Navigation – Plan du site
Famiglie al confine

Famiglie tra le Alpi. Itinerari di alcune famiglie mercantili tra Svizzera e Francia (XVII-XVIII secolo)

Monica Martinat

Résumés

Partendo dall’osservazione delle costruzioni parentali e relazionali di alcune famiglie di origine svizzera nella Lione del Seicento, l’articolo cerca di indagare la questione dell’inserimento dei mercanti forestieri nel contesto urbano, attraverso il succedersi delle generazioni. L’origine protestante delle famiglie studiate complica il gioco delle parti e costituisce un punto di partenza interessante per riflettere sulla natura e sui significati dei confini, così come sulla pertinenza di categorie quali quella relativa all’integrazione degli stranieri per studiare le identità urbane nel periodo considerato.

Haut de page

Texte intégral

1Sono vari i confini che si possono scavalcare, e molteplici sono i modi in cui lo si può fare. Prenderò qui in considerazione diversi tipi di frontiere : quelle geografiche e politiche, che separano Paesi e sovranità, leggi e consuetudini ; quelle « nazionali » e religiose, che dividono Paesi, spazi linguistici, ma attraversano anche una stessa città, costituendo minoranze e maggioranze in ambiti ristretti, e che anche per questo incidono in modo profondo sullo strutturarsi dei comportamenti individuali e familiari. L’attraversamento del confine può d’altro canto essere individuale o familiare, permanente o temporaneo, risultato di una scelta o di una costrizione per forza maggiore, può iscriversi in una strategia multi o bi polare, in configurazioni dalle dimensioni ridotte o (inter)continentali. E dall’altra parte della frontiera si può trovare un mondo nuovo oppure un mondo popolato da « parenti » – per legami familiari, nazionali, religiosi, o linguistici.

  • 1 Gascon 1971, I, p. 364.

2La varietà dei comportamenti che si riscontrano nell’attraversare i confini e nell’inserirsi in realtà più o meno nuove dipendono in parte dai contesti in cui ci si muove, in parte da scelte – più o meno consapevoli – destinate a perpetuare logiche e obiettivi non sempre uguali per tutti. Richard Gascon, per esempio, nel suo studio sulla vita economica lionese del Cinquecento, ha messo in luce l’ambiguità della posizione degli stranieri all’interno della città. Tesi tra forze opposte che li spingono, da un lato, ad iscriversi nella società locale essenzialmente per i vantaggi economici che se ne possono trarre, ma dall’altro ad appartenere a un mondo che fa di Lione semplicemente « un point dans une stratégie des affaires qui en comporte d’autres, un point que la conjoncture a longtemps favorisé et qu’elle peut un jour abandonner »1, i mercanti del Cinquecento sono, per Gascon, semplicemente ospiti della città.

3Ma dove sono a casa loro ? Che cosa rende un posto specifico casa loro ? E quando sono fuori casa – che è, in qualche modo, la loro condizione esistenziale – come si comportano ? Nel mondo cosmopolita e mobile in cui vivono, ha davvero un senso parlare di una sola casa, di un punto di partenza al quale per tutta la vita si tende a tornare ? Probabilmente la prospettiva da cui Gascon osservava e giudicava il livello d’integrazione nella città è invecchiata, soprattutto nei presupposti che vedevano nettamente un « dentro » e un « fuori » e immaginava l’integrazione come non solo una scelta definitiva, ma anche univoca.

  • 2 Fontaine 1993.
  • 3 Ibid., p. 47-48, in cui si fa più precisamente riferimento ai mercanti che operano ai margini della (...)
  • 4 Penso per esempio al caso di uno di loro, Tobie Delor (v. 1597-1679) che, pur manifestando un attac (...)

4Laurence Fontaine, nello studio dedicato ai colporteurs europei dell’età moderna, ha messo in luce alcune caratteristiche rilevanti relative ad un gruppo di mercanti originari delle zone alpine, ma con una vasta rete commerciale diffusa nell’ambito di diversi Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, per citarne solo alcuni)2. M’interessa qui rilevarne due in particolare : la fortissima endogamia e l’attaccamento al luogo di origine, che si manifesta sia con i frequenti ritorni – che costituiscono di fatto un indizio di una forma migratoria temporanea – che con i lasciti testamentari che si riferiscono sistematicamente a beni e persone che là ancora risiedono. Nei casi studiati dalla Fontaine, la mobilità sul territorio così come l’installazione nelle diverse città tra le quali si articola l’attività dei colporteurs, non incidono in modo drastico sul sentimento di appartenere a un luogo originario al quale questi mercanti fanno sistematicamente riferimento. Tale sentimento è naturalmente rinforzato anche dai matrimoni contratti con donne del paese, spesso già parenti, e dalle società commerciali costituite con fratelli, zii, cugini. La confessione protestante che accomuna questo gruppo, minoritaria, serve molto probabilmente a rinforzare ulteriormente il senso di appartenenza locale e familiare. A ogni generazione sembra dunque ripetersi un vecchio schema, che fa intenso riferimento a una parentela già consolidata dai molteplici intrecci. Dal punto di vista economico, è proprio questo stretto rapporto con il luogo di origine e con le parentele che, dice Fontaine, sembra permettere uno sfruttamento ottimale delle risorse variamente offerte dagli spazi mercantili frequentati, senza grandi costi di istallazione, che vengono limitati ad alcuni individui e non affrontati da tutti3. La famiglia – una famiglia ben allargata, però – è qui chiaramente l’unità decisionale e il nucleo solidale che protegge e dirige ognuno dei suoi membri, che ruotano tutti intorno a un luogo preciso che fa sentire tutti gli altri « stranieri ». Scarti, ce ne sono pochi. Tuttavia, se guardiamo questi stessi individui da un altro punto di vista, cioè non quello centrato sul paese di partenza, ma su uno dei punti in cui si articola la loro rete (nel caso presente Lione) vediamo anche questa situazione in un modo diverso, perché i loro rapporti con la città sono consolidati e stabili4. Il caso illustrato da Laurence Fontaine, così come le considerazioni di Gascon rappresentano dunque una possibilità, una strada particolare, non necessariamente una regola seguita da tutti. Lo spazio urbano – sociale, economico, politico – può accogliere in diversi modi, e può essere variamente investito da chi ci si trova.

  • 5 Il punto di osservazione è per il momento quasi esclusivamente lionese : certamente questo limita l (...)

5I casi che presenterò in questa sede riguardano alcune famiglie « straniere » provenienti dalla Svizzera nella loro diramazione lionese. Tali famiglie condividono tra loro una certa agiatezza economica – che in alcuni casi può chiaramente dirsi ricchezza – e una confessione religiosa comune – la religione riformata – anche se da alcuni abbandonata nel corso degli eventi5. Cercherò di vedere, a partire dall’osservazione delle loro costruzioni parentali e relazionali, in che modo queste famiglie articolano le risorse con cui sono arrivati in città e quelle nuove che la città offre loro ; e cercherò di interrogarmi sui modi in cui risorse e strategie si rinnovano nel succedersi delle generazioni e nel mutare dei contesti.

Zurigo

  • 6 Ecco un rapido schizzo biografico di Jacob Spon : « Il est né à Lyon le 13 janvier 1647. Après des (...)
  • 7 Archives Municipales de Lyon (AML), CC 0151 3, Fol. 219, Taxes perçues au nom du Roi (1571) : Mathi (...)

6La prima famiglia di cui mi occuperò è la famiglia Spon, conosciuta a Lione soprattutto grazie alla personalità di Jacob, un erudito e umanista influente tra le élites urbane nella seconda metà del Seicento, a dispetto della sua cocciuta appartenenza protestante6. La presenza lionese di questa famiglia è attestata dalla seconda metà del Cinquecento, con Mathieu Spon, un mercante originario di Zurigo che sembra, all’inizio del secolo successivo, ancora mantenere solidamente i piedi in due scarpe, quella svizzera e quella francese7.

Fig. 1 - La famiglia di Mathieu Spon e Claudine Bernard

Fig. 1 - La famiglia di Mathieu Spon e Claudine Bernard
  • 8 I registri di battesimo della comunità protestante di Lione cominciano alla fine del Cinquecento, m (...)

7I primi indizi della costruzione relazionale che possiamo seguire riguardano i battesimi dei figli di Mathieu di cui abbiamo notizia8 : lui e sua moglie alternano sapientemente membri dell’élite locale e mercanti stranieri ben inseriti nella città. La stessa logica guida la scelta dei congiunti dei figli, che sembra rivelare un triplo obiettivo : consolidare la presenza lionese, rinforzare i legami in seno alla nazione tedesca e aprire nuovi possibili fronti.

  • 9 Una delle sue figlie, Anne Connain, torna però a Lione, dove nel 1638 si accasa a sua volta con un (...)
  • 10 Sono probabilmente i soli matrimoni organizzati da Mathieu e da sua moglie. Il successivo di cui si (...)
  • 11 Va tenuto presente come vedremo che in tutte queste famiglie i vedovi mantengono relazioni che semb (...)

8La figlia Susanne va in sposa a un medico di Mâcon e lì si trasferisce9, mentre sua sorella Françoise sposa Jean-Martin Hertner-Clée, borghese di Zurigo e « négociant à Lyon », probabilmente un cugino, e non si muove dalla città10. Françoise ha il tempo di mettere al mondo quattro figlie prima di morire e lasciare il vedovo libero di tessere nuove alleanze sulla cui importanza ritornerò in seguito11.

  • 12 Archives Départementales du Rhône (ADR), 3 E 4787, not. Favard, contratto di matrimonio di Josias M (...)

9Tra il 1629 e il 1631, il figlio maggiore – anch’egli di nome Mathieu – che è anche tutore e curatore delle sorelle e dei fratelli più giovani – continua il lavoro del padre, riuscendo a organizzare tre unioni che consolidano la posizione della famiglia a Lione. Con il figlio di uno dei più importanti e benestanti tireurs d’or della città, Mathieu organizza il matrimonio della sorella Anne, che riceve una dote di 6.420 lire, a cui vanno aggiunte le 6.000 lire che il padre dello sposo fornisce al figlio, insieme all’emancipazione e agli utensili necessari ad avviarsi in proprio e affermarsi nella professione di marchand tireur d’or12.

  • 13 Jean Gras, padre di Clermonde, è detto « de Lyon » nell’atto di battesimo del suo secondo figlio na (...)
  • 14 Jacob Aceré aveva sposato nel 1625 una delle sorelle di Josias Marion, che muore pochi anni dopo il (...)

10Mathieu si occupa poi del proprio matrimonio con la figlia di un mercante di Lione, Clermonde Gras13. Qualche mese più tardi, è il turno di Marie, che sposa Jacob Aceré, un mercante-banchiere tedesco, ma istallato a Lione, molto più vecchio di lei, e vedovo di fresca data di Madelaine Marion14. Il matrimonio del fratello Jean-Louis viene celebrato a Lione nel 1636, ma Jean-Louis continua a risiedere a Zurigo, città di cui è detto borghese, e in cui lavora come corrispondente del fratello insieme ad altri parenti. L’ultimo matrimonio di cui siamo a conoscenza per questa generazione, è quello di Charles, il penultimo nato dei figli di Mathieu e Claudine. Charles, che probabilmente grazie alle alleanze tessute con i matrimoni precedenti delle sue sorelle, si era dedicato alla carriera medica, sposa nel 1636 la figlia di un mercante lionese, Marie Seignoret.

11Il radicamento lionese è dunque il fulcro della strategia adottata da Mathieu padre e seguita dai figli, in particolare dal maggiore che abbiamo visto incaricato della tutela dei fratelli e degli affari di famiglia. Tale radicamento si fa intrecciando relazioni sia con altri tedeschi, sia con lionesi da più generazioni, sia ancora estendendo le reti a famiglie a loro volta originarie di altre località. Insomma, non si sacrifica nulla, ma si allargano i circuiti, che sono una delle grandi risorse di cui gli « stranieri » dispongono, quando decidano di aprirli ad elementi esterni. In cambio di tali risorse relazionali, chi si lega a queste famiglie può accettare doti relativamente basse (come sembra sia il caso di Josias Marion e di Jacob Aceré) oppure pagare un prezzo consistente quando si danno le proprie figlie in sposa a tali famiglie (è il caso che vedremo delle ragazze Got).

  • 15 Si tratta di Bernardine Got. A lei e alla sorella, che sposa Etienne Seignoret nel 1680, il padre d (...)
  • 16 ADR, 3 E 7720B, notaio Rougeault, testamento di David Couvreur, 29/11/1686.
  • 17 Che il rapporto privilegiato con il mondo tedesco o svizzero sia nel cuore di Jean-Martin, mi pare (...)

12Queste caratteristiche permangono alla generazione successiva, arricchite da fronti parentali locali ormai potenti. Soltanto che gli uomini, a questo punto, praticamente spariscono. Al mondo tedesco e svizzero resta legato il ramo Spon-Hertner Clée. Nel 1644, la primogenita di Jean-Martin Hertner e di Françoise Spon sposa un mercante di Francoforte, che opera sulla piazza lionese. Dei due figli maschi di questa coppia che arriveranno all’età adulta, il primo s’installerà a Lione, sposando la figlia di un banchiere di Nîmes che si era trasferito a Lione probabilmente all’inizio degli anni ’50 lasciando il figlio maggiore nella città natale15 ; il secondo invece è aiutato dal padre a stabilirsi commercialmente a Francoforte16. Le figlie sposano dei mercanti, uno di Lione, l’altro di San Gallo, ma negoziante a Lione17 (cf. fig. 2).

Fig. 2 - Famiglia Spon-Hertner Clée (2a e 3a generazione)

Fig. 2 - Famiglia Spon-Hertner Clée (2a e 3a generazione)
  • 18 Alexandre Aceré è padrino di due bambini nel 1659 e nel 1660. Sono figli di operai setaioli, il che (...)

13Dei figli di Marie Spon e Jacob Aceré non sappiamo quasi nulla oltre al loro battesimo18 (cf. figura 3). S può pensare che la loro assenza dalle fonti lionesi corrisponda a un trasferimento. Il quadro che abbiamo davanti suggerisce proprio questa ipotesi, con le donne che restano e gli uomini che ripartono. Ma senza prove, è impossibile dirlo con certezza. I matrimoni che conosciamo delle femmine mostrano però il ruolo che le donne svolgono nei confronti delle famiglie di origine – quello di « fissare » la presenza in uno dei poli del commercio – ma anche quello che svolgono nei confronti dell’inserzione dei nuovi arrivati nelle reti cittadine. Le donne Aceré-Spon, ormai « lionesi », anche se sempre legate al mondo transalpino germanico, si sposano con altri stranieri : un mercante di Montpellier, uno di Ginevra, uno delle Cévennes che ottiene, due anni dopo il matrimonio, il titolo di abitante della città.

Fig. 3 - La famiglia Aceré-Spon (2a generazione lionese degli Spon)

Fig. 3 - La famiglia Aceré-Spon (2a generazione lionese degli Spon)

14L’orientamento verso il sud della Francia e verso i mercanti di qui originari si legge anche nella sola alleanza che conosciamo di un altro ramo della famiglia, quello che fa capo a Mathieu figlio e a sua moglie Clermonde Gras : la quarta figlia, Marie, sposa un mercante di Montpellier, come sua cugina qualche anno prima.

Fig. 4 - Famiglia Spon-Gras (2a generazione Spon a Lione)

Fig. 4 - Famiglia Spon-Gras (2a generazione Spon a Lione)
  • 19 Il matrimonio di Marie con Louis Dumont è celebrato nell’ottobre 1674, mentre quello di Anne con Da (...)
  • 20 Queste diverse « ondate migratorie » mercantili modellano anche il mondo protestante della città. D (...)
  • 21 Così si presenta nel testamento del 1659 (ADR, 3 E 2750, notaio Beneyton, 30 maggio 1659). Sappiamo (...)
  • 22 3.000 lire da dividersi tra tutti.
  • 23 ADR, 3 E 4076, notaio Delafaye, testamento di Marguerite Franc, 16 luglio 1671. Muore nel mese di a (...)
  • 24 ADR, 3 E 2750, notaio Beneyton, testamento di Mathieu Volff, 10 maggio 1659. L’ammontare dei lascit (...)
  • 25 Il maggiore, Pierre, si sposa probabilmente nel 1674 con una ragazza di cui non si sa nulla, Charlo (...)

15Un orientamento simile lo si può anche vedere nei matrimoni delle figlie di Charles Spon e di Marie Seignoret. La prima a maritarsi, nel 1671, sposa un mercante di Lione ; due sue sorelle sposano invece due fratelli, entrambi mercanti originari di Crest nel Delfinato19. Il vento ormai tira verso il sud, o piuttosto sposta forze nuove che dal Sud investono Lione20. Perché questa strategia funzioni, però, va sottolineato il fatto che le donne devono poter giocare un ruolo non marginale nella trasmissione dei patrimoni. Lo attestano le doti piuttosto alte, che non comportano, se non in rarissimi casi, l’esclusione successiva delle figlie dall’eredità dei genitori. Ed è anche per queste ragioni, credo, che le mogli sono quasi sempre scelte dai mariti come eredi universali e incaricate non solo della tutela dei figli minori, ma anche della ripartizione successiva dell’eredità. E delle volte si trovano a gestire problemi nati da una cattiva gestione patrimoniale dei mariti. Vorrei qui citare brevemente un caso. Mathieu Volff, un mercante tedesco che abita e lavora a Lione nella prima metà del Seicento21, ha comprato una tenuta di campagna nei pressi della città. Nel suo testamento redatto nel 1659, dichiara di volerla lasciare a « celui des enfans masles qui sera actuellement vivant dans cette ville », dando tuttavia ampi poteri alla moglie, in caso gli sopravviva, di designare a proprio piacimento « icelluy des enfans masles ou filles » che erediterà della tenuta. Per gli esclusi è però previsto un indennizzo in contanti22. Marguerite Franc, la vedova di Mathieu Volff, deve gestire, dopo la morte del marito, i beni di famiglia che, tra il testamento e la morte del marito, hanno subito una sensibile diminuzione. Alla morte del marito nel 1666 Marguerite è rimasta sola con 6 figli, di cui il maggiore ha 21 anni, e la più piccola soltanto un mese. Qualche anno più tardi si ammala e muore pochi giorni dopo aver fatto testamento23. Gli investimenti che il marito aveva fatto negli ultimi anni della sua vita non erano stati particolarmente azzeccati. Marguerite sembra rimproverargli l’ossessione per la tenuta di campagna. Le spese fatte per la manutenzione del fondo si sono mangiati gran parte delle risorse di Mathieu, e Marguerite si trova a dover gestire una situazione ben peggiore di quella che il marito pensava di lasciare nel 165924. È dunque costretta a diminuire sensibilmente i lasciti previsti dal marito, che saranno ormai riservati alle femmine e ammonteranno a 1.500 lire ciascuna, da pagarsi al momento del matrimonio o al compimento del venticinquesimo anno. Il resto è devoluto ai due figli maschi, in parti uguali, compresa la famosa tenuta che Marguerite consiglia al maggiore di vendere non appena raggiunta la maggiore età, dividendo i proventi con il fratello, e pagando le 3.000 lire previste dal testamento paterno agli altri figli, ma soltanto nel caso in cui il prezzo di vendita non sia inferiore alle 12.000 lire. E così faranno, rimettendo in parte in sesto le finanze della famiglia, cosa che permetterà loro di maritare una sorella e di accasarsi entrambi25.

San Gallo

  • 26 Il marito è probabilmente un maître tailleur de limes ; si tratta perciò di un matrimonio molto pro (...)

16All’inizio degli anni ’30 del Seicento è a Lione anche la famiglia di Antoine Locher, detto l’aîné, per distinguerlo dal nipote, Antoine Locher il giovane, anch’egli a Lione. Entrambi sono di San Gallo e sono mercanti, che godono di tutti i privilegi che la comunità dei sangallesi ha saputo negoziare nel tempo con il Consolato. I rapporti con il luogo d’origine e con le parentele sono particolarmente stretti, anche se vediamo nei matrimoni delle figlie un tentativo di allargare la rete e fissare un polo lionese. Il matrimonio di Anne Marie con un « bourgeois de Lyon » è a questo proposito tanto significativo quanto eccentrico26. Se le femmine si piazzano tutte a Lione, non abbiamo nessuna notizia del figlio Nathanaël, che sparisce dagli archivi lionesi : forse è tornato a San Gallo a curare gli interessi della famiglia come unico maschio della coppia.

Fig. 5 - Famiglia Locher-Ulrich-Sollicoffre

Fig. 5 - Famiglia Locher-Ulrich-Sollicoffre

17Della terza generazione di questo ramo della famiglia sappiamo soltanto quello che riguarda la discendenza di Hélène, la figlia maggiore andata in sposa a un altro borghese di San Gallo e mercante a Lione, Paul Sollicoffre. Le tre figlie di questa coppia sposano tutte e tre dei mercanti di San Gallo o tedeschi.

  • 27 Cf. ADR, 3 E 4075, notaio Delafaye, Testamento congiunto di Antoine Locher e Elisabeth Sollicoffre, (...)

18Il cuore batte invece decisamente a San Gallo per la coppia formata da Antoine Locher e Elisabeth Sollicoffre, entrambi originari di quella città, ma residenti a Lione27 (cf. fig. 6).

Fig. 6 - Famiglia Locher-Sollicoffre (parzialeA Lione la coppia battezza 12 figli, tra il 1645 e il 1664. Ho ripreso qui soltanto quelli ricordati nel testamento dei genitori del 1672, supponendo che gli altri siano morti prima, anche se non di tutti la data del decesso è conosciuta da altre fonti.)

Fig. 6 - Famiglia Locher-Sollicoffre (parzialeA Lione la coppia battezza 12 figli, tra il 1645 e il 1664. Ho ripreso qui soltanto quelli ricordati nel testamento dei genitori del 1672, supponendo che gli altri siano morti prima, anche se non di tutti la data del decesso è conosciuta da altre fonti.)

19Non è soltanto il tessuto delle loro relazioni a indicarcelo. Il testamento che la coppia redige congiuntamente a Lione nel febbraio del 1672 permette di vedere più da vicino come si immagina e si organizza la vita di una coppia divisa tra due poli.

  • 28 È questa anche un’indicazione della priorità delle appartenenze : quella protestante domina sulle a (...)
  • 29 Si tratta di un lascito sistematico che viene fatto nei testamenti protestanti : il cimitero riform (...)
  • 30 Naturalmente questo ci indica che la coppia molto probabilmente vive a San Gallo.
  • 31 Nel testamento, l’indicazione del luogo in cui è redatto si riferisce semplicemente al domicilio de (...)

20Le indicazioni che danno per la loro sepoltura indicano una discreta mobilità, dato che la coppia chiede di essere sepolta nel cimitero riformato più vicino al luogo in cui saranno al momento del decesso28. I soli lasciti che vengono stabiliti, sia dal marito che dalla moglie, riguardano però unicamente la chiesa riformata di Lione : Antoine lascia 300 lire agli anziani per la sovvenzione esplicita dei pastori, mentre Elisabeth ne promette 75. Entrambi lasciano una somma relativamente contenuta all’Hôtel Dieu29. La sola indicazione di immobili è quella che riguarda una casa a San Gallo, che Antoine aveva ereditato dal padre e che aveva dato alla figlia Marie-Elisabeth e al marito Henri Gonsebat al momento del loro matrimonio30. Non possiamo tuttavia escludere la presenza di altri immobili nel patrimonio complessivo di Antoine e di Elisabeth, che possono senz’altro essere inclusi in quel « résidu » que indica tutti i bene lasciati all’erede universale dopo la designazione dei beneficiari particolare. Di proprietà lionesi non c’è traccia, ma non possiamo affermare con certezza che non ce ne siano31.

21Come i mercanti del Delfinato studiati da Laurence Fontaine, anche Antoine vieta che venga fatto dei suoi beni un inventario ufficiale, e chiede che, in caso di conflitto tra gli eredi, siano convocati i parenti : un modo di vivere in una specie di isola al di sopra o al di fuori delle regole cittadine comuni, la cui accettazione viene fatta con sospetto. Del resto, la varietà di consuetudini che caratterizzano gli spazi in cui si muove la famiglia è ribadita anche in un altro punto del testamento, quando Antoine dice alla moglie che è « … dispensée de toute reddition de compte (relativa all’eredità) (et elle ne doit) prendre aucun conseil ou tuteur au cas qu’elle survive en ce pays ou qu’elle y fasse sa demeure, mais ou elle survivrait aud. St. Gall ou y allait demeurer en ce cas il entend qu’à cet égard elle subisse les coustumes de ce pays là et ayt à s’y conformer ». È forse questo il caso più esplicito che ho trovato tra le mie famiglie di una specie di doppia appartenenza che invece potrebbe caratterizzare molte delle famiglie mercantili che operano a Lione senza esserne originarie.

  • 32 Cf. ADR, 3 E 7740, notaio Rougeault, Testamento di Tobie Delor e Anne Berard, 28 dicembre 1658 : «  (...)

22I testamenti restituiscono a volte un quadro più sottile dei legami delle persone con i luoghi, per esempio attraverso i lasciti che sono indicati, in particolare quelli devoluti alle chiese. Ma sono pochi i testatori e ancor meno le testatrici che ricordano nei loro testamenti altre comunità oltre a quella lionese. È il caso naturalmente delle famiglie studiate da Laurence Fontaine, che restano legate non soltanto ai luoghi d’origine, ma si ricordano anche di altri luoghi in cui pezzi di famiglia sono installati32, ed è il caso di alcuni grandi mercanti svizzeri o tedeschi che fanno lasciti alle comunità di origine. La maggior parte dei testamenti che ho consultato, però, indicano soltanto la comunità lionese e l’Hotel Dieu come destinatarie dei lasciti di beneficenza.

23A dispetto del carattere implicitamente negativo che si può attribuire a questo elemento se si adotta una logica binaria di « dentro » o « fuori », « cittadino » o « straniero », vanno invece sottolineate le grandi potenzialità di questa posizione liminare, di frontiera. I Sangallesi – e non soltanto loro – sapranno per esempio sfruttarla dopo la revoca dell’editto di Nantes che proibisce il culto protestante ai regnicoli, ma che prevede esenzioni e privilegi per gli stranieri, facendo giocare in modo complementare le diverse identità di cui il loro stesso percorso li ha dotati.

24Ed è su questa caratteristica – l’uso delle diverse identità che caratterizzano il soggetto e i sistemi di regole e autorità che governano i luoghi – che vorrei orientare la presentazione di un terzo caso. Uscirò per questo dall’ambiente dei ricchi mercanti, per vedere più da vicino la storia piuttosto burrascosa di un mastro orafo ginevrino e delle sue tre figlie.

Ginevra

25Jean Balexert nasce nel 1578 a Ginevra, e si avvia alla carriera di orafo. Rimasto vedovo della prima moglie, se ne va a Lione con le sue tre figlie, Sara, Susanne et Andrée. Non si tratta di un trasferimento definitivo del nucleo familiare, perché per molti anni abbiamo notizie di membri della famiglia che si muovono con una certa continuità tra Ginevra e Lione. È a Lione però che il padre si risposa e che vengono organizzati i matrimoni di due delle sue figlie.

  • 33 Vedova di Pierre d’Acier, di cui però non si hanno altre notizie.
  • 34 Archives d’Etat de Genève (AEG), Registres du Consistoire, R 55, p. 210v.

26Jean sposa la figlia di un maître tireur d’or della città, Estiennette Gabet33. Non sappiamo quando, ma certamente prima del 1644 quando è citata come madrina al battesimo del figlio di Sara, una delle figlie di Jean che nel 1643 si era fidanzata con un orafo cittadino di Ginevra, François Gardelle. Costui è un poco di buono, sfuggito da Ginevra per aver messo incinta una domestica in casa del mastro presso il quale i due lavoravano. Uno zio di Sara abitante a Ginevra si era persino rivolto al Concistoro ginevrino per cercare di impedire il matrimonio di Gardelle e della nipote34, ma il Concistoro non gli aveva riconosciuto alcuna autorità sulla ragazza, e il matrimonio tra i due era stato celebrato a Lione nel successivo mese di luglio. L’unione sembra comunque funzionare per un po’, dato che la coppia battezza al tempio di Saint Romain 6 bambini, nati tra il 1644 e il 1656.

Fig. 7 - Famiglia Balexert-Gabet

Fig. 7 - Famiglia Balexert-Gabet
  • 35 Vive alla « côte », sulle pendici della collina della Croix-Rousse.

27Nel dicembre del 1647, Andrée si sposa con il figlio di un mastro orologiaio, che diventerà anche lui mastro dello stesso mestiere. Vincent Perissel è in realtà il nipote di Estiennette, la « matrigna » di Andrée, figlio di una sua sorella. Vincent e Andrée mettono anche loro al mondo diversi figli. Abbiamo infatti traccia di sette battesimi tra il 1648 e il 1659. Nelle relazioni che vengono evidenziate dai battesimi dei bambini nati da queste due unioni, si nota l’importanza direi centrale della famiglia stretta e del ramo acquisito attraverso il secondo matrimonio del padre e poi di Andrée con i Perissel. Mentre le vite di Andrée e di sua sorella Sara si svolgono sostanzialmente a Lione, il padre Jean, la nuova moglie e la figlia Susanne tornano a Ginevra, dove li rincontriamo nel 1649. Il 22 febbraio di quell’anno, infatti, Susanne Balexert si presenta accompagnata da Estiennette Gabet davanti al concistoro di Ginevra per dirimere un conflitto sorto con Pierre Garnier, presente anche lui di fronte al concistoro accompagnato dalla madre. Pierre aveva infatti promesso di sposare Susanne, e la famiglia di Susanne aveva patteggiato la dote della figlia, poi, sembra, ritirata. I promessi sposi hanno in questo caso ben poca voglia di sposarsi, ma il concistoro decide altrimenti e ingiunge loro di redigere un contratto di matrimonio e di convolare a (in)giuste nozze. È quel che fanno. E pochi mesi dopo si ritrovano nuovamente di fronte al concistoro che il 26 luglio, informato del fatto che la coppia stava litigando, e che Susanne era tornata dai genitori, decide di riconvocarla per convincerla a rimettersi col marito. Probabilmente ci riesce, visto che il 4 ottobre il loro caso viene di nuovo presentato di fronte agli anziani, perché Susanne è tornata di nuovo dai genitori dichiarando che il marito la picchiava. Questa volta si passa alle denunce scritte. Piovono insulti. Pierre se la prende con Susanne, con la matrigna di costei e con altre donne amiche di famiglia, dichiarandole tutte puttane. Il concistoro persiste, e ingiunge alla coppia di riunirsi. Niente da fare : i conflitti sono pubblici, e il concistoro non può ignorarli, ma più che tentare di pacificare la coppia in realtà non può fare. Sembra riuscirci alla fine di maggio del 1650. Per circa dieci anni, a Ginevra non ci si occupa più del loro caso. In realtà, i due se ne sono andati dalla città. Nel 1657 troviamo Susanne con una figlia a Lione. Susanne e la figlia vivono con Jean – il padre di Susanne – anche lui trasferitosi nel frattempo in questa città35. Di Pierre si hanno per diversi anni soltanto notizie indirette, che lo dicono a Torino prima, poi a Montélimard.

  • 36 Una loro conversione non può però essere completamente esclusa. Sulla conversione protestante a Lio (...)

28Le notizie lionesi di Susanne le abbiamo attraverso i registri della Compagnie pour la Propagation de la Foi : nell’aprile del 1657 Susanne ha infatti abiurato la religione riformata e si è fatta cattolica, ricevendo in tal modo le sovvenzioni promesse e pagate dalla compagnia ai nuovi cattolici. Nel 1661 Pierre è a Lione, ma fa nuovamente appello al concistoro ginevrino perché vuole riprendersi la moglie, nel frattempo scappata di nuovo a Ginevra, dove il 10 ottobre si era presentata di fronte al concistoro per « recognoistre sa faute d’avoir abjuré la religion a lyon… demandant pardon a dieu et a l’esglise ». Dice che sono stati i genitori, papisti, a forzarla all’abiura, approfittando « de la misere en laquelle elle estoit reduite et abandonée avec un enfant de son mari ». Si tratta probabilmente di una frottola, dato che non ci sono tracce del papismo e/o della conversione dei genitori36. Ma a questo punto, le informazioni si confondono con le dicerie, e non è facile stabilire la verità dei fatti. Si dice per esempio che sia stata a Montpellier e che là frequenti le due chiese… Chissà. Però è vero che ormai Susanne fa una specie di doppia vita, usando tanto gli aiuti per i nuovi convertiti di Lione, che facendo ricorso al concistoro di Ginevra per ottenere il divorzio – oltreché il perdono. Nel marzo del 1662 dichiara al concistoro di non aver parlato con il marito da ben 6 anni. Pierre fa sapere da Montélimard che di divorzio non vuole sentire parlare, ma chiede anche che venga aperta una specie di inchiesta sulla moglie, che è ripartita per Lione. Pierre la suppone di facili costumi, come al solito. Noi la sappiamo nel 1671 a servizio con la figlia che nel frattempo ha abiurato anche lei nel marzo del 1668. La fonte di questa informazione è la Compagnie pour la Propagation de la Foi che le ha trovato il posto. Il 22 maggio del 1672 gli anziani di Lione trasmettono al concistoro di Ginevra una lettera in cui si afferma che « la Balexert » aveva vissuto circa due anni more uxorio con un operaio cattolico, rivolgendosi persino a un prete per sposarsi.

29Questione di punti di vista… È probabilmente questo che decide il concistoro di Ginevra di accogliere la richiesta di Pierre, arrivata nel settembre del 1672, di poter divorziare da Susanne per potersi risposare. Il matrimonio è sciolto nel maggio del 1673.

  • 37 Forse anche prima e dopo, ma i registri degli aiuti ai poveri sono frammentari.
  • 38 Nel 1677, quando la Compagnie pour la propagation de la foi paga l’orafo Carret per l’apprendistato (...)
  • 39 Va ricordato anche il padre di Vincent che, rimasto vedovo, si ritira a Annonay dove è ospitato e a (...)

30Ho raccontato i dettagli di questa storia perché mi pare indicativa dello scavalcare i confini, dei vantaggi di questa posizione – che se non altro permettono a una moglie in fuga di ricevere aiuto – e degli usi che di questa doppia appartenenza vengono consapevolmente fatti. Ce ne sono altri nella famiglia Balexert, che seguono un po’ lo stesso schema, per quanto si può vedere da una documentazione più ridotta. Andrée, la sorella di Susanne, si era trovata in grandi difficoltà economiche negli anni ’60. Lei, suo marito e i suoi figli avevano ricevuto tra il 1664 e il 1665 aiuti economici da parte della chiesa riformata di Lione37, e il marito a un certo punto era partito a cercar lavoro altrove (lo si dice a Genova). Nel 1668 Andrée abiura anche lei con tre figli. In cambio della conversione, oltre agli aiuti diretti dati ad Andrée, la Compagnie pour la Propagation de la Foi paga quasi immediatamente a uno dei figli il viaggio per andare a trovare il padre a Genova e, 9 anni dopo, pagherà l’apprendistato all’altro figlio maschio che si era convertito nel 166838. Lei però non torna mai a Ginevra : la sua personale installazione a Lione è più solida di quella della sorella, ed è a Lione, in seno alla chiesa protestante, che cerca protezione nei primi momenti di difficoltà. In questo approfitta dell’inserimento nella comunità locale della famiglia del marito, che riceve aiuti sistematici dall’organizzazione assistenziale dei riformati39. Soltanto quando non ce la fanno più, Vincent parte per cercare lavoro altrove, e Andrée si avvicina alla scelta della sorella, seguendola insieme a tre figli. Queste donne scavalcano ripetutamente e doppiamente i confini : degli stati, delle confessioni religiose, avanti, indietro, dotandosi nel percorso di risorse identitarie ed economiche supplementari che permettono loro di far fronte a congiunture dell’esistenza difficili. Altri/e cercano invece identità esclusive, abbandonando la vecchia e abbracciando senza troppe reticenze la nuova. È il caso per esempio di Barbe Hirth che, nata a Lione da genitori di Zurigo, a circa 20 anni francesizza il suo nome e diventa Berger. Suo fratello Félix, invece, resta Hirth.

31Gli esempi che ho presentato sono caratterizzati da una particolarità che non possiamo dimenticare : in Francia essi sono parte di una minoranza religiosa che, per quanto abbia un’esistenza legale e sia integrata nel sistema di privilegi associati all’appartenenza professionale e « nazionale » – penso qui per esempio ai privilegi legati alle fiere e a quelli dei sangallesi a Lione – vive in una situazione specifica all’interno della città. Le strategie familiari sono necessariamente viziate da questo elemento : la scelta del coniuge per esempio deve fare i conti con la relativa ristrettezza del mercato matrimoniale locale e inventarsi modi per articolare relazioni sociali che si estendono su spazi allargati. Più ci si inoltra nel secolo, più la minaccia delle persecuzioni si fa viva, soprattutto a partire dagli anni 1660, per poi culminare con la revoca dell’editto di Nantes che sconvolge l’organizzazione protestante lionese – e più generalmente francese. In questa congiuntura particolare, riescono a cavarsela meglio quelli che hanno giocato su più tavoli, che hanno saputo tenere aperti diversi fronti articolando solide relazioni in più città. Va anche ricordato che, se mi sono occupata di protestanti in una città cattolica, questa città confina però con territori in cui la confessione maggioritaria e ufficiale è quella riformata. Questa situazione, estrema per certi versi, costituisce una prova ulteriore della labilità dei confini, siano essi territoriali, politici o religiosi, che le persone scavalcano con grande facilità. Ma altera anche il gioco delle appartenenze, in modi però spesso molto diversi tra loro. A Lione, nel Seicento, non si è « soltanto » cittadini o stranieri, ma si è anche protestanti o cattolici ; queste identità si mescolano, si confondono, si agiscono in funzione anche di congiunture mutevoli, ma impongono a noi che le guardiamo secoli dopo, in una situazione in cui le identità nazionali, territoriali, culturali, sono sempre più confuse e miste, ma sempre più rivendicate come esclusive, di riflettere sul passato con categorie più raffinate e più capaci di rendere conto di una realtà più fluida di quanto non abbia permesso una percezione segnata dal « dentro » o « fuori ».

Haut de page

Bibliographie

Fontaine 1993 = L. Fontaine, Histoire du colportage en Europe, 15ème-19ème siècles, Parigi, 1993.

Gascon 1971 = R. Gascon, Grand commerce et vie urbaine à Lyon au XVIe siècle. Lyon et ses marchands (environs de 1520 - environs de 1580), Parigi, 1971.

Martin 1986 = O. Martin, La conversion protestante à Lyon (1659-1687), Ginevra, 1986.

Royon 2004 = C. Royon (a cura di), Lyon, l’humaniste. Depuis toujours, ville de foi et de révoltes, Parigi, 2004.

Haut de page

Notes

1 Gascon 1971, I, p. 364.

2 Fontaine 1993.

3 Ibid., p. 47-48, in cui si fa più precisamente riferimento ai mercanti che operano ai margini della legalità.

4 Penso per esempio al caso di uno di loro, Tobie Delor (v. 1597-1679) che, pur manifestando un attaccamento radicale alla famiglia e alle origini, s’inserisce in modo profondo a Lione, nella comunità riformata, diventandone uno degli anziani più importanti, oltre che borghese della città.

5 Il punto di osservazione è per il momento quasi esclusivamente lionese : certamente questo limita le conclusioni ad un insieme di affermazioni dal carattere ipotetico che andranno successivamente verificate con i materiali raccolti negli altri luoghi frequentati dalle famiglie in questione. Tuttavia, gli archivi lionesi permettono di ricostruire alcuni elementi essenziali relativi ai modi di inserimento nel contesto cittadino che ci permettono di capire, mi pare, alcuni meccanismi di fondo, oltre a constatarne la diversità. La ricchezza degli archivi di Ginevra che ho potuto constatare per quanto riguarda alcuni dei soggetti « lionesi » – d’origine o di importazione – non può che farmi rimpiangere la ristrettezza del punto di vista che sono qui obbligata a seguire.

6 Ecco un rapido schizzo biografico di Jacob Spon : « Il est né à Lyon le 13 janvier 1647. Après des études à Strasbourg, à Paris, et à Montpellier, il devient médecin comme son père Charles ; il est agrégé au collège de médecine en 1668. Il voyage beaucoup : en Allemagne, aux Provinces-Unies, à Paris, en Grèce… il est au centre de tout un réseau lyonnais (les protestants Dufour, Moze, aussi bien que le père jésuite de la Chaize, ou l’abbé Moreri) ou étrangers à la ville (l’abbé Nicaise à Dijon, les érudits Du Cange, Ménage, l’abbé Huet, Bossuet, …) : il échange avec eux des renseignements, des documents, leur demande ou leur rend des services. […] », in Royon 2004, p. 86.

7 Archives Municipales de Lyon (AML), CC 0151 3, Fol. 219, Taxes perçues au nom du Roi (1571) : Mathieu Spon, marchand allemand, taxé à 3 livres pour deux maisons sises, l’une au port Saint-Joyre, l’autre au pennon Teste.

8 I registri di battesimo della comunità protestante di Lione cominciano alla fine del Cinquecento, ma fino agli inizi del secolo successivo sono frammentari e presentano molte lacune. Per quanto riguarda i figli di Mathieu Spon e Claudine Bernard, abbiamo indicazioni a partire dal 1601. I registri sono ormai consultabili in linea sul sito degli archivi municipali di Lione : http://www.archives-lyon.fr/archives/sections/fr/archives_en_ligne.

9 Una delle sue figlie, Anne Connain, torna però a Lione, dove nel 1638 si accasa a sua volta con un mercante originario di Saint Etienne, ma operante a Lione, dove la coppia risiede e dove Anne muore ormai vedova, nel 1667. Il legame con la città è tutt’altro che rotto.

10 Sono probabilmente i soli matrimoni organizzati da Mathieu e da sua moglie. Il successivo di cui siamo a conoscenza, quello di Anne con Josias Marion, è celebrato quando ormai i due coniugi sono morti. Il tutore delle sue sorelle è Mathieu Spon il giovane, dalla cui autorità Anne dipende al momento di stipulare il contratto di matrimonio.

11 Va tenuto presente come vedremo che in tutte queste famiglie i vedovi mantengono relazioni che sembrano molto strette con la famiglia della moglie deceduta, anche quando si sposano di nuovo. La vedovanza è da questo punto di vista una vera opportunità, soprattutto per la famiglia della defunta.

12 Archives Départementales du Rhône (ADR), 3 E 4787, not. Favard, contratto di matrimonio di Josias Marion e Anne Spon, 08/09/1629. La dote di Anne è composta dell’eredità che le spetta del padre e della madre (4 500 lire), di un lascito della zia di 1 500 lire e di gioielli stimati a 420 lire. Il fratello aggiunge il vestito, il letto e un « caisson de toilette et linge » di un valore imprecisato.

13 Jean Gras, padre di Clermonde, è detto « de Lyon » nell’atto di battesimo del suo secondo figlio nato nel 1597. Il testamento di Jean del 1639 (ADR, B, Testaments ouverts, 15 avril 1639) permette una valutazione approssimativa dei beni della famiglia. Jean possiede tre proprietà fondiarie dotate di diritti signorili e censi che lascia ai suoi tre figli maschi ; ha inoltre due case e mezza a Lione – una « petite maison et jardin […] près de la place des Terreaux », una « moitié d’une maison indivise avec les héritiers de Claude Rambaud » e una « maison d’habitation […] près de la place du plâtre » che lascia in usufrutto alla moglie, stimata 3 000 lire – oltre ad una casa a Ginevra che lascia a suo figlio Jacques. Alla figlia Clermonde, il padre fa un lascito di 300 lire. Eredi universali sono nominati i tre figli maschi.

14 Jacob Aceré aveva sposato nel 1625 una delle sorelle di Josias Marion, che muore pochi anni dopo il matrimonio. Marie riceve in dote un po’ di più di sua sorella (6 970 lire in tutto), in parte dell’eredità dei genitori (4 800 lire) e in parte dai lasciti di una zia. Ma mi pare che la differenza sia stata compensata dal fratello che dà a Anne un corredo che non figura nel contratto di Marie. Jacob Aceré dà a sua moglie 1 000 lire di cui può disporre subito come meglio crede, cf. ADR, 3 E 4780, notaio Favard, contratto di matrimonio tra Jacob Aceré e Marie Spon, 1/11/1631.

15 Si tratta di Bernardine Got. A lei e alla sorella, che sposa Etienne Seignoret nel 1680, il padre dà una dote di 40.000 lire : si tratta della somma più alta che ho trovato nelle doti protestanti lionesi di questo periodo.

16 ADR, 3 E 7720B, notaio Rougeault, testamento di David Couvreur, 29/11/1686.

17 Che il rapporto privilegiato con il mondo tedesco o svizzero sia nel cuore di Jean-Martin, mi pare dimostrato anche dagli altri tre matrimoni dei figli avuti con Susanne Dumont che si celebrano quando lui è ancora in vita. La primogenita sposa un altro mercante di Francoforte, residente a Lione (Jean-Jacob Ployart), la seconda sorella un mercante di Ginevra (Jean-Louis Calandrini) e la terza un mercante di San Gallo (Jacques Keller, vedovo di Françoise Favin). I maschi, che si sposano dopo la sua morte, scelgono invece delle lionesi.

18 Alexandre Aceré è padrino di due bambini nel 1659 e nel 1660. Sono figli di operai setaioli, il che fa pensare che Alexandre risieda in città. Ma non sappiamo altro. Degli altri figli maschi, nessuna traccia. Forse il primo, Jacob, è deceduto prima della nascita del secondo, ma il fatto che un altro bambino porti lo stesso nome non è una prova definitiva della morte del precedente.

19 Il matrimonio di Marie con Louis Dumont è celebrato nell’ottobre 1674, mentre quello di Anne con Daniel Dumont, è negoziato nel settembre dell’anno successivo. Occorre tenere presente che una Susanne Dumont, forse parente di questi due ragazzi, aveva sposato in seconde nozze il vedovo di una sorella di Charles Spon, padre di Marie e Anne.

20 Queste diverse « ondate migratorie » mercantili modellano anche il mondo protestante della città. Due conflitti maggiori interni alla comunità riformata hanno lasciato traccia negli archivi lionesi. Il primo, che si sviluppa negli anni ’50 del Seicento a partire da una storia abbastanza banale relativa allo stipendio di uno dei giovani pastori che era succeduto al padre, mette a confronto un concistoro essenzialmente « francese » e un’opposizione che si articola intorno ad alcuni esponenti del « nuovo » mondo tedesco (e svizzero-tedesco), esclusi di fatto dai vertici della Chiesa. Vent’anni dopo, la frontiera conflittuale si è spostata, e sono giovani recentemente arrivati soprattutto dal Sud della Francia che premono per ottenere riconoscimento politico, litigando soprattutto con i tedeschi della generazione precedente che nel frattempo erano diventati gli elementi portanti della comunità.

21 Così si presenta nel testamento del 1659 (ADR, 3 E 2750, notaio Beneyton, 30 maggio 1659). Sappiamo che si sposa a Lione nel 1644 : deve dunque risiedere in città da una quindicina di anni.

22 3.000 lire da dividersi tra tutti.

23 ADR, 3 E 4076, notaio Delafaye, testamento di Marguerite Franc, 16 luglio 1671. Muore nel mese di agosto.

24 ADR, 3 E 2750, notaio Beneyton, testamento di Mathieu Volff, 10 maggio 1659. L’ammontare dei lasciti che vengono quantificati è di 34.000 lire.

25 Il maggiore, Pierre, si sposa probabilmente nel 1674 con una ragazza di cui non si sa nulla, Charlotte de Fourneaux, che non compare nei registri riformati lionesi prima del battesimo della figlia, nata nel marzo del 1675. Nel gennaio del 1676 è il turno di Susanne, dotata dai fratelli grazie alla vendita della tenuta e alla morte di un’altra sorella che le permette di rinforzare la dote. Sei mesi più tardi si sposa anche l’altro figlio, Jean, con la figlia di un marchand drapier, che le darà in dote 6.000 lire.

26 Il marito è probabilmente un maître tailleur de limes ; si tratta perciò di un matrimonio molto probabilmente esogamico, ma interessante dal punto di vista dei benefici che se ne possono trarre.

27 Cf. ADR, 3 E 4075, notaio Delafaye, Testamento congiunto di Antoine Locher e Elisabeth Sollicoffre, 16/02/1672.

28 È questa anche un’indicazione della priorità delle appartenenze : quella protestante domina sulle altre.

29 Si tratta di un lascito sistematico che viene fatto nei testamenti protestanti : il cimitero riformato è infatti all’interno della cinta dell’Hôtel Dieu, e l’autorizzazione alla sepoltura deve essere data dai rettori. È quindi costume di lasciare una somma di denaro in beneficenza a questo istituto.

30 Naturalmente questo ci indica che la coppia molto probabilmente vive a San Gallo.

31 Nel testamento, l’indicazione del luogo in cui è redatto si riferisce semplicemente al domicilio della coppia, in « rue longue, où pend l’enseigne de la Croix d’or ». Non sono certa che questo significhi assenza di proprietà, ma tendo a pensarlo.

32 Cf. ADR, 3 E 7740, notaio Rougeault, Testamento di Tobie Delor e Anne Berard, 28 dicembre 1658 : « […] Item ledit sieur Delor testateur donne et legue aux esglises de Lyon et à celle de Mizoen en Dauphiné faisant profession de la relligion pretendue reformée a chacune la somme de deux cents livres payables par les heritiers ou heritières entre les mains des pasteurs et aux sieurs du consistoire d’icelles dans l’an appres son deces pour estre administré a la necessité des pauvres […]. Item donne et legue a l’esglise pretendue reformée d’Arnay le Duc la somme de septante livres et a celle de Conches la somme de quarante livres qui seront payées par ses heritiers comme dessus. Item donne et legue a l’esglise pretendue reformée de Mizoen la somme de quatre cents livres pour faire fond pour l’entretien du saint ministaire en lad. esglise payables entre les mains du pasteur et des anciens de ladite esglise dans l’ans appres son deceds […] et ou l’exercice de ladite religion seroit interrompu aud. lieu de Mizoen que dieu ne veuille il veult et ordonne que led. quatrecents livres soient employé pour l’entretien du ministre du lieu plus proche ou se fera led. exercice est […] ». Questo però è davvero un testamento eccezionale, dal punto di vista dei lasciti, che possiamo anche spiegare con il particolare attaccamento di Tobie alla sua chiesa.

33 Vedova di Pierre d’Acier, di cui però non si hanno altre notizie.

34 Archives d’Etat de Genève (AEG), Registres du Consistoire, R 55, p. 210v.

35 Vive alla « côte », sulle pendici della collina della Croix-Rousse.

36 Una loro conversione non può però essere completamente esclusa. Sulla conversione protestante a Lione nella seconda metà del Seicento, cf. Martin, 1986.

37 Forse anche prima e dopo, ma i registri degli aiuti ai poveri sono frammentari.

38 Nel 1677, quando la Compagnie pour la propagation de la foi paga l’orafo Carret per l’apprendistato di Vincent, questi ha 20 anni.

39 Va ricordato anche il padre di Vincent che, rimasto vedovo, si ritira a Annonay dove è ospitato e assistito in una specie di foresteria protestante.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - La famiglia di Mathieu Spon e Claudine Bernard
Titre Fig. 2 - Famiglia Spon-Hertner Clée (2a e 3a generazione)
Titre Fig. 3 - La famiglia Aceré-Spon (2a generazione lionese degli Spon)
Titre Fig. 4 - Famiglia Spon-Gras (2a generazione Spon a Lione)
Titre Fig. 5 - Famiglia Locher-Ulrich-Sollicoffre
Titre Fig. 6 - Famiglia Locher-Sollicoffre (parzialeA Lione la coppia battezza 12 figli, tra il 1645 e il 1664. Ho ripreso qui soltanto quelli ricordati nel testamento dei genitori del 1672, supponendo che gli altri siano morti prima, anche se non di tutti la data del decesso è conosciuta da altre fonti.)
Titre Fig. 7 - Famiglia Balexert-Gabet
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Monica Martinat, « Famiglie tra le Alpi. Itinerari di alcune famiglie mercantili tra Svizzera e Francia (XVII-XVIII secolo) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 125-1 | 2013, mis en ligne le 19 septembre 2013, consulté le 25 juin 2017. URL : http://mefrim.revues.org/1031 ; DOI : 10.4000/mefrim.1031

Haut de page

Auteur

Monica Martinat

Université de Lyon 2, Laboratoire de Recherche Historique Rhône-Alpes (LARHRA) - mmartinat63@gmail.com

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org