tutti »9.

Haut de page

Notes

1 G. Delille, L’economia di Dio. Famiglia e mercato tra cristianesimo, ebraismo ed islam, Roma, 2013, p. 144.

2 Ivi, p. 57.

3 Ivi, p. 58.

4 Ivi, p. 85.

5 Ivi, p. 113.

6 Ivi, p. 208.

7 Ivi, p. 145.

8 Ivi, p. 175.

9 Ivi, p. 247.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Anna Foa, « « I voleri di dio sono impenetrabili » », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 127-1 | 2015, mis en ligne le 10 juin 2015, consulté le 24 septembre 2017. URL : http://mefrim.revues.org/2112 ; DOI : 10.4000/mefrim.2112

Haut de page

Auteur

Anna Foa

« Sapienza » Università di Roma - anna.foa@scrivi.net

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org