Navigation – Plan du site
Famiglie al confine

Affari di famiglie : rapporti mercantili lungo il confine veneto-tirolese (secoli XVI-XVII)

Katia Occhi

Résumés

Il testo analizza le strategie di alcune delle maggiori famiglie mercantili impegnate nei traffici di legname lungo il sistema idrografico del fiume Brenta. Queste società rinsaldate da legami matrimoniali sovranazionali gestirono le attività di taglio, lavorazione e smercio delle risorse forestali delle zone di residenza e di altri punti strategici del confine veneto-imperiale. La ricerca basata principalmente su fonti notarili veneziane e atti giudiziari del governo austriaco di Innsbruck mette in evidenza quanto ramificate e interconnesse tra loro fossero le famiglie mercantili che operavano nei mercati di sbocco di Padova e Venezia tra XVI-XVII secolo. Il periodo esaminato registra un momento di vivacità per queste economie alpine, caratterizzato dall’avvicendamento di alcune delle famiglie feudali delle giurisdizioni di confine, cui subentrarono famiglie mercantili provenienti dalla Repubblica veneta, e da una certa permeabilità della nobiltà trentino-tirolese.

Haut de page

Texte intégral

1Nel 1638 il consigliere segreto Domenico Giannettini, futuro canonico della cattedrale di Trento, redigeva un parere in merito ai traffici dell’ufficio forestale e minerario di Primiero, una giurisdizione situata tra la parte meridionale delle Dolomiti e le Prealpi venete, attraversata dal torrente Cismon, tributario del Brenta. Il feudo che era sottoposto alla cosiddetta a parte imperii della diocesi veneta di Feltre, dal 1373 era stato annesso alla contea del Tirolo e dal 1401 infeudato alla famiglia Welsberg. I proventi dell’ufficio forestale spettavano per intero all’erario principesco, il cui gettito doganale nell’anno 1600 era costituito per il 43 % da ricavi derivati dal commercio di legname con l’Italia. I guadagni provenienti dal Primiero coprivano da soli il 24 % di tali entrate.

  • 1 La relazione è stata pubblicata in Corazzol - Occhi 2003. L’anno precedente il canonico, evidenteme (...)

2Obiettivo della relazione destinata all’arciduchessa Claudia de Medici, vedova di Leopoldo V e reggente della contea del Tirolo, era sottolineare l’utilità pubblica del commercio di legname, stimata attorno ai 25.000 fiorini annui, da perseguire attraverso sgravi doganali al gruppo di mercanti operativi in zona e con la limitazione della presenza del patriziato veneziano, foriero più di complicazioni diplomatiche e militari piuttosto che di benefici economici1. Essa elencava 34 famiglie di mercanti e patrizi impegnate in questo comparto. L’accuratezza di questo documento (verrebbe da credere commissionato da alcuni mercanti) è tale da proporre un elenco dettagliato di famiglie che tra la metà del XVI e la seconda metà del XVII secolo gestirono il mercato del legname, con l’apporto di capitale finanziario veneziano, attraverso una politica di condivisione di affittanze di boschi, comproprietà o subaffitto degli impianti per la trasformazione della materia prima, consorzi per la ripartizione delle spese amministrative e gestionali. La forma di impresa dominante era la compagnia commerciale a base familiare e questi networks commerciali di natura internazionale erano costituiti da attori appartenenti alle nationes veneta e tirolese. Laddove la documentazione archivistica lo consente è possibile ricostruire come le società fossero gestite anche attraverso strategie di politica matrimoniale, sia all’interno della stessa nazione che con alleanze famigliari con i soci forestieri.

3La lista indica 6 patrizi veneziani, 10 mercanti veneti, 14 famiglie di mercanti e notabili trentino-tirolesi, 2 famiglie appartenenti al Maggior Consiglio di Bassano, una società di mercanti di Ferrara e 1 di provenienza sconosciuta (tab. 1). Bisogna precisare che da un confronto con i documenti (concessioni di taglio, contratti di compagnia) esaminati a campione per gli anni 1531-1635, risulta che l’elenco del canonico Giannettini non comprenda 46 mercanti, 1 finanziere veneziano, 14 patrizi veneti, 3 nobili tirolesi, 7 esponenti della nobiltà di Padova e Treviso in affari con l’ufficio forestale (tab. 2). Tuttavia solo in alcuni casi le assenze sono imputabili a pratiche di subappalto di licenze, forme che permettevano di accedere al mercato a soggetti che non erano attivi in prima persona a Innsbruck. A Giannettini indubbiamente non interessava censire il comparto commerciale del legno, quanto piuttosto mettere in evidenza che, a fronte di una trentina di investitori attivi in passato, nel 1638 ne rimanevano solo tre. E quei tre andavano fortemente sostenuti (si trattava di Angeli, Maccarini, Petricelli). A noi invece preme sottolineare come in queste valli per circa un secolo risulti attivo un campione di oltre 100 operatori dediti al commercio di legname, inclusi 20 patrizi veneti, come mostrano le due tabelle. E a dispetto di quanto sostenuto dal canonico, il loro numero non si ridurrà nei decenni successivi.

  • 2 Abbreviazioni usate : contea del Tirolo (c.T) ; patrizio veneto (p.v.) ; repubblica veneta (r.v.) ; (...)

Tab. 1 - Mercanti e patrizi operativi nei Confini italiani, elencati nella lista di Domenico Giannettini, 16382

Nominativi Residenza
Angeli consorti Fonzaso, r.v.
Angeli Mileriano Fonzaso, r.v.
Belagrandi  ?
Beltranello Valsugana, c.T.
Bertagnon Valsugana, c.T., originari r.v.
Cappello Andrea, p.v. Venezia, r.v.
Carrara Nicolò Carpané, r.v., origine Borgo Valsugana, c.T.
Carrara Orazio Bolzano, c.T., origine Borgo Valsugana, c.T.
Ceschi, nobili Borgo Valsugana, c.T.
Contarini, p.v. Venezia, r.v.
Danna Valsugana, c.T.
Dorigatto Valsugana, c.T.
Fachinello Valsugana, c.T.
Gardellini, nobili Bassano, r.v.
Genetti, nobili Valsugana, c.T.
Grossi Valsugana, c.T., originari r.v.
Homacini Pacino Bassano, r.v.
Lener Giovanni Pergine, p.v.T.
Maccarini Fonzaso, Mel, Venezia, r.v.
Manuali Primiero, c.T.
Mazzoni Valstagna, r.v.
Minati Grigno, c.T.
Mocenigo, p.v. Venezia, r.v.
Nicoletti Valsugana, c.T.
Pasqualigo Filippo, p.v. Venezia, r.v.
Petricelli Fonzaso, r.v.
Ratis Giovanni Antonio Verona, r.v.
Ronzoni, nobili Bassano, r.v.
Sagredo Zaccaria, p.v. Venezia, r.v.
Sartori Valstagna, r.v.
Someda Primiero, c.T.
Stuani e Tongioni Ferrara
Tiepolo Giovanni q. Francesco, p.v. Venezia, r.v.
Vesentinello Valsugana, c.T.
  • 3 I dati provengono dai protocolli di diversi notai conservati negli archivi di stato di Belluno, Pad (...)

Tab. II : Mercanti e nobili operativi nei Confini italiani non elencati nella lista di Domenico Giannettini (1531-1635)3

Nominativi Anno Residenza
Camoli Antonio q. Pace 1531 Menin, r.v.
Libardi Antonio 1540 Levico (cantiere), p.v.T.
Zaneti Antonio 1548 Padova, r.v.
Capello Vincenzo, p.v. 1549 Venezia, r.v.
Del Nievo Giovanni Battista 1549 Vicenza, r.v.
Morosini Girolamo, p.v. 1549 Venezia, r.v.
Onigo Pietro Francesco, nobile 1549 Treviso, r.v.
Provaio Angelo 1549 Primiero, c.T. (cantiere)
Tessari Paolo 1549 Padova, r.v.
Bonomo Agostino 1551 r.v.
Bonomo Luca 1551 r.v.
Camoli Pace q. Antonio 1553 Primolano, r.v.
Pillos Fabiano q. Melchiorre 1555 Calliano, p.v.T.
Carpanedo Zuan Domenego 1558 Carpanè, r.v.
Camoli Giovanni Battista q. Antonio 1559 Primolano, r.v.
Mollerano Antonio 1562 Primiero, c.T.
Onigo Agostino, nobile 1562 Treviso, r.v.
Onigo Floriano, nobile 1562 Treviso, r.v.
Alberto Antonio 1564 Venezia, r.v.
Tessari Zuanne 1564 Padova, r.v.
Wolkenstein Cristoforo, feudatario 1565 Valsugana, c.T.
Welsberg Cristoforo, feudatario 1571 Primiero, c.T.
Dal Monico Lorenzo q. Ambroso 1572 Padova, r.v.
Dotto Daniele, nobile 1575 Padova, r.v.
Bianchini Andrea 1577 Venezia, r.v.
Dotto Daulo, nobile 1577 Padova, r.v.
Onigo Bonsembiante, nobile 1577 Treviso, r.v.
Querini Andrea, p.v. 1577 Venezia, r.v.
Dal Monico Giulio 1578 Padova, r.v.
Donà Chiara, p.v. 1578 Venezia, r.v.
Panzoni Ambrosio 1578 Valstagna, r.v.
Foscari Alvise, p.v. 1579 Venezia, r.v.
Girardi Vicenzo 1579 Padova, r.v.
Bonomo Lorenzo 1580 r.v.
Todesco Antonio 1580 r.v.
Nani Bernardo, p.v. 1581 Venezia, r.v.
Welsberg Sigismondo, feudatario 1581 Primiero, c.T.
Pellizzari Lorenzo 1582 Bassano, r.v.
Marcello Zuanne, p.v. 1584 Venezia, r.v.
Onigo Alessandro, nobile 1586 Treviso, r.v.
Dal Monico Geronimo q. Ambroso 1588 Padova, r.v.
Memmo Marc’Antonio, p.v. 1588 Venezia, r.v.
Verdabio Bernardino 1590 Padova, r.v.
Brunato Angelo 1591 Venezia, r.v.
Campelli Lazaro 1593 Venezia, r.v.
Maccarelli Gregorio 1594 r.v.
Purino Bartolomeo 1595 Fonzaso, r.v.
Ragazzoni Giacomo, finanziere 1595 Venezia, r.v.
Zanetti Martino 1595 Telve, c.T.
Zorzi Angelo 1596 Venezia, r.v.
Foscari Federigo, p.v. 1600 Venezia, r.v.
Morosini Silvestro, p.v. 1600 Venezia, r.v.
Tiepolo Francesco q. Alvise, p.v. 1600 Venezia, r.v.
Bovio Zuane q. Nadalino 1601 Feltre, r.v.
Picardi Tranquillo 1603 r.v.
Spolverati Santo 1603 Venezia, r.v.
Torniero Alessandro 1603 Vicenza, r.v.
Loredan Sebastiano, p.v. 1604 Venezia, r.v.
Billesimo Vittore 1605 Fonzaso, r.v.
Da Mosto Zuanne, p.v. 1605 Venezia, r.v.
Verdabio Giovanni Battista 1608 Padova, r.v.
Fabris de Antonio 1610 Asolo, r.v.
Picardi Monteangeli Zuan Antonio 1617 r.v.
Bareza Giacomo 1619 Bassano, r.v.
Billesimo Donato 1619 Fonzaso, r.v.
Valle Zuanne 1619 r.v.
Venzoni Vettore 1620 Fonzaso-Venezia, r.v.
Filippi Domenico 1621 Rovereto, c.T.
Norcen Agostino 1623 Feltre, r.v.
Foscarini Girolamo, p.v. 1634 Venezia, r.v.
Panzoni Melchiorre 1635 Valstagna, r.v.

4Se questo documento si concentra sulle famiglie presenti nel feudo di Primiero e nella Valsugana trentina, cioè sul bacino Cismon-Brenta, va detto che tra queste compagnie ne esisteva una che aveva operato anche sull’Isonzo (Pietro Manuali), 3 erano state presenti sull’Adige (Mazzoni, Giovanni Antonio Ratis, Someda) e 4 sugli affluenti del Piave sia in territorio veneto che imperiale (Contarini, Maccarini, Someda, Zaccaria Sagredo). Anche alcuni operatori elencati nella tab. 2 erano contemporaneamente attivi nelle vallate del Cadore, nella montagna vicentina, in Friuli, nel Principato ecclesiastico di Bressanone, in quello di Trento e nelle vallate meridionali della contea del Tirolo.

  • 4 Negli ultimi anni sono stati dedicati diversi lavori a questo tema, si vedano Ambrosoli - Bianco 20 (...)
  • 5 Sotto il profilo dei consumi è interessante il caso di studio esaminato da Vianello 2012, cui riman (...)

5Da queste presenze si evidenzia come la frontiera, lungi dal costituire una barriera alla penetrazione economica dei capitali e degli uomini al contrario l’aveva facilitata4. Il livello delle transazioni si attuava con lo scambio di prodotti manifatturati e di derrate agricole. Le città grandi e piccole della pianura veneta pagavano con tessuti, cerali, olio i loro acquisti di materia prima, i cui traffici erano organizzati da una rete di mercanti e fattori, stabiliti nei centri intermedi e nei porti di attracco fluviale5. Lungo la fascia alpina per tutto il basso Medioevo e in età moderna l’attività di taglio e di esportazione di legname da costruzione e di combustibile rappresentò una delle principale fonti di reddito sia per i signori territoriali che per le comunità. La commercializzazione di queste risorse nelle città della pianura italiana e in diversi porti del Mediterraneo (Sicilia, Puglia, Sardegna, Malta, Egitto) consentì al territorio trentino-tirolese di integrarsi in circuiti economici sovreregionali, cui lo legavano anche le migrazioni di forza lavoro periodiche e permanenti. Le vie di transito erano imperniati sui principali fiumi (Adige, Brenta, Piave), dove sorsero fiorenti distretti del legname, dislocati in punti strategici dell’arco alpino, dove percorsi terrestri e fluviali conducevano ai porti di attracco per le zattere, ai depositi e alle segherie.

6La consapevolezza del rilievo di questi scambi per le entrate pubbliche era tale che tra il 1541 e il 1587 le autorità tirolesi misero mano al settore con una serie di interventi (30 ordinamenti forestali su un totale di 68 varati tra 1492-1839) che miravano a regolamentare un comparto in rapida espansione in cui misure per la razionalizzazione delle colture boschive si mescolavano a provvedimenti restrittivi nei confronti delle comunità. Oltre alle 5 ordinanze forestali disposte per i Confini italiani, nel 1599 fu revisionata l’ordinanza per la fluitazione su Brenta, Cismon, Vanoi e Mis in cui provvedimenti di ordine pubblico si accompagnavano a misure organizzative e giurisdizionali, con le quali le autorità tirolesi si riservavano i contenziosi in materia, anche se questo non attenuò la preferenza degli operatori per l‘arbitrato more veneto. L’intervento istituzionale mirava a disciplinare lo sfruttamento dei boschi, sottoporre il taglio al rilascio di una concessione, massimizzare i profitti derivanti dai commerci di legnami tra la Contea e i mercati italiani intervenendo contemporaneamente sulla materia daziaria con nuove tariffe e istituendo una serie di uffici del legname, subordinanti a un ufficio centrale, alle dipendenze dirette della Camera arciducale.

  • 6 Agnoletti 1998.
  • 7 Lazzarini 2007 ; Occhi 2006, p. 66-76.

7Tra XVI-XVIII secolo le opportunità economiche offerte da questi traffici furono alla base dell’insediamento lungo il confine veneto-tirolese di numerosi piccoli e medi impianti per la trasformazione del legname azionati dalla forza motrice dei fiumi e dei canali derivati, anche se con i dati disponibili non siamo in grado di precisare se fosse attuata una specializzazione regionale nella lavorazione dei semiprodotti. All’interno del principato ecclesiastico di Trento e della contea del Tirolo in base ai dati conosciuti non risultano importanti centri per la lavorazione del legname e salvo poche eccezioni, essi erano di proprietà comunale, distribuiti secondo le esigenze delle comunità locali e sparsi in piccoli nuclei in tutte le valli. Agli inizi dell’800 erano circa una sessantina in tutta la regione6. Diverso il caso della repubblica veneta dove per quanto riguarda l’asse Cismon-Brenta tra i due scali principali, Fonzaso e Valstagna, distanti una trentina di chilometri, tra gli anni ’30 del ‘500 e gli inizi del ‘700 furono operative una cinquantina di segherie idrauliche. Sul Piave tra ‘700-‘800 lavoravano oltre 150 segherie. Di queste, 132 erano collocate in una quindicina di chilometri tra Perarolo di Cadore, alla confluenza tra il Boite e il Piave, e Longarone, allo sbocco del Vajont nel Piave7.

8Nel corso del XVI e del XVII secolo la forte domanda di materia prima e un livello di prezzi in continua crescita contribuirono a consolidare ed estendere l’interesse degli imprenditori della pianura per le risorse forestali delle giurisdizioni trentino-tirolesi, cui ebbero accesso grazie alla mediazione di esponenti di importanti imprese locali e grazie alle disponibilità di credito reperibile sulla piazza veneziana. La tab. 2 mostra un forte squilibrio tra gli operatori locali (9) e quelli forestieri (62), le cui cause possono essere imputate ad un più facile accesso al mercato del credito e a quelli di sbocco per gli operatori d’area veneta, ma non bastano a spiegare questo divario.

9Dinamica e vivace questa società mercantile arricchitasi con il legno vide compiersi in questi secoli rapide ascese, cui spesso fecero da contrappunto grossi fallimenti, che portarono alla ridistribuzione degli impianti e delle concessioni di taglio tra gli operatori in grado di sopportare periodi di inattività, carestie, blocco dei traffici con il Tirolo.

  • 8 Sul ruolo economico della famiglia si veda Alfani 2006 ; Cavaciocchi 2009.

10Le scelte matrimoniali dei mercanti che operavano all’interno di questo settore tesero a rafforzare la concentrazione delle segherie, le licenze di taglio, i capitali investiti presso la Camera arciducale, nei banchi e nel debito pubblico veneziano, nelle mani di un numero ristretto di famiglie8.

11Seguire i destini di questi gruppi famigliari che operavano lungo il confine è complesso perché non disponiamo di archivi famigliari, copialettere, scritture di tipo contabile o libri di famiglia. Fonte primaria sono le concessioni di taglio e la documentazione giudiziaria austriaca, incrociati con quella notarile veneta. Questo non consente sempre di avere una immagine rigorosa della loro presenza, delle loro relazioni, dei legami di parentela, ma in compenso la focale permette di intuire quanto vivaci e complesse fossero le economie delle zone montane a ridosso della capitale veneziana, nonostante la crisi economica che si andava profilando dagli anni ’30 del ‘600 e che si acuì in seguito.

  • 9 Per un inquadramento generale sulle storie di queste tre famiglie rimando a Occhi 2006, p. 134-200.
  • 10 Archivio di stato di Padova (d’ora in avanti ASPd), notaio Riccardo Strazzoldo, prot. 3178, c. 63v, (...)
  • 11 Il raggio di attività dell’azienda comprendeva cantieri di taglio situati nei territori trentino-ti (...)

12Qui si prenderanno in esame tre casi9. Ad eccezione della prima, le altre due famiglie compaiono nell’elenco di Domenico Giannettini. Partiamo dai Camoli, una famiglia con con cui hanno rapporti d’affari e da cui discendono altre 7 imprese famigliari che compaiono nella lista. Essa era originaria della podestaria di Feltre e precisamente di Menin, una frazione di Cesiomaggiore. Sin dagli anni ’30 del ‘500 Antonio e Francesco q. Pace sono impegnati nei traffici e nella lavorazione dei legnami condotti sul Cismon. Dieci anni dopo l’azienda si è spostata a Primolano, lungo la via imperiale, al confine tra la repubblica di Venezia e le giurisdizioni tirolesi della Valsugana. Alla seconda generazione la ditta è in mano a Giovanni Battista e Pace q. Antonio, del quale i soci nelle scritture notarili non mancano di sottolineare « la pratica et amicitia che ha egli in quel paese », cioè oltreconfine10. Il raggio d’azione dell’impresa si concentrava in alcuni boschi situati lungo il Cismon e il Brenta, soprattutto in territorio tirolese, ma si estendeva anche a quelli di talune comunità venete11. Con la fine degli anni ’70 del ‘500 Pace Camoli fu travolto dai debiti e il tracollo dell’azienda portò a una ridistribuzione di proprietà e di diritti di taglio. A giovarsene furono quegli esponenti della famiglia e soci con cui già da anni operava in questo comparto.

  • 12 Archivio della Curia Vescovile di Feltre, b. 93, 1554-1555, cc. 40r-v, Borgo Valsugana, 10.6.1555. (...)
  • 13 Tiroler Landesarchiv Innsbruck (d’ora in poi TLAI), Allg. Leop., Kasten B, 5, 10.2.1554. TLAI, Allg (...)
  • 14 Sul proliferare di nuovi nobili cfr. Donati 1988, p. 152.

13I dati matrimoniali relativi alla prima generazione sono limitati, ma eloquenti. Nel 1518 Angela Camoli q. Pace (probabilmente sorella di Antonio e Francesco, i capostipiti della fraterna) è sposata con Pietro Ceschi q. Francesco di Borgo Valsugana, villaggio imperiale oltreconfine, che di professione faceva il mercante di legname sul Brenta12. Non sappiamo se l’inserimento nel comparto del legno dei Camoli sia una conseguenza di questo matrimonio o venga a sancire una società già consolidata. Da questo matrimonio nacquero, oltre ad altri figli, Francesco (1516-1586), Sisto e Ursula Ceschi. Tutti e tre si legarono a esponenti di famiglie impegnate nella mercatura : i maschi sposarono Bona e Caterina Someda, sorelle del più importante mercante di legname di Primiero, Giovanni Someda q. Pellegrino, di cui diremo oltre. Gli affari con gli uffici arciducali assorbivano una grossa parte delle attività di Francesco e Sisto Ceschi. Li vediamo acquistare direttamente le licenze di taglio dei boschi (1562), entrarne in possesso subentrando ai Camoli insolventi (1579), entrare in società con il cognato Someda (1579, 1581, 1587)13. Già la seconda generazione dei Ceschi, quindi Francesco e Sisto insieme ai nipoti, fu aggregata alla nobiltà tirolese (1582). È una prassi che seguiranno molti esponenti di queste famiglie mercantili14.

  • 15 Archivio di stato di Bassano del Grappa (d’ora in avanti ASBas), notaio Vincenzo Dedo, n. 127, 1580 (...)

14La sorella Ursula Ceschi, che nel 1581 è già vedova del secondo matrimonio, sposò in prime nozze un esponente del notabilato locale (Gasparino Buffa di Telve) e in seconde il notaio Mattio Gardellini, un membro del Maggior Consiglio di Bassano, che sin dal 1563 commerciava in legname in Primiero, era proprietario di una segheria nel Canale di Brenta, aveva tra i propri clienti nobili padovani e l’Arsenale di Venezia (anche questo nominativo è nella lista)15.

  • 16 Gli esempi si possono moltiplicare, mi limito a indicare quello di Giovanni Someda di Fiera di Prim (...)
  • 17 Su Bassano si veda Vianello 2004. TLAI, Allg. Leop., Kasten A, 354, fasc.7, n. 39.

15Anche i figli di Antonio Camoli, Giovanni Battista, Maddalena e Pace, entrano in un circuito di scambi matrimoniali giocato all’interno del milieu mercantile legato allo sfruttamento delle materie prime delle montagne circostanti i luoghi di residenza. Già l’analisi dei comportamenti di questa società ci permette di notare che le compagnie erano organizzate per lo più attraverso reti di parentela. Una rete che aveva tra i propri obiettivi sopperire alle asimmetrie informative, gestire i rapporti con la burocrazia austriaca e dare accesso ai suoi membri alle risorse forestali di località lontane dalle proprie aree di influenza. Essa comprendeva soci in affari, esponenti delle autorità pubbliche (Supremi delle selve, notai), nobili dei consigli cittadini delle podestarie venete. Oltre a consolidarsi attraverso legami matrimoniali, le alleanze erano strette per mezzo di vincoli di parentela spirituale tra membri uniti dai medesimi interessi d’affari, anche se residenti in zone distanti tra loro16. Il profitto materiale e simbolico ricavato da un matrimonio con un’esponente di una delle famiglie di maggior prestigio della comunità di Bassano porta Giovanni Battista Camoli q. Antonio a sposare Dionora Ronzoni q. Giovanni Pietro attorno al 1561. L’importo della dote assomma a 1000 ducati, che furono assicurati su un mulino e una fucina sita in Primolano. I Ronzoni come i Gardellini soprarichiamati appartenevano a quel gruppo di famiglie la cui rielezione in seno al Maggior Consiglio non soleva trovare ostacoli nel corso del rinnovo annuale dei 32 membri. L'incompatibilità tra nobiltà e mercatura, principio che si andava affermando nell’Italia del secondo ‘500 era ancora lungi dal radicarsi in città piccole come Bassano dove l’esercizio di attività commerciali non era considerato incompatibile per chi deteneva cariche ed esercitava l’autorità pubblica. E tra le attività commerciali di Ronzoni e Gardellini gli affari con la Camera arciducale di Innsbruck occupavano un posto di rilievo, ragione per cui sono compresi nella lista iniziale17.

16Mentre stringono legami con il notabilato bassanese, i Camoli continuano a investire anche in alleanze con i soci in affari. Maddalena, sorella di Giovanni Battista e Pace q. Antonio, sposa Giovanni Domenico Minati di Grigno, altro nominativo noto al Giannettini, con il quale i due fratelli sono operativi in Tesino.

  • 18 Per la normativa e la prassi in vigore a Venezia cfr. Bellavitis 1998.

17La terza generazione di cui abbiamo alcuni dati precedenti al fallimento mostrano che le dinamiche familiari dei Camoli corrispondono alle esigenze dell’impresa. La famiglia si imparenta con Nicolò Sartori, grosso mercante impegnato nei traffici di carbone, lana e legname originario di Valstagna. Mentre oltreconfine venne fatta sposare Angela Camoli di Pace. Attorno al 1560 con Benedetto Moresini q. Bertolino di Pergine, con una dote che supera di poco i 300 ducati. All’incirca dieci anni dopo Angela sposa un altro suddito tirolese Nicolò Carrara q. Paolo di Borgo Valsugana, che è al terzo matrimonio. In concomitanza di queste nozze egli si trasferisce dal territorio arciducale nella repubblica veneta, precisamente a Carpané, uno dei principali centri di lavorazione del legname sul Brenta. Come accade anche tra le donne veneziane, al secondo matrimonio la dote è di importo maggiore (poco più di 470 ducati), cui il marito aggiunge una controdote di 200 ducati18. Questo matrimonio integra Nicolò nella rete familiare e negli affari del suocero, al quale egli apporta le sue relazioni con la burocrazia austriaca e i feudatari delle giurisdizioni locali. Anche questo nominativo è contenuto nella lista del Giannettini, che come vediamo risulta molto bene informato su quanti avevano operato nel commercio tra la contea del Tirolo e la Repubblica negli ultimi 60 anni.

  • 19 L’elenco dei cantieri di taglio di Nicolò Carrara comprende alcuni boschi in Primiero, in Tesino e (...)

18Dalla fraterna Camoli gemmarono una serie di società, entrate in possesso di zone di sfruttamento, impianti per la trasformazioni del legno, rapporti con le comunità locali. Accanto a Francesco Ceschi e a Nicolò Sartori, Nicolò Carrara fu il terzo dei maggiori beneficiari. Basterà osservare la geografia degli interessi commerciali per notare che essa ricalca inizialmente i medesimi boschi del suocero per andare poi progressivamente ad estendersi alle risorse forestali delle comunità limitrofe19. Nel corso degli anni compresi tra 1578-1597 egli accrebbe gli impianti per la trasformazione del legname, entrando in possesso di 6 segherie e di una fucina, poste nel Canale di Brenta e di una bottega a Venezia. Tra il 1583-1592 si affiancò il figlio Orazio (anch’egli come il padre citato nella lista Giannettini) come suo procuratore. Dal 1593 Orazio subentrò nella gestione degli affari portandoli avanti a nome di entrambi. Ma Orazio più che nella veste di mercante, si specializzò progressivamente nel ruolo di agente al servizio di finanzieri, mercanti e patrizi veneti. Per loro conto acquistava e registrava le licenze di taglio presso le autorità competenti. Attorno al 1617 assunse la veste di commissario arciducale della Camera di Innsbruck, diventando una sorta di fiduciario per il commercio del legname con l’Italia. È per questa duplice parte di uomo di fiducia delle autorità tirolesi e di alcuni esponenti del milieu mercantile che gli fu conferito il titolo di consigliere e nel 1623 venne nobilitato, iscritto nelle tavole matricolari tirolesi e ebbe il diritto di aggiungere al proprio cognome il predicato « von Niederhaus ».

19Nella contea del Tirolo la mobilità sociale di cui sono testimoni i Carrara non fu un fenomeno isolato e andrebbe studiato a fondo. Sono numerose le famiglie arricchite con la mercatura come i Buffa, divenuti feudatari di Castellalto dal 1671, riconfermati nel 1692, i Giovanelli, signori pignoratizi di Castel Telvana dal 1662 e feudatari dal 1678. A essi vanno aggiunti i Someda di Chiaromonte di cui si dirà più avanti e ancora gli Zenobio, che nel 1648 acquistarono la signoria di Montereale a nord di Trento per 336000 fiorini.

  • 20 Da questo matrimonio nacque Virginia Ceschi, coniugata con Giovanni Bonomo. Sono i genitori della b (...)

20Le lauree in legge che entrambi i figli di Nicolò Carrara conseguirono nello studio di Padova, nel 1581 Orazio e nel 1598 Francesco, fanno parte di un percorso di ascesa sociale, che si venne costruendo con lo sfruttamento delle risorse forestali tirolesi. Ma l’interesse dei Carrara verso questo settore è limitato a Nicolò, mentre la generazione successiva fu impegnata a costruire una rete di parentele e relazioni con il mondo dei piccoli funzionari arciducali, piuttosto che a consolidare le posizioni nell’ambiente mercantile. Nel 1595 Giacoma Carrara di Nicolò andò in sposa al capitano di Primiero, Pietro Girardi di Castello (dote di 1000 ducati), la cui sorella Anna sposerà Orazio Carrara, consentendo una compensazione dell’80 % della dote e prima del 1606 Maria Carrara concluse un matrimonio con il capitano di Pergine Ciriacono Ampferthaler. Una terza figlia di nome Caterina sposò Gasparo Ceschi di Santa Croce, in quel rituale di alleanze matrimoniali che univano i notabili trentini agli esponenti del ceto mercantile, come si può leggere nel libro di famiglia dei Ceschi di Santa Croce, Memorie, successioni e compendio della famiglia Ceschi, redatto attorno al 1740 da Girolamo Armenio Ceschi20.

  • 21 Kühebacher 2006, in particolare p. 202.

21Ma è nell’entourage dei nobili e dei funzionari tirolesi che i Carrara delle generazioni seguenti guarderanno per la proprie scelte matrimoniali, soprattutto dopo il trasferimento di Orazio a Bolzano nel 1623 e di Francesco a Innsbruck più o meno nello stesso periodo. Il figlio di Orazio di nome Nicolò Annibale sposò a Bolzano Elisabeth von Kuhepach, un’esponente della nobiltà tirolese. Il figlio di Nicolò Annibale, Orazio Antonio tra 1678-1692 fu prevosto nella collegiata di San Candido in val Pusteria21. Se si scorre la lista dei figli dei Carrara bolzanini nei libri dei battesimi del duomo di Bolzano è possibile notare che per padrini spirituali erano scelti esponenti della nobiltà e funzionari locali. Ma il mondo mercantile legato al legname continuava ad avere la sua importanza come dimostra il caso di Antonio Maccarini, mercante di Fonzaso, padrino del futuro prevosto di San Candido sopra ricordato.

22Francesco Carrara dopo essere stato commissario fiscale per i Confini italiani nel 1618, la più alta carica amministrativa nelle giurisdizioni di confine, fu impiegato presso le magistrature centrali svolgendo diversi prestigiosi incarichi. In questo ambiente si formò anche il figlio di sua sorella Giacoma, Antonio Girardi di Castello (nato a Primiero nel 1602) vice cancelliere aulico e capitano provinciale del Tirolo che diventerà un potentissimo esponente della corte tirolese e a capo della fazione avversa al cancelliere Wilhelm Bienner, uomo di fiducia dell’arciduchessa Claudia de’ Medici, rimosso e giustiziato rapidamente dopo la morte di quest’ultima. Per i figli e le figlie di Francesco Carrara, così come per i figli dei fratelli rimasti nella repubblica veneta le scelte compiute dalla famiglia si orientarono verso incarichi al servizio del governo austriaco per i maschi e verso matrimoni con esponenti di quel mondo per le femmine.

23Questi percorsi di ascesa sociale che consentirono nel giro di due generazioni di entrare ai massimi livelli operativi del governo sono impensabili nella repubblica di Venezia, dove non mancarono esempi di importanti ascese sociali, ma lontanissime dall’osmosi registrabile tra questi ceti in ascesa e la corte arciducale.

24Il terzo caso che presento qui è altrettanto emblematico della sovrapposizione tra famiglia e affari, tra reti d’affari e legami matrimoniali.

25Si tratta della famiglia Someda di Moena in val di Fiemme che tra la metà del ‘500 e la fine degli anni ’20 del ‘600 diede vita a una compagnia per l’approvvigionamento, il trasporto, lo smercio di legna da ardere e da opera e l’importazione di cereali in alcuni distretti trentino-tirolesi gravitanti sull’Adige, sul Brenta, sul Cismon e sul Piave. La storia aziendale può essere scandita in quattro periodi. Il primo inizia attorno al 1549, data della prima richiesta di una concessione di taglio registrata a Innsbruck per il bosco Bocche, situato tra val di Fiemme e Primiero a nome di Pellegrino q. Antonio. Inizia così una fitta collaborazione con l’ufficio arciducale che assegnava le licenze dei boschi della valle del Cismon, del Vanoi e del Tesino. Questa fase si conclude con il 1564 quando Pellegrino venne assassinato. In questi quindici anni fu operativo in questa zona (nel frattempo si era trasferito in Primiero) e nella valle di origine, dove operò associato a mercanti locali, tra cui figura il padre del futuro vescovo di Bressanone Daniele Zen q. Pietro (1627-1628).

  • 22 ASV, Dieci Savi alle Decime in Rialto, Terminazioni, b. 790, n. 775, c. 208r, 22.3.1585.
  • 23 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5812, c. 22r-v, Venezia, 21.10.1586 ; b. 5814, cc. 162r-163r, Vene (...)
  • 24 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5823, cc. 3r-4v, Venezia, 13.1.1592.
  • 25 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5824, cc. 34v-35v, Venezia, 10.5.1593.

26La seconda fase molto lunga va dal 1564 al 1603 e corrisponde alla conduzione di Giovanni Someda, figlio di Pellegrino. In un primo tempo continuò a essere attivo nelle medesime zone. Gli affari subirono una rapida accelerazione attorno agli anni ’80. Nel 1585 Giovanni risulta avere una sede veneziana costituita da una casa, una bottega e « un terreno vacuo da legnami » a San Giovanni e Paolo22. Nel 1586 dopo aver ottenuto dalla Camera arciducale una serie di concessioni di taglio stipulò un contratto con i mercanti veneziani Giacomo, Piero e Lazaro Campelli per l’estrazione di legname dai boschi di Dobbiaco che si impegnò a condurre alla stua del torrente Padola in Cadore attraversando passo Monte Croce di Comelico : aprì in questo modo una nuova zona di taglio23. Nel 1592 ne aprì una seconda, che gravitava sul Boite concludendo un contratto per i boschi di Ampezzo/Haiden con i fratelli Lazaro e Vicenzo Nordio veneziani, cui si impegnò a consegnare squaradi e taglie sotto il castello di Ampezzo o alle segherie di Perarolo24. Nel 1593 si accordò con i fratelli Andrea e Giacomo Zulian di Venezia per ulteriori forniture derivanti da queste concessioni25. Le licenze oltre alla val Pusteria comprendevono anche la val Badia e il Tirolo orientale. Campelli, Nordio, Zulian erano tra le più grosse aziende attive a Venezia negli anni ’90 del ‘500. Il legname estratto da questi boschi era trasportato su carri, trainato per mezzo di animali e infine condotto al Piave attraverso i suoi affluenti.

27A conferma che i mercanti di legname dei Confini italiani agivano come un gruppo coeso c’è da rilevare che come testimone di uno dei contratti veneziani di Giovanni Someda troviamo Nicolò Carrara q. Paolo e Giovanni Nicolò Doglioni, notaio di fiducia di una serie di mercanti di legname operativi a Venezia.

  • 26 ASV, Dieci Savi alle Decime in Rialto, Condizioni aggiunte, b. 185, n. 4939, 28.4.1611 ; ASV, NA, D (...)

28La terza fase della società va dal 1603, anno della morte di Giovanni, alla fine degli anni ’20 del ‘600. A capo della fraterna subentrò il figlio Giovanni Battista che risiedeva in Primiero. Nel 1611 la filiale veneziana situata nella calle detta « del Someda » comprendeva un altro terreno per legname in contrada di Santa Giustina, cui nel 1616 si aggiunse una « casa da stazio » a santa Maria di Zobenigo, comprata dai patrizi Zuane e Nicolò Marcello per 3500 ducati, di cui oltre 2400 pagati in legname per la fornace dei Marcello a Strà26. Il rapporto fiduciario con le autorità austriache consentì ai Someda di acquistare altre concessioni di taglio nei boschi tra Bolzano, Klausen, Merano e la val di Non. Come si nota l’azienda avviò cantieri in zone molto distanti tra loro, che in alcune aree non mancarono di suscitare resistenze e ostacoli da parte delle popolazioni locali. Diversi impianti per la trasformazione della materia prima installati sulle rive del Brenta, l’Adige, il Cismon e il Piave mostrano l’articolazione e la complessità dell’azienda. La gestione di Giovanni Battista e dei suoi fratelli, uno dei quali di stanza a Venezia, si rivelò fallimentare. I primi problemi di liquidità datano già al 1612 ; un’inchiesta del fisco tirolese del 1618 rilevò un debito verso l’erario di oltre 48000 fiorini (quasi 35000 ducati veneziani). Negli anni successivi si registrano progressive alienazioni di proprietà e la scomparsa dei Someda dai concessionari di licenze della Camera arciducale. Come per i Camoli, la redistribuzione dei diritti di taglio e di beni avvenne tra i loro antichi soci e concorrenti : i Ceschi di Santa Croce, i Carrara von Niederhaus, i Petricelli di Fonzaso, questi ultimi appartenenti al nuovo ceto emergente di mercanti in affari con la Camera di Innsbruck.

  • 27 Archivio di Stato di Trento, archivio Ceschi di S. Croce, b. 23, reg. 42, c. 14r.

29Se leggiamo la storia aziendale della fraterna Someda nell’ottica familiare dobbiamo evidenziare che grazie alla dote della moglie Pellegrino aveva avviato un’impresa di taglio tra il Primiero e la valle di Fiemme. Alla generazione successiva in linea con il modello autoritario e corporativo d’Antico Regime i Someda si legarono in matrimonio ai Ceschi di Borgo Valsugana. Bona Someda di Pellegrino sposò Francesco q. Pietro (dote e controdote di 1500 rainesi, poco più di 1000 ducati)27 e la sorella Caterina sposò il fratello di Francesco, Sisto Ceschi di Santa Croce. Come anticipato i due risultano soci del cognato Giovanni per tagli in Primiero, fatto che non ostacolò il conferimento di un privilegio di nobiltà. Il terzo fratello Giovanni Someda sposò Chiara Pillos di Fabiano q. Melchiorre di Calliano, socio di suo padre, il cui nominativo compare nella tab. 2. Mancano i dati su quando ciò sia avvenuto, ma certamente prima del 1560. Ci sono noti i nomi di quattro figli di Giovanni : Giovanni Battista, Ottavio, Giovanni Pellegrino ed Elena.

  • 28 Archivio della Curia Patriarcale di Venezia, Parrocchia di s. Cancian, Libro dei matrimoni, I, p. 3 (...)
  • 29 Brulez 1959, p. 3-14.
  • 30 ASV, Avogaria di Comun, Raspe 1536-1565, Registro 3677, c. 132v-134v, 1564.
  • 31 ASV, Notarile Testamenti, Maffei Vettor, b. 657, n. 215, Venezia, 1.3.1583. Sul patrimonio di Carlo (...)

30Nel 1582 a Venezia Giovanni Battista Someda prese in moglie Cornelia Helman, figlia di Carlo di Rigo Helman discendente di una famiglia fiamminga segnalata in città già negli anni ’30 del ‘50028. Cornelia era imparentata anche con i de Hane, in quanto sua madre Chiara era figlia di Maarten (Bruxelles 1475-1556) arrivato in città dal Brabante agli inizi del XVI secolo e a capo di una azienda che aveva filiali a Anversa, Verona e Londra. Arricchitosi rapidamente con il commercio di tessuti, attorno al 1529 aveva acquistato un palazzo su Canal Grande da Lodovico Talenti (palazzo Martinengo o Volpi), la cui facciata venne affrescata dal Pordenone e nel 1545 aveva ottenuto la cittadinanza veneziana29. Ma le fortune dei de Hane (Danna nelle fonti veneziane) non erano riuscite a far fronte alle difficoltà di Rigo Helman, che agli inizi degli anni ’60 era stato bandito a vita da Venezia e dai domini per frode, destino cui si era sottratto il figlio Carlo, inizialmente coimputato con il padre30. A parte il dato relativo alla stima della dote e la registrazione del matrimonio nei libri della parrocchia di San Cancian, non sappiamo nulla sulle modalità in cui esso matura, ma certo attesta il milieu mercantile veneziano e internazionale in cui sono integrati i Someda, che consente loro di accedere a svariate possibilità di credito (le fiere di Lecce, i mercanti e i patrizi veneziani). Le disponibilità della famiglia sono provate anche dalla dote di 8000 ducati di Cornelia e dal testamento del padre che le lascia 20 ducati « […] per signo d'amor perché lei non a bisognio et per gra[zia] di Dio è maridada benissimo »31.

31A questo matrimonio nell’ambiente mercantile veneziano, da cui risultano essere nati due figlie e due figli, ne segue un secondo. Ma è in tutt’altro milieu che i Someda contraggono queste nozze. L’orizzonte è quello della nobiltà territoriale tirolese. Nel 1605 Giovanni Battista si risposa con Susanna Trapp, figlia del barone di castel Beseno e di Caldonazzo. E l’anno successivo troviamo loro cantieri nei boschi di Folgaria, feudo dei Trapp. Nello stesso periodo suo fratello Ottavio sposa Ottavia Castelbarco, figlia del barone di Gresta. Anche la sorella di Giovanni Battista, Elena, aveva contratto un matrimonio nell’ambiente della piccola nobiltà della Valsugana e precisamente nel 1601 con il capitano Cristoforo Genetti, anch’egli coinvolto nel mercato del legno della Valsugana trentina e nella lista Giannettini. Questi matrimoni con importanti famiglie dell’antica nobiltà rendono compiuto il percorso di nobilitazione dei Someda, iniziato già nel 1575 con il conferimento di un primo privilegio a Giovanni e coincidono con l’ammissione nelle tavole matricolari tirolesi e l’aggiunta al nome del predicato « di Chiaromonte ». Un passaggio quasi obbligato di questa nobilitazione fu l’acquisto di un feudo vescovile trentino nel 1616. Ma come visto sopra fu un’ascesa provvisoria e gli uomini della generazione successiva si impegnarono nella carriera militare, considerato il fatto che la guerra dei trent’anni offrì molti sbocchi in quella direzione. Le figlie invece (quelle di Giovanni Battista sia del primo che del secondo matrimonio furono dotate con 2500 fiorini ciascuna, un importo contenuto se paragonato a quella di Cornelia Helman) si sposarono rispettivamente con un mercante padovano, un nobile del consiglio cittadino di Feltre, un funzionario forestale e un capitano di una giurisdizione tirolese, confermando la vocazione di queste famiglie a tessere le loro alleanze da una parte e dall’altra del confine.

  • 32 Sul fedecommesso si veda Rossi 2009 e il recente volume Fidéicommis 2013. Vari sono gli esempi tra (...)

32Le molteplici opportunità di arricchimento per gli operatori coinvolti nel settore del legno diedero luogo a numerosi casi di mobilità sociale, sancita da matrimoni con membri della nobiltà, l’acquisto di feudi, l’accesso ai consigli di alcune città venete. Come è noto, il prestigio del modello aristocratico e la vita di rendita presero progressivamente il posto degli investimenti produttivi e dei rischi del commercio. Anche alcune di queste famiglie non si sottrassero a questo processo che coinvolse il ceto imprenditoriale italiano tra ‘500 e ‘600. A ciò si accompagnò l’introduzione del fidecommesso allo scopo di conservare l’unità e l’integrità del patrimonio familiare riproponendo quanto si profilava nelle nuove aristocrazie italiane, sia di origine feudale sia cittadina e mercantile32.

33È un fenomeno questo che non condusse però a una flessione della presenza mercantile. In questi distretti per tutto il corso del ‘600 e del ‘700 le possibilità di trarre alti profitti continueranno ad attrarre un numeroso gruppo di piccoli e medi imprenditori, come gli investimenti di alcuni patrizi veneziani negli impianti per la lavorazione del legno sia a Fonzaso che nel Canale di Brenta.

Haut de page

Bibliographie

Agnoletti 1998 = M. Agnoletti, Commercio e industria del legname fra XIX e XX secolo nell’Italia nord-orientale : aspetti tecnici e scelte imprenditoriali, in G. L. Fontana, A. Leonardi, L. Trezzi (a cura di), Milano 1998, p. 31-45.

Alfani - Gourdon 2006 = G. Alfani, V. Gourdon, Il ruolo economico del padrinato : un fenomeno osservabile ?, in G. Alfani (a cura di), Il ruolo economico della famiglia, in Cheiron, 45-46, 2006, p. 129-177.

Alfani 2006 = G. Alfani (a cura di), Il ruolo economico della famiglia, in Cheiron, 45-46, 2006.

Ambrosoli - Bianco 2007 = M. Ambrosoli, F. Bianco (a cura di), Comunità e questioni di confini in Italia settentrionale (XVI-XIX sec.), Milano, 2007.

Bellavitis 1998 = A. Bellavitis, Patrimoni e matrimoni a Venezia nel Cinquecento, in G. Calvi, I. Chabot (a cura di), Le ricchezze delle donne. Diritti patrimoniali e poteri familiari in Italia (XIII-XIX secolo), Torino, 1998, p. 149-160.

Brulez - Devos 1986 = W. Brulez, G. Devos, Marchands flamands à Venise (1606-1621), II, Bruxelles-Roma, 1986.

Brulez 1959 = W. Brulez, De la firme della Faille en de internationale Handel van vlaamse firma’s in de 16e eeux, Bruxelles, 1959.

Brulez 1964 = W. Brulez, Venetiaanse Handeslbetrekkingen met Perzie en Indie omstreeks 1600, in Orientalia Gandensia, I, 1964, p. 1-27.

Brulez 1965 = W. Brulez, Marchands flamands à Venise (1568-1605), I, Bruxelles-Roma, 1965.

Campestrini TL2007/2008 = V. Campestrini, Storia e memoria di una famiglia nobile di Borgo Valsugana : i Ceschi di Santa Croce nei secoli XVI-XVIII, Università degli studi di Trento, a.a. 2007/2008, rel. Giovanni Ciappelli.

Cavaciocchi 2009 = S. Cavaciocchi (a cura di), La famiglia nell’economia europea secc. XIII-XVIII. Atti della « Quarantesima Settimana di Studi » 6-10 aprile 2008, Istituto Internazionale di Storia Economica F. Datini Prato, Firenze, 2009.

Corazzol - Occhi 2003 = G. Corazzol, K. Occhi, Da Fonzaso ad Innsbruck (o viceversa ?). Schede d’archivio al modo d’un gioco dell’oca (con una lettera di Bartolomeo Bontempelli dal Calice), in Rivista Feltrina. el Campanón, anno XXXVI, 11, nuova serie, giugno 2003, p. 3-23.

Corazzol 2000 = G. Corazzol, Brevi da Fonzaso (con repertorio) 1619-1656 di Giovanni Airale. Postilla di Ranieri Dugazio Koepfchen, in Rivista Feltrina. el Campanón, anno XXXIII, 5, nuova serie, giugno 2000, p. 49-50.

Donati 1988 = C. Donati, L’idea di nobiltà in Italia, Roma-Bari, 1988.

Donati 2006 = C. Donati (a cura di), Alle frontiere della Lombardia. Politica, guerra e religione nell'età moderna, Milano, 2006.

Fidéicommis 2013 = Fidéicommis.Procédés juridiques et pratiques sociales (Italie-Europe, Bas Moyen Âge-XVIIIe siècle), in Mélanges de l'École française de Rome. Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 124-2, 2013.

Gelder 2009 = M. van Gelder, Trading places. The Netherlandish merchants in early modern Venice, Leida-Boston, 2009.

Kühebacher 2006 = E. Kühebacher, Das Kollegiatstift zu den Heiligen Candidus und Korbinian von Innichen, in H. Obermair, K. Brandstätter, E. Curzel (a cura di), Dom- und Kollegiatstifte in der Region Tirol-Südtirol-Trentino in Mittelalter und Neuzeit = Collegialità ecclesiastica nella regione trentino-tirolese dal Medioevo all'età moderna, Innsbruck, 2006, p. 193-204.

Lazzarini 2007 = A. Lazzarini, Le vie del legno per Venezia : mercato, territorio, confini, in M. Ambrosoli, F. Bianco (a cura di), Comunità e questioni di confini in Italia settentrionale (XVI-XIX sec.), Milano, 2007, p. 97-110.

Occhi 2006 = K. Occhi, Boschi e mercanti, Traffici di legname tra la contea di Tirolo e la Repubblica di Venezia (secoli XVI-XVII), Bologna 2006.

Panciera 2007 = W. Panciera (a cura di), Questioni di confine e terre di frontiera in area veneta : secoli XVI-XVIII, Milano, 2009.

Pastore 2007 = A. Pastore (a cura di), Confini e frontiere nell'età moderna. Un confronto fra discipline, Milano, 2007.

Raviola Blyte 2007 = A. Raviola Blythe (a cura di), Lo spazio sabaudo. Intersezioni, frontiere e confini in età moderna, Milano, 2007.

Rossi 2009 = G. Rossi, I fedecommessi nella dottrina e nella prassi giuridica di ius commune tra XVI e XVII secolo, in S. Cavaciocchi (a cura di), La famiglia nell’economia europea secc. XIII-XVIII. Atti della « Quarantesima Settimana di Studi » 6-10 aprile 2008, Istituto Internazionale di Storia Economica F. Datini Prato, Firenze, 2009, p. 175-202.

Vianello 2004 = F. M. Vianello, Il Maggior Consiglio di Bassano prima della riforma di Lorenzo Cappello, in Bollettino del Museo civico di Bassano, 25, 2004, p. 75-82.

Vianello 2012 = F. Vianello, Mercanti di pianura e consumi di montagna. Aspetti del commercio tra la Terraferma veneta e l’area trentino-tirolese nel XVI secolo, in A. Bonoldi, A. Leonardi, K. Occhi (a cura di), Interessi e regole : operatori e istituzioni nel commercio transalpino in età moderna (secoli XVI-XIX), Bologna, 2012.

Haut de page

Notes

1 La relazione è stata pubblicata in Corazzol - Occhi 2003. L’anno precedente il canonico, evidentemente uomo di fiducia del milieu mercantile operativo in ambito tirolese, aveva ricevuto dalla Contrattazione dei mercanti delle Fiere di Bolzano un donativo di 50 zecchini per aver ottenuto dall’arciduchessa « mandati graciosi e clementissimi rescritti » loro favorevoli, come si legge in Archivio Provinciale Bolzano / Südtiroler Landesarchiv, Magistrato Mercantile di Bolzano, Atti, 3.1.1, vol. 1, c. 172r, 27.6.1637.

2 Abbreviazioni usate : contea del Tirolo (c.T) ; patrizio veneto (p.v.) ; repubblica veneta (r.v.) ; principato vescovile di Trento (p.v.T).

3 I dati provengono dai protocolli di diversi notai conservati negli archivi di stato di Belluno, Padova, Venezia, Vicenza, sezione di Bassano del Grappa ; inoltre dall’archivio della Curia Vescovile di Feltre, dagli Oberösterreichische Kammerkopialbücher del Tiroler Landesarchiv di Innsbruck, dalla serie Allgemeines Leopoldinum ivi conservata e dalle bb. 539-540 dei Patroni e provveditori all'Arsenal, conservate nell’Archivio di Stato di Venezia.La tabella elenca i mercanti di legname, un finanziere, i nobili e i patrizi veneziani presenti delle giurisdizioni di Primiero, Tesino e Valsugana. Non si danno i nominativi degli agenti, dei fattori e dei procuratori al servizio dei mercanti, il cui numero, come si può intuire, è piuttosto elevato. L’anno indicato si riferisce alla prima rilevazione nelle fonti esaminate. Dove è possibile oltre allo stato viene indicata la sede di residenza del mercante ; nel caso manchi la residenza si dà indicazione del cantiere di taglio.

4 Negli ultimi anni sono stati dedicati diversi lavori a questo tema, si vedano Ambrosoli - Bianco 2007 ; Donati 2006 ; Panciera 2007 ; Pastore 2007 ; Raviola Blyte 2007.

5 Sotto il profilo dei consumi è interessante il caso di studio esaminato da Vianello 2012, cui rimando anche per la bibliografia sulla storia alpina.

6 Agnoletti 1998.

7 Lazzarini 2007 ; Occhi 2006, p. 66-76.

8 Sul ruolo economico della famiglia si veda Alfani 2006 ; Cavaciocchi 2009.

9 Per un inquadramento generale sulle storie di queste tre famiglie rimando a Occhi 2006, p. 134-200.

10 Archivio di stato di Padova (d’ora in avanti ASPd), notaio Riccardo Strazzoldo, prot. 3178, c. 63v, 20.11.1578.

11 Il raggio di attività dell’azienda comprendeva cantieri di taglio situati nei territori trentino-tirolesi di Tesino, di Primiero e nelle pertinenze feudali dei baroni Wolkenstein di Castel Ivano (Frizzon) e inoltre in alcuni villaggi veneti (Cismon, Enego). Nel Canale di Brenta possedevano tre segherie.

12 Archivio della Curia Vescovile di Feltre, b. 93, 1554-1555, cc. 40r-v, Borgo Valsugana, 10.6.1555. Sulla genealogia Ceschi cfr. Campestrini TL2007/2008, p. 50-56. Ringrazio la dottoressa Valentina Campestrini per avere messo a mia disposizione la sua tesi di laurea.

13 Tiroler Landesarchiv Innsbruck (d’ora in poi TLAI), Allg. Leop., Kasten B, 5, 10.2.1554. TLAI, Allg. Leop., Kasten A, 354, c. 9, Primiero, 5.12.1587 ; 30.9.1579 ; 3.9.1581 ; TLAI, Oberösterreichische Kammerkopialbücher, Gemeine Missiven, vol. 285, 1562/I, c. 519v.

14 Sul proliferare di nuovi nobili cfr. Donati 1988, p. 152.

15 Archivio di stato di Bassano del Grappa (d’ora in avanti ASBas), notaio Vincenzo Dedo, n. 127, 1580, cc. 9r-10r, Bassano, 2.11.1580. ASPd, notaio Riccardo Strazzoldo, prot. 3178, c. 235v, 5.11.1578.

16 Gli esempi si possono moltiplicare, mi limito a indicare quello di Giovanni Someda di Fiera di Primiero che è compare del veneziano Lazaro Nordio cui cede la metà dei legnami ricavati dalla concessione dei boschi di Dobbiaco. Si veda Archivio di Stato di Venezia, Notarile Atti (d’ora in poi ASV, NA), Figolin Marcantonio, b. 5823, cc. 3r-4v, Venezia, 13.1.1592. Per un inquadramento bibliografico sul padrinato si veda Alfani - Gourdon 2006.

17 Su Bassano si veda Vianello 2004. TLAI, Allg. Leop., Kasten A, 354, fasc.7, n. 39.

18 Per la normativa e la prassi in vigore a Venezia cfr. Bellavitis 1998.

19 L’elenco dei cantieri di taglio di Nicolò Carrara comprende alcuni boschi in Primiero, in Tesino e nella Valsugana trentina, sia in quelli comunali che feudali. Nella Repubblica riuscì a inserirsi solo nei boschi della regola di Enego, sull’Altopiano di Asiago.

20 Da questo matrimonio nacque Virginia Ceschi, coniugata con Giovanni Bonomo. Sono i genitori della beata Giovanna Bonomo, priora del monastero di Bassano (1606-1670). Sulle Memorie vedi Campestrini, TL2007/2008, cit., p. 159-167, che trascrive la bozza preparatoria.

21 Kühebacher 2006, in particolare p. 202.

22 ASV, Dieci Savi alle Decime in Rialto, Terminazioni, b. 790, n. 775, c. 208r, 22.3.1585.

23 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5812, c. 22r-v, Venezia, 21.10.1586 ; b. 5814, cc. 162r-163r, Venezia, 30.7.1588.

24 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5823, cc. 3r-4v, Venezia, 13.1.1592.

25 ASV, NA, Figolin Marcantonio, b. 5824, cc. 34v-35v, Venezia, 10.5.1593.

26 ASV, Dieci Savi alle Decime in Rialto, Condizioni aggiunte, b. 185, n. 4939, 28.4.1611 ; ASV, NA, Draghi Giovanni, b. 4963, cc. 115r-116v, Venezia, 19.5.1616.

27 Archivio di Stato di Trento, archivio Ceschi di S. Croce, b. 23, reg. 42, c. 14r.

28 Archivio della Curia Patriarcale di Venezia, Parrocchia di s. Cancian, Libro dei matrimoni, I, p. 359, 10.2.1582.

29 Brulez 1959, p. 3-14.

30 ASV, Avogaria di Comun, Raspe 1536-1565, Registro 3677, c. 132v-134v, 1564.

31 ASV, Notarile Testamenti, Maffei Vettor, b. 657, n. 215, Venezia, 1.3.1583. Sul patrimonio di Carlo cfr. ASV, X Savi alle Decime in Rialto, Condizioni di Decima, 1582 Canareggio, n. 708. Gli Helman discendenti da Rigo dovrebbero appartenere alla stessa famiglia fiamminga cattolica, originaria di Anversa, impegnata nel commercio di perle, pietre preziose, zucchero e tessuti gestito attraverso le filiali di Amburgo, Parigi, Venezia, Siviglia e Istanbul su cui si possono leggere Brulez 1964, in particolare nota 5 ; Brulez 1965 sub indice ; Brulez - Devos 1986, sub indice e più recentemente Gelder 2009, sub indice.

32 Sul fedecommesso si veda Rossi 2009 e il recente volume Fidéicommis 2013. Vari sono gli esempi tra i mercanti dei Confini italiani : istituisce il fidecommesso sulla casa e i beni in montagna Pietro Perli q. Sebastiano di una importante famiglia di mercanti di legname di Valstagna, cfr. ASBas, Giovanni Merto, b. 578, prot. 1679, cc. nn., n. 275, Valstagna, 13.3.1679. Nel 1635 un fidecommesso anche sulle segherie e i mulini venne istituito da Giangiacomo Franceschini, erede di un’altra importante famiglia dello stesso borgo ; ASBas, notaio Giovanni Battista Prane, b. 575, prot. 1656, cc. 20r-21r, Valstagna, 11.4.1656. Si veda poi Corazzol 2000 che dà notizia sui fidecommessi dei maggior mercanti di legname operativi a Fonzaso a metà ‘600 Antonio Maccarini (1652) e Mileriano Angeli (1645).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Katia Occhi, « Affari di famiglie : rapporti mercantili lungo il confine veneto-tirolese (secoli XVI-XVII) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 125-1 | 2013, mis en ligne le 02 avril 2014, consulté le 25 mars 2017. URL : http://mefrim.revues.org/1281 ; DOI : 10.4000/mefrim.1281

Haut de page

Auteur

Katia Occhi

Istituto storico italo-germanico – Fondazione Bruno Kessler, Via Santa Croce, 77, 38122 Trento - kocchi@fbk.eu

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org