Navigation – Plan du site
Cultures marchandes

La pratica contabile come gestione del tempo e dello spazio. La rete transalpina tra i Salviati di Firenze e i Welser d’Augusta dal 1507 al 15551

Heinrich Lang

Résumés

Il processo comunicativo tra la dimensione reale del commercio e degli affari bancari con quella astratta della contabilità viene analizzato con due esempi tratti dai libri mastri della compagnia Salviati di Firenze stabilita a Lione nel 1508. Il primo esempio riferisce al mercurio trasferito nel Levante come documentato nella contabilità dei mercanti banchieri Welser d’Augusta e in quella dei Salviati nel 1539-40. Il secondo esempio presenta la gestione dei crediti alla corona di Francia svolta con gli agenti residenti prima del Grand Parti nel 1553 secondo la documentazione dei Salviati e di Paulus Behaim di Norimberga : Questo caso mette in luce la partecipazione dei mercanti banchieri attivi a Lione con il Re all’inizio del suo regno. Da una parte questi esempi dimostrano dal punto di vista mercantile il nesso tra le varie forme di attività dei mercanti banchieri di Lione. Le interdipendenze delle operazioni di finanziamento, come affari bancari, appaiono nel contesto del commercio proprio e delle finanze pubbliche. Dall’altra parte i due casi illustrano i trasferimenti contabili. I conti nei libri dei debitori e creditori rappresentano la riconfigurazione di sistemi distinti tramite l’interpretazione dei valori a cifre. Da questo studio emerge dunque che la contabilità è capace di allestire la percezione della realtà attraverso la trasposizione in un sistema astratto di cifre.

Haut de page

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Questo articolo nasce da un progetto di ricerca svolto presso il dipartimento di storia moderna del (...)
  • 2 Goldthwaite 2009, p. 37-38, p. 163-167, p. 224-228 ; in particolare per le finanze pubbliche durant (...)

1Richard Goldthwaite, nel fondamentale libro sull’economia Rinascimentale di Firenze, sottolinea come i mercanti fiorentini, che operavano a livello internazionale, agissero su tre settori dell’economia : il primo è quello del commercio, sia che si vendessero oggetti prodotti sulle sponde dell’Arno, sia che i mercanti fiorentini distribuissero beni acquistati da altri mercanti (Business-to-business) ; il secondo è quello degli affari bancari con cui si trattavano le lettere di cambio sulle piazze per finanziare il commercio offrendo credito ad altri oppure rifinanziando altre operazioni commerciali ; il terzo riguarda le finanze pubbliche, chiamate dal Goldthwaite anche Government finance. Riferendosi a queste ultime si deve pensare a diverse tipologie d’affari come i crediti rilasciati alla corona francese, accanto ai servizi finanziari svolti nel nome della Chiesa o dell’aristocrazia coinvolta nelle finanze pubbliche, con la fornitura di merci di lusso e di particolare qualità per la corte.2

  • 3 Cfr. Keller 1999 ; Arlinghaus 2000.

2Questi campi commerciali e finanziari richiedono specifiche tecnologie e pratiche per la loro realizzazione ; soprattutto la scrittura come tecnica culturale elementare. Lo sviluppo della scrittura nel contesto mercantile coincide con la cosiddetta rivoluzione commerciale durante il basso medioevo3 : la scrittura era impiegata per le lettere e per la contabilità come mezzo di comunicazione che portava avanti la densità crescente del sistema mercantile nel Mediterraneo (in relazione con le fiere della Champagne).

  • 4 Denzel 2001.
  • 5 Melis 1962.

3La composizione dei libri contabili è una complessa operazione di trascrizione. Essa, come tecnica di gestione dei dati, rappresenta un’astrazione essenziale che va dalla circolazione materiale delle merci a quella intelligibile dei valori pecuniari.4 In un libro contabile il flusso dei beni muta in un coerente sistema di cifre trasferendosi così ad una nuova percezione spazio-temporale. Soprattutto il libro mastro – il libro dei debitori e creditori o libro grande – rappresenta la massima espressione di questi procedimenti.5

  • 6 Pallini-Martin 2009.

4Nel presente contributo si vuole analizzare il processo comunicativo tra la dimensione reale del commercio e degli affari bancari con quella astratta della contabilità. In tal senso saranno messi in risalto due esempi tratti dai libri mastri della compagnia Salviati. Nel 1508 il mercante banchiere fiorentino Iacopo Salviati fondò un’azienda commerciale a Lione. Fino al 1518 il suo concittadino Francesco Naldini fu direttore della compagnia : Lionardo Spina, suo successore, diventò in questa città anche console della nazione fiorentina negli anni quaranta.6 Il primo esempio si riferisce al rapporto tra il commercio e il suo finanziamento nel 1539, ovvero alle operazioni creditizie svolte in un triangolo tra Lione, Marsiglia e Siviglia da mercanti banchieri. Il secondo esempio, invece, si concentra sui conti del credito alla Corona francese prima della Grande Partita.

  • 7 Vedi Jeannin 2002 [1995] ; per la formazione di lingua : Lang 2010.
  • 8 Goldthwaite 2011, p. 311-317 ; cfr. il dibattito sulla razionalità del mercante e la perfettibilità (...)
  • 9 Il primo libro de’ committenti inizia con la fiera di pasqua nel 1534 : Archivio Salviati, I, 521 ((...)
  • 10 In apparenza i libri de’ committenti illustrano la gestione dei crediti e delle committenze indican (...)

5Nonostante la stessa formazione del mercante e le tecniche di scrittura meritino maggiore attenzione, questo breve contributo si concentra soprattutto sulla prassi mercantile su mercati transnazionali all’interno delle reti mercantili.7 All’inizio del Cinquecento, per ciò che concerne la contabilità, i libri sintetici raggiungono una tecnica di componimento avanzata e un processo di standardizzazione : per questo motivo, nonostante sia riscontrabile una certa omogeneità di principio tra vari libri mastri, sono anzi riscontrabili delle peculiarità che dipendevano dal lavoro del direttore dell’azienda o dal responsabile dei libri sintetici.8 Gli esempi menzionati appartengono a un periodo della compagnia Salviati di Lione in cui Lionardo Spina, direttore della ditta in Francia dall’anno 1518, era responsabile della gestione della contabilità dell’azienda di Lione. I libri mastri insieme ai cosiddetti libri de’ committenti dal 1534, in tal senso, sono ottimi strumenti per il controllo dei conti e così della gestione della ditta.9 I libri de’ committenti servivano per tenere separati i conti dei creditori-committenti a medio termine. Dopo una fase di consolidamento tra il 1529 e il 1532, lo Spina decise di apprendere nuovi metodi per assorbire un numero maggiore di crediti per il finanziamento di nuove operazioni commerciali e altri affari bancari. Quindi l’introduzione di questo genere di libro, il cui conti erano sommati in un unico conto referenziale nel libro mastro, riflette una diversificazione della contabilità sintetica e rappresenta un cambiamento innovativo per l’acquisto di capitali esterni.10

  • 11 L’Archivio Salviati presenta una documentazione concisa e coerente riguardo agli eventi della stess (...)

6Gli esempi proposti vogliono evidenziare i rapporti e le divergenze tra i crediti registrati nei libri contabili della compagnia Salviati e della compagnia Welser riguardanti la vendita dello stesso prodotto, ovvero il pagamento dei crediti alla Corona francese : nella fattispecie si analizzeranno i libri dei Salviati in relazione ai libri contabili dei Welser di Augusta nel primo caso e di Paulus Behaim di Norimberga nel secondo.11

Il mercurio trasferito nel Levante nelle contabilità

  • 12 Archivio Salviati, I, 546, c. 75 : la trascrizione e fac-simile della lettera di Lionardo Spina per (...)
  • 13 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e creditori O), c. CCCXX : Conto di Robe di più sorte attenen (...)

7Il primo esempio si riferisce agli affari con il Levante. Nel 1539 le compagnie di Averardo e Piero Salviati & co. di Lione, Bartholomäus Welser und Mitverwandte di Augusta e Amiel Albertas di Marsiglia iniziano un modello di compravendita, una joint-venture, per inviare una partita di merci nel Levate e ricevere una contropartita.12 Le stesse condizioni erano state applicate a un’altra partita per Costantinopoli su una nave di nome Restina : in questa, tra le varie merci erano trasportati anche 45 barili di mercurio, denominato in quel periodo argento vivo. Il carico fu venduto a Costantinopoli per un ritratto netto di 834 scudi di marco, come registrato in un conto composto nella fiera d’apparizione nel 1543, ovvero il 10 % della partita spedita.13

  • 14 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e Creditori O), c. CCXXX : Conto di Bartholomäus Welser e co (...)
  • 15 Städtische Kunstsammlung Augsburg, Mappe 4 (Spanischer Hof, Nr. 6), fol. 3v : Giornale pel’ appalto (...)

8Il mercurio viene registrato nel Libro dei debitori e creditori il 29 luglio 1539, quando la compagnia Salviati di Lione ci informa che una certa quantità di argento vivo insieme con qualche cinabro viene comprato dai Welser per un totale di 7680 scudi di marco.14 Il mercurio, proveniente da Almadén in Spagna, è stato inviato dal « fattore » dei Welser a Siviglia e registrato nel marzo dello stesso anno sul Giornale dell’appalto del Maestrazgo, gestito dallo stesso fattore presso la corte spagnola : « […] souil lauft d(er) ritratto netto von 50 feslin quecksilber vnnd 15 feslin zinober, si die vnsern zuo Sebilia auf vnnsern befelch gemelten vnsern gen Lion auf Marselia zuo gesant […] »15

  • 16 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 162.
  • 17 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e Creditori O), c. CCXXX : Conto di Bartholomäus Welser e co (...)

9I cinquanta barili di mercurio arrivano dalla Spagna mediterranea direttamente al porto di Marsiglia dove vengono consegnati all’agente della ditta dell’Amiel Albertas. Cinque barili vengono dati ad Amiel Albertas come provvigione.16 Invece il valore monetario della partita intera del mercurio e del cinabro è conteggiato nel libro della compagnia Salviati a Lione : per questo motivo, nonostante le merci fossero vendute in differenti valute nei diversi paesi, i conti nel libro sintetico venivano sempre registrati nella valuta corrente nella sede dei Salviati di Lione, ovvero lo scudo di marco ; è proprio questa differenza tra vendita « reale » in una qualsiasi valuta, e guadagno « astratto », sempre registrato in scudo di marco, la valuta delle fiere di Lione, che consente allo studioso di distinguere due dimensioni nel processo di compravendita,17 cioè la percezione del bene concreto, il mercurio, e il valore astratto monetario (appunto gli scudi registrati per l’atto di compravendita). Questa divergenza « spaziale » tra luogo di vendita e luogo dove viene registrato l’atto di compravendita rappresenta il motivo di « sintetizzazione » del libro dei conti.

  • 18 La collaborazione tra i Welser e i Salviati da Lione al Levante e i modelli impiegati per la realiz (...)

10Le partite di mercurio commercializzate dai Salviati di Lione fanno parte di una strategia commerciale della stessa compagnia e la compagnia dei Welser tra gli anni trenta e quaranta del Cinquecento : mentre i Salviati cercavano delle nuove merci, come nel caso del mercurio, da spedire nel Levante e dei nuovi partner commerciali per il finanziamento delle spedizioni e delle finanze pubbliche della Corona francese sul livello bancario, la compagnia dei Welser intendeva accattivarsi l’accesso alla rotta per il Levante via Marsiglia come rotta alternativa invece che via Venezia. Nell’esempio considerato, la collaborazione tra i Salviati e i Welser si svolge come una joint-venture in particolare e, in un senso più ampio, rappresenta una convergenza d’interessi commerciali.18

  • 19 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 33v.

11Inoltre, la stessa partita del 1539 non rappresenta la prima volta in cui i Welser spedirono del mercurio dalla Spagna nella Francia con la destinazione in Levante per l’ordine dei Salviati. Al 24 ottobre 1534 i Salviati di Lione indirizzarono una lettera alla ditta del raguseo Stefano de’ Gradi residente in Avignone con cui annunciavano l’arrivo di cinquanta pentole di mercurio per l’esporto ad Alessandria. L’agente della compagnia dei Salviati, Lorenzo Pasquali, doveva ricevere la detta partita nel porto di Marsiglia consegnandola ad Amiel Albertas, il commissionario e partner commerciale. Due mesi più tardi Lionardo Spina scrisse ad Albertas che poteva ritenere tre o quattro pentole di mercurio dal suo conto.19

  • 20 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 162. Cfr. i libri particolari e le ricordanze : Me (...)

12La corrispondenza epistolare tra gli agenti stazionati nelle varie città e la sede dell’azienda spiega il reale svolgimento delle operazioni di mercato. In una lettera del 19 marzo 1536 spedita ad Amiel Albertas da Lione è lo stesso che ci informa dell’arrivo della nave Floria carica di cotone e spezie proveniente del Levante. Con questa venne impartito anche l’ordine di spedire da Marsiglia la merce presente sulla nave, contrassegnata dal marchio della compagnia dei Salviati a Gian Creixelles, mercante catalano cliente della compagnia Salviati. Si noti che lo stesso copiatore della lettera disegna il marchio in questione sul margine della pagine del copialettere. A questo consente di dedurre che la copialettere fungeva anche da memoriale.20

  • 21 Riguardo alla collaborazione tra i Salviati e mercanti ragusani si veda Dini 1978 ; per i mercanti (...)
  • 22 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori creditori O) c. 136 / CXXXVI (fiera di tutti santi 1538 / fie (...)
  • 23 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e creditori O), c. 320 (conto di Robe di più sorte di contro) (...)
  • 24 Riguardo al modus operandi al livello organizzativo e le strategie delle compagnie durante il Cinqu (...)

13Ancora qualche osservazione sulle forme e strutture organizzative degli affari col Levante : nel caso specifico, i Salviati ricorsero alla rete mercantile tra Gian Creixelles suddetto e Albertas. La fiducia dei Salviati nell’Albertas fu la risorsa decisiva per diversi e numerosi joint-ventures tra le compagnie. In questa rete commerciale bisogna ricordare il ruolo del raguseo Stefano de’ Gradi con il quale la compagnia dei Salviati di Lione stabilisce un’accomandita ; questo tipo di collaborazione commerciale è una decisione strategicamente significante : Ragusa rappresenta in questo periodo la porta per l’intero commercio carovaniero con la Romania.21 Per questo tipo di operazione i Salviati ottenevano dei crediti dal catalano Piero Creixelles, un parente del suddetto Gian e residente a Montpellier, oppure dal tedesco Bernhard Meuting, corrispondente dei Welser a Lione nello stesso periodo.22 Gli agenti operativi alla vendita delle merci della compagnia dei Salviati a Costantinopoli erano quelli di Guglielmo da Sommaia.23 Quanto alla prassi organizzativa per la realizzazione del commercio con il Levante, i Salviati preferivano un sistema a commissione, ad accomandita e a joint-venture invece che fondare delle compagnie proprie. Questa strategia finanziaria e organizzativa è dettata da due motivi : in primo luogo il bisogno di nuovi crediti per il finanziamento delle operazioni commerciali ; inoltre lo stesso vantaggio di un’operazione così concepita è rintracciabile nella flessibilità e nella ridotta responsabilità a cui è soggetta la stessa compagnia dei Salviati : essa, infatti, rappresenta una vera e propria riduzione dei transaction costs. Queste tesi sono sostenute proprio dai rapporti tra i Salviati e i Welser. La compagnia tedesca, infatti, oltre a poter garantire una sostanziale liquidità di crediti, disponeva di merci, come il mercurio, che avevano un buon mercato a Levante.24

I primi debiti di Enrico II di Francia nella contabilità dei Salviati

  • 25 German. National-Museum Nürnberg, Behaim Archiv, VIII, Nr. 52 : Paulus I. Behaim : Bilantz des aufg (...)
  • 26 Paulus I. Behaim : Bilantz des aufgenomen gelts könig(licher) M(ajestät) in Franckreich in der Oste (...)

14Il secondo esempio si riferisce ai crediti alla corona di Francia prima del Grand Parti e mette in luce la partecipazione dei mercanti banchieri attivi a Lione con il Re all’inizio del suo regno. Nel 1553 Paulus Behaim di Norimberga, accortosi dei debiti del Re francese, annota su un foglio sciolto Bilantz des aufgenomen gelts könig(licher) M(ajestät) in Franckreich in der Ostermes 1553 Jars in Lion von den Natzionen, conservato tra i suoi documenti personali.25 Paulus Behaim presenta tre gruppi di creditori distinti per nazioni – fiorentini, lucchesi-portoghesi, tedeschi – relativi alle rate prelevate alla fiera di pasqua nell’anno 1553 a Enrico II per un totale di 1473375 scudi di sole ripartito in tre : i tedeschi pagarono 720925 scudi di sole, i Lucchesi e portoghesi 219375 scudi di sole e i fiorentini 523075 scudi di sole. Della quota dei banchieri fiorentini i Salviati concorsero con un quarto, cioè 130050 scudi di sole. Altri banchieri fiorentini, tra cui la compagnia di Lorenzo Capponi e Tommaso Rinuccini pagarono una quota di 237525 scudi di sole per la sede di Lione e 50000 scudi di sole per la sede di Londra. Tra i mercanti banchieri tedeschi appare anche il già citato Bernhard Meuting, in questo caso con il figlio Philipp sotto il nome di Berna, che paga 43725 scudi di sole. Michael Sailer, che agisce come agente dei Welser d’Augusta nello stesso periodo, concorre con una cifra modesta 6500 scudi di sole.26

  • 27 Per la monetazione un breve riassunto sui prestiti a Enrico II prima del Grand Parti si veda Orland (...)
  • 28 Doucet 1933, p. 488 seq.
  • 29 Oltre a ciò si considerino i quaderni di cassa per gli stipendi militari : essi illustrano la realt (...)
  • 30 Cfr. Lang 2012 : p. e. ; Lang 2009.
  • 31 Questo personaggio è registrato come notaire lyonnais da 1555 a 1599 negli Archives Municipales de (...)
  • 32 Archivio Salviati, I, 591 (L Debitori e Creditori X), c. 360/CCCLX (conto di Enrico II), Salviati c (...)

15Nel suo articolo classico sul Grand Parti Roger Doucet constata un prestito di livres 400000 al Re di Francia dal parte dei Salviati ripartiti nel 1553 in 100000 livres per ogni fiera. Il cambio della libra tornese, moneta di conto nel regno francese, era al tempo fissato a 2,3 scudi di sole circa.27 Per questo prestito dei Salviati è valutato a 173951 scudi di sole i cui mette in rata solo 86975 scudi di sole sono stati prelevati al termine della fiera di pasqua nell’anno 1553. Il Doucet prende le sue informazioni dai fondi centrali conservati negli Archives Nationales de France che documentano la prospettiva legale dell’amministrazione delle finanze. Lo stesso storico indica un credito di 163291 livres tornoises (corrispondente a 71011 scudi di sole) da parte dei Rinuccini – un dato che però non coincide alle cifre riportate dal Behaim.28 In generale, la congruenza delle cifre indicate nei documenti ufficiali, cioè delle cifre presi dai contratti e poi registrate, e quelle riportate per la contabilità dei banchieri non è sempre verificabile.29 La situazione giuridica dei contratti o la contabilità amministrativa e quella dei mercanti banchieri, inoltre, sono spesso differenti dalla reale situazione contrattuale dell’amministrazione del debito pubblico.30 Tuttavia nel primo volume dei debitori e creditori di Averardo Salviati & co di Lione che termina con la fiera d’apparizione dell’anno in questione, è riportato un debito di Enrico II ai Salviati pari a 89375 scudi di sole e registrato dal notaio lionese Nicolas Dorlin31 ovvero una cifra simile a quella pagata durante la fiera seguente.32

  • 33 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 187 (conto di Enrico II), Salviati credito (...)

16La domanda da porsi sarebbe come una sola compagnia, anche se molto benestante come quella dei Salviati, possa affrontare una spesa superiore a 130050 scudi di sole. In effetti, la risposta è suggerita dal libro dei debitori e creditori del 1553 dei Salviati, in cui sono elencati tutti i creditori di Re Enrico. Per la fiera di tutti i santi Averardo Salviati & co di Lione mantennero un saldo passivo dei creditori alla Corona di 122950 scudi di sole.33 Il debito segnalato dal Behaim e il conto del libro mastro dei Salviati indicano un prestito complessivo di 25'000 scudi di marco (quasi 600000 livres tournoises).

  • 34 Guidi Bruscoli 2000.
  • 35 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 187 (conto di Enrico II), Salviati credito (...)
  • 36 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 188/CCLXXXVIII ; il rapporto commerciale t (...)

17L’analisi dei debiti complessivi di Enrico è rintracciabile anche dai versamenti effettuati da altri mercanti banchieri al Re tramite la compagnia dei Salviati : questa cifra viene ripartita in diverse quote tra i soci attivi durante l’operazione (Averado Salviati, Lionardo Spina, Lorenzo Pasquali e Filippo Salviati). Questi personaggi principali della compagnia dei Salviati ottengono un ricavo pari a 20625 scudi di sole (pressoché 17 %). I partner commerciali pagano cifre variabili : tra questi si ricordano gli Strozzi di Venezia con 12646 scudi di sole, Bindo Altoviti di Roma – depositario della Camera Apostolica proprio in quest’anno34 – con 7000 scudi di sole (quasi 5 %), Luca degli Albizzi con 19568 scudi di sole e Bindo Canigiani con 12000 scudi di sole (pari a 9 %).35 La compagnia dei Bruysach e Carbanel, che partecipano con 8525 scudi di sole (circa 7 %) sono gli unici che compaiono unicamente in questo conto.36

  • 37 Melis, Documenti cit., p. 77.
  • 38 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 179-CLXXXII : Dipoxiti per spartire a nost (...)

18Tra il gruppo dei creditori che parteciparono mediante i Salviati al prestito per Enrico durante la fiera di tutti santi nel 1553 sono assenti i mercanti banchieri tedeschi. Questi, invece, sono elencati tra i deponenti di un conto di depositi : l’operazione finanziaria descritta da questo conto assomiglia a quella moderna in cui il banchiere esige un credito nel senso proprio e il mercante intende ampliare degli affari tramite un credito di finanziamento.37 Il conto dei depositi presenta in totale 42 prestatori-deponenti. Questi contribuenti danno in deposito una somma di 114081 scudi di marco in totale, anche se un nesso diretto tra i depositi e il prelevo del prestito a Enrico II non esiste. Tra i deponenti ci sono dei mercanti banchieri tedeschi come Andreas Imhof di Norimberga con 5100 scudi di marco, Hans Welser, anche lui di Norimberga e parente del già menzionato Bartholomäus Welser, con 6405.15.6 scudi di marco, Sebastian und Hieronymus Imhof con 6293 scudi di marco, il già menzionato Michael Sailer con 3654 scudi di marco e il suddetto Bernhard Meuting con 2030 scudi di marco. Il deponente con la cifra più grossa è la compagnia dei Bonvisi di Lucca con 16574.8.1 scudi di marco (pari al 15 %). Segue il deposito del socio dell’azienda Salviati di Lione, Lorenzo Pasquali, con 9131.9.8 scudi di marco. Accanto a questi appare Elisa Cavilla con 8157.6 scudi di marco come deponente-investitrice.38

  • 39 Il dettaglio è segnalato dalla stessa cedula compilata dal Doucet 1933, p. 488 seq.
  • 40 AS, I, 604, c. 140/CXL (fiera d’agosto, pagamento effettuato il 11 novembre 1553).
  • 41 Lang 2012.
  • 42 AS, I, 604, c. 140/CXL e c. 143/CXLIII.

19Anche se le cifre del Doucet e del libro mastro della compagnia di Averardo Salviati di Lione non corrispondono, il prestito presentato dal Doucet è un credito che deriva da un contratto d’appalto della gabella sui drappi di seta entrati a Lione. Roger Doucet indica il 14 luglio 1553 come data del prestito di 400000 livres :39 durante la fiera dell'agosto 1553 i Salviati versarono la somma di 99366.6.7 scudi di marco (pari a 97227 scudi di sole oppure 223574.3 livres tournoises) per la gabella in un conto a parte di Enrico.40 Considerando che Martin de Troyes agisce al tempo come amministratore delegato dal re, si può dedurre che anche questo contratto d’appalto della gabella dei drappi di seta trasportati sul Rodano serva come anticipo per il successivo prestito alla corona dell’anno seguente. Questo « modus operandi » è infatti applicato in altri casi meglio documentati.41 La compagnia di Averardo Salviati di Lione e il socio-portatore Lorenzo Pasquale contribuiscono a questa quota con il versamento di 118137 livres tournoises ovvero la metà della somma totale (espressi in 51400 scudi di sole circa).42

  • 43 Il Peutinger, figlio di Margaretha Welser (figlio di Anton Welser, padre del menzionato Bartholomäu (...)
  • 44 Archivio Salviati, I, 591, c. 60/LX.
  • 45 Lang 2012 ; Goldthwaite 2009.

20La capacità economica della compagnia di Averardo Salviati di Lione permetteva di assimilare questi enormi crediti ; questo dipendeva dall’incremento degli affari tramite l’aggiunta di nuovi depositi, come quelli già menzionati. Il caso di Johann Chrysostomos Peutinger43, che nel 1553 viene registrato come deponente nell’azienda dei Salviati, investe negli affari dei Salviati con 102000 scudi di marco (pari a scudi di sole 99000 circa) – cifra imponente per un solo investitore.44 Questo deposito indica una chiara strategia finanziaria dell’azienda : incrementare nuovi capitali provenienti dai mercanti banchieri tedeschi per reinvestirli sul mercato. È proprio in questa prospettiva che la compagnia Welser offre un termine di paragone interessante per la verifica di queste strategie. Essi fornivano ai Salviati nuovi capitali da reinvestire per prestiti come nel caso del re francese.45

  • 46 Vedi P. Miller 1994.

21Un’ultima osservazione deve essere fatta sul modo di registrare tali operazioni sui libri contabili : le registrazioni riportate in livres tournoises sono relative alle operazioni effettuate in moneta di conto sulle fiere riferendosi al regno di Francia ; i dati riportati in scudi di sole rappresentano invece le concrete traslazioni in moneta circolante. I creditori danno prima i crediti alla fiera che verranno ripagati non prima di quella successiva : per questo motivo il credito viene registrato nella moneta di conto della fiera, ovvero lo scudo di marco. Lo stesso prestito a re Enrico venne registrato in moneta corrente perché effettuato con un versamento in contanti dalla compagnia dei Salviati al delegato reale. Il contratto per l’appalto, stipulato con un valore nominale, è indicato, invece, con la libra tornese. Così la contabilità di un conto di prestito distingue l’operazione bancaria dei mercanti banchieri dalle relazioni creditizie tra prestatore e debitore, dallo spazio virtuale della contabilità e lo spazio commerciale del mondo fisico in cui un valore metallico doveva esser versato.46 Queste osservazioni permettono di concludere distinguendo due tipologie differenti di registrare i conti relativi alle operazioni di mercato tra creditori e debitori : in livres tournoises vengono espresse le operazioni astratte, ovvero quelle creditizie lasciate aperte tra una fiera e l’altra. In scudi di sole sono registrate, invece, le manovre economiche concrete e concluse.

Conclusione

22Da una parte gli esempi qui presentati dimostrano dal punto di vista mercantile il nesso tra le varie forme di attività dei mercanti banchieri di Lione. Le interdipendenze delle operazioni di finanziamento, come affari bancari, appaiono nel contesto del commercio proprio e delle finanze pubbliche. Dall’altra parte i due casi illustrano i trasferimenti contabili. I conti nei libri dei debitori e creditori rappresentano la riconfigurazione di sistemi distinti tramite l’interpretazione dei valori a cifre. Da questo studio emerge dunque che la contabilità è capace di allestire la percezione della realtà attraverso la trasposizione in un sistema astratto di cifre.

Haut de page

Bibliographie

Arlinghaus 2000 = F.-J. Arlinghaus, Zwischen Notiz und Bilanz : Zur Eigendynamik des Schriftgebrauchs in der kaufmännischen Buchführung am Beispiel der Datini/di Berto-Handelsgesellschaft in Avignon (1367-1373), Francoforte, 2000 (Gesellschaft, Kultur und Schrift. Mediävistische Beiträge, 8).

Denzel 2001 = M. A. Denzel, « Wissensmanagement » und « Wissensnetzwerk » der Kaufleute. Aspekte kaufmännischer Kommunikation im späten Mittelalter, in Das Mittelalter. Perspektiven mediävistischer Forschung, 6, 2001, p. 73-90.

Dini 1978 = B. Dini, Aspetti del commercio di esportazione di panni di lana e di drappi di seta fiorentini in Costantinopoli, negli anni 1522-1532 in L. De Rosa (ed.), Studi in memoria di Federigo Melis, IV, Napoli, 1978, vol. IV, pp. 1-52.

Dell’Osa 2009 = D. Dell’Osa, La contabilità dei mercanti ragusei nel XVI secolo in P. Pierucci (ed.), La contabilità nel bacino del Mediterraneo (secc. XIV-XIX), Milano, 2009, p. 123-142 (Collana del Dipartimento di Economia e Storia del Territorio, Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara).

Doucet 1933 = R. Doucet, Le grand parti de Lyon, in Révue Historique, 171, 1933, p. 472-513.

Goldthwaite 2011 = R. Goldthwaite, Le aziende seriche e il mondo degli affari a Firenze alla fine del ‘500, in Archivio Storico Italiano, 169, 2011, p. 281-341.

Guidi Bruscoli 2000 = F. Guidi Bruscoli, Benvenuto Olivieri. I mercatores fiorentini e la camera apostolica nella Roma di Paolo III Farnese (1534-1549), Firenze, 2000 (Fondazione Carlo Marchi. Quaderni 6).

Goldthwaite 2009 = R. Goldthwaite, The Economy of Renaissance Florence, Baltimore, 2009.

Häberlein 1998 = M. Häberlein, Brüder, Freunde und Betrüger. Soziale Beziehungen, Normen und Konflikte in der Augsburger Kaufmannschaft um die Mitte des 16. Jahrhunderts, Berlino, 1998 (Colloquia Augustana 9).

Jeannin 2002 [1995] = P. Jeannin, Distinction des compétences et niveaux de qualification : les savoirs négociants dans l’Europe moderne, in J. Bottin, M.-L. Pelus-Kaplan (ed.), Marchands d’Europe. Pratiques et savoirs à l’époque moderne, Parigi, 2002 [1995], p. 309-340.

Keller 1999 = H. Keller, Vorschrift, Mitschrift, Nachschrift : Instrumente des Willens zu vernunftgemäßem Handeln und guter Regierung in den italienischen Kommunen des Duecento in H. Keller, Ch. Meier, Th. Scharf (ed.), Schriftlichkeit und Lebenspraxis im Mittelalter. Erfassen, Bewahren, Verändern, Monaco, 1999, p. 25-41 (Akten des Internationalen Kolloquiums, 8. - 10. Juni 1995 ; Münstersche Mittelalter-Schriften, 76).

Lang 2012 = H. Lang, Herrscherfinanzen der französischen Krone unter Franz I. aus Sicht italienischer und oberdeutscher Bankiers. Die Rolle der Florentiner Salviati als Financiers der französischen Regierung, in P. Rauscher, A. Serles, Th. Winkelbauer (ed.), Das Blut des Staatskörpers. Forschungen und Perspektiven zur Finanzgeschichte der Frühen Neuzeit, Monaco-Vienna, 2012, p. 457-508 (Historische Zeitschrift, Beiheft 56).

Lang 2010 = H. Lang, Fremdsprachenkompetenz zwischen Handelsverbindungen und Familiennetzwerken. Augsburger Kaufmannssöhne aus dem Welser-Umfeld in der Ausbildung bei Florentiner Bankiers um 1500, in M. Häberlein, C. Kuhn (ed.), Fremde Sprachen in frühneuzeitlichen Städten. Lernende, Lehrende und Lehrwerke, Wiesbaden, 2010, p. 75-91(Fremdsprachen in Geschichte und Gegenwart 7).

Lang 2009 = H. Lang, Cosimo de’ Medici. die Gesandten und die Condottieri. Diplomatie und Kriege der Republik Florenz im 15. Jahrhundert, Paderborn, 2009.

Melis 1972 = F. Melis, Documenti per la storia economica dei secoli XIII-XVI, Firenze, 1972 (Istituto internazionale di storia economica « F. Datini », Prato. Pubblicazioni, Serie I, Documenti).

Melis 1962 = F. Melis, Aspetti della vita economica medievale, Siena, 1962 (Studi nell'Archivio Datini di Prato).

Miller 1994 = P. Miller, Accounting as social and institutional practice : an introduction, in A. G. Hopwood, P. Miller (ed.), Accounting as Social and Institutional Practice, Cambridge, 1994, p. 1-39.

Orlandi 2002 = A. Orlandi, Le Grand Parti. Fiorentini a Lione e il debito pubblico francese nel XVI secolo, Firenze, 2002 (Fondazione Carlo Marchi. Quaderni, 14).

Pallini-Martin 2009 = A. Pallini-Martin, L’installation d’une famille de marchands-banquiers florentins à Lyon au début du XVIe siècle, les Salviati, in J.-L. Gaulin, S. Rau (ed.), Lyon vu/e d’ailleurs (1245-1800) échanges, compétitons et preceptions, Lione, 2009, p. 71-90 (Collection d’histoire et d’archéologie médiévales, 22).

Parker 1996 = R. H. Parker, Basil Yamey, accounting historian, in Accounting, Business and Financial History, 6, 1996, p. 235-246.

Pinchera 1990 = V. Pinchera, L’Archivio Salviati. La storia degli affari attraverso un Archivio familiare, in Società e storia, 13, 1990, p. 979-986.

Reinhard 1996 = W. Reinhard (ed.), Augsburger Eliten des 16. Jahrhunderts. Prosopographie wirtschaftlicher und politischer Führungsgruppen 1500-1620, Berlino, 1996, p. 617 (no. 931). M. Häberlein, Brüder, Freunde und Betrüger. Soziale Beziehungen, Normen und Konflikte in der Augsburger Kaufmannschaft um die Mitte des 16. Jahrhunderts, Berlino, 1998 (Colloquia Augustana 9).

Schmidt 2013 = S. T. Schmidt, Edition des Welser-Gewerbebuches 1540/60. Die Rechnungsbücher der Kaufmannsfamilie Welser, Augsburg, 2013 (Documenta Augustana, 22).

Haut de page

Notes

1 Questo articolo nasce da un progetto di ricerca svolto presso il dipartimento di storia moderna dell’università di Bamberga e finanziato dalla Fondazione di Ricerca Tedesca (Deutsche Forschungsgemeinschaft) dal 2009 al 2011. Questo progetto prende in considerazione il rapporto tra le reti mercantili e i mercati : nella fattispecie si tratta di un’indagine sui mercanti della Germania del Sud e quelli della Toscana i quali s’incontravano su mercati transalpini, quali quelli della città di Lione. Vista l’abbondante letteratura riguardante i mercanti, le reti mercantili e il commercio transalpino all’inizio del Cinquecento, si cercherà di concentrare l’attenzione sulla percezione dell’economia intera come attività culturale e quindi mettere in risalto le forme di cooperazione (e concorrenza) e le prassi mercantili tra rappresentanti delle varie nazioni sui diversi livelli di un multilayered network. La documentazione archivistica su cui il progetto è basato deriva soprattutto da libri contabili e le corrispondenze mercantili tra i Salviati di Firenze e i Welser di Augusta. Ringrazio Sven Thorsten Schmidt (†) per le appassionanti discussioni sull’argomento di questo articolo ; anzi ringrazio Michele Spadaccini per il suo aiuto per la traduzione.

2 Goldthwaite 2009, p. 37-38, p. 163-167, p. 224-228 ; in particolare per le finanze pubbliche durante il regno di Francesco I di Francia : Lang 2012, p. 457-508.

3 Cfr. Keller 1999 ; Arlinghaus 2000.

4 Denzel 2001.

5 Melis 1962.

6 Pallini-Martin 2009.

7 Vedi Jeannin 2002 [1995] ; per la formazione di lingua : Lang 2010.

8 Goldthwaite 2011, p. 311-317 ; cfr. il dibattito sulla razionalità del mercante e la perfettibilità della contabilità : Parker 1996, p. 238.

9 Il primo libro de’ committenti inizia con la fiera di pasqua nel 1534 : Archivio Salviati, I, 521 (L Libro de’ committenti M) ; il controllo del bilancio della compagnia di Lione è registrato in un’appendice del Libro mastro rosso invece che in un libro segreto : Archivio Salviati, I, 485 (L Debitori e creditori G).

10 In apparenza i libri de’ committenti illustrano la gestione dei crediti e delle committenze indicando la mutabilità della contabilità rispetto alle variabilità delle circostanze esterne ; questa interpretazione modificherebbe la teoria del Goldthwaite il quale propone nel suo articolo del 2011 (Goldthwaite 2011), p. 319 : « Sembra che lo sviluppo della contabilità sia da vedere come quello di tante tecniche, spinto da una dinamica interna verso un continuo miglioramento senza riguardo alle potenziali funzioni nella vita di chi l’utilizzava ».

11 L’Archivio Salviati presenta una documentazione concisa e coerente riguardo agli eventi della stessa compagnia (cfr. Pinchera 1990), dalla sua fondazione, avvenuta nel 1508, fino al 1554 quando Lionardo Spina, direttore dell’azienda da 1518, riformò la compagnia sulle riva del Rodano sotto il suo nome e come investitore principale. Il progetto consulta diversi archivi famigliari in Toscana, come l’Archivio Bartolini Salimbeni a Vicchio (Mugello), l’Archivio Naldini a Firenze, i fondi famigliari conservati presso l’Archivio di Stato di Firenze e la Biblioteca Nazionale a Firenze. Per quanto riguarda i mercanti tedeschi gli archivi visitati sono quelli di Norimberga (Stadtarchiv e l’archivio storico del Germanisches Nationalmuseum) e di Augusta (Stadtarchiv, Staatsarchiv) dove sono conservati i fondi delle famiglie mercantili ; nel Fugger-Archiv a Dillingen la documentazione è invece frammentaria. La documentazione relativa ai Welser è dispersa tra gli archivi di Augusta (Stadtarchiv), Dillingen (Studienbibliothek e Fugger-Archiv) e Neunhof (Schloss Neunhof/Lauf an der Pegnitz). Per la revisione delle operazioni mercantili attraverso la contabilità si veda Melis 1962, II, p. 435-452.

12 Archivio Salviati, I, 546, c. 75 : la trascrizione e fac-simile della lettera di Lionardo Spina per Bartholomäus Welser proprio è anche in Melis 1972, p. 222, doc. 46 ; a ripartizione mercantile tra le compagnie è definita nel seguente modo : Amiel Albertas 1/5, Averardo e Piero di Alamanno Salviati e co di Lione 2/5 e Bartholomäus Welser & Mitverwandte 2/5. Il direttore della compagnia Salviati a Lione, lo Spina, riferisce che l’investimento di una partita spedita a Beirut, Tripoli o Siria richiede una somma complessiva di 6000 scudi di sole circa dalla parte dei Welser. Lo Spina stipula una assicurazione del 21 % per un viaggio di andata e ritorno. Il conto referenziale per questa partita è registrato sotto il nome di Bartolomeo Belzery e co d(i) Lione p(er) loro co(n)to ap(ar)te viaggio di Baruti : Archivio Salviati, I, 537 (Libro Debitori Creditori, segnato O), c. CLXVI.

13 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e creditori O), c. CCCXX : Conto di Robe di più sorte attenente li 9/20 a Bartolomeo Belzeri e compagnia di qui li 9/20 a noi e li 2/20 alli Albertas e Seta di Marsilia suto cariche sino l’anno 1539 per Constantinopoli e Pera sopra la nave Restina (4/1542). La differenza tra questa partita e l’altra per Beirut consiste nella differente ripartizione dell’investimento : Amiel Albertas contribuisce con 1/5 mentre nel caso precedente con solo 1/10). L’assicurazione sul carico è questa volta condivisa da i Salviati ed i Welser.

14 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e Creditori O), c. CCXXX : Conto di Bartholomäus Welser e co di Lione per loro conto de‘ tempi, resto registrato il 29 luglio 1539.

15 Städtische Kunstsammlung Augsburg, Mappe 4 (Spanischer Hof, Nr. 6), fol. 3v : Giornale pel’ appalto del Maestrazgo gestito del fattore dei Welser presso la corte spagnola, marzo 1539.

16 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 162.

17 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e Creditori O), c. CCXXX : Conto di Bartholomäus Welser e co di Lione per loro conto de‘ tempi ; il resto è registrato al 29 luglio 1539 : come merce esportata nel regno di Francia, questa viene registrata sia in libra tornese (lb 16703.5), che in scudo di marco ( 7679.13.1) per indicarne il valore commerciale nella moneta di conto a Lione durante la fiera.

18 La collaborazione tra i Welser e i Salviati da Lione al Levante e i modelli impiegati per la realizzazione del trasferimento delle partite e delle contropartite sono argomenti che meritano maggiore attenzione (un mio articolo verrà pubblicato sullo stesso tema).

19 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 33v.

20 Archivio Salviati, I, 519 (L Copialettere M), c. 162. Cfr. i libri particolari e le ricordanze : Melis 1962, p. 376 e seg.

21 Riguardo alla collaborazione tra i Salviati e mercanti ragusani si veda Dini 1978 ; per i mercanti ragusei si veda anche : Dell’Osa 2009.

22 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori creditori O) c. 136 / CXXXVI (fiera di tutti santi 1538 / fiera di pasqua 1539).

23 Archivio Salviati, I, 537 (L Debitori e creditori O), c. 320 (conto di Robe di più sorte di contro)/ fol. CCCXX. Guglielmo è parente di Bernardo da Sommaia, socio della compagnia de’ Salviati a Napoli. Archivio Salviati, serie I, no. 522, fol. 82 (1534). Per Girolamo da Sommaia e le sue attività a Costantinopoli per conto dei Salviati : Archivio Salviati, I, 544, c. 308 (conto di Girolamo da Sommaia di Firenze per suo conto de’ tempi) ; Archivio Salviati, I, 545, c. 2r : Salviati, Lione, per Albertas e Della Seta, Marseille, al 22 agosto 1540 : Girolamo da Sommaia è citato come partner commerciale a commissione a Firenze.

24 Riguardo al modus operandi al livello organizzativo e le strategie delle compagnie durante il Cinquecento si veda Schmidt 2013.

25 German. National-Museum Nürnberg, Behaim Archiv, VIII, Nr. 52 : Paulus I. Behaim : Bilantz des aufgenomen gelts könig(licher) M(ajestät) in Franckreich in der Ostermes 1553 Jars in Lion von den Natzionen.

26 Paulus I. Behaim : Bilantz des aufgenomen gelts könig(licher) M(ajestät) in Franckreich in der Ostermes 1553 Jars in Lion von den Natzionen.

27 Per la monetazione un breve riassunto sui prestiti a Enrico II prima del Grand Parti si veda Orlandi 2002 : uno scudo di marco valeva 2,25 livres tournoises e 1,022 per lo scudo di sole, la moneta circolante.

28 Doucet 1933, p. 488 seq.

29 Oltre a ciò si considerino i quaderni di cassa per gli stipendi militari : essi illustrano la realtà quotidiana della pratica monetaria si veda Lang 2009.

30 Cfr. Lang 2012 : p. e. ; Lang 2009.

31 Questo personaggio è registrato come notaire lyonnais da 1555 a 1599 negli Archives Municipales de Lyon ; Nicolas Dorlin stipula una serie di contratti con i mercanti stranieri.

32 Archivio Salviati, I, 591 (L Debitori e Creditori X), c. 360/CCCLX (conto di Enrico II), Salviati creditori del Re di Francia, 1553/3, scd/* 109'400 : Il Doucet indica un interesse del 14 % per la fiera ; in questo caso il tasso è troppo alto (il 14 % equivarrebbe un totale di 101'887 scudi di sole).

33 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 187 (conto di Enrico II), Salviati creditori del Re di Francia, 1553/3, scd/* 122.950.

34 Guidi Bruscoli 2000.

35 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 187 (conto di Enrico II), Salviati creditori del Re di Francia, 1553/3, scd/* 122.950.

36 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 188/CCLXXXVIII ; il rapporto commerciale tra i Salviati e queste due ditte è testimoniato solo in questo conto.

37 Melis, Documenti cit., p. 77.

38 Archivio Salviati, I, 604 (L Debitori e Creditori Z), c. 179-CLXXXII : Dipoxiti per spartire a nostri amici e commettenti (avere), 1553/3.

39 Il dettaglio è segnalato dalla stessa cedula compilata dal Doucet 1933, p. 488 seq.

40 AS, I, 604, c. 140/CXL (fiera d’agosto, pagamento effettuato il 11 novembre 1553).

41 Lang 2012.

42 AS, I, 604, c. 140/CXL e c. 143/CXLIII.

43 Il Peutinger, figlio di Margaretha Welser (figlio di Anton Welser, padre del menzionato Bartholomäus), è un banchiere di Augusta di cui non si hanno molte informazioni : Reinhard 1996, p. 617 (no. 931) ; Häberlein 1998, p. 80.

44 Archivio Salviati, I, 591, c. 60/LX.

45 Lang 2012 ; Goldthwaite 2009.

46 Vedi P. Miller 1994.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Heinrich Lang, « La pratica contabile come gestione del tempo e dello spazio. La rete transalpina tra i Salviati di Firenze e i Welser d’Augusta dal 1507 al 1555 », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 125-1 | 2013, mis en ligne le 21 octobre 2013, consulté le 22 mars 2017. URL : http://mefrim.revues.org/1217 ; DOI : 10.4000/mefrim.1217

Haut de page

Auteur

Heinrich Lang

Otto-Friedrich-Universität Bamberg - Lang-Bamberg@web.de

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org